Cisco, via ai licenziamenti

Il colosso ICT di San Jose ha predisposto il piano licenziamenti annunciato. Si prevede il taglio di 6500 unità lavorative e il trasferimento di altri 5000 lavoratori occupati nello stabilimento messicano ceduto a Foxconn

Roma – Qualche mese fa il CEO John Chambers aveva annunciato il sopraggiungere di un mutamento di strategia per Cisco. Un cambiamento di dimensioni importanti per gli asset aziendali, che avrebbe potuto riguardare la dismissione di settori in perdita, il licenziamento di una parte dei dipendenti e altro ancora. E l’ora dei tagli è arrivata dopo che la multinazionale del networking ha annunciato che licenzierà circa 6500 lavoratori impiegati nelle diverse sedi sparse in tutto il mondo.

La decisione rientra nel piano di ridimensionamento dei costi che ha come obiettivo il risparmio di un miliardo di dollari in un anno. Una parte delle unità lavorative (2100) coinvolte nei tagli avrebbe deciso di rientrare nel programma di pensionamento anticipato . Inoltre, l’azienda ha comunicato che i licenziamenti coinvolgeranno anche una parte del personale (15 per cento) inquadrato nella fascia dei quadri e manager . Il piano licenziamenti così predisposto porterà alla riduzione del 9 per cento sul totale della forza lavoro occupata full-time .

Inoltre, secondo il comunicato emesso dalla stessa azienda, 5mila lavoratori saranno trasferiti negli stabilimenti del Foxconn Technology Group per effetto della vendita dell’impianto produttore di decoder localizzato nella città messicana di Juarez. Tale cessione non prevede nessun licenziamento: i lavoratori prenderanno servizio presso Foxconn nel primo trimestre dell’anno fiscale 2012. Il colosso di San Jose spiega che la strategia sottesa a una simile decisione mira non solo a procurare profitti, ma anche a semplificare le operazioni di mercato.

“Dopo aver lavorato per molti anni a stretto contatto con Foxconn, siamo sicuri che ci sia corrispondenza con gli obiettivi a lungo termine formulati da Cisco”, ha dichiarato Gary Moore, vicepresidente e COO dell’azienda. Che aggiunge: “Rimarremo impegnati nei confronti dei nostri clienti service provider e dei nostri partner così come continueremo a investire nelle piattaforme video esistenti e nuove”.

In relazione al programma licenziamenti, Cisco prevede l’impiego di 1,3 miliardi di dollari (circa 917 milioni di euro) per eseguire i licenziamenti e provvedere all’erogazione dei benefit di fine rapporto. 750 milioni di dollari (530 milioni di euro) sono previsti per il quarto trimestre dell’anno fiscale 2011, inclusi circa 500 milioni (352 milioni di euro) preventivati per i prepensionamenti.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pippo pippo scrive:
    da vinile a mp3
    non è altro che pre phono riaa da mandare al line in del PC.si può fare tranquillamente con il ria che già si possiede per ascoltare i vinili.
  • tHEdOCTOR68 scrive:
    che cosa assolutamente inutile!
    il bello del vinile è proprio la sua imperfezione, il suono caldo e mai uguale con ogni riproduzione, le immortalizzazioni sono già state fatte su cd e dalla pirateria via internet.. acXXXXXrio quanto mai inutile!! consiglio di acquistare un buon prodotto per pulire i vinile!
    • say no scrive:
      Re: che cosa assolutamente inutile!
      - Scritto da: tHEdOCTOR68
      il bello del vinile è proprio la sua
      imperfezione, semmai la sua perfezione ;-)il suono analogico di un vinile NON è "raggiungibile" da un CD... il CD si avvicina a un LP solo con un CD originale e di ottima qualità e con un lettore CD di altrettanta ottima qualità e un ottimo impianto hifi...se hai un buon impianto hifi prova a ascoltare un disco sia come LP che (lo stesso) in "vesione" CD: la differenza si sente (a meno che l'impianto hifi non sia di buona qualità, il che appiattisce tutto verso il basso e la differenza non si sente più perché si sente tutto male in partenza...)
      il suono caldo e mai uguale con
      ogni riproduzione, le immortalizzazioni sono già
      state fatte su cd e dalla pirateria via
      internet.. come detto, il CD non eguaglia un LPle copie masterizzate di un CD sono sempre sensibilmente peggio del CD "originale"i vari mp3 e porcherie simili (lossy e con campionamenti pure fatti male) che circolano in rete (compresi spessissimo anche quelli venduti "legalmente" come "originali" nei vari iTunes ecc.) fanno abbastanza pena... e guarda caso non ti vendono mai un brano in un formato (codec) decente e senza perdite...
      acXXXXXrio quanto mai inutile!!ah senza dubbio
      consiglio di acquistare un buon prodotto per
      pulire i vinile!:-)e di rimettere in funzione un buon vecchio hifi ANALOGICO...
      • monocellula re scrive:
        Re: che cosa assolutamente inutile!
        - Scritto da: say no
        - Scritto da: tHEdOCTOR68

        il bello del vinile è proprio la sua

        imperfezione,

        semmai la sua perfezione ;-)

        il suono analogico di un vinile NON è
        "raggiungibile" da un CD... il CD si avvicina a
        un LP solo con un CD originale e di ottima
        qualità e con un lettore CD di altrettanta ottima
        qualità e un ottimo impianto
        hifi...

