Cina, timida apertura alle console

Si avvicina il ritiro del bando sulla produzione e vendita degli apparecchi videoludici nell'area asiatica. A patto che vengano distribuiti in una zona di libero commercio e con l'autorizzazione del governo

Roma – Atteso da circa 13 anni, il ritiro del bando cinese sulle attività di produzione e vendita delle console videoludiche è ormai prossimo all’ufficialità . Il governo di Pechino è seriamente intenzionato ad aprire una zona di libero commercio nell’area di Shanghai , con la benedizione del premier Li Keqiang e l’obiettivo di aprire il mercato e la valuta asiatica al resto del mondo.

Dopo aver garantito un certificato di qualità relativo agli standard di sicurezza del modello PlayStation 3 di Sony, le autorità cinesi dovrebbero così aprire il mercato interno per la distribuzione autorizzata in ambito hardware. Ai colossi dell’industria verranno però imposte alcune condizioni , a partire da una limitazione delle stesse attività di produzione e vendita all’interno della sola area libera di Shanghai .

In sostanza, le console vendute da Nintendo o Microsoft dovranno comunque subire un processo di revisione e autorizzazione da parte del governo asiatico.

I vari titoli immessi sul mercato interno dovranno risultare conformi alle regole imposte dal ministero della Cultura , soprattutto per quelli contenenti scene di violenza e sesso che potrebbero disturbare lo sviluppo delle giovani generazioni. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • qualcuno scrive:
    Non solo per tizen
    Visto che tizen deriva da meego e che jolla usa meego con interfaccia sailfish immagino che le app fatte per un sistema si possano funzionare pure per l'altro.
  • prova123 scrive:
    La categoria principe ...
    sarà quella dei giochi ... Adesso chiamiamo giochi quelle ridicole applicazioni che a fine anni 80 erano considerate inguardabili e ora vengono riproposte come gioielli, ma andate meglio alla bocciofila almeno li socializzate ed è anche più divertente.
  • iRoby scrive:
    Paura di Android
    Questa è paura di Android.Ma nello stesso tempo, il segnale che con un po' di inventiva e iniezione di capitali, qui c'è spazio per tutti...Il quasi monopolio di Android non è fraudolento, ma meritato, grazie alla sua apertura. E Google esperta lo cavalca per bene con il suo appstore, la pubblicità il rastrellamento di dati mirati alla profilazione per l'advertising ecc.FirefoxOS c'è.Presto ci sarà anche Ubuntu Mobile.iOS si tiene la sua nicchia di appassionati e spendaccioni.Ma già adesso e tra qualche anno ancora di più, il vero protagonista di queste guerre sarà solo lui il Web con i suoi contenuti, e soprattutto gli Standard quelli veri!Se solo penso a cosa voleva fare Micro$oft con il suo Internet Explorer negli anni '90... Che voleva trasformare Internet nel suo orticello privato e obbligare qualsiasi cittadino del mondo ad avere un sistema Windows per poter vivere il Web.
    • Etype scrive:
      Re: Paura di Android
      - Scritto da: iRoby
      Ma nello stesso tempo, il segnale che con un po'
      di inventiva e iniezione di capitali, qui c'è
      spazio per
      tutti...Questa è una buona cosa,più concorrenza= + scelta.
      FirefoxOS c'è.^_^
      Presto ci sarà anche Ubuntu Mobile.Son curioso d'installarlo per vedere com'è ...
      iOS si tiene la sua nicchia di appassionati e
      spendaccioni.stendiamo un velo peloso...
      Ma già adesso e tra qualche anno ancora di più,
      il vero protagonista di queste guerre sarà solo
      lui il Web con i suoi contenuti, e soprattutto
      gli Standard quelli
      veri!Si ma francamente preferivo il web dei primi anni del 2000,oggi è una cosa mostruosa,pagine piene zeppe di pubblicità in flash o con script pesanti da impallare in certe occasioni persino un desktop.Meglio un web leggero che uno super pachiderma,lento e pesante.
      Se solo penso a cosa voleva fare Micro$oft con il
      suo Internet Explorer negli anni '90... Che
      voleva trasformare Internet nel suo orticello
      privato e obbligare qualsiasi cittadino del mondo
      ad avere un sistema Windows per poter vivere il
      Web.Una delle cose che mi dispiace di quel periodo è stato il crollo di Netscape a favore di Explorer
      :(La Ms ha sempre giocato tra il confine legalità/illegalità,spesso con il benestare di chi doveva controllare,gli interessi sono sempre stati forti per delle contromisure serie.
Chiudi i commenti