Contrappunti/ L'assassino sbagliato

di M. Mantellini - I giornali si trasformano in tabloid Internet. Ma l'unica alternativa per il business delle notizie in Rete è: qualità, riflessione, approfondimento. L'epoca degli scoop è finita

Roma – È accaduto che per qualche ora un giovane statunitense, ignaro del destino tragico occorso anche alla sua famiglia, usasse la propria pagina Facebook come flebile microfono per discolparsi col mondo. Per qualche ora la battaglia dei comunicati e la loro potenza di emissione è stata asimmetrica come non mai: da un lato CNN , Huffington Post , Slate che davano in pasto all’opinione pubblica mondiale le foto prelevate dal profilo Facebook del crudele assassino di bambini di una scuola elementare del Connecticut, dall’altra i messaggi da un autobus del presunto assassino (quando secondo i media era già morto suicida alla fine dell’inumano attacco) nei quali diceva: “Ehi, non sono io, fottiti CNN, io sono a lavorare non c’entro nulla con tutta questa storia”.

Tutti oggi abbiamo una voce e ce l’abbiamo subito. E se abbiamo una voce, se possiamo usarla e se le cose che diciamo sono utili e interessanti troveremo rapido ascolto anche se il segnale che emettiamo è debolissimo. Mentre Ryan Lanza chattava dall’autobus ed i suoi amici lo aiutavano a diffondere i suoi annunci di estraneità alla tragedia che si stava compiendo, i professionisti dell’informazione iniziavano a fare i conti con la cantonata che avevano preso. Non era lui l’assassino, le foto che avevano diffuso con veloce superficialità non erano le foto del killer senza cuore ma quelle del fratello, innocente e vittima pure lui di una tragedia senza eguali.

Sono errori impossibili da rimediare con un semplice edit . Il profilo dell’assassino che ciascuno di noi ha memorizzato non abbandonerà più i tratti del viso di Ryan scambiato per il fratello minore Adam. Di quest’ultimo invece esistono solo foto da adolescente, quasi come se la previsione di una simile indecente popolarità lo avesse un giorno consigliato a non lasciare troppe tracce. Non a caso nel registro della scuola (fonte giornalistica per eccellezza in USA nei tempi pre-Facebook) la foto dell’assassino non è stata trovata, sostituita dalla scritta “imbarazzato dalla macchina fotografica”.

In ogni caso sottilizzare è inutile: nessun filo di Arianna condurrà CNN a casa dei milioni di persone che seguivano le breaking news dal teatro della strage per spiegare a ciascuno di essi che le foto prese su Facebook erano quelle dell’assassino sbagliato. Per dirla tutta ad una buona parte dell’audience la marcia indietra dei media sull’anagrafica del killer, per quanto deontologicamente corretta, risulterà del tutto irrilevante. Ryan vale Adam, un assassino vale l’altro, anche se uno lo era e l’altro no.

È la sindrome del dentifricio, una volta uscito dal tubetto, con tutta la buona volontà del mondo, non ci sarà modo di rimetterlo al suo posto. È per via delle bizzarrie del dentifricio che i media su Internet dovrano iniziare prima o poi a darsi tutti una calmata e a smetterla di comportarsi come i peggiori blog. Davanti ai nostri occhi di lettori è in corso un’asta al ribasso, una gara a chi fa peggio che coinvolge tutti, prestigiose testate e e neofiti scalpitanti e nella quale perfino noi, che scriviamo su Twitter la prima cosa che ci passa per la mente, abbiamo un ruolo.

Anche volendo applicare alla Rete la vecchia logica dello scoop (prestigio e soldi in cambio di notizie in esclusiva) nella stragrande maggioranza dei casi arrivare primi sul Web non garantisce granché. Se scrivi per primo che l’assassino della scuola elementare aveva un profilo Facebook e pubblichi le sue foto, chiunque pochi secondi dopo potrà far altrettanto e la rendita di posizione si dissolverà come neve al sole. Ciò che un tempo erano soldi per l’editore e pacche sulle spalle per il giornalista oggi sono paranoie per addetti ai lavori senza grandi ricadute pratiche. In altre parole il Watergate è stato archiviato dal pensionamento delle rotative ma la testa dei giornali è rimasta la medesima. Forse sarebbe il caso che tutti (ma la stampa per prima) iniziassimo a pesare le parole su Internet esattamente come si faceva al tempo sulla carta stampata.

Pesare le parole del resto è l’unica distanza che separa le redazioni da tutto il resto della comunicazione intorno, un universo di frasi e punti di vista che dieci anni fa era quasi assente ma che ora è intensamente abitato e dentro il quale è possibile trovare di tutto. Dare un peso alle parole è anche il solo modello di business possibile, non solo per il cosiddetto giornalismo di qualità ma anche per tutti coloro che aspirano ad elevare i propri pensieri dal rumore di fondo di una Rete gigantesca, rapidissima e così piena di parole.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guido La Vespa scrive:
    In cerca di pubblicità gratuita
    Queste associazioni sono in cerca di pubblicità a basso costo e intanto il tempo e le risorse che le istituzioni economiche, umane e materiali, dovranno dedicare ad esaminare il ricorso lo paghiamo tutti.
    • SIGLAZY scrive:
      Re: In cerca di pubblicità gratuita
      Può anche darsi, ma è dannoso criticare queste associazioni, dato che è stato il Ministero dell'Istruzione a spendere dei soldi per far compilare le domande ad un incompetente, con l'effetto collaterale di servire su di un piatto d'argento a questa associazione il pretesto per farsi pubblicità.Il ricorso lo paghiamo tutti, ma per colpa del Ministero che ha pagato CON I SOLDI DI TUTTI il "consulente di informatichese" che ha scritto quelle XXXXXte - e sono XXXXXte, perchè mi sono riletta l'analisi fatta da Davoli e ho trovato errori gravi anche nei quiz per i quali il professore non aveva segnalato nulla...
      • Guido La Vespa scrive:
        Re: In cerca di pubblicità gratuita
        Queste associazioni sono da criticare al 100% visto che fanno spendere solfi di tutti solo per un po' di pubblicità gratuita.
  • paoloholzl scrive:
    Bravo Davoli! I nuovi quiz della patente
    Se le domande di informatica in un consorso pubblico si fanno così, ecco un esempio delle domande che andrebbero fatte all'esame per prendere la patente.Data una Fiat Punto modello del 2010, dove si trova la manopola per spostare il sedile?Da cosa si riconosce un distributore Agip e che tipo di carburanti può erogare?Se devi fare la revisione di una Fiat Punto devi andare, dal concessionario Fiat di zona o a una qualsiasi concessionaria?Come si rinnova una patente all'ACI?Chi dice che le domande su Office sono legate al fatto che tanti lo usano vale lo stesso principio sul fatto che tanti vanno all' Agip, comprano le Fiat Punto e vanno all'ACI.Nei quiz per la patente GIUSTAMENTE si insegnano le regole, non si capisce perché in informatica si parla delle specificità relative a determinate marche di prodotto.
    • panda rossa scrive:
      Re: Bravo Davoli! I nuovi quiz della patente
      - Scritto da: paoloholzl

