Contrappunti/ La coda lunga. Disabitata?

di Massimo Mantellini - Internet non è il meraviglioso mondo dei piccoli numeri, dove una nicchia condivide prodotti di interesse con pochi altri ma ripropone invece le dinamiche tanto vituperate del mercato di massa

Roma – Scrive Anita Elberse, professore ad Harvard, al termine di una lunga discussione che ha animato nelle ultime settimane la rete internet: “Io credo che sia cruciale che le decisioni manageriali si basino non su nozioni romantiche legate all’impatto della tecnologia, ma che siano basate sull’evidenza empirica di ciò che sta effettivamente accadendo” . In questa frase c’è tutta la distanza che separa l’emergere di concetti romantici come quello della “coda lunga” applicati alla economia della rete.

il celebre diagramma Un passo indietro per capire un po’ meglio di cosa stiamo parlando. Anita Elberse ha scritto un lungo articolo su Harvard Business Review nel quale si contestano alcuni principi della Long Tail di Chris Anderson, uno dei topos maggiormente frequentati dai teorici della rete negli ultimi anni, ossia l’idea che esista un mercato molto ampio e variegato dei piccoli volumi che complessivamente rappresenti una occasione economica e culturale nuova ed entusiasmante mediata dalla distribuzione digitale in rete.

È certamente vero che abbiamo tutti sposato un po’ acriticamente il concetto di coda lunga, magari senza soffermarci troppo sui numeri che Anderson ha portato in questi anni a supporto della sua teoria. E del resto anche la gestione “comunicativa” del concetto di Long Tail meriterebbe studi appositi, data la grande capacità diffusiva che ha saputo mantenere negli anni, partendo dal primo storico articolo su Wired, continuando con il blog dedicato e terminato con un libro che è diventato, ironia della sorte, un blockbuster ed è stato tradotto in molte lingue italiano compreso.

Nessuno può farne una colpa ad Anderson o gridare allo scandalo se un libro sulla coda lunga è alla fine andato ad abitare la testa del diagramma, quella dedicata ai prodotti di grande popolarità e non, come forse sarebbe stato lecito immaginare, la parte più internet-like del diagramma stesso, vale a dire appunto la lunga scia discendente dello stesso, ma credo che a molti osservatori non sia sfuggito come l’aspetto romantico del diagramma, quel suo rappresentare la Internet delle nicchie, innovativa e controcorrente, abbia contribuito al grande successo della teoria.

Per tornare all’attualità, il lungo articolo della Elberse contesta alla base la teoria di Anderson ed analizzando i numeri di alcuni prodotti digitali suggerisce che in realtà la curva della lunga coda sia molto più piatta di quanto non si sarebbe potuto immaginare e che, soprattutto, la testa del diagramma sia non solo in ottima salute ma tenda a diventare sempre più grande.

Uscendo dai numeri e ripiombando nella valutazione romantica, Internet non sarebbe quindi il meraviglioso mondo dei piccoli numeri, dove ognuno di noi incontra la nicchia di prodotti a propria personale immagine e somiglianza e li condivide con un numero modesto di altri eletti, ma ricorderebbe invece le dinamiche tanto vituperate del mercato di massa: nel momento in cui i prodotti diventano digitali, si allontanano dalla schiavitù dello scaffale e dalle dinamiche economiche del mercato di massa, mentre le teorie abbandonano i gusti medi e inneggiano all’economia dell’abbondanza, ecco che il pubblico, quello vero, quello che apre il proprio portafoglio verso l’universo digitale, continua a scegliere ed acquistare i soliti prodotti e con dinamiche per nulla innovative, al più aggiungendo alla propria essenza di consumatore di prodotti per il mercato di massa qualche attenzione aggiuntiva anche per prodotti di nicchia che mai, prima di Internet, sarebbe stato in grado di raggiungere.

Ai dotti economisti lasciamo l’onere di definire meglio quanto Internet stia cambiando le dinamiche economiche delle persone nel momento in cui parte delle transazioni si spostano dalle scaffalature del supermercato all’impalpabile trafila di bit di una connessione su server sicuro, a Chris Anderson riconosciamo invece il talento di aver immaginato concetti che avvicinano il comune sentire di molte persone in rete ad una sorta di protocollo culturale ed economico valido per gli anni a venire.

Forse si tratta solo di decidere quale codice adottare per valutare lo scenario, se quello algido della analisi statistica applicata alla rete o quello sentimentale ed immaginifico di chi la rete la abita e la frequenta trasferendo al suo interno parte della propria normale vita di consumatore di contenuti, beni e servizi.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lechter scrive:
    Meglio
    Sinceramente Google già ha troppe cose pure Digg e poi ci spariamo tutti insieme
  • Anonimo scrive:
    PI SIETE IN RITARDO
    L'avevo detto prima io:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2366507&m=2371424#p2371424 8)
  • anonimo scrive:
    cos'e Digg
    non lo ho mai capitopotreste spiegarmelo plzgrazie 1000
    • Americano scrive:
      Re: cos'e Digg
      E' un posto dove la gente posta link e tu li voti link a notizie in genere digg.com google è tuo amico ;) è come un minestrone dove chi lo mangia decide come è fatto + o -
    • Shu scrive:
      Re: cos'e Digg
      - Scritto da: anonimo
      non lo ho mai capito
      potreste spiegarmelo plzUn aggregatore di link.In pratica tu ti iscrivi, segnali un link a un sito (che sia la home, un articolo, u'immagine, un video, ecc.), e gli altri utenti di digg lo votano.Se i voti positivi superano di un tot quelli negativi, il link finisce in homepage (e nei feed).Inoltre ogni utente ha la possibilità di commentare il link, di segnalare spam o link rotti, ecc.Dal punto di vista del codice e` una discreta cagatina che si fa in una giornata di programmazione.Il grosso di Digg è l'infrastruttura tecnica per reggere il carico di visite e la comunità già attiva.Bye.
    • MegaLOL scrive:
      Re: cos'e Digg
      Un posto pieno di sfigati che credono di essere tanto importanti mentre il mondo caga sulle loro facce. Come PI, solo più grande e in inglese.
    • informatore scrive:
      Re: cos'e Digg
      - Scritto da: anonimo
      non lo ho mai capito
      potreste spiegarmelo plz

      grazie 1000Non ti è mai capitato di vedere in giro l'icona Digg e con sotto un numero?Chi ti legge se clicca lì sopra fa salire il numero di persone che segnalano quel sito. Man mano che aumenta la notizia sale e può anche arrivare in homepage.Questa è una spiegazione un po' sintetica, per i particolari probabilmente guarda su wikipedia.La compagnia che ha creato digg.com è proprietaria anche di Revision3, una media company che fa show su Internet. Il più popolare è Diggnation che fanno tutti i venerdì, è un programma condotto da Kevin Rose (Fondatore di digg.com) e Alex Albrecht. Fanno vedere le storie più interessanti che hanno ricevuto tante segnalazioni. al momento è visto da 250'000 persone:http://revision3.com/diggnation/Un altro show popolare di revision3 è Totally Rad Show dove parlano di film, videogiochi e fumetti:http://www.totallyradshow.com/
Chiudi i commenti