        se hai un buon impianto hifi prova a ascoltare un
        disco sia come LP che (lo stesso) in "vesione"
        CD: la differenza si sente (a meno che l'impianto
        hifi non sia di buona qualità, il che appiattisce
        tutto verso il basso e la differenza non si sente
        più perché si sente tutto male in
        partenza...)


        il suono caldo e mai uguale con

        ogni riproduzione, le immortalizzazioni sono
        già

        state fatte su cd e dalla pirateria via

        internet..

        come detto, il CD non eguaglia un LP

        le copie masterizzate di un CD sono sempre
        sensibilmente peggio del CD
        "originale"

        i vari mp3 e porcherie simili (lossy e con
        campionamenti pure fatti male) che circolano in
        rete (compresi spessissimo anche quelli venduti
        "legalmente" come "originali" nei vari iTunes
        ecc.) fanno abbastanza pena... e guarda caso non
        ti vendono mai un brano in un formato (codec)
        decente e senza
        perdite...


        acXXXXXrio quanto mai inutile!!

        ah senza dubbio


        consiglio di acquistare un buon prodotto per

        pulire i vinile!

        :-)

        e di rimettere in funzione un buon vecchio hifi
        ANALOGICO...MANNAGGIA!Perchè non esiste il tasto "mi piace" ?
      • Sgabbio scrive:
        Re: che cosa assolutamente inutile!
        la copia di un CD si sente peggio del cd originale ????
        • Criptainer scrive:
          Re: che cosa assolutamente inutile!
          - Scritto da: Sgabbio
          la copia di un CD si sente peggio del cd
          originale
          ????Lascia perdere, il solito solone audiotalebano che non ha la minima cognizione di come funzioni un CD Audio, cosa sia la Eight-to-fourteen modulation, la distribuzione Reed-Solomon, il CRC. A questi gli farei studiare a forza il Reed Book, forse qualcosa capirebbero (ma ne dubito).Lasciali ai loro olii di squalo da mettere sui CD assieme ai supporti smorzanti e al rodaggio dei cavi...Senza contare che la maggiorparte di loro ignora (o semplicemente non concepisce) il fatto che la maggiorparte delle incisioni dei loro preziosissimi LP proviene ed attraversa Km di cavi e circuiti a stato solido (per non parlare direttamente dei master in digitale) delle apparecchiature in sala di registrazione e mastering; che la riproduzione, amplificazione e diffusione sonora nelle loro case non è che l'ultimo e semplice anello di una catena di trattamento audio che inizia ben prima, con apparecchiature industriali, quindi non "esoteriche" e spesso digitali.Pensa quanto si affannano inutilmente...
          • luppolo scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            - Scritto da: Criptainer
            - Scritto da: Sgabbio

            la copia di un CD si sente peggio del cd

            originale

            ????

            Lascia perdere, il solito solone audiotalebano
            che non ha la minima cognizione di come funzioni
            un CD Audio, cosa sia la Eight-to-fourteen
            modulation, la distribuzione Reed-Solomon, il
            CRC. A questi gli farei studiare a forza il Reed
            Book, forse qualcosa capirebbero (ma ne
            dubito).
            Lasciali ai loro olii di squalo da mettere sui CD
            assieme ai supporti smorzanti e al rodaggio dei
            cavi...

            Senza contare che la maggiorparte di loro ignora
            (o semplicemente non concepisce) il fatto che la
            maggiorparte delle incisioni dei loro
            preziosissimi LP proviene ed attraversa Km di
            cavi e circuiti a stato solido (per non parlare
            direttamente dei master in digitale) delle
            apparecchiature in sala di registrazione e
            mastering; che la riproduzione, amplificazione e
            diffusione sonora nelle loro case non è che
            l'ultimo e semplice anello di una catena di
            trattamento audio che inizia ben prima, con
            apparecchiature industriali, quindi non
            "esoteriche" e spesso
            digitali.
            Pensa quanto si affannano inutilmente...Spennare i fessi è un'arte... :D
          • Sgabbio scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            Io non gli do dei fessi a quelli che preferiscono il venile e si fanno da soli un impiando con i contro cosidetti, però non mi vengono a dire che la copisa di un CD si sente peggio dell'originale, perchè è una cosa al quanto difficile, sopratutto perchè il Digitale non di deteriora con la duplicazione.
      • Io che sono stato nel futuro scrive:
        Re: che cosa assolutamente inutile!
        Certo, un LP può magari sentirsi meglio (le distorsioni possono rendere piacevolo il suono a volte) ma non potrà, per meri motivi fisici e matematici, essere più fedele di una combinazione di file audio lossless campionato a 24bit/192khz dal master originale e riprodotto da un convertitore di pari capacità.
        • pocomolto scrive:
          Re: che cosa assolutamente inutile!
          - Scritto da: Io che sono stato nel futuro
          Certo, un LP può magari sentirsi meglio (le
          distorsioni possono rendere piacevolo il suono a
          volte) ma non potrà, per meri motivi fisici e
          matematici, essere più fedele di una combinazione
          di file audio lossless campionato a 24bit/192khz
          dal master originale e riprodotto da un
          convertitore di pari
          capacità.La fregtura dei sistemi di memorizzazione digitali sta nel fatto che i supporti richiedono continuamente di essere "rinfrescati", inoltre gli standard dei supporti stessi tendono ad invecchiare molto rapidamente.Tempo fa ho trovato delle foto di alcuni bisnonni, si, proprio bisnonni. Mi chiedo se una foto su un cd/dvd o hard disk possa arrivare ai miei posteri. Un LP, tra duecento anni sarà ancora leggibile. Ma un CD? E un MP3? Ecco, è di questo che parlo. Un disco in vinile lo POSSIEDI, diventa un bene. Un MP3 è qualcosa di "evanescente". Un LP lo puoi mettere in uno scaffale e quando lo troverai, sarà ancora lì, con tutte le sue informazioni. Un CD, un DVD, un HARD DISK, messo in uno scaffale e ripescato tra 20 o 50 anni, potrebbe essere totalmente inutilizzabile.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!

