Come fare con Cina e dittature? I grandi ci pensano su

Google, Microsoft ma anche Vodafone e Yahoo lavorano su un codice di comportamento, qualcosa che aiuti a muoversi nel modo giusto quando si viene alla libertà di espressione
Google, Microsoft ma anche Vodafone e Yahoo lavorano su un codice di comportamento, qualcosa che aiuti a muoversi nel modo giusto quando si viene alla libertà di espressione

Roma – Ne hanno abbastanza delle critiche globali che sono loro piovute addosso quando hanno accettato di auto-censurarsi per venire incontro alle richieste del regime cinese: ora i grandi player della rete e delle telecomunicazioni hanno deciso di lavorare su una sorta di codice di condotta , che aiuti ciascuno di loro a fare le scelte giuste nel momento giusto.

In un suo articolo PCWorld sostiene che Microsoft, Google, Yahoo e Vodafone intendono dar vita ad un tavolo di lavoro con alcune ONG (organizzazioni non governative) che consenta loro di farsi promotori di libertà di espressione .

In realtà non è affatto chiaro se i big player della società dell’informazione vogliano o meno assumersi certe responsabilità, quelle che fin qui hanno sostanzialmente evitato , ma è vero che società come Microsoft hanno persino ventilato l’ipotesi di uscire dal mercato cinese qualora non si riuscisse a superare l’intolleranza del regime per qualsiasi apertura online a valori come democrazia o libertà di parola .

Si è quindi forse ad un punto di svolta, sebbene, chiosa Engadget , non sia chiaro ancora neppure cosa potrebbe accadere alle aziende che invece “scendono a patti” contro la libertà di espressione e che pure avessero firmato un eventuale “codice di condotta”. Per ora si sa che “saranno responsabili delle proprie azioni”. Sarà poco ma, forse, è un inizio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 01 2007
Link copiato negli appunti