      Nei quiz per la patente GIUSTAMENTE si insegnano
      le regole, non si capisce perché in informatica
      si parla delle specificità relative a determinate
      marche di
      prodotto.Non si capisce?Guarda che si capisce benissimo.Ci sono un sacco di sentenze di condanna per abuso di posizione dominante con metodi coercitivi di stampo mafioso.E uno dei metodi coercitivi e' anche quello usato nel concorsone.
      • Guido La Vespa scrive:
        Re: Bravo Davoli! I nuovi quiz della patente
        - Scritto da: panda rossa
        Ci sono un sacco di sentenze di condanna per
        abuso di posizione dominante con metodi
        coercitivi di stampo
        mafioso.Mi citi una di queste sentenze in cui vengono condannati questi "metodi coercitivi di stampo mafioso"?
        • panda rossa scrive:
          Re: Bravo Davoli! I nuovi quiz della patente
          - Scritto da: Guido La Vespa
          - Scritto da: panda rossa

          Ci sono un sacco di sentenze di condanna per

          abuso di posizione dominante con metodi

          coercitivi di stampo

          mafioso.

          Mi citi una di queste sentenze in cui vengono
          condannati questi "metodi coercitivi di stampo
          mafioso"?Cercatela!https://www.google.it/search?q=abuso+posizione+dominante+microsoft
          • Guido La Vespa scrive:
            Re: Bravo Davoli! I nuovi quiz della patente
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Guido La Vespa

            - Scritto da: panda rossa


            Ci sono un sacco di sentenze di
            condanna
            per


            abuso di posizione dominante con metodi


            coercitivi di stampo


            mafioso.



            Mi citi una di queste sentenze in cui vengono

            condannati questi "metodi coercitivi di
            stampo

            mafioso"?

            Cercatela!
            https://www.google.it/search?q=abuso+posizione+domHo già cercato e non ho letto da nessuna parte di "metodi coercitivi di stampo mafioso", per cui ti sarei grato se mi indicassi dove approfondire.
  • pippo75 scrive:
    Domanda 22
    Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo di....1 Associare al file il programma che lo debba elaborare.2 Consentire una più facile ricerca di quel file.3 Distinguere le diverse versioni di quello stesso file.4 Codificare il nome della persona che lo ha realizzato.""Fantocci, ci dichi cosa è lestension'è. Dicesi estensione, una particolare gara di lancio del martello dove si guarda l'estendersi degli effetti del martello.""Da quanto mi risulta l'estensione è nata ai tempi del CPM ( ma magari è più vecchia, sapete se era presente già in altri os? unix? ), serviva per riconoscere i file. La più vecchia estensione che ricordo è .COM.Per cui l'origine sembra che dia ragione alla risposta "1".Poi in realtà esistono anche altri utilizzi di questo parametro.Un "dir *gatto*.jpg /s" mi aiuta a cercare le foto che possono essere di un gatto.Come detto .001 .002 .003 .004 vengono usate per le versioni di alcuni tipi di file.La "4" penso che sia possibile ma mi risulta nuova come soluzione
    • Leguleio scrive:
      Re: Domanda 22
      - Scritto da: pippo75
      Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo di....

      1 Associare al file il programma che lo debba
      elaborare.
      2 Consentire una più facile ricerca di quel file.
      3 Distinguere le diverse versioni di quello
      stesso
      file.
      4 Codificare il nome della persona che lo ha
      realizzato.

      Da quanto mi risulta l'estensione è nata ai tempi
      del CPM ( ma magari è più vecchia, sapete se era
      presente già in altri os? unix? ), serviva per
      riconoscere i file.Interessante domanda. Non ho trovato una fonte consultabile, ma la wikipedia inglese indica la nascita del sistema che conosciamo oggi nel Compatible time-sharing system, un sistema operativo del 1961. Anziché nome ed estensione usava "primary name" e "secondary name". L'hard disk però era nato nel 1956, era l'IBM 350, e non so che sistema usasse per i file e le directory, negli anni fra il 1956 e il 1961. Quella domanda del quiz è fuorviante, perché nei più vecchi editori di testo, come Wordstar, i file non avevano estensione, e quindi, a proprio piacere, si potevano mettere estensioni per codificare il nome di chi lo aveva creato (risposta 4), oppure per indicare la versione (risposta 3). :-) Ma al di là di questa nota storica, credo che chiunque ammette come valida la risposta 1.
      • panda rossa scrive:
        Re: Domanda 22
        - Scritto da: Leguleio
        Ma al di là di questa nota
        storica, credo che chiunque ammette come valida
        la risposta
        1.Io no.Quindi non puoi dire "chiunque".
        • Leguleio scrive:
          Re: Domanda 22
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Leguleio

          Ma al di là di questa nota

          storica, credo che chiunque ammette come
          valida

          la risposta

          1.

          Io no.
          Quindi non puoi dire "chiunque".Tu non fai testo. Fai solo folclore. :p
          • panda rossa scrive:
            Re: Domanda 22
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Leguleio


            Ma al di là di questa nota


            storica, credo che chiunque ammette come

            valida


            la risposta


            1.



            Io no.

            Quindi non puoi dire "chiunque".

            Tu non fai testo. Fai solo folclore. :pTanto basta.Qualunque avvocato potrebbe dimostrare in sede di dibattimento, che ciascuna delle quattro risposte possibili puo' essere considerata giusta o sbagliata.Questo test dimostra chiaramente due cose:a) chi lo ha redatto non sa scrivere in italiano.b) chi lo ha redatto non capisce niente di informatica.
        • Leguleio scrive:
          Re: Domanda 22
          Due commenti spariti.Certo che cancellare una risposta che era solo una battuta, c'era pure la faccina...Nulla di importante, ma fra poco finiamo in clausura sotto l'autorità della madre superiora.
          • Leguleio scrive:
            Re: Domanda 22
            - Scritto da: bubba
            Interessante dissertazione (T1000 a parte), ma ho
            paura che NON sappiate leggere le domande (o
            meglio le
            risposte).
            Molti dicono che la risposta giusta sarebbe la
            "1"....

