Contrappunti/ I blog sono un virus

di Massimo Mantellini - Sono qui per restare e si moltiplicano rapidamente ampliando gli spazi e restituendo al web alcune delle sue più importanti promesse. Non c'è giornalismo che tenga, qui c'è il nuovo che avanza


Roma – C’ho pensato un po’ e poi mi sono detto: perchè no? Perchè non mettere al corrente i lettori di Punto Informatico del fatto che da qualche tempo a questa parte le mie peregrinazioni sul web sono radicalmente cambiate e prediligono ormai stabilmente un breve elenco di weblog italiani in aggiunta alle mie usuali fonti informative?

La spinta finale a questa idea di citare alcuni dei blog nostrani dei quali sono ormai affezionato lettore me l’ha data un pezzo pubblicato in questi giorni sul sito web dello SMAU e firmato da Arianna Dagnino dal titolo La mia vita è come un blog . L’incipt dell’articolo della Dagnino è fulminante:

È solo questione di tempo. Poi, appena il passaparola avrà svolto il suo compito, anche l?Internet in versione italiana si troverà invasa dal nuovo fenomeno ? già scoppiato negli Usa ? dei cosiddetti ?Blogs?”

Questa frase ha – come si può comprendere – scatenato l’ilarita della folta comunità dei blogger italiani i quali, in un discreto numero, hanno seguito la segnalazione dell’articolo fatta di Marco Mazzei di blog.it e la successiva idea di Massimo Moruzzi di dotcoma, di linkare l’articolo della Dagnino nel frattempo amichevolmente soprannominata “l’Arianna addormentata nel bosco”.

Simili piccoli infortuni risultano del resto ancora meno scusabili se si pensa che, accanto alla ampia comunità di navigatori della rete che ormai in discreto numero gestiscono un weblog personale in rete, vanno citati i sempre piu numerosi giornalisti italiani che hanno deciso di aprire un loro blog. Accanto a Claudio Sabelli Fioretti , Pino Scaccia e Filippo Solibello altri nomi importanti del giornalismo italiano come Beppe Caravita de Ilsole24ore o Luca Sofri de Il Foglio (quello di Luca è poi il primo blog italiano ufficialmente ospitato sul sito web di un quotidiano cartaceo) aggiornano un loro weblog che diventa quindi anche un ponte fra l’attività professionale ed i propri lettori. E l’interazione fra attività giornalistica classica e comunicazione mediata dal web è alla base anche di alcuni blog informativi ormai molto noti come quello de Il Barbiere della Sera o di Tel&Co , esperimento di blog sulla tecnologia nato da una idea di Franco Carlini, penna molto celebre e stimata de Il Manifesto e del Corriere della Sera, che da anni si occupa con intelligenza delle cose della rete.

Come si vede gli esempi davvero non mancano e la lezione che si impara immediatamente navigando fra i blog è che spesso il confine fra informazione professionale ed amatoriale diventa assai labile. Talvolta le parti addirittura si invertono e si rendono evidenti situazioni paradossali nelle quali la qualità dei contenuti disponibili è indipendente da ogni titolarità più o meno certificata. Cosi per fare un esempio, e per segnalare ad Arianna qualche altro bel link, io che mi occupo di tecnologia visito quotidianamente e indifferentemente le agenzie e i siti editoriali che si occupano di tale argomento, così come il blog personale di Gaspar Torriero quello di Paolo Valdemarin o quello di Simone Bettini o di Massimo Morelli . Tutta gente che quando parla di tecnologia non lo fa a caso. Oppure faccio un salto nell’oramai storico blog di Antonio Cavedoni , webdesigner che le leggende dipingono come il primo blogger italiano e il cui sito, Blogorroico, è ormai talmente noto da essere diventato quasi un modo di dire.