            Un LP, tra duecento anni sarà ancora leggibile.
            Ma un CD? E un MP3?Non solo: un LP, anche se nessuno produrrà più l'hardware adatto a leggerlo, si potrà ancora ascoltare, perchè, come abbiamo visto, costruire un giradischi con mezzi di fortuna è possibile.Se proprio vuoi ascoltare un vinile, sei in grado di farlo, anche senza avere il giradischi.Se non hai il lettore CD, come fai ad ascoltare un CD? Sapresti costruirti un lettore CD? Io non saprei da dove cominciare, e probabilmente nemmeno tu.Il giradischi ha lo stesso vantaggio dell'open source: anche se nessuno lo produce in serie, hai comunque le istruzioni per costruirtelo da solo, con i mezzi che hai.
          • luppolo scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Il giradischi ha lo stesso vantaggio dell'open
            source: anche se nessuno lo produce in serie, hai
            comunque le istruzioni per costruirtelo da solo,
            con i mezzi che
            hai.Sicuro?Le puntine come pensi di farle con schegge di selce? :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            Le puntine si possono fare con un banale cono di carta. Oppure, con una spina di rosa.
          • luppolo scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Le puntine si possono fare con un banale cono di
            carta. Oppure, con una spina di
            rosa.e la bobina che c'è dietro con tela di ragno o capellini di fatina? :D
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            Che bobina?Non serve un amplificatore elettrico. Si può fare un amplificatore a imbuto.Tu hai mai visto un grammofono a molla? Non c'è nulla di elettrico.
          • luppolo scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Che bobina?
            Non serve un amplificatore elettrico. Si può fare
            un amplificatore a
            imbuto.

            Tu hai mai visto un grammofono a molla? Non c'è
            nulla di
            elettrico.E tu hai mai visto i solchi di un 78 giri e quelli di un 33?Prova a ficcare la tua spina di rosa su un 33 giri, ma stai attento punge... :D
          • un panda qualsiasi scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            http://www.toysblog.it/post/2517/costruite-il-vostro-giradischi-con-i-lego
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            Eccoti un giradischi di carta:http://www.simonelvins.com/paper_record.html
          • luppolo scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Eccoti un giradischi di carta:

            http://www.simonelvins.com/paper_record.htmlSi, si va bene c'erano anche questi:http://digilander.libero.it/gipp1/rovers/mangiadischi/mangiadischi.htmma i miei vinili piuttosto li brucio che avvicinarli a un coso del genere!
          • pocomolto scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Un LP, tra duecento anni sarà ancora
            leggibile.

            Ma un CD? E un MP3?

            Non solo: un LP, anche se nessuno produrrà più
            l'hardware adatto a leggerlo, si potrà ancora
            ascoltare, perchè, come abbiamo visto, costruire
            un giradischi con mezzi di fortuna è
            possibile.

            Se proprio vuoi ascoltare un vinile, sei in grado
            di farlo, anche senza avere il
            giradischi.

            Se non hai il lettore CD, come fai ad ascoltare
            un CD? Sapresti costruirti un lettore CD? Io non
            saprei da dove cominciare, e probabilmente
            nemmeno
            tu.

            Il giradischi ha lo stesso vantaggio dell'open
            source: anche se nessuno lo produce in serie, hai
            comunque le istruzioni per costruirtelo da solo,
            con i mezzi che
            hai.verissimo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            I supporti CD e DVD fanni industrialmente, ovvero che non sono come i supporti che usi per masterizzare, resistono tranquillamente dopo anni e anni.Per il resto HD è fatto per durare, difficilmente si scassa "da solo" se non è in uso.....Capisco il tuo apprezzamento del vinile, ma stai svilendo il digitale con scuse "poco credibili".
      • Digital Audio scrive:
        Re: che cosa assolutamente inutile!

        il suono analogico di un vinile NON è
        "raggiungibile" da un CD...Il campionamento 16 bit, 44100 Hz di un CD è più che sufficiente ad eguagliare la qualità di un LP. Inoltre, essendo informazione digitale, non perde qualità con l'uso, come che invece accade con un LP.
        le copie masterizzate di un CD sono sempre
        sensibilmente peggio del CD "originale"A meno che non vengano introdotti errori durante la copiatura (e per evitarlo si può utilizzare Exact audio copy http://www.exactaudiocopy.de : <i
        It works with a technology, which reads audio CDs almost perfectly. If there are any errors that can't be corrected, it will tell you on which time position the (possible) distortion occurred, so you could easily control it with e.g. the media player </i
        ) la copia è ESATTAMENTE identica all'originale.
        • Cbuttius scrive:
          Re: che cosa assolutamente inutile!
          - Scritto da: Digital Audio