            Ma riportiamo il testo
            "Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo
            di....
            1 Associare al file il programma che lo debba
            elaborare."

            Qui il Professore interpreta la windows-way delle
            cose, e pure
            malamente.

            PRESUPPONE che un estensione sia presente solo in
            file che contengono DATI. Se no quella (1) non
            avrebbe senso. IMHO Non vale neanche
            interpretandola in modo esteso (un file .COM aka
            un binario eseguibile, che "viene associato" alla
            shell COMMAND ...perche' in realta' non e'
            veramente importante l'estensione in
            se)Sì, ma vorrei spiegare una cosa a coloro che diventano pignoli solo con i test del Miur. Era una prova di preselezione generale, il test vero e proprio per materia, quello decisivo, sarà diverso. Si trattava di 3500 (tremilacinquecento) quiz già noti ai candidati, o meglio, a quei candidati che avevano voglia di leggerli, e di pagare 8 euro per avere le risposte. Molti non hanno fatto nemmeno questo, e sono stati bocciati. :-DVista la aspecificità della prova, e visto che i dipendenti del ministero dovevano partorire 3500 quiz diversi, non è questo gran scandalo se ne sono venuti fuori anche di sguinci, balenghi o cannati. Ripeto, le risposte esatte erano disponibili <B
            prima </B
            della prova.Io rimango della mia idea: le risposte 2, 3 e 4 sono incompatibili con i computer di oggi; per esclusione il candidato va sulla 1, anche se molto corretta non è.
          • bubba scrive:
            Re: Domanda 22
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: bubba


            Interessante dissertazione (T1000 a parte),
            ma
            ho

            paura che NON sappiate leggere le domande (o

            meglio le

            risposte).

            Molti dicono che la risposta giusta sarebbe
            la

            "1"....



            Ma riportiamo il testo

            "Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo

            di....

            1 Associare al file il programma che lo debba

            elaborare."



            Qui il Professore interpreta la windows-way
            delle

            cose, e pure

            malamente.



            PRESUPPONE che un estensione sia presente
            solo
            in

            file che contengono DATI. Se no quella (1)
            non

            avrebbe senso. IMHO Non vale neanche

            interpretandola in modo esteso (un file .COM
            aka

            un binario eseguibile, che "viene associato"
            alla

            shell COMMAND ...perche' in realta' non e'

            veramente importante l'estensione in

            se)

            Sì, ma vorrei spiegare una cosa a coloro che
            diventano pignoli solo con i test del Miur. Non io (non col "solo"). "sfortunatamente" ho insegnato ripetute volte alcuni aspetti dell'informatica nel tempo. E in particolare ricordo un corposo corso di svariati mesi. Quindi di riflessioni su come fare (non fare) le domande, in modo che non siano ambigue loro e le risposte, ne ho fatte parecchie. OVVIAMENTE facevo anche qualche domanda trabocchetto (nel senso che la domanda era chiara, ma piu risposte sembravano giuste, MA se avevi capito, solo una era inequivocabilmente esatta).
            Era una prova di preselezione generale, il test vero
            e proprio per materia, quello decisivo, sarà
            diverso. Si trattava di 3500 (tremilacinquecento)
            quiz già noti ai candidati, o meglio, a quei
            candidati che avevano voglia di leggerli, e di
            pagare 8 euro per avere le risposte. Molti non
            hanno fatto nemmeno questo, e sono stati
            bocciati.
            :-Deheh.. non e' cmq una buona scusa per scrivere domande (e risposte) sballate. Anzi. E poi la "malattia windows" rimane comunque.
            Vista la aspecificità della prova, e visto che i
            dipendenti del ministero dovevano partorire 3500
            quiz diversi, non è questo gran scandalo se ne
            sono venuti fuori anche di sguinci, balenghi o
            cannati. Ripeto, le risposte esatte erano
            disponibili <B
            prima </B
            della
            prova.eh ma se mi fai una prova di preselezione con robba partorita sotto acido, io lettore-concorrente, cosa ne dovrei dedurre?
            Io rimango della mia idea: le risposte 2, 3 e 4
            sono incompatibili con i computer di oggi; per
            esclusione il candidato va sulla 1, anche se
            molto corretta non
            è.Mhh, beh e' un modo assai BIZZARRO di fare un quiz, tentare che uno azzecchi la meno peggio (e qui, anche la [1], e' veramente brutta. MOLTO windows-way e concettualmente sballata. Magari uno, con ragioni, pensa che la meno peggio sia un altra). La risposta buona dev'essere UNA. Veniva meglio se facevano una domanda meno aperta a elocubrazioni...
          • Leguleio scrive:
            Re: Domanda 22
            - Scritto da: bubba

            Era una prova di preselezione generale, il test
            vero

            e proprio per materia, quello decisivo, sarà

            diverso. Si trattava di 3500
            (tremilacinquecento)

            quiz già noti ai candidati, o meglio, a quei

            candidati che avevano voglia di leggerli, e di

            pagare 8 euro per avere le risposte. Molti non

            hanno fatto nemmeno questo, e sono stati

            bocciati.

            :-D
            eheh.. non e' cmq una buona scusa per scrivere
            domande (e risposte) sballate. Anzi. E poi la
            "malattia windows" rimane
            comunque.E infatti della "windowsite" abbiamo trattato in una discussione sopra.

            Vista la aspecificità della prova, e visto che i

            dipendenti del ministero dovevano partorire 3500

            quiz diversi, non è questo gran scandalo se ne

            sono venuti fuori anche di sguinci, balenghi o

            cannati. Ripeto, le risposte esatte erano

            disponibili <B
            prima </B
            della

            prova.
            eh ma se mi fai una prova di preselezione con
            robba partorita sotto acido, io
            lettore-concorrente, cosa ne dovrei
            dedurre?Che gli insegnanti verranno trattati così per tutta la loro carriera, e pagati 1200 euro al mese, e molti già lo sanno, essendo precari. Altro da dedurre non c'è. È una forma di pedagogia a rovescio. Tanto per dirne una: come mai ogni anno nelle tracce dei temi c'è sempre qualche errore (concettuale, o di ortografia)?

