Consumer Reports contro Apple, a colpi di cover

Consumer Reports contro Apple, a colpi di cover

Nuove critiche da parte del mensile dei consumatori a stelle e strisce. Non fornire più custodie gratis ai clienti rappresenterebbe una mossa inaccettabile da parte della Mela. Soprattutto perché funzionano
Nuove critiche da parte del mensile dei consumatori a stelle e strisce. Non fornire più custodie gratis ai clienti rappresenterebbe una mossa inaccettabile da parte della Mela. Soprattutto perché funzionano

Un breve post , accompagnato da un altrettanto breve filmato, ha fatto di recente la sua apparizione sul blog ufficiale di Consumer Reports . Ovvero quel mensile dei consumatori statunitensi che alla metà dello scorso luglio gettava benzina su alcune prestazioni del nuovo Melafonino, iPhone 4.

In particolare quelle legate all’antenna, a provocare un’improvvisa perdita del segnale che aveva fatto repentinamente cambiare idea ai recensori del mensile a stelle e strisce. Nonostante gli ottimi voti assegnati, Consumer Reports non se l’era proprio sentita di raccomandare ai lettori il nuovo smartphone made in Cupertino .

Un’opinione che sembra rimasta perfettamente in piedi , soprattutto dopo il recente annuncio di Apple circa l’imminente fine – 30 settembre prossimo – del periodo a disposizione degli utenti per ottenere una custodia completamente gratuita. Tutti gli iPhone 4 acquistati a partire dal primo giorno di ottobre non potranno essere così protetti a costo zero per mantenere la corretta connettività.

Un problema, quello dell’antenna, che sembra non preoccupare nemmeno più l’azienda di Steve Jobs. Ma i recensori di Consumer Reports non se la sono sentita neanche stavolta di cavalcare gli entusiasmi a proposito della limitatezza del problema. La fine del periodo di consegna gratuita delle cover rappresenterebbe infatti una mossa poco corretta per tutti i clienti della Mela.

Soprattutto dal momento che – e lo si può vedere nel breve filmato apparso sul blog – la custodia originale fornita da Apple funziona in maniera efficace contro l’attenuazione del segnale. Allora perché far pagare – 30 dollari circa il prezzo della cover – gli utenti per un problema tecnico di responsabilità dell’azienda?

Questa la domanda che si è posto Consumer Reports , sottolineando come un onere del genere sia del tutto inaccettabile. E non solo. Il mensile statunitense ha inoltre spiegato ai suoi lettori come Apple abbia ora deciso di fornire solo la sua cover , mentre prima rimaneva possibile scegliere tra sette modelli, anche prodotti al di fuori dei confini di Cupertino.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 09 2010
Link copiato negli appunti