          Il campionamento 16 bit, 44100 Hz di un CD è più
          che sufficiente ad eguagliare la qualità di un
          LP. Inoltre, essendo informazione digitale, non
          perde qualità con l'uso, come che invece accade
          con un LP.Ti invito a studiare la teoria dei segnali.Se tu avessi una cultura in questo campo, di sicuro eviteresti di sparare tali castronerie. La qualita' audio di un CDDA e' di gran lunga inferiore a quella di un LP. Se vuoi parlare di supporti digitali di qualita' devi parlare dei SACD, non dei CDDA.
          • Digital Audio scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!

            Ti invito a studiare la teoria dei segnali.Già fatto.
            La qualita' audio di un CDDA e' di gran lunga
            inferiore a quella di un LP.No.http://www.enjoythemusic.com/Magazine/manufacture/0909The Vinyl LP 33rpm50000 Hzda 8.3 a 12.5 bit Fidelity Potential Index: <b
            da 4.2 a 6.3 </b
            The CD Compact Disc44100 Hz16 bitFidelity Potential Index: <b
            7.1 </b
            Informarsi prima di scrivere.
          • James Kirk scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            Vecchissima e, scusate, ormai obsoleta polemica.Il CD ha alcuni vantaggi e LP nè conserva ltri.Più che altro la differenza si sente solo con buoni impianti e, specialmente, con casse ben posizionate rispetto all'ascoltatore (che deve starsene li ad ascoltare e non a girare per casa).Inoltre mentre la qualità delle copie dei CD è sempre quella, altrettanto non si può dire degli LP che dipende dall'usura del master di stampa, da chi e come effettua la stampa, tanto che tra gli audiofili giravano (e girano ancora) i cosiddetti Master, che godono si una stampa migliore.A mettere d'accordo tutti ci sarebbe il SACD, ma purtroppo è stato un flop, in parte perchè il mondo è andato sul MP3 ed in parte perchè lo hanno infarcito di DRM draconiani.
          • Sgabbio scrive:
            Re: che cosa assolutamente inutile!
            Un vero sucXXXXXre del CD non c'è mai stato per colpa della fobia sulla pirateria, Anche i DAT, e i DVD Audio hanno fatto una fine immeritata.
  • pocomolto scrive:
    VIDEO
    [yt]iRMDaOBxUXk[/yt]
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: VIDEO
      Ti ricordo che i primi giradischi a 78 giri non erano elettrici, erano a molla (li caricavi con una manovella), ed al posto dell'altoparlante avevano il trombone.[img]http://www.vociroveretane.it/images/GrammofonoEsagonale.jpg[/img]Ne avevo sentito uno in funzione ad un mercatino... la qualità dell'audio era ottima (ovviamente, non era possibile la stereofonia)Una curiosità: mentre un motore elettrico, se alimentato in modo regolare, gira sempre alla stessa velocità (il che va benissimo, per un giradischi), un meccanismo a molla tende a rallentare man mano che la molla si scarica (quindi, il disco stesso rallenterebbe, distrcendo il suono). Per evitare questo inconveniente, i grammofoni usavano una sorta di freno a centrifuga (un perno, con due feltri, veniva fatto girare dentro un cilindro: quando girava troppo in fretta, la forza centrifuga faceva allontanare i feltri, che toccavano il cilindro, frenando la rotazione).
  • pocomolto scrive:
    UN BELLISSIMO GIRADISCHI, ALTRO CHE MP3!
    http://www.youtube.com/watch?v=iRMDaOBxUXk&feature=fvsr
  • pocomolto scrive:
    Durata di un disco in vinile:
    stimata 1000 anni.Quasi quasi, comincerei a riconsiderare la possibilitàdi comprare "vecchi" dischi. Un bel piatto Thorens, un bell'ampli Pioneer e un paio di casse NHT...e affan... a mp3 drm, iTunes e tutto il resto.: )
    • luppolo scrive:
      Re: Durata di un disco in vinile:
      - Scritto da: pocomolto
      stimata 1000 anni.se li tieni in cassaforte... ;)
      • pocomolto scrive:
        Re: Durata di un disco in vinile:
        - Scritto da: luppolo
        - Scritto da: pocomolto

        stimata 1000 anni.
        se li tieni in cassaforte... ;)Ovvio anche se non so qual'è la durata stimata di una cassaforte: )
      • panda rossa scrive:
        Re: Durata di un disco in vinile:
        - Scritto da: luppolo
        - Scritto da: pocomolto

        stimata 1000 anni.
        se li tieni in cassaforte... ;)Piu' che il vinile, deve tenere in cassaforte piatto e puntina.Perche' senza un impianto di riproduzione che ormai non produce piu' nessuno, coi vinili che ci fa?
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Durata di un disco in vinile:
          Ecco la soluzione:http://www.toysblog.it/post/2517/costruite-il-vostro-giradischi-con-i-lego
          • pocomolto scrive:
            Re: Durata di un disco in vinile:
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Ecco la soluzione:

            http://www.toysblog.it/post/2517/costruite-il-vostFANTASTICO !
        • pocomolto scrive:
          Re: Durata di un disco in vinile:
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: luppolo