            Io rimango della mia idea: le risposte 2, 3 e 4

            sono incompatibili con i computer di oggi; per

            esclusione il candidato va sulla 1, anche se

            molto corretta non

            è.
            Mhh, beh e' un modo assai BIZZARRO di fare un
            quiz, tentare che uno azzecchi la meno peggio Giusto, la scuola si adegua al mondo dello spettacolo. ;-) Sono stato un assiduo spettatore di <I
            Chi vuol essere milionario? <I
            , e ti assicuro che di risposte tirate per i capelli ce n'era una a concorrente. Alcuni fecero anche ricorso, e lo vinsero, contro la risposta sbagliata. Ma quando sei lì e ci sono in ballo i soldi (o un posto fisso), non pensi a queste cose, ma a individuare la risposta che potrebbe essere giusta senza esserlo. E ad andare avanti.
          • Leguleio scrive:
            Re: Domanda 22
            chisura corsivo </I
          • bubba scrive:
            Re: Domanda 22
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: bubba


            eh ma se mi fai una prova di preselezione con

            robba partorita sotto acido, io

            lettore-concorrente, cosa ne dovrei

            dedurre?

            Che gli insegnanti verranno trattati così per
            tutta la loro carriera, e pagati 1200 euro al
            mese, e molti già lo sanno, essendo precari.
            Altro da dedurre non c'è. È una forma di
            pedagogia a rovescio.ehehe mi piace questo tuo cinismo salace. E' il natale, vero? :PSe e' questo cio che dovrei dedurre, allora concordo e mi taccio :|
            Tanto per dirne una: come mai ogni anno nelle
            tracce dei temi c'è sempre qualche errore
            (concettuale, o di
            ortografia)?effettivamente... mhh ora che mi ci fai pensare, qualcuno ha anche notato che il "solito refrein" dipendenti pubblici=Sud=lavativi, ha qualche rilevanza 'numerica'... le zone dove i test Invalsi vanno peggio, sono anche quelli dove gli insegnanti hanno fallito di piu' il concorsone...(..)

            Mhh, beh e' un modo assai BIZZARRO di fare un

            quiz, tentare che uno azzecchi la meno
            peggio


            Giusto, la scuola si adegua al mondo dello
            spettacolo. ;-)lol. e' il natale, me lo sento :P
            Sono stato un assiduo spettatore di <I

            Chi vuol essere milionario? <I
            , e ti
            assicuro che di risposte tirate per i capelli ce
            n'era una a concorrente. Alcuni fecero anche
            ricorso, e lo vinsero, contro la risposta
            sbagliata. Ma quando sei lì e ci sono in ballo i
            soldi (o un posto fisso), non pensi a queste
            cose, ma a individuare la risposta che potrebbe
            essere giusta senza esserlo. E ad andare
            avanti.non l'ho guardato mai molto... ma anch'io mi sono grattato la testa parecchie volte, dubbioso. Il Rischiatutto era piu professionale.In effetti le domande/risposte di questi quiz, su argomenti che conosco bene, mi fanno lo stesso effetto di quelle del concorsone. OVVERO che rischiano pesantemente di far rispondere in modo errato uno che conosce bene le cose, e far azzeccare uno che ha imparato le cose leggendo Donna Moderna.
          • Leguleio scrive:
            Re: Domanda 22
            </I
            - Scritto da: bubba


            Mhh, beh e' un modo assai BIZZARRO di
            fare
            un


            quiz, tentare che uno azzecchi la meno

            peggio





            Giusto, la scuola si adegua al mondo dello

            spettacolo. ;-)
            lol. e' il natale, me lo sento :P


            Sono stato un assiduo spettatore di

            Chi vuol essere milionario? , e ti

            assicuro che di risposte tirate per i
            capelli
            ce

            n'era una a concorrente. Alcuni fecero anche

            ricorso, e lo vinsero, contro la risposta

            sbagliata. Ma quando sei lì e ci sono in
            ballo
            i

            soldi (o un posto fisso), non pensi a queste

            cose, ma a individuare la risposta che
            potrebbe

            essere giusta senza esserlo. E ad andare

            avanti.<

            non l'ho guardato mai molto... ma anch'io mi sono
            grattato la testa parecchie volte, dubbioso. Il
            Rischiatutto era piu
            professionale.
            In effetti le domande/risposte di questi quiz, su
            argomenti che conosco bene, mi fanno lo stesso
            effetto di quelle del concorsone. OVVERO che
            rischiano pesantemente di far rispondere in modo
            errato uno che conosce bene le cose, e far
            azzeccare uno che ha imparato le cose leggendo
            Donna
            Moderna.Ciò detto, ti rivelo come un insegnante aveva fatto per passare un test abbastanza simile, anni fa (se ho ben capito dava punteggio in graduatoria). Avendo già le risposte esatte in anticipo, lui nemmeno leggeva la domanda: leggeva <B
            esclusivamente </B
            la risposta esatta. Nel caso della 22, ad esempio, lui avrebbe letto solo "Associare al file il programma che lo debba elaborare", e l'avrebbe ben memorizzata. E così, una volta al concorso, ha letto solo le alternative e una volta riconosciuta quella esatta l'ha barrata. Concorso passato senza sforzo. 8)Nella vita, e nella scuola italiana, bisogna essere pragmatici, altrimenti non se ne esce più.
          • panda rossa scrive:
            Re: Domanda 22
            - Scritto da: Leguleio
            Due commenti spariti.
            Certo che cancellare una risposta che era solo
            una battuta, c'era pure la
            faccina...Ma che ti frega del t1000!Pensa che sei scampato alla fine del mondo e passa le feste con serenita'!
          • bubba scrive:
            Re: Domanda 22
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Leguleio

            Due commenti spariti.

            Certo che cancellare una risposta che era
            solo

            una battuta, c'era pure la

            faccina...

