Classmate PC, ecco la new generation

E' un Classmate PC più maturo ed evoluto quello mostrato da Intel presso il CeBIT. Un Classmate che guarda non più soltanto agli scolari dei paesi emergenti, ma anche ai ragazzi dei paesi più ricchi, a cui riserva diversi optional

Roma – Intel ha scelto il CeBIT 2010 per presentare ufficialmente il suo nuovo Classmate PC, un portatilino il cui design si è evoluto significativamente nei suoi quattro anni di vita. Oggi, con la quarta generazione, il Classmate PC continua a rivolgersi principalmente alle scuole dei paesi in via di sviluppo, ma nella configurazione full optional corteggia altresì i mercati più ricchi.

Classmate PC di quarta generazione Come il precedente modello, anche il nuovo Classmate PC adotta un design di tipo convertibile, che all’occorrenza permette di ruotare lo schermo di 180 gradi e trasformare il dispositivo in un tablet. Tale design è stato ora affinato grazie all’impiego di un display touch da 10,1 pollici, contro gli 8,9 pollici del vecchio modello, e ad uno chassis con superficie gommata che migliora l’impugnatura del portatile in modalità tablet.

Intel non manca di evidenziare la versatilità del suo netbook, come ad esempio la possibilità, grazie ad un’applicazione integrata, di utilizzarlo per leggere ebook in formato PDF o ePub.

La risoluzione video standard del nuovo Classmate PC resta di 1024 x 600 punti, ma opzionalmente i produttori possono adottare schermi da 1366 x 768 pixel di risoluzione per sfruttare il supporto ai video 720p fornito dagli Atom di nuova generazione.

Le specifiche sono piuttosto flessibili anche per quel che riguarda la connettività, che di base prevede esclusivamente WiFi ma che è possibile ampliare per mezzo di un modulo WiMAX e/o di un modem 3G. Tra gli optional c’è anche un ricevitore GPS integrato.

Classmate PC di quarta generazione

Naturalmente ogni componente opzionale contribuisce ad elevare il prezzo del sistema base, rendendolo meno adatto ai paesi in via di sviluppo ma più appetibile per mercati quali Nordamerica ed Europa occidentale. Intel non ha ancora rivelato i prezzi del nuovo Classmate PC, ma ha chiarito che la configurazione base dovrebbe restare nella stessa fascia di prezzo del modello precedente.

Il portatilino di Intel comprende poi hard disk da 160 o 250 GB, memoria RAM (da 512 MB a 2 GB), webcam orientabile, casse audio, microfono, porte USB, lettore multi-card e batteria a 3 o 6 celle: quest’ultima, secondo Intel, è in grado di fornire fino a 8,5 ore di autonomia.

Il nuovo Classmate PC promette infine di essere ancora più resistente a urti, piccole cadute, graffi, polvere, gocce d’acqua e, con la tastiera opzionale antibatterica, anche ai microbi.

Per quanto riguarda il sistema operativo, quelli certificati per girare sul Classmate PC sono Windows 7, Metasys Linux, Ubuntu e Moblin 2.0. Windows 7 Starter Edition è il sistema operativo predefinito, e probabilmente quello che si troverà pre-installato sulla maggioranza dei nuovi Classmate PC. Nei modelli più “pompati” i produttori potranno anche optare per l’edizione Professional, che tra le altre cose fornisce migliori strumenti per la gestione centralizzata dei sistemi.

Come noto, il Classmate PC non è un sistema che Intel produce e commercializza direttamente: si tratta di una specifica hardware di riferimento che i produttori di PC possono implementare con una certa libertà di personalizzazione. Il chipmaker californiano prevede che i primi modelli del nuovo Classmate PC saranno disponibili presso alcuni OEM a partire dal secondo trimestre dell’anno.

“Lo scorso anno abbiamo assistito a un impegno maggiore, in termini economici, da parte dei governi che hanno lavorato per introdurre nelle aule programmi di e-learning uno a uno, preparando gli studenti ad affrontare l’economia globale del XXI secolo con strumenti e capacità idonee”, dichiara Intel in un comunicato. “Paesi come il Portogallo e la Macedonia svolgono un ruolo di primo piano nello sviluppo di PC per gli studenti a livello nazionale. Il nuovo Classmate PC offrirà più possibilità per rispondere alle esigenze diversificate degli studenti di tutto il mondo”.

A seguire un video che mostra il design del nuovo Classmate PC.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MeX scrive:
    tanto poi...
    una volta arrivati, scongelata e imbottigliata l'acqua, moriranno tutti per un bug sull'anno bisestile
  • 1977 scrive:
    mi dici che ci vai a fare
    premesso che pagherei oro per assistere ad uno sbarco umano sulla luna.. nel 69 purtroppo non c'ero..ma detto questo, onestamente, che ci vai a fare?e' un sasso solitario, quasi senza gravita' e senza atmosfera. onestamente.. ci serve come un terzo capezzolo.
    • mura scrive:
      Re: mi dici che ci vai a fare
      - Scritto da: 1977
      premesso che pagherei oro per assistere ad uno
      sbarco umano sulla luna.. nel 69 purtroppo non
      c'ero..