          - Scritto da: pocomolto


          stimata 1000 anni.

          se li tieni in cassaforte... ;)

          Piu' che il vinile, deve tenere in cassaforte
          piatto e
          puntina.
          Perche' senza un impianto di riproduzione che
          ormai non produce piu' nessuno, coi vinili che ci
          fa?http://www.thorens.com/
        • Cbuttius scrive:
          Re: Durata di un disco in vinile:
          - Scritto da: panda rossa

          Il punto e' che non e' piu' elettronica di
          consumo il riproduttore di vinili. E'
          vintage.Veramente hai detto:"Piu' che il vinile, deve tenere in cassaforte piatto e puntina.Perche' senza un impianto di riproduzione che ormai non produce piu' nessuno, coi vinili che ci fa?"Beh, piatti, preampli, ampli, bracci e testine sono tuttora in produzione (e ti diro' che al momento il mercato e' in crescita) e aggiungo che molte case hanno ripreso a stampare vinili.Quindi piu' che vintage direi di nicchia, ma lo stesso dicasi di impianti e supporti digitali di qualita'.
          • panda rossa scrive:
            Re: Durata di un disco in vinile:
            - Scritto da: Cbuttius
            - Scritto da: panda rossa



            Il punto e' che non e' piu' elettronica di

            consumo il riproduttore di vinili. E'

            vintage.

            Veramente hai detto:

            "Piu' che il vinile, deve tenere in cassaforte
            piatto e
            puntina.
            Perche' senza un impianto di riproduzione che
            ormai non produce piu' nessuno, coi vinili che ci
            fa?"

            Beh, piatti, preampli, ampli, bracci e testine
            sono tuttora in produzione (e ti diro' che al
            momento il mercato e' in crescita) e aggiungo che
            molte case hanno ripreso a stampare
            vinili.Ammetto di non seguire piu' il mercato dei vinili da un pezzo.Mi fa piacere sapere che sono tuttora in produzione.
            Quindi piu' che vintage direi di nicchia, ma lo
            stesso dicasi di impianti e supporti digitali di
            qualita'.Di quelli ne vedo piu' spesso, pero'.
    • say no scrive:
      Re: Durata di un disco in vinile:
      - Scritto da: pocomolto
      stimata 1000 anni.

      Quasi quasi, comincerei a riconsiderare la
      possibilità
      di comprare "vecchi" dischi. Un bel piatto
      Thorens, un bell'ampli Pioneer e un paio di casse
      NHT...

      e affan... a mp3 drm, iTunes e tutto il resto.

      : )concordo pienamente...tanto che l'ho fatto! ho semplicemente rimesso al lavoro il mio "vecchio" impianto hifi, previo restauro, revisione tecnica e "potenziamento" (componenti, cablaggi ecc.)... tutta roba di almeno 25 anni di vita: casse jbl, piatto a cinghia, ampli jvc, piastra technics, tuner luxman e cd sony (il pezzo più recente)...tutto un altro suono!!! roba che i "nativi" digitali nenache vagamente si possono immaginare...(ps: e ho pure scoperto che questo impianto, specialmente dopo il "trattamento" speciale che ci ho fatto sopra, vale pure un botto di soldi!!!)mp3, drm ecc. ecc. ... mi fanno solo pena...
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Durata di un disco in vinile:

      Un bel piatto
      ThorensPerché non un bel Audiomeca Belladonna, con braccio Septum, con 20000 euro ti porti a casa un gioellino!http://www.tnt-audio.com/sorgenti/belladonna2.html
      un bell'ampli PioneerBah, almeno un Denon o un Cambridge Audio. O meglio un bell'amplificatore valvolare!
      e un paio di casse
      NHT...Ma dai, un bel paio di Sonus Faber Stradivari, con meno di 40000 euro te le porti a casa!!!(ovviamente sono ironico!)
      • luppolo scrive:
        Re: Durata di un disco in vinile:
        - Scritto da: TADsince1995

        Un bel piatto

        Thorens

        Perché non un bel Audiomeca Belladonna, con
        braccio Septum, con 20000 euro ti porti a casa un
        gioellino!

        http://www.tnt-audio.com/sorgenti/belladonna2.html


        un bell'ampli Pioneer

        Bah, almeno un Denon o un Cambridge Audio. O
        meglio un bell'amplificatore
        valvolare!


        e un paio di casse

        NHT...

        Ma dai, un bel paio di Sonus Faber Stradivari,
        con meno di 40000 euro te le porti a
        casa!!!