            Ma che ti frega del t1000!
            Pensa che sei scampato alla fine del mondo e
            passa le feste con
            serenita'!ehhe... pensavo che siamo scampati al millenium bug, al maya bug... adesso attendiamo il 19 gennaio del 2038 per il Unix Epoch Time bug
  • Get the Facts scrive:
    panda rossa
    ... c'hai rotto! Sai come si cuciono e si confezionano i vestiti? I nomi dei materiali e dei vari tipi di cucitura? No, allora da domani vai a giro nudo.
  • nome e cognome scrive:
    scandaloso...
    Vi rendete conto che la prova poteva essere sostenuta soltanto scegliendo tra 4 lingue straniere: inglese, tedesco, francese e spagnolo. E' veramente incredibile che si sia deciso di penalizzare in maniera cosi' evidente chi conosce solo l'esperanto, il turkmento, il baluchi e persino lo svedese.E' inaccettabile che si discrimini in maniera cosi' evidente il bulgaro per favorire le solite note.
  • nunzio scrive:
    Inutile polemica
    Le domande non erano per insegnare ma per vedere chi il computer lo usa e chi no.Il fatto che fossero windows centriche ci può stare visto che innanzi tutto è il sistema desktop più usato in italia ed al mondo, ed in secondo luogo perché è comunque il sistema operativo che useranno una volta entrati nella scuola italiana. E' normale, anzi, direi auspicabile, che il tuo futuro datore di lavoro ti faccia domande su quello che dovrai usare piuttosto che fare il "politicamente corretto" ed avere poi una massa di incompetenti a lavoro.Alcune domande sono banali ma dobbiamo ricordarci che è un test generico e non per informatici professionisti.Sul fatto che qualcuna sia inesatta o errata, là vedremo se qualcuno farà ricorso e come andrà a finire. C'è da dire che secondo me chi ha sbagliato risposta su domande ambigue, comunque difficilmente ha fatto giuste tutte le altre.Lo stesso professore dà per scontato quali sono le risposte date per corrette o più corrette di altre.
    • panda rossa scrive:
      Re: Inutile polemica
      - Scritto da: nunzio
      Le domande non erano per insegnare ma per vedere
      chi il computer lo usa e chi
      no.E a che serve sapere chi lo usa e chi no?
      Il fatto che fossero windows centriche ci può
      stare visto che innanzi tutto è il sistema
      desktop più usato in italia ed al mondo, No, non ci puo' stare.Altrimenti stai applicando il principio di Marchesi.http://aforismi.meglio.it/aforisma.htm?id=9e1c
      ed in
      secondo luogo perché è comunque il sistema
      operativo che useranno una volta entrati nella
      scuola italiana.Di quale versione stai parlando?Del piastrellato?
      E' normale, anzi, direi
      auspicabile, che il tuo futuro datore di lavoro
      ti faccia domande su quello che dovrai usare
      piuttosto che fare il "politicamente corretto" ed
      avere poi una massa di incompetenti a
      lavoro.E' auspicabile che la gente come te vada a spalare il letame!
      Alcune domande sono banali ma dobbiamo ricordarci
      che è un test generico e non per informatici
      professionisti.L'informatica e' una scienza.
      Sul fatto che qualcuna sia inesatta o errata, là
      vedremo se qualcuno farà ricorso e come andrà a
      finire. C'è da dire che secondo me chi ha
      sbagliato risposta su domande ambigue, comunque
      difficilmente ha fatto giuste tutte le
      altre.Considerando le tue opinioni espresse poco sopra, non credo che si possa fare affidamento su questa.
      Lo stesso professore dà per scontato quali sono
      le risposte date per corrette o più corrette di
      altre.Ci sara' un perche'!
      • nunzio scrive:
        Re: Inutile polemica
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: nunzio

        Le domande non erano per insegnare ma per
        vedere

        chi il computer lo usa e chi

        no.

        E a che serve sapere chi lo usa e chi no?
        Ma infatti, non domandiamo neppure se sanno parlare l'italiano a questo punto.
        No, non ci puo' stare.
        Altrimenti stai applicando il principio di
        Marchesi.
        http://aforismi.meglio.it/aforisma.htm?id=9e1c
        Applico il principio che viviamo nella terra nel 2012. Infatti tu, che usi sistemi open mi sembra, comunque conoscevi le risposte.

        Di quale versione stai parlando?
        Del piastrellato? Di certo dell'XP
        E' auspicabile che la gente come te vada a
        spalare il
        letame!Non hai risposto nel merito, se non hai argomenti salta il punto.

        L'informatica e' una scienza.E chi lo mette in dubbio? ma quello è un test di conoscenza generale del digitale, non l'esame di sistemi operativi all'università.

        Considerando le tue opinioni espresse poco sopra,
        non credo che si possa fare affidamento su
        questa.Non ho capito cosa c'entra la mia opinione con quello che accadrà. Vediamo se ci saranno ricorsi. Gli errori sono errori indipendentemente da come la pensiamo io o tu.


        Lo stesso professore dà per scontato quali
        sono

        le risposte date per corrette o più corrette
        di

        altre.

        Ci sara' un perche'!Si, perchè risponde mettendosi nei panni dell'"utonto", poi la fa polemica rivestendosi da professore e paladino dell'open. Sono due cose diverse.
        • panda rossa scrive:
          Re: Inutile polemica
          - Scritto da: nunzio
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: nunzio


          Le domande non erano per insegnare ma
          per

          vedere


          chi il computer lo usa e chi


          no.



          E a che serve sapere chi lo usa e chi no?



          Ma infatti, non domandiamo neppure se sanno
          parlare l'italiano a questo
          punto.Esistono cose dette "prerequisiti".

          No, non ci puo' stare.

          Altrimenti stai applicando il principio di

          Marchesi.


          http://aforismi.meglio.it/aforisma.htm?id=9e1c



          Applico il principio che viviamo nella terra nel
          2012. Infatti tu, che usi sistemi open mi sembra,
          comunque conoscevi le risposte.Io conosco i sistemi e le applicazioni.La risposta a quella domanda posta in quel modo non la conosco, in quanto non estiste alcuna risposta.

          Di quale versione stai parlando?

          Del piastrellato?

          Di certo dell'XPXP e' un sistema morto e sepolto.Appartiene alla paleoinformatica.

          E' auspicabile che la gente come te vada a

          spalare il

          letame!

          Non hai risposto nel merito, se non hai argomenti
          salta il
          punto.Se non cogli il merito della mia risposta, e' inutile proseguire.

          L'informatica e' una scienza.


          E chi lo mette in dubbio? ma quello è un test di
          conoscenza generale del digitale, non l'esame di
          sistemi operativi
          all'università.Quello non e' un test di conoscenza generale.Quello e' un test di conoscenza SPECIFICA neppure necessaria.

          Considerando le tue opinioni espresse poco
          sopra,

          non credo che si possa fare affidamento su

          questa.

          Non ho capito cosa c'entra la mia opinione con
          quello che accadrà. Vediamo se ci saranno
          ricorsi. Gli errori sono errori indipendentemente
          da come la pensiamo io o tu.I ricorsi ci saranno comunque e finira' come al solito a tarallucci e vino.;


          Lo stesso professore dà per scontato
          quali

          sono


          le risposte date per corrette o più
          corrette

          di


          altre.



          Ci sara' un perche'!