      ma detto questo, onestamente, che ci vai a fare?
      e' un sasso solitario, quasi senza gravita' e
      senza atmosfera. onestamente.. ci serve come un
      terzo
      capezzolo.Bhè se c'è acqua c'è la possibilità di vita e (almeno teoricamente) quella di creare un'atmosfera rendendo vivibile il pianeta senza l'ausilo di tute spaziali.Chiaro che se queste teorie saranno mai realizzabili penso proprio che molti di noi non saranno più qui per assistere alla cosa (un'altra volta :-()
      • 1977 scrive:
        Re: mi dici che ci vai a fare
        - Scritto da: mura
        - Scritto da: 1977

        premesso che pagherei oro per assistere ad uno

        sbarco umano sulla luna.. nel 69 purtroppo non

        c'ero..



        ma detto questo, onestamente, che ci vai a fare?

        e' un sasso solitario, quasi senza gravita' e

        senza atmosfera. onestamente.. ci serve come un

        terzo

        capezzolo.

        Bhè se c'è acqua c'è la possibilità di vita e
        (almeno teoricamente) quella di creare
        un'atmosfera rendendo vivibile il pianeta senza
        l'ausilo di tute
        spaziali.
        Chiaro che se queste teorie saranno mai
        realizzabili penso proprio che molti di noi non
        saranno più qui per assistere alla cosa (un'altra
        volta
        :-()l'atmosfera sgomma, se non c'e' gravita'.
        • mura scrive:
          Re: mi dici che ci vai a fare
          - Scritto da: 1977
          l'atmosfera sgomma, se non c'e' gravita'.Bhè credo che se mai arriveranno a realizzare un proXXXXX di terra forming probabilmente risolveranno pure quel problema ;-)Chiaro che si sta parlando di fantascienza, o almeno per quanto ne so io.Se qualcuno ne sa di più e magari si accoda al discorso con qualche nozione più precisa magari non mi farebbe schifo ;-)
          • 1977 scrive:
            Re: mi dici che ci vai a fare
            - Scritto da: mura
            - Scritto da: 1977


            l'atmosfera sgomma, se non c'e' gravita'.

            Bhè credo che se mai arriveranno a realizzare un
            proXXXXX di terra forming probabilmente
            risolveranno pure quel problema
            ;-)

            Chiaro che si sta parlando di fantascienza, o
            almeno per quanto ne so
            io.
            Se qualcuno ne sa di più e magari si accoda al
            discorso con qualche nozione più precisa magari
            non mi farebbe schifo
            ;-)E ho capito ma la fisica e' fisica.
          • mura scrive:
            Re: mi dici che ci vai a fare
            - Scritto da: 1977
            E ho capito ma la fisica e' fisica.Mmmm mi sono riguardato velocemente qualche cenno di fisica sul tema gravità e mi sono appena reso conto di aver scritto una XXXXXta immensa sorry :$
          • 1977 scrive:
            Re: mi dici che ci vai a fare
            - Scritto da: mura
            - Scritto da: 1977

            E ho capito ma la fisica e' fisica.

            Mmmm mi sono riguardato velocemente qualche cenno
            di fisica sul tema gravità e mi sono appena reso
            conto di aver scritto una XXXXXta immensa sorry
            :$Una persona che ammette un errore, ma ne esistono ancora? Grande..
          • Valeren scrive:
            Re: mi dici che ci vai a fare
            Puoi modificare l'esterno quanto ti pare, ma il nucleo è quello che è :(
          • krane scrive:
            Re: mi dici che ci vai a fare
            - Scritto da: Valeren
            Puoi modificare l'esterno quanto ti pare, ma il
            nucleo è quello che è
            :(Cavo : ci potremmo immettere dell'armosfera e fare una sfera di Dyson !!!
    • salestrofa scrive:
      Re: mi dici che ci vai a fare
      Metti che ci sia qualche deposito di materiale raro, non so uranio puro o altro.......
      • 1977 scrive:
        Re: mi dici che ci vai a fare
        - Scritto da: salestrofa
        Metti che ci sia qualche deposito di materiale
        raro, non so uranio puro o
        altro.......costerebbe troppo estrarlo e portalo a casa
  • Star scrive:
    Re: Atto di forza
    Il principio fisico alla fine non cambia...Se su un pianeta c'è acqua (congelata o meno) può esserci vita ma anche quando non c'è potrebbe ospitarla.Direi che questa scoperta è un buon inizio.
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Atto di forza
      In genere avrebbe bisogno anche di un'atmosfera... :)
      • colas scrive:
        Re: Atto di forza
        e gia iphone 3gs gratishttp://www.e-castig.com/index.php?r=7yaB grazie
      • xWolverinex scrive:
        Re: Atto di forza
        - Scritto da: Francesco_Holy87
        In genere avrebbe bisogno anche di
        un'atmosfera...
        :)Più che altro avrebbe bisogno di una forza di gravità maggiore.. unico modo in cui potrebbe avere una atmosfera "decente" per la vita :)
    • turbina scrive:
      Re: Atto di forza
      Alla faccia del film di serie z...
Chiudi i commenti