        (ovviamente sono ironico!)e non dimenticarti i cavi di rame monoatomico con scappellamento a destra...
  • CDex scrive:
    Da CD in MP3
    Nel caso invece servisse da CD a MP3: <b
    CDex </b
    <b
    http://cdexos.sourceforge.net </b
    • Sgabbio scrive:
      Re: Da CD in MP3
      E' da 2 anni che non va avanti il progetto :(
      • panda rossa scrive:
        Re: Da CD in MP3
        - Scritto da: Sgabbio
        E' da 2 anni che non va avanti il progetto :(Fa quello che deve.Che bisogno c'e' di mandarlo avanti?
        • Sgabbio scrive:
          Re: Da CD in MP3
          per supportare meglio le nuove tecnologie, come i proXXXXXri multi core, codec più aggiornati, magari uscire dalla fase beta... :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Da CD in MP3
            - Scritto da: Sgabbio
            per supportare meglio le nuove tecnologie, come i
            proXXXXXri multi core, codec più aggiornati,
            magari uscire dalla fase beta...
            :DI sorgenti sono la'.Se qualcuno sente il bisogno di aggiungere qualcosa che manca, prego.Io infilo i cd da una parte, mi escono i flac dall'altra e la titolazione avviene automaticamente mediante il db in rete.Non ho bisogno di altro.
          • luppolo scrive:
            Re: Da CD in MP3
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sgabbio

            per supportare meglio le nuove tecnologie,
            come
            i

            proXXXXXri multi core, codec più aggiornati,

            magari uscire dalla fase beta...

            :D

            I sorgenti sono la'.
            Se qualcuno sente il bisogno di aggiungere
            qualcosa che manca,
            prego.STRAQUOTO, bravo!
          • Sgabbio scrive:
            Re: Da CD in MP3
            Concordo sul fatto che i sorgenti sono li, se sapessi come fare,avrei già contribuito :DPS: Da quando usi windows in casa ?? :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Da CD in MP3
            - Scritto da: Sgabbio
            Concordo sul fatto che i sorgenti sono li, se
            sapessi come fare,avrei già contribuito
            :D

            PS: Da quando usi windows in casa ?? :DPer linux c'e' lcdex.CDex lo uso in ufficio, per quando i colleghi portano dei cd.
    • luppolo scrive:
      Re: Da CD in MP3
      - Scritto da: CDex
      Nel caso invece servisse da CD a MP3:

      http://cdexos.sourceforge.netse proprio devi, usa EAC, è fantastico!
      • CDex scrive:
        Re: Da CD in MP3
        <b
        CDex </b
        <b
        http://cdexos.sourceforge.net </b
        è <i
        open source </i
        :-) <b
        EAC </b
        <b
        http://www.exactaudiocopy.de </b
        è solo <i
        freeware </i
        :-(
        • luppolo scrive:
          Re: Da CD in MP3
          - Scritto da: CDex
          <b
          CDex </b

          <b
          http://cdexos.sourceforge.net
          </b


          è <i
          open source </i
          :-)

          <b
          EAC </b

          <b
          http://www.exactaudiocopy.de
          </b


          è solo <i
          freeware </i
          :-(Vero ma quale dei due funziona su cd usati come fresbie?
    • say no scrive:
      Re: Da CD in MP3
      - Scritto da: CDex
      Nel caso invece servisse da CD a MP3:

      <b
      CDex </b
      vabbene cdex...ma se proprio si vuole digitalizzare un LP (che se vuoi sentire BENE della musica è la cosa migliore possibile) o un CD (che anche se originale e di buona qualità NON è mai come un LP)... tutto il lavoro per poi usare un codec lossy pure di mer..a come mp3??? boh... non capisco il senso...
      • CDex scrive:
        Re: Da CD in MP3

        tutto il lavoro per poi usare un codec
        lossy pure di mer..a come mp3???Basta usare FLAChttp://cdexos.sourceforge.net/?q=download <i
        Changes since CDex 1.51 (release)...Flac Support </i
        http://flac.sourceforge.net <i
        FLAC stands for Free Lossless Audio Codec, an audio format similar to MP3, but lossless, meaning that audio is compressed in FLAC without any loss in quality. </i
        • say no scrive:
          Re: Da CD in MP3
          - Scritto da: CDex

          tutto il lavoro per poi usare un codec

          lossy pure di mer..a come mp3???

          Basta usare FLACappunto ;-)cdex + ogg va benissimo... certo che se poi la gente si fa gli mp3 e li fa pure a basso bitrate...
          • Sgabbio scrive:
            Re: Da CD in MP3
            Ma quelli che fanno cosi, sono un filino inesperti!
          • panda rossa scrive:
            Re: Da CD in MP3
            - Scritto da: say no
            - Scritto da: CDex


            tutto il lavoro per poi usare un codec


            lossy pure di mer..a come mp3???



            Basta usare FLAC

            appunto ;-)

