Confindustria Digitale: il Governo rilanci Immuni

Confindustria Digitale: il Governo rilanci Immuni

Cesare Avenia, Presidente di Confindustria Digitale, ritiene che il Governo debba continuare a scommettere su Immuni per risolverne i difetti.
Cesare Avenia, Presidente di Confindustria Digitale, ritiene che il Governo debba continuare a scommettere su Immuni per risolverne i difetti.

Lascia o raddoppia? Secondo Confindustria Digitale su Immuni non abbiamo scelta: bisogna raddoppiare gli sforzi e sistemare quel che non ha funzionato per far sì che lo Stato possa dotarsi di un sistema di tracciamento valido ed efficace. L’opinione è quella di Cesare Avenia, le cui posizioni sono state interventiste fin da tempi non sospetti, quando chiedeva che Immuni potesse essere collegata ad una banca dati centralizzata invece di lasciare alla decentralizzazione il bandolo della matassa.

Confindustria Digitale: Immuni serve ancora

Oggi Avenia torna sull’argomento bocciando quella che è stata la gestione di Immuni, ma attribuendo le responsabilità in primis alle mancanze organizzative sul territorio. Leggasi: è colpa delle ASL, quindi delle Regioni che avrebbero dovuto coordinarne le realtà. In effetti non è certo un mistero il fatto che il principale collo di bottiglia incontrato sia stato nell’incapacità di segnalare le positività sul sistema nazionale, sbloccando quindi le notifiche ai contatti e vanificando pertanto l’intero sistema.

Il call center per segnalare autonomamente la propria positività funziona soltanto da pochi giorni ed è un primo timido tentativo di rilancio, ma secondo Confindustria Digitale bisogna fare di più: “l’app per il tracciamento va rilanciata sanando le mancanze organizzative“. L’interventismo sconfina però in un territorio che non è proprio dell’identità di Immuni, che nasce come operazione volontaria e sulla quale è stato chiaramente richiesto che non ci fossero azioni coercitive che ne imponessero l’utilizzo (una questione di principio strettamente attinente al concetto di “libertà”). Avenia, invece, chiede che questo limite decada:

Le polemiche sulla privacy vengono invece derubricate con estrema decisione e considerate “pretestuose”: la dimostrazione sarebbe la corsa al download dell’app IO per avere il cashback di Stato (sebbene sia dimostrato come in entrambi i casi si sia arrivati ad una soglia simile e difficilmente superabile).

La convinzione, insomma, è che l’app Immuni resti uno strumento valido e che occorra continuare a svilupparlo. Potrà servire anche in futuro e sarà una risposta collettiva necessaria per la lotta alla pandemia anche nei mesi che si separano dai vaccini e dall’immunità.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 12 2020
Link copiato negli appunti