Contrappunti/ Il? Popolo? Della? Rete?

di Massimo Mantellini - Chi utilizza questa espressione? Oggi sono due grandi gruppi di persone: chi non sa di cosa parla e chi cerca nuove modalità per sfruttare l'utenza Internet sotto il profilo commerciale

Roma – Ma chi sarebbe poi “il popolo della rete”? È un’espressione che sentiamo citare spesso ultimamente, interessante per diverse ragioni, la principale delle quali è che si tratta di una entità che probabilmente non esiste. Non più perlomeno, visto che la penetrazione della rete anche in Italia inizia a comprendere buona parte della società civile.

Forse “popolo della rete” poteva significare qualcosa qualche anno fa, quando l’accesso ad Internet era più chiaramente delineato per interessi, cultura e censo. L’uso alla rete era limitato ad una Italia prevalentemente maschile, di istruzione medio superiore, abitante nel nord del paese, con qualche frequentazione delle lingue e degli strumenti informatici. Un segmento della popolazione splendidamente ininfluente, allora, nelle beghe quotidiane del paese e assai poco utilizzabile per fini di propaganda o di mass marketing.

Oggi, se ci fate caso, l’espressione “popolo della rete” la si ritrova invece nelle parole di due grandi gruppi di persone: quelli che pronunciandola citano un pianeta sconosciuto, anche se pericoloso ed affascinante (per esempio i politici quando nei loro discorsi parlano di innovazione tecnologica) e quelli che nelle loro frasi immaginano uno sfruttamento qualsiasi di Internet, identificando i navigatori della rete Italiana come loro prossimi obiettivi.

Politicamente parlando il “popolo della rete” diventa utile nel momento in cui si avvicina la scadenza elettorale. Nei prossimi giorni fioriranno come primule gli incipit in tal senso dei rappresentati di ogni schieramento politico. Con una qualche frequenza il tormentone di Pierferdinando Casini che tipicamente inizia i suoi sermoni con la frase “I cittadini ci chiedono..” sarà sostituito, nei discorsi dei politici più attenti al vento che tira, da “Il popolo della rete ci chiede…”. Ogni partito politico dedicherà almeno un accenno del proprio programma elettorale alla rete Internet e se il “popolo della rete” davvero esistesse, potrebbe facilmente osservare come le speranze e i progetti per Internet dei partiti italiani siano stati in questi anni tutti variamente espressi ma comunque uniformemente disattesi.

Il popolo della rete si manifesta poi negli S.O.S. che dalla rete partono verso i politici. Il Partito Pirata per esempio (mai nome fu più sfortunato), insieme ad alcune altre associazioni di rete ha emesso un comunicato dal titolo “Se volete il nostro voto” nel quale promette il sostegno dei propri associati a qualsiasi partito che tenga conto di una (lunga) lista di priorità digitali che vanno dalla privacy alla revisione del copyright, dalla riforma dei marchi al diritto di accesso alla rete. Per fortuna l’elenco è talmente lungo, ampio e particolareggiato che nessun candidato di nessun partito si sognerà mai di appoggiarlo interamente. D’altro canto, sarebbe curioso indagare quale sia l’entità numerica dei sostenitori del Partito Pirata in grado di stravolgere gli equilibri del prossimo parlamento in nome della libertà della rete e soprattutto come mai costoro siano disposti a votare per Storace (per fare un esempio) se “La Destra” decidesse di appoggiare la neutralità della rete ed un’altra decina di illuminate proposte.

Ingenuità chiama ingenuità e molti blogger (me compreso) si sono nei giorni scorsi dichiarati favorevoli ad un appello di Marco Montemagno che chiedeva pubblicamente alla politica italiana di esprimere cosa intenda fare per Internet nella prossima legislatura. Benedetti figli, sembriamo non imparare mai l’inutilità di simili domande. Capace poi che qualche politico ci risponda davvero, magari subito dopo aver compilato una accorata lettera di appoggio per i panettieri abruzzesi stroncati dalla grande distribuzione.