            cdex + ogg va benissimo...
            certo che se poi la gente si fa gli mp3 e li fa
            pure a basso
            bitrate...La gente va pure su fessbuk con ie6.Il problema che c'e' tra sedia e tastiera e' stato dichiarato irrisolvibile da tempo.
  • mura scrive:
    AcXXXXXrio inutile
    Capisco se fosse un aggeggio nel quale metti da una parte la cassetta/lp e dall'altra una chiavetta usb e fa tutto lui per te, ma a questo devo attaccare un riproduttore esterno e poi collegarlo al pc ed usare poi alla fine un software come audacity per sistemare le tracce importate ... e dove sta la differenza con l'attaccare il dispositivo di cui sopra direttamente agli ingressi della scheda audio ???Magari se l'articolo parlasse di caratteristiche tecniche dell'aggeggio paragonandolo alla media delle schede audio integrate nei pc moderni sarebbe differente ma detta così vedi sopra, un aggeggio inutile.
    • luppolo scrive:
      Re: AcXXXXXrio inutile
      - Scritto da: mura
      Capisco se fosse un aggeggio nel quale metti da
      una parte la cassetta/lp e dall'altra una
      chiavetta usb e fa tutto lui per te, ma a questo
      devo attaccare un riproduttore esterno e poi
      collegarlo al pc ed usare poi alla fine un
      software come audacity per sistemare le tracce
      importate ... e dove sta la differenza con
      l'attaccare il dispositivo di cui sopra
      direttamente agli ingressi della scheda audio
      ???Quale parte di ingresso PHONO non ti è chiara?
      Magari se l'articolo parlasse di caratteristiche
      tecniche dell'aggeggio paragonandolo alla media
      delle schede audio integrate nei pc moderni
      sarebbe differente ma detta così vedi sopra, un
      aggeggio
      inutile.Magari leggerlo l'articolo? :D
      • mura scrive:
        Re: AcXXXXXrio inutile
        - Scritto da: luppolo
        Quale parte di ingresso PHONO non ti è chiara?Quale parte di non c'è scritto nulla di simile nell'articolo non ti è chiara ?

        Magari se l'articolo parlasse di
        caratteristiche

        tecniche dell'aggeggio paragonandolo alla
        media

        delle schede audio integrate nei pc moderni

        sarebbe differente ma detta così vedi sopra,
        un

        aggeggio

        inutile.

        Magari leggerlo l'articolo? :DIo l'ho letto l'articolo e tu hai letto il mio commento ?Io parlo di caratteristiche tecniche dell'aggeggio e di cosa riesce a fare in termini di riduzione del rumore o qualità di campionatura magari paragonate con la media delle schede audio, cose che nell'articolo non sono minimamente citate.Il mio consiglio è sempre quello di accendere il cervello prima di commentare ad XXXXXXXm ma nel tuo caso direi che è proprio fiato sprecato.
        • luppolo scrive:
          Re: AcXXXXXrio inutile
          - Scritto da: mura
          - Scritto da: luppolo

          Quale parte di ingresso PHONO non ti è
          chiara?

          Quale parte di non c'è scritto nulla di simile
          nell'articolo non ti è chiaraDall'articolo:"Con due ingressi di tipo line-in o phone da collegare..."Sicuro che l'hai letto? :D

          Io parlo di caratteristiche tecniche
          dell'aggeggio e di cosa riesce a fare in termini
          di riduzione del rumore o qualità di campionatura
          magari paragonate con la media delle schede
          audio, cose che nell'articolo non sono
          minimamente
          citate.Non ti bastava la foto? :D
    • Nome e cognome scrive:
      Re: AcXXXXXrio inutile
      magari perche' non ti va bene la qualita' di quei "giradischi" con uscita mp3 a 100 euro, un buon piatto in grado di estrarre tutto il contenuto di un LP in buono stato, ripulito a regola d'arte dalla polvere e il cui master era una registrazione tecnicamente buona, puo' costare varie centinaio di euro. Lo stesso dicasi per i lettori di cassette.Detto questo, se sigilli dei vinili in una scatola del tempo, tra 100 anni avrai molta piu' probabilita' che i tuoi discendenti riescano a leggerli, rispetto a un qualsiasi supporto digitale. Non buttate i vinili una volta digitalizzati, anche perche' potreste non aver estratto tutta la loro qualita' viste le ciofeche che girano sul mercato.
      • say no scrive:
        Re: AcXXXXXrio inutile
        - Scritto da: Nome e cognome
        magari perche' non ti va bene la qualita' di quei
        "giradischi" con uscita mp3 a 100 euro, che infatti è SICURAMENTE pessima... tanto più se poi si usa un (pessimo oltreché non libero) codec mp3...
        un buon
        piatto in grado di estrarre tutto il contenuto di
        un LP in buono stato, ripulito a regola d'arte
        dalla polvere e il cui master era una
        registrazione tecnicamente buona, puo' costare
        varie centinaio di euro. ma anche molto ma molto di più... secondo che piatto è si arrica tranquillamente a diverse MIGLIAIA di euro... per non parlare della testina...
        Lo stesso dicasi per i lettori di cassette.già... ma piatto e tape non bastano: per fare un buon lavoro serve una sezione di amplificazione all'altezza... magari pre e finale... e magari con anche qualche bella valvola...
        Detto questo, se sigilli dei vinili in una
        scatola del tempo, tra 100 anni avrai molta piu'
        probabilita' che i tuoi discendenti riescano a
        leggerli, rispetto a un qualsiasi supporto
        digitale. poco ma sicurosentire parlare di "archiviazione" con formati e supporti digitali fa sorridere... in poche decine di anni si perde il formato, non ci sono più dispositivi e supporti... qualcuno ha un "vecchio" floppy 5"1/4??? riuscite a leggerlo??? e se ci riuscite e c'è su un vecchio file wordstar (per chi se lo ricordasse ancora), riuscite ad aprirlo e vedere che c'è scritto?... e siamo a circa 30 anni fa...e intanto ci sono papiri di molte migliaia di anni ancora ben conservati e immediatamente leggibili...
        Non buttate i vinili una volta digitalizzati, neanche ci penso lontanamante ;-)
        anche perche' potreste non aver
        estratto tutta la loro qualita' viste le ciofeche
        che girano sul mercato.intendi quei penosi oggetti all-in-one che ti spacciano come portentosi hifi? o robaccia altrettanto penosa come questa specia di (inutile) gadget per "trasformare" gli lp in mp3 (puah)?
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: AcXXXXXrio inutile
          - Scritto da: say no
          che infatti è SICURAMENTE pessima...
          tanto più se poi si usa un (pessimo oltreché non
          libero) codec mp3...Qui hai torto... Ci sono ancora codec mp3 non liberi? :)
          • Cbuttius scrive:
            Re: AcXXXXXrio inutile
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: say no

            che infatti è SICURAMENTE pessima...