E le iniziative di condivisione delle informazioni non si fermano davvero qui: Gianluca Neri, per esempio, noto deus ex machina di Clarence ha da qualche settimana aperto GNUeconomy un poliblog nel quale affluiscono contenuti differenti ma tutti uniti da un disclaimer a fondo pagina che la dice lunga su come la notizia possa e debba circolare online:

theGNUeconomy (NO© – 2002) non è un marchio registrato, non ha scopo di lucro ed è gestito esclusivamente – e senza alcuna scusante – a tempo perso. Come tante altre pregevoli cose su Internet non è una testata registrata, né aspira ad esserlo. Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari, e per carità, chi glieli tocca. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito utilizzando il file gnueconomy_rss.xml

Ecco, attraverso i feed XML e i news aggregator anche il web, strumento oneway per antonomasia, riscopre appieno la vocazione interattiva della rete Internet e con essa la vorticosa circolazione della notizia. Per chi ha fatto dell’informazione una professione si è oggi in Italia, come in USA da qualche tempo, davvero davanti ad un bivio. Partecipare o ritrasi da tale fiume informativo? Rivendicare la propria professionalità e competenza a priori o abbandonarsi all’evidenza del fatto che spesso l’informazione stessa e l’attenzione dei lettori se ne infischiano di tali specificazioni? I più coraggiosi, anche in Italia ( e sarà un caso ma spesso sono anche quelli più preparati) hanno di fatto già scelto. Per gli altri esistono due sole alternative. Quella di non sapere, restandosene addormentati nel bosco o quella di chi, parlando dei blog, minimizza, seleziona e si produce in complicati distinguo.

Nel suo recente libro Giornalismo 2.0, Riccardo Staglianò, giornalista di Repubblica.it, proprio citando i blog, ha scelto questa strada. Per molte pagine scrive meraviglie dei giornalisti statunitensi che stanno modernizzando (e democratizzando) l’informazione online con i loro blog. Poi in un paio di righe liquida la portata del fenomeno quando il blogger non è un giornalista professionista:

“Niente più scuse quindi: chi ha qualcosa da dire puo’ farlo, comportandosi, di fatto, da giornalista, senza bisogno di giornali che accettino i suoi pezzi o di Ordini che ne certifichino l’abilitazione professionale. È anche chiaro che l’abbattimento di questo ultimo steccato provocherà una valanga di pensierini narcisisti, infiniti sbrodolamenti sulle materie più microscopiche e tanta roba di cui a nessuno – eccezion fatta, forse per amici intimi e familiari – fregherà un bel niente”

Basterebbe navigare un po’ fra i blog anche italiani, per comprendere in un istante che davvero non è così.