Del resto se da un lato è vero che la politica delle reti e tutte le tematiche che avvolgono strettamente Internet, la libertà di espressione e l’accesso alle informazioni per alcuni di noi hanno un indubbio valore in sé, indipendentemente da chi sia il soggetto politico che le cavalca, è al contempo piuttosto aleatorio immaginare che il criterio di scelta che avvicina il voto dei singoli individui a tematiche particolari che stanno loro a cuore possa prescindere da tutto il resto. Se il popolo della rete esistesse forse sarebbe così ma, poiché non esiste, ogni cittadino valuta l’impegno per lo sviluppo tecnologico di questo o quello schieramento all’interno di un personale osservatorio fatto anche di molti altri punti. Come è normale che sia.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mario scrive:
    Libertà di parola NIET? maccartismo in..
    "vietato familiarizzare" "nessun dipendente M parli con nessun dipendente Y" ?ma scherziamo?ma parlerò con chi taffo voglio, no?in cose del genere ci vedo un maccartismo in arrivo... è schifoso quel che fanno le aziende.se yahoo ha dei talenti e ne ha microsoft, poi, dire che ci saranno esuberi e dire che verranno tenuti i talenti... su su, un po' di cervello
    • anonimo scrive:
      Re: Libertà di parola NIET? maccartismo in..
      Non credo tu abbia capito..."Vietato familiarizzare" significa "continuare a competere con Yahoo! come si e' sempre fatto" senza farsi condizionare dall'OPA.... di certo nessuno se la prende se un dipendente Microsoft e uno di Yahoo! si fanno un caffe'.
    • iRoby scrive:
      Re: Libertà di parola NIET? maccartismo in..
      Pensa se marito e moglie lavorassero uno in M$ e l'altra in Yahoo! (rotfl)
  • Giambo scrive:
    "Non ci saranno tagli di personale"
    Questa e' la frase che spaventa i dipendenti di Yahoo! :D !Una volta invischiati nella rete Microsoft, uscirne e' veramente difficile ;) !
    • Bastard Inside scrive:
      Re: "Non ci saranno tagli di personale"
      - Scritto da: Giambo
      Questa e' la frase che spaventa i dipendenti di
      Yahoo! :D
      !
      Una volta invischiati nella rete Microsoft,
      uscirne e' veramente difficile ;)
      !E' una famigghia, spiegato mi sono, ah? 8)
    • krane scrive:
      Re: "Non ci saranno tagli di personale"
      - Scritto da: Giambo
      Questa e' la frase che spaventa i dipendenti di
      Yahoo! :D
      !
      Una volta invischiati nella rete Microsoft,
      uscirne e' veramente difficile ;)
      !Mi sembra che tutti i responsabili di Vista siano stati fatti uscire e pure veloce da M$... Altra dimostrazione di quanto M$ e' soddisfatta del proprio SO (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • opamaligna scrive:
    prepariamoci a migrare
    io sto guardando in giro, di alternative ai gruppi di discussione e altre cose ce ne sono molte, se passa tutto in mano a m$ io non la finanzio.
    • Anonimo scrive:
      Re: prepariamoci a migrare
      - Scritto da: opamaligna
      io sto guardando in giro, di alternative ai
      gruppi di discussione e altre cose ce ne sono
      molte, se passa tutto in mano a m$ io non la
      finanzio.Io chiudero' il mio account di posta su yahoo.Dopo quasi 10 anni di onorato servizio di yahoo mail, passero' a gmail definitivamente.
      • Svista scrive:
        Re: prepariamoci a migrare
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: opamaligna

        io sto guardando in giro, di alternative ai

        gruppi di discussione e altre cose ce ne sono

        molte, se passa tutto in mano a m$ io non la

        finanzio.

