Chrome: machine learning per bloccare il phishing

Chrome: machine learning per bloccare il phishing

Google sfrutta il machine learning per individuare i siti di phishing e bloccare le notifiche più fastidiose (usate anche per distribuire malware).
Google sfrutta il machine learning per individuare i siti di phishing e bloccare le notifiche più fastidiose (usate anche per distribuire malware).

Google ha annunciato un’interessante novità in Chrome 102 che permette di bloccare il phishing e le notifiche più fastidiose, grazie all’uso del machine learning. Il browser dell’azienda di Mountain View garantisce quindi una navigazione più sicura. È comunque consigliata l’installazione di una soluzione più completa che può rilevare e bloccare ogni tipo di minaccia. Tra le più efficaci c’è McAfee Total Protection.

Migliora la protezione contro il phishing

Google sfrutta il machine learning per filtrare lo spam su Gmail, mantenere aggiornate le mappe e visualizzare risultati delle ricerche più rilevanti. La tecnologia viene usata anche in Chrome per la descrizione delle immagini e i sottotitoli in tempo reale per i video. Ora serve anche per migliorare la sicurezza.

Grazie al nuovo modello di machine learning, la funzionalità Safe Browsing può identificare siti di phishing con una accuratezza fino a 2,5 volte superiore. A partire da Chrome 102, il machine learning serve anche per bloccare la notifiche più fastidiose. Il browser rileva le notifiche alle quali l’utente negherà il permesso, in base alle precedenti interazioni. Le notifiche possono essere utilizzate dai cybercriminali per invitare al download di file infetti.

In una futura versione del browser, il machine learning verrà utilizzato per cambiare la barra degli strumenti in tempo reale. L’utente vedrà diversi pulsanti in base alle sue abitudini e in determinati momenti del giorno. Ovviamente sarà necessario fornire alcuni dati per avere un’esperienza personalizzata, ma la funzionalità potrà essere disattiva.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Google
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 10 giu 2022
Link copiato negli appunti