Con Tink sarà più semplice spostare denaro verso carte Revolut

Con Tink sarà più semplice spostare denaro verso carte Revolut

Revolut e Tink hanno annunciato una partnership sul mercato europeo dedicata ai servizi di Payment Initiation (PIS) per evolvere l'open banking.
Revolut e Tink hanno annunciato una partnership sul mercato europeo dedicata ai servizi di Payment Initiation (PIS) per evolvere l'open banking.

Mano nella mano, Revolut e Tink hanno creato un ponte tra il sistema bancario e il mondo Fintech attraverso una partnership che renderà più veloce, automatico e trasparente il processo dei pagamenti. La spiegazione è quella fornita dalla stessa Revolut, la quale indica nei servizi di Payment Initiation (PIS) il fulcro di questa collaborazione: “I servizi di Payment Initation permetteranno agli utenti di connettersi al conto bancario da cui vogliono spostare il denaro, autorizzando l’operazione e completando istantaneamente il pagamento, senza mai lasciare l’app di Revolut“.

Trasferire denaro sul proprio conto bancario al proprio conto Revolut sarà più semplice che mai, insomma, spostando la corsia su cui il denaro scorre e tutto ciò senza dover abbandonare la propria app (senza resistenze e senza ostacoli, dunque, a tutto favore dell’evoluzione in direzione open banking).

Revolut e Tink

Daniel Kjellén, co-fondatore e CEO di Tink, spiega di aver colto con grande entusiasmo la mano tesa da Revolut per avviare questo tipo di servizio a disposizione degli utenti di tutta Europa:

Quella di Revolut è una delle più grandi storie di successo ad aver contribuito alla rivoluzione dei servizi finanziari, grazie ad un’offerta di servizi in grado di soddisfare al meglio le esigenze dei clienti. Siamo entusiasti di far parte della prossima fase di crescita di Revolut e riteniamo che questa partnership rappresenti un passo importante nell’adozione di massa dei pagamenti basati su open banking in tutta Europa.

L’evoluzione dell’open banking e la creazione di ponti certi ed affidabili tra il sistema bancario tradizionale e le nuove app di pagamento rappresentano i tasselli di cui è lastricata la strada del fintech: l’evoluzione è rapida e Revolut è uno dei nomi che fin dal principio si sono maggiormente fatti notare nel nostro Paese per facilità di approccio e capacità di cogliere le pulsioni che hanno progressivamente spinto gli italiani verso un nuovo modo di pensare i pagamenti. “Oggi“, spiega il gruppo, “più di 18 milioni di clienti in tutto il mondo utilizzano decine di prodotti innovativi di Revolut per effettuare più di 150 milioni di transazioni al mese“. Numeri di questo tipo richiedono un’evoluzione continua e massima rispondenza alle esigenze che la community manifesta, operando tanto dal punto di vista del servizio erogato quanto su quello della crescita culturale di nazioni che solo poco alla volta assorbono lo shock che la trasformazione digitale sta declinando sul mondo finanziario.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 7 giu 2022
Link copiato negli appunti