          Si, perchè risponde mettendosi nei panni
          dell'"utonto", poi la fa polemica rivestendosi da
          professore e paladino dell'open. Sono due cose
          diverse.Ha sollevato una questione condivisibile.Non c'entra ne' l'utonto, ne' l'open.
          • nunzio scrive:
            Re: Inutile polemica


            Esistono cose dette "prerequisiti".
            Bravo

            Io conosco i sistemi e le applicazioni.
            La risposta a quella domanda posta in quel modo
            non la conosco, in quanto non estiste alcuna
            risposta.Ed allora, se non sai la risposta giusta, non puoi fare polemica.



            Di quale versione stai parlando?


            Del piastrellato?



            Di certo dell'XP

            XP e' un sistema morto e sepolto.
            Appartiene alla paleoinformatica.
            E che vuoi da me? Mi hai chiesto tu che versione hanno nelle scuole. Principalmente XP ti ho detto.

            Se non cogli il merito della mia risposta, e'
            inutile
            proseguire.Il merito della tua risposta è che hai casa da pulire, ma non vedo il nesso con l'argomento.
            Quello non e' un test di conoscenza generale.
            Quello e' un test di conoscenza SPECIFICA neppure
            necessaria.
            Se facevano le domande che volevi tu ne passava il 1,5%, non il 33.

            I ricorsi ci saranno comunque e finira' come al
            solito a tarallucci e
            vino.
            ; Ed allora come vedi ho ragione io: polemica inutile.

            Si, perchè risponde mettendosi nei panni

            dell'"utonto", poi la fa polemica
            rivestendosi
            da

            professore e paladino dell'open. Sono due
            cose

            diverse.

            Ha sollevato una questione condivisibile.
            Non c'entra ne' l'utonto, ne' l'open.Si invece: erano domande da "utonto", non da informatici o scienziati.Rimane fermo il fatto che se ce ne sono di sbagliate non va bene.
          • panda rossa scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: nunzio



            Esistono cose dette "prerequisiti".



            Bravo





            Io conosco i sistemi e le applicazioni.

            La risposta a quella domanda posta in quel
            modo

            non la conosco, in quanto non estiste alcuna

            risposta.

            Ed allora, se non sai la risposta giusta, non
            puoi fare
            polemica.Proprio perche' so la risposta, posso dire che la domanda e' posta in modo fuorviante e tendenzioso.Che cosa succede in auto se premi il pulsante al centro del volante?a) Suona il clacsonb) Quale pulsante?



            Di quale versione stai parlando?



            Del piastrellato?





            Di certo dell'XP



            XP e' un sistema morto e sepolto.

            Appartiene alla paleoinformatica.



            E che vuoi da me? Mi hai chiesto tu che versione
            hanno nelle scuole. Principalmente XP ti ho
            detto.Quindi la scuola utilizza un sistema vecchio e pretende di insegnare il funzionamento di un sistema vecchio, invece che dei principi universali, cosi' poi quando lo studente entrera' nel mondo del lavoro si trovera' una cosa che non conosce e che non sapra' come usare, visto che invece di F5 ci sara' uno schermo touch.

            Quello non e' un test di conoscenza generale.

            Quello e' un test di conoscenza SPECIFICA
            neppure

            necessaria.



            Se facevano le domande che volevi tu ne passava
            il 1,5%, non il
            33.E' a questo che servono i test: a filtrare.Se devono passare tutti, e' inutile perdere tempo coi test.

            I ricorsi ci saranno comunque e finira' come
            al

            solito a tarallucci e

            vino.

            ;

            Ed allora come vedi ho ragione io: polemica
            inutile.Le polemiche non sono mai inutili sul forum di PI.Puoi dire che sono fini a se stesse, ma sicuramente non inutili.


            Si, perchè risponde mettendosi nei panni


            dell'"utonto", poi la fa polemica

            rivestendosi

            da


            professore e paladino dell'open. Sono
            due

            cose


            diverse.



            Ha sollevato una questione condivisibile.

            Non c'entra ne' l'utonto, ne' l'open.

            Si invece: erano domande da "utonto", non da
            informatici o
            scienziati.No. Erano domande per insegnanti.L'utonto manco sa che cos'e' il refresh, altro che F5.
            Rimane fermo il fatto che se ce ne sono di
            sbagliate non va bene.Quindi non va bene.
          • nunzio scrive:
            Re: Inutile polemica

            Proprio perche' so la risposta, posso dire che la
            domanda e' posta in modo fuorviante e
            tendenzioso.
            Se sai la risposta "più giusta" allora la dovenao sapere anche loro. Ti ripeto: qua conta solo se ci sono errori, il fatto di che il test sia windows centrico non è un problema.
            Che cosa succede in auto se premi il pulsante al
            centro del
            volante?
            a) Suona il clacson
            b) Quale pulsante?
            a)

            Quindi la scuola utilizza un sistema vecchio e
            pretende di insegnare il funzionamento di un
            sistema vecchio, invece che dei principi
            universali, cosi' poi quando lo studente entrera'
            nel mondo del lavoro si trovera' una cosa che non
            conosce e che non sapra' come usare, visto che
            invece di F5 ci sara' uno schermo
            touch.
            E arridaglie! Non era un test per vededere se sapevano cosa insegnare agli alunni, era un test per vedere se LORO avevano conoscenze generali della materia.

            E' a questo che servono i test: a filtrare.
            Se devono passare tutti, e' inutile perdere tempo
            coi
            test.
            Ed hanno filtrato infatti
            Le polemiche non sono mai inutili sul forum di PI.
            Puoi dire che sono fini a se stesse, ma
            sicuramente non
            inutili.
            Si, per fare access in effetti non sono inutili


            No. Erano domande per insegnanti.
            L'utonto manco sa che cos'e' il refresh, altro
            che
            F5.
            Insegnati generici, non insegnanti di informatica. E' un test di preselezione. Cosa non è chiaro di questo concetto?

            Rimane fermo il fatto che se ce ne sono di

            sbagliate non va bene.

            Quindi non va bene.Lo vedremo, vediamo se qualcuno fa ricorso. A mio avviso, ti ripeto, è difficile che questo accada per il seguente motivo: è vero che c'erano domande "errate" diciamo, ma quante erano? 4-5 su 200? metti che facciano un ricorso dicendo "ma anche la risposta b) era giusta", secondo te, se gli cambiano il risultato quella persona passa?Mi spiego meglio: prendi la domanda sul bios Quale delle seguenti affermazioni è corretta. Il BIOS..... Serve per connettersi a Internet. Risiede su un floppy-disk. E' indispensabile per l'avviamento del computer. Permette di stampare a colori.Ma secondo te, uno cosa doveva rispondere? Doveva scrivere c) o dire "no, non è vero alcuni non lo hanno", ma ragiona un attimo.Chi ha sbagliato questo genere di domande e gli vanno a correggere il punteggio su ricorso, comunque avranno preso un punteggio bassissimo su tutto il resto.Comunque, lo ripeto, vedremo come finirà.
          • panda rossa scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: nunzio

            Proprio perche' so la risposta, posso dire
            che
            la

            domanda e' posta in modo fuorviante e

            tendenzioso.