        Io chiudero' il mio account di posta su yahoo.
        Dopo quasi 10 anni di onorato servizio di yahoo
        mail, passero' a gmail
        definitivamente.Bravo bella scelta, cosi ti leggono le mail alla faccia tua.Fidati di ms, lei non le legge e non le leggera' mai (magari usando qualche virus tutto il resto del mondo si ma lei non lo fa, ci tiene alla privacy dei propri utenti)
        • ammatwain scrive:
          Re: prepariamoci a migrare

          Fidati di ms, lei non le legge e non le leggera'
          mai (magari usando qualche virus tutto il resto
          del mondo si ma lei non lo fa, ci tiene alla
          privacy dei propri
          utenti)(rotfl)
    • Tigerman scrive:
      Re: prepariamoci a migrare
      Io sono cresciuto con la mail di yahoo :(Che merda ma non potevano acquistare qualche portale sconosciuto?
  • mmmm scrive:
    Disastro occupazionale
    A parole ci sono delle rassicurazioni: "non succederà nulla, nessun pericolo e riciclo degli operatori che sono in esubero..."Peccato che nei fatti quegli operatori potrebbero non avere un lavoro alternativo e anzi la ms, proprio perchè ha sborsato tanti soldi, potrebbe avere un buon motivo per "ridimensionare" la struttura e mandare a casa una caterva di lavoratori... (Get The Facts)Una volta che i dirigenti di Yahoo! se ne andrano in pensione con tutti quei soldi, la ms punterà al mercato pubblicitario e spera di farsi nel lungo periodo tanti di quei soldi da diventare più forte di google. In ogni caso, quest'ultima si troverà con un avversario che giocherà al ribasso e gli sottrarrà investitori pubblicitari.E non è finita: con tutti quei soldi buttati, c'è spazio anche per un ridimensionamento "generalizzato" dei dipendenti ms a livello mondiale: non parlo di grosse cifre in un punto solo, ma di pochi lavoratori per centinaia di centri.
    • VE LO DICO IO scrive:
      Re: Disastro occupazionale
      Vanno a casa?? Pazienza... qual'è il problema, sono scelte aziendali... troveranno altro lavoro, l'importante è non affidarsi a sindacati e sindacalisti!!! (rotfl)
      • Svista scrive:
        Re: Disastro occupazionale
        - Scritto da: VE LO DICO IO
        Vanno a casa?? Pazienza... qual'è il problema,
        sono scelte aziendali... troveranno altro lavoro,
        l'importante è non affidarsi a sindacati e
        sindacalisti!!!
        (rotfl)Be non sarebbe male mandarne a casa qualcuno non trovi?Alla fin fine anche se MS ha sempre fatto tutto per il meglio, qualche scapestrato incompetente c'è sempre da licenziare
  • Naruto scrive:
    Linux Vs Windows
    Yahoo poggia la propria infrastruttura su tecnologie Unix/Linuxgia mi immagino il lento e graduale inzaccheramento di merda microsoft dentro il portale Yahoo.
    • Alessandro scrive:
      Re: Linux Vs Windows
      :D :DQuando digitere "www.yahoo.com" inizieremo a vedere le schermate blu? :D :D
    • Giambo scrive:
      Re: Linux Vs Windows
      - Scritto da: Naruto
      Yahoo poggia la propria infrastruttura su
      tecnologie
      Unix/Linux
      gia mi immagino il lento e graduale
      inzaccheramento di merda microsoft dentro il
      portale
      Yahoo.Magari questa volta andra' meglio di quando Microsoft ha acquistato Hotmail: Al terzo tentativo, e dopo diversi anni, sono finalmente riusciti a migrare da *BSD a Windows :D !
      • Pico scrive:
        Re: Linux Vs Windows
        - Scritto da: Giambo
        - Scritto da: Naruto

        Yahoo poggia la propria infrastruttura su

        tecnologie

        Unix/Linux

        gia mi immagino il lento e graduale

        inzaccheramento di merda microsoft dentro il

        portale

        Yahoo.