Massimo Mantellini
Manteblog

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Secondo me se li sono imboscati i militari...
    ...come fanno i marescialli nelle caserme italiane, quando si caricano sulla macchina i prosciutti interi destinati alle mense...
  • Anonimo scrive:
    Ma non era una notizia vecchia?
    A memoria, mi pare di averla già sentita un paio di anni fa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non era una notizia vecchia?
      Ma vieni dal futuro?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non era una notizia vecchia?
      Se ben ricordo 2 anni fa ci fu un caso simile con i computer dell'FBI, forse ti riferisci a questo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non era una notizia vecchia?
      - Scritto da: mi giunge un Gubbio
      A memoria, mi pare di averla già sentita un
      paio di anni fa.Penso che tu ti riferisca ai computer che le spie inglesi dimenticavano sui taxi. La notizia è uscita qualche anno fa.
  • Anonimo scrive:
    è 1 finta!!
    se fosse davvero successa 1 cosa così grave da ridicolizzare la marina americana e gli stati uniti in generale, pensate davvero che si sarebbe venuto a sapere? Se è veramente accaduto è perchè gli americani hanno voluto farseli rubare, magari per far credere ai nemici che quelle informazioni sono importanti quando invece non è vero e per prenderli in contropiede in caso di sommossa.
    • Anonimo scrive:
      Re: è 1 finta!!
      si si certo... e babbo natele vive in lapponia con insieme ai folletti :))))
      • Anonimo scrive:
        Re: è 1 finta!!
        - Scritto da: Xenord
        si si certo... e babbo natele vive in
        lapponia con insieme ai folletti :))))Perchè dici questo?il commento di ZioSolfa mi sembra molto realistico, altrimenti davvero sfioriamo il ridicolo se qualcuno puo' permettersi di portar via centinaia di computer da territorio militare...no?tu ci credi?
    • Anonimo scrive:
      Re: è 1 finta!!
      - Scritto da: ZioSolfa
      se fosse davvero successa 1 cosa così grave
      da ridicolizzare la marina americana e gli
      stati uniti in generale, pensate davvero che
      si sarebbe venuto a sapere? Se è veramente
      accaduto è perchè gli americani hanno voluto
      farseli rubare, magari per far credere ai
      nemici che quelle informazioni sono
      importanti quando invece non è vero e per
      prenderli in contropiede in caso di
      sommossa.ma smetti di credere a quello che vedi al cinema....Si sono beccati gli aerei sulle torri quando una settimana prima binladen aveva dichiarato che ci sarebbe stato un imminente attacco all'america.Anche li' e' successo solo perche' volevano che accadesse? Per prendere in agguato i talebani?E poi, il mullah Omar (cieco ad un occhio e senza una gamba) e' riuscitoa sfuggire ai loro tentativi di cattura solo perche' in verita' non lo volevano prendere? La cronaca ha riportato che e' scappato in moto....
  • Anonimo scrive:
    e poi dovremmo...
    andare in guerra appresso a loro... magari seguendo i loro segretissimi piani di operazioni...e chi ci va in Iraq? Gli iracheni ormai conosceranno già tutti gli ordini di operazioni presenti, passati e futuri...
    • Anonimo scrive:
      Re: e poi dovremmo...
      - Scritto da: sasino
      andare in guerra appresso a loro... magari
      seguendo i loro segretissimi piani di
      operazioni...
      e chi ci va in Iraq? Gli iracheni ormai
      conosceranno già tutti gli ordini di
      operazioni presenti, passati e futuri...Gia'una sicurezza in stalle che striscia
  • Anonimo scrive:
    Ma LOL!!!
    Da come é messa la notizia sembra piuttosto esplicito il fatto che i dati cosí importanti per la sicurezza nazionale non fossero neppure crittati: lo fossero a dovere non avrebbero nulla di cui preoccuparsi.Inoltre, se li hanno rubati in blocco significa che le 14 (forse piú) persone che dovevano garantire la sicurezza dei computer non li avevano sempre con sé.Tutto questo, unito al fatto che ultimamente il livello di sicurezza é stato alzato ulteriormente, lascia molto ad intendere sulla affidabilitá statunitense :)Forse dovrebbero imparare qualcosa dai film ;)
  • Anonimo scrive:
    assurdo
    e come hanno fatto a portarli via?? Con un camion??
    • Anonimo scrive:
      Re: assurdo
      - Scritto da: devilman
      e come hanno fatto a portarli via?? Con un
      camion??Stimando il QI medio dell'Americano-tipo, credo che si sia presentato direttamente Bin Laden, dicendo che Bush aveva bisogno di 1000 PC,e di recapitarli direttamente alla Seconda Casa Bianca, a Tora Bora.
    • Anonimo scrive:
      Re: assurdo
      - Scritto da: devilman
      e come hanno fatto a portarli via?? Con un
      camion??Mmmhhh..., mi sa che uno solo non bastava, saranno stati almeno 3.Aamericanissoforti!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: assurdo
        io llo sò ci sono voluti 2 camion e un bilico da 18 metri, il tutto autorizzato.Avevono già sottoscritto un contratto per rimpiazzare i PC solo che si sono dimenticati di trasferire i dati dai vecchi ai nuovi.Cordialità
Chiudi i commenti