            Se sai la risposta "più giusta" allora la dovenao
            sapere anche loro. Ti ripeto: qua conta solo se
            ci sono errori, il fatto di che il test sia
            windows centrico non è un
            problema.



            Che cosa succede in auto se premi il
            pulsante
            al

            centro del

            volante?

            a) Suona il clacson

            b) Quale pulsante?



            a)Sbagliato.Ci sono modelli di auto dove il clacson e' collocato altrove e premendo al centro del volante non succede propri nulla.A meno che tu non dia un bel pestone col pugno, nel qual caso ti scoppia l'airbag in faccia.

            Quindi la scuola utilizza un sistema vecchio
            e

            pretende di insegnare il funzionamento di un

            sistema vecchio, invece che dei principi

            universali, cosi' poi quando lo studente
            entrera'

            nel mondo del lavoro si trovera' una cosa
            che
            non

            conosce e che non sapra' come usare, visto
            che

            invece di F5 ci sara' uno schermo

            touch.



            E arridaglie! Non era un test per vededere se
            sapevano cosa insegnare agli alunni, era un test
            per vedere se LORO avevano conoscenze generali
            della materia.Non sono conoscenze generali quelle.F5 e' una funzione particolare di un sistema particolare di un software particolare.Non c'e' nessuno standard che specifichi che F5 sia univocamente associato al refresh.

            L'utonto manco sa che cos'e' il refresh,
            altro

            che

            F5.



            Insegnati generici, non insegnanti di
            informatica. E' un test di preselezione. Cosa non
            è chiaro di questo
            concetto?La specificita' della domanda in questione non e' un buon sistema per valutare una conoscenza generica.
            Lo vedremo, vediamo se qualcuno fa ricorso. A mio
            avviso, ti ripeto, è difficile che questo accada
            per il seguente motivo: è vero che c'erano
            domande "errate" diciamo, ma quante erano? 4-5 su
            200? metti che facciano un ricorso dicendo "ma
            anche la risposta b) era giusta", secondo te, se
            gli cambiano il risultato quella persona
            passa?Sono talmente tanti i partecipanti al concorso che e' facile indovinare che cambiando la risposta di quella domanda qualcuno enterebbe in graduatoria.
            Mi spiego meglio: prendi la domanda sul bios

            Quale delle seguenti affermazioni è corretta. Il
            BIOS.....

            Serve per connettersi a Internet.
            Risiede su un floppy-disk.
            E' indispensabile per l'avviamento del
            computer.
            Permette di stampare a colori.

            Ma secondo te, uno cosa doveva rispondere? Doveva
            scrivere c) o dire "no, non è vero alcuni non lo
            hanno", ma ragiona un
            attimo.Su questa domanda non ho nulla da eccepire.
            Chi ha sbagliato questo genere di domande e gli
            vanno a correggere il punteggio su ricorso,
            comunque avranno preso un punteggio bassissimo su
            tutto il resto.Invidio la tua sfera di cristallo.
            Comunque, lo ripeto, vedremo come finirà.
          • nunzio scrive:
            Re: Inutile polemica


            Sbagliato.
            Ci sono modelli di auto dove il clacson e'
            collocato altrove e premendo al centro del
            volante non succede propri
            nulla.
            A meno che tu non dia un bel pestone col pugno,
            nel qual caso ti scoppia l'airbag in
            faccia.
            E avanti che non ci capiamo: sono eccezioni, infatti una persona normale risponde a), non risponde "si ma ci sono auto che...."Abitualmente in mezzo c'è il clacson, fine del discorso.

            Non sono conoscenze generali quelle.
            F5 e' una funzione particolare di un sistema
            particolare di un software
            particolare.
            Non c'e' nessuno standard che specifichi che F5
            sia univocamente associato al
            refresh.
            Ho capito, ma fanno riferimento ad un software che è utilizzato nel 95% dei sistemi desktop. Sistemi in uso anche nella PA e nelle scuole. Cose dovevano domandare? come si fa il refresh su ubuntu?

            La specificita' della domanda in questione non e'
            un buon sistema per valutare una conoscenza
            generica.E questo lo deciderai tu quando farai il commissario d'esame. A mio avviso fare domande generali ed su windows è in generale un test, è ovvio che dipende chi e che cosa devo selezionare.
            Sono talmente tanti i partecipanti al concorso
            che e' facile indovinare che cambiando la
            risposta di quella domanda qualcuno enterebbe in
            graduatoria.Passerebbe alla prova successiva più che altro. Si, per la legge dei grandi numeri è possibile.
            Invidio la tua sfera di cristallo.E' semplice statistica, non serve la sfera di cristallo. Il ricorso lo faranno perchè figurati se su 300.000 persone non ci sarà chi non accetterà il risultato.
          • panda rossa scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: nunzio



            Sbagliato.

            Ci sono modelli di auto dove il clacson e'

            collocato altrove e premendo al centro del

            volante non succede propri

            nulla.

            A meno che tu non dia un bel pestone col
            pugno,

            nel qual caso ti scoppia l'airbag in

            faccia.



            E avanti che non ci capiamo: sono eccezioni,
            infatti una persona normale risponde a), non
            risponde "si ma ci sono auto
            che...."
            Abitualmente in mezzo c'è il clacson, fine del
            discorso.Abitualmente no.Da qualche anno non c'e' piu' il clacson.Una domanda del genere penalizzerebbe solo i piu' giovani.Esattamente come quella dell'F5 che penalizza quelli che in vita loro hanno usato solo tablet e smartphone.



            Non sono conoscenze generali quelle.

            F5 e' una funzione particolare di un sistema

            particolare di un software

            particolare.

            Non c'e' nessuno standard che specifichi che
            F5

            sia univocamente associato al

            refresh.