        Magari questa volta andra' meglio di quando
        Microsoft ha acquistato Hotmail: Al terzo
        tentativo, e dopo diversi anni, sono finalmente
        riusciti a migrare da *BSD a Windows :D
        !E infatti ora, come servizio, fa davvero cagare.
  • Anonimo scrive:
    Il destino di Yahoo è ormai segnato
    sarà acquistata dalla Microsoft.E' inutile fare resistenza, la Microsoft con i suoi potenti mezzi ha vinto!Lunga vita a Microsoft!(win)
    • rockroll scrive:
      Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
      M$ non ha ancora vinto e non è detto che vinca, ma caso mai sarebbe una vittoria di Pirro! E questa mossa, oltretutto susseguente al flop di Vista, potrebbe essere l'inizio della decadenza...
    • firewind scrive:
      Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
      "Anche Microsoft è un'attività umana e come tale ha avuto un inizio ed avrà una fine"Parafrasando bonanima di Giovanni Falcone, lui parlava della Mafia, ma tanto è la stessa cosa (no, forse M$ è peggio....)
      • Pico scrive:
        Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
        - Scritto da: firewind
        "Anche Microsoft è un'attività umana e come tale
        ha avuto un inizio ed avrà una
        fine"

        Parafrasando bonanima di Giovanni Falcone, lui
        parlava della Mafia, ma tanto è la stessa cosa
        (no, forse M$ è
        peggio....)Basta vedere le facce di Ballmer e Ozzie.Sono ormai vecchi, come vecchia è l'azienda che dirigono.Vecchia e bacucca, incapace di sopravvivere senza il suo ridicolo monopolio.Se finisce la storia di ritrovarsi preinstallato il loro fetentissimo SO su ogni pc (in barba a qualunque legge antitrust), 'sti buffoni spariscono nel giro di 2/3 mesi.Altro che riciclarsi in Yahoo.La guerra con Google l'hanno persa in partenza, non fosse altro per ragioni anagrafiche.
        • Renji Abarai scrive:
          Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
          - Scritto da: Pico
          Se finisce la storia di ritrovarsi preinstallato
          il loro fetentissimo SO su ogni pc (in barba a
          qualunque legge antitrust), 'sti buffoni
          spariscono nel giro di 2/3
          mesi.Oddio e chi prende il posto? Ti prego non dire Ubuntu/Kubuntu o un altro linux.Al massimo OS X.E se capitasse su linux vedi come spariscono tutti i terminali nelle aziende e si torna a carta e matita.
          • gino scrive:
            Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
            già infatti il 65% dei webserver usano apache...bene bene anche tutti quelli che navigano usando quei server devono tornare a carta e matita?
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
            terminali? Dicasi terminali quelli usati da comuni dipendenti e da segretarie?
          • Tigerman scrive:
            Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
            - Scritto da: Renji Abarai
            terminali? Dicasi terminali quelli usati da
            comuni dipendenti e da
            segretarie?13 anni fa i cosi detti dipendenti hanno imparato ad usare windows 95(hanno imparato anche a installarci cagate etc),sotto linux la pacchia è finita!SI LAVORA SERIAMENTE!Comunque anche io penso più a os x per il futuro,benvenga
          • iRoby scrive:
            Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
            Ma sei matto?Passare da un monopolio negli OS, ad un monopolio di un OS+hardware proprietario!Brrr mi vengono i brividi solo a pensarci.
          • Tigerman scrive:
            Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
            Eheheehehe secondo me l'hd propietario gioca a suo sfavore,senza windows i maggiori produttori sono costretti a puntare su linux,sarebbe figo no distro(open source),sviluppate da asus,dell etc
          • iRoby scrive:
            Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
            Inizierebbero ad inoculare in ognuna delle loro distro codici proprietari e a farsi ognuna il suo piccolo MacOSX...Molto meglio come sta facendo Dell, che prendano una Ubuntu o simile, e collaborino con la community fornendo specifiche per i propri hardware per farseli supportare al 100%.In questo modo ci riprendiamo l'informatica e siamo noi ad averne il pieno controllo.Più democratico di così...
          • eightcom scrive:
            Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
            si più anti-economico di così... Mi sa di comunismo!Mi auguro che Linux non diventi mai l' unico OS perchè sarebbe la fine del lavoro di sviluppatore
    • Svista scrive:
      Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
      - Scritto da: Anonimo
      sarà acquistata dalla Microsoft.
      E' inutile fare resistenza, la Microsoft con i
      suoi potenti mezzi ha
      vinto!
      Lunga vita a Microsoft!SEMPRE, faranno di yahoo finalmente un servizio al livello di MSN e Hotmail in grado di competere su internet.Speriamo licenzino tutti i dipendenti yahoo
      • krane scrive:
        Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
        - Scritto da: Svista
        - Scritto da: Anonimo