            tanto più se poi si usa un (pessimo oltreché
            non

            libero) codec mp3...

            Qui hai torto... Ci sono ancora codec mp3 non
            liberi?
            :)Magari l'implementazione e' free software, ma il formato MP3 e' brevettato e soggetto a royalty. L'uso dell'implementazione free risulta quindi illegale in certi stati...
        • Cbuttius scrive:
          Re: AcXXXXXrio inutile
          - Scritto da: say no

          ma anche molto ma molto di più... secondo che
          piatto è si arrica tranquillamente a diverse
          MIGLIAIA di euro... per non parlare della
          testina...
          Dipende da orecchio e portafogli: P2 e P3 della Rega sono del tutto abbordabili, montano degli ottimi bracci e la resa e' notevole. Ovvio che un Sondek con unita' motore esterna e compagnia briscola e' tutta un'altra cosa, e qui si che c'e' di che accendere un mutuo.Stesso discorso per la testina: ci sono delle ottime MM (e parlo di testine con tracking inferiore ai 2 grammi, non di aratri da dj) a prezzi abbordabili, poi se si vuole una MC con i controcaxxi parte uno stipendio intero.Sono scelte, ma non e' detto che per la qualita' bisogna necessariamente accendere un mutuo.


          Lo stesso dicasi per i lettori di cassette.

          già...

          ma piatto e tape non bastano: per fare un buon
          lavoro serve una sezione di amplificazione
          all'altezza... magari pre e finale... e magari
          con anche qualche bella
          valvola...Anche qui, ci sono ampli e preampli da svenarsi e ampli di qualita' a prezzi abbordabili: ovvio che la resa e' diversa, ma comunque prodotti buoni a prezzi decenti ci sono (non sono assolutamente da paragonare a certi valvolari, ma ci sono ottimi integrati relativamente economici in circolazione).

          Detto questo, se sigilli dei vinili in una

          scatola del tempo, tra 100 anni avrai molta
          piu'

          probabilita' che i tuoi discendenti riescano
          a

          leggerli, rispetto a un qualsiasi supporto

          digitale.

          poco ma sicuro

          sentire parlare di "archiviazione" con formati e
          supporti digitali fa sorridere... in poche decine
          di anni si perde il formato, non ci sono più
          dispositivi e supporti... qualcuno ha un
          "vecchio" floppy 5"1/4??? riuscite a leggerlo???
          e se ci riuscite e c'è su un vecchio file
          wordstar (per chi se lo ricordasse ancora),
          riuscite ad aprirlo e vedere che c'è scritto?...
          e siamo a circa 30 anni
          fa...

          e intanto ci sono papiri di molte migliaia di
          anni ancora ben conservati e immediatamente
          leggibili...


          Non buttate i vinili una volta
          digitalizzati,


          neanche ci penso lontanamante ;-)BUTTARE VIA I VINILI ????????????????????????A parte che sbarazzarsene e' alquanto idiotistico, ma se proprio non si vogliono c'e' un florido mercato per queste cose...

          anche perche' potreste non aver

          estratto tutta la loro qualita' viste le
          ciofeche

          che girano sul mercato.

          intendi quei penosi oggetti all-in-one che ti
          spacciano come portentosi hifi? o robaccia
          altrettanto penosa come questa specia di
          (inutile) gadget per "trasformare" gli lp in mp3
          (puah)?Una sola parola: SACRILEGIO.
        • Axel scrive:
          Re: AcXXXXXrio inutile
          - Scritto da: say no
          qualcuno ha un
          "vecchio" floppy 5"1/4??? riuscite a leggerlo???io si: sul PC di casa ho ancora un driver da 5 pollici ed un quarto e driver da 3 pollici e mezzo! ;)
      • mura scrive:
        Re: AcXXXXXrio inutile
        - Scritto da: Nome e cognome
        magari perche' non ti va bene la qualita' di quei
        "giradischi" con uscita mp3 a 100 euro, un buon
        piatto in grado di estrarre tutto il contenuto di
        un LP in buono stato, ripulito a regola d'arte
        dalla polvere e il cui master era una
        registrazione tecnicamente buona, puo' costare
        varie centinaio di euro. Lo stesso dicasi per i
        lettori di cassette.E fin qui mi sta bene, sono il primo a dire che aggeggi come le cinesate faccio tutto io sono schifezze, ma un coso come questo che fondamentalmente è un campionatore con un softwarino a prova di utonto cosa sa fare in più di una buona scheda audio ?E' questo il succo del mio commento e l'articolo da questo punto di vista è carente secondo me.
Chiudi i commenti