Coinbase è la prima crypto company nella Fortune 500

Coinbase è la prima crypto company nella Fortune 500

L'exchange è ufficialmente la prima società attiva sul movimentato fronte delle criptovalute a essere inclusa nella classifica Fortune 500.
L'exchange è ufficialmente la prima società attiva sul movimentato fronte delle criptovalute a essere inclusa nella classifica Fortune 500.

La 68° edizione della Fortune 500, l’elenco delle più grandi e importanti società americane, vede per la prima volta l’inclusione nella lista di una crypto company: si tratta di Coinbase. Il gruppo si piazza alla 437° posizione. Sui tre gradini del podio si trovano Walmart, Amazon e Apple.

Per iniziare a investire in criptovalute (e non solo) puoi scegliere gli strumenti offerti da Coinbase. La piattaforma conta oltre 98 milioni di utenti già attivi nel trading a livello globale.

Fortune 500: dentro anche Coinbase

L’esordio nella classifica, appena pubblicata, arriva in un momento delicato per l’intero ecosistema DeFi (della finanza decentralizzata). Prima c’è stato il #cryptocrash che ha visto sprofondare in un baratro il valore di parecchi asset, poi è giunta l’ufficializzazione di un rallentamento dei ritmi di crescita pronosticati dall’azienda. Tutto questo senza dimenticare l’avanzata di una concorrenza sempre più agguerrita e intenzionata a consolidare il proprio market share. Ciò nonostante, il CEO Brian Armstrong continua a professare ottimismo e a credere nell’arrivo di tempi migliori.

Di recente, l’exchange ha inaugurato il proprio marketplace dedicato agli NFT (Non-Fungible Token), nella speranza di poter salire sul carro in corsa di un trend che nell’ultimo anno ha fatto letteralmente registrare un’esplosione in termini di interesse e giro d’affari.

Dall’aprile dello scorso anno, Coinbase è quotata in borsa, al Nasdaq. In seguito a un iniziale entusiasmo, il valore del titolo ha fatto segnare una forte flessione nel corso degli ultimi mesi. Il grafico qui sotto ne mostra l’andamento in modo piuttosto chiaro.

L'andamento del titolo Coinbase al Nasdaq dall'esordio a oggi

Nell’ultimo periodo, la società ha rafforzato il proprio impegno finalizzato al contrasto dei cosiddetti bad actors ovvero coloro che approcciano l’ecosistema DeFi con finalità malevole. Una priorità assoluta per una piattaforma che mira a essere un punto di riferimento per coloro attivi sul fronte del trading, che si tratti di criptovalute o altro.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Fortune
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 26 mag 2022
Link copiato negli appunti