        sarà acquistata dalla Microsoft.

        E' inutile fare resistenza, la Microsoft con i

        suoi potenti mezzi ha

        vinto!

        Lunga vita a Microsoft!

        SEMPRE, faranno di yahoo finalmente un servizio
        al livello di MSN e Hotmail in grado di competere
        su
        internet.
        Speriamo licenzino tutti i dipendenti yahooEsatto: come hanno gia' fatto per tutti quelli che in microsoft hanno lavorato su Vista (rotfl)
      • Pico scrive:
        Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
        - Scritto da: Svista
        - Scritto da: Anonimo

        sarà acquistata dalla Microsoft.

        E' inutile fare resistenza, la Microsoft con i

        suoi potenti mezzi ha

        vinto!

        Lunga vita a Microsoft!

        SEMPRE, faranno di yahoo finalmente un servizio
        al livello di MSN e Hotmail in grado di competere
        su
        internet.
        Speriamo licenzino tutti i dipendenti yahooCome no!Infatti sono così bravi nel fare programmi e servizi, che, anche stavolta, sono costratti a spendere un sacco di soldi per comprare quello che non sono capaci di fare da soli.Cmq, tanto per darti un'idea, le quote di mercato sono ripartite così (prinipali competitors):Google 55% (in crescita)Yahoo 15% (in calo)MSN 5% (stazionaria...nonsi schioda da lì)Secondo te chi cacciano via?
        • Svista scrive:
          Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
          - Scritto da: Pico
          Secondo te chi cacciano via?Secondo te chi compra chi?Se sei un dipendente Yahoo... comincia a preparare le valigie, ah buon lunedi
      • Bastard Inside scrive:
        Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
        - Scritto da: Svista
        - Scritto da: Anonimo

        sarà acquistata dalla Microsoft.

        E' inutile fare resistenza, la Microsoft con i

        suoi potenti mezzi ha

        vinto!

        Lunga vita a Microsoft!

        SEMPRE, faranno di yahoo finalmente un servizio
        al livello di MSN e Hotmail in grado di competere
        su
        internet. A livello di MSN? Cioè vogliono peggiorare Yahoo???
        Speriamo licenzino tutti i dipendenti yahooGiusto, come ha detto un senatore (o deputato, non ricordo) USA, internet in pratica sarebbero i tubi dentro cui viaggia il porno, quindi Yahoo non ha certo bisogno di informatici, ma piuttosto di idraulici! (idea) :p :D (rotfl)
    • Leo scrive:
      Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
      [img]http://images.slashdot.org/topics/topicms.gif[/img]Surrender your weapons. Resistence is futile.
    • damagedbrai n scrive:
      Re: Il destino di Yahoo è ormai segnato
      Esatto... Evviva Microsoft evviva anche berlusconiLoro ci vogliono bene e ci garantiranno una vita serena e miglioreEvviva....ip ip URRRAAAAAAAAYAUUUUUUUUUE che siamo coxxioni che ci fidiamo di un software gratuito quando c'è ne è uno bellissimo che paghiamo con tutto il cuore....by questo è un messaggio del comitatoABBA s.s.a LAMU Tanda
Chiudi i commenti