            Ho capito, ma fanno riferimento ad un software
            che è utilizzato nel 95% dei sistemi desktop.Fa niente.Non e' uno standard.
            Sistemi in uso anche nella PA e nelle scuole.
            Cose dovevano domandare? come si fa il refresh su
            ubuntu?Potevano domandare qualcosa di meno scemo che chiedere come si fa il refresh.Che tra l'altro, ora che mi ci fai pensare, e' una funzione riservata ai normodotati.Le categorie protette se ne fregano altamente del refresh, e con questa domanda le penalizzi.Un cieco non sa neanche che cosa sia il refresh, e magari sa usare un computer meglio di tanti utonti.

            La specificita' della domanda in questione
            non
            e'

            un buon sistema per valutare una conoscenza

            generica.


            E questo lo deciderai tu quando farai il
            commissario d'esame. A mio avviso fare domande
            generali ed su windows è in generale un test, è
            ovvio che dipende chi e che cosa devo
            selezionare.Se devi selezionare pecore, la domanda era pertinente.

            Sono talmente tanti i partecipanti al
            concorso

            che e' facile indovinare che cambiando la

            risposta di quella domanda qualcuno
            enterebbe
            in

            graduatoria.

            Passerebbe alla prova successiva più che altro.
            Si, per la legge dei grandi numeri è
            possibile.



            Invidio la tua sfera di cristallo.


            E' semplice statistica, non serve la sfera di
            cristallo.

            Il ricorso lo faranno perchè figurati se su
            300.000 persone non ci sarà chi non accetterà il
            risultato.Tutti quelli non ammessi alla fase successiva, come sempre succede.
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: nunzio



            Sbagliato.

            Ci sono modelli di auto dove il clacson e'

            collocato altrove e premendo al centro del

            volante non succede propri

            nulla.

            A meno che tu non dia un bel pestone col
            pugno,

            nel qual caso ti scoppia l'airbag in

            faccia.



            E avanti che non ci capiamo: sono eccezioni,
            infatti una persona normale risponde a), non
            risponde "si ma ci sono auto
            che...."
            Abitualmente in mezzo c'è il clacson, fine del
            discorso.

            Falso, è dalle fiat degli anni '70 che il clacson non è in mezzo al volante.




            Non sono conoscenze generali quelle.

            F5 e' una funzione particolare di un sistema

            particolare di un software

            particolare.

            Non c'e' nessuno standard che specifichi che
            F5

            sia univocamente associato al

            refresh.



            Ho capito, ma fanno riferimento ad un software
            che è utilizzato nel 95% dei sistemi desktop.
            Sistemi in uso anche nella PA e nelle scuole.
            Cose dovevano domandare? come si fa il refresh su
            ubuntu?
            Dovevano domandare che cosa fa il refresh (a livello logico) è perchè è necessario farlo.Questo dimostrerebbe un minimo di conoscenza informatica.




            La specificita' della domanda in questione
            non
            e'

            un buon sistema per valutare una conoscenza

            generica.


            E questo lo deciderai tu quando farai il
            commissario d'esame.Beh se preferisci che i commissari d'esame lo facciano degli incompetenti fa pure.Hai il Paese che ti meriti.Noi, invece, no.



            Sono talmente tanti i partecipanti al
            concorso

            che e' facile indovinare che cambiando la

            risposta di quella domanda qualcuno
            enterebbe
            in

            graduatoria.

            Passerebbe alla prova successiva più che altro.
            Si, per la legge dei grandi numeri è
            possibile.
            Quindi la tua obiezione vale zero.Perfetto.


            Invidio la tua sfera di cristallo.


            E' semplice statistica, non serve la sfera di
            cristallo.

            Il ricorso lo faranno perchè figurati se su
            300.000 persone non ci sarà chi non accetterà il
            risultato.D'altronde considerando come è scritto male è sacrosanto che facciano ricorso.Sarebbe assurdo il contrario.
    • Leguleio scrive:
      Re: Inutile polemica
      - Scritto da: nunzio
      Le domande non erano per insegnare ma per vedere
      chi il computer lo usa e chi
      no.Non proprio, stai facendo un po' di confusione: la "prova preselettiva del concorso per il reclutamento del personale docente nelle scuole dell'infanzia, primaria, secondaria e di I e II grado" (per gli amici "il concorsone"), prevede domande su diverse materie di cultura generale. Ovviamente Davoli ha analizzato quelle di informatica, che è il suo campo, e qui su PI ci interessiamo a quelle. Ma di stramberie su cui si potrebbe discutere ce ne sono anche altrove:http://www.orizzontescuolaforum.net/t49990p30-chiedo-aiuto-a-menti-matematiche-domande-senza-senso-logico-per-me-help
      piuttosto che fare il "politicamente corretto" ed
      avere poi una massa di incompetenti a
      lavoro.Non è questione di politicamente corretto, la Microsoft è un'azienda privata (e nemmeno italiana) e con quell'insistenza a parlare di Windows, talvolta nominato esplicitamente, altre volte solo implicitamente, il test gli fa pubblicità. Sono questioni che il Ministero avrebbe dovuto soppesare, e chiamiamola piuttosto "neutralità della PA", il politicamente corretto qui non c'entra. Lo stesso varrebbe se i quiz avessero nominato troppo spesso la Apple, oppure se sulle domande su libri e riviste avesse citato solo quelli editi dalla Mondadori...
      • pignolo scrive:
        Re: Inutile polemica
        - Scritto da: Leguleio
        ...
        domande su diverse materie di cultura generale.
        Ovviamente Davoli ha analizzato quelle di
        informatica, che è il suo campo, e qui su PI ci
        interessiamo a quelle. Ma di stramberie su cui si
        potrebbe discutere ce ne sono anche
        altrove:


        http://www.orizzontescuolaforum.net/t49990p30-chieNon mi pare: il quesito di cui si parla in quella discussione ha una soluzione univoca. Traducendo il linguaggio italiano (improprio, questo è vero) in proposizioni logiche o meglio ancora in relazioni tra insiemi, che permettono di visualizzare meglio il problema, si arriva velocemente alla risposta corretta.Per quanto ho potuto vedere i quesiti di logica/matematica non presentano mai i problemi di ambiguità o imprecisioni che invece caratterizzano quelli di informatica...
        • Leguleio scrive:
          Re: Inutile polemica
          - Scritto da: pignolo
          - Scritto da: Leguleio


          ...

          domande su diverse materie di cultura
          generale.

          Ovviamente Davoli ha analizzato quelle di

          informatica, che è il suo campo, e qui su PI
          ci

          interessiamo a quelle. Ma di stramberie su
          cui
          si

          potrebbe discutere ce ne sono anche

          altrove:






          http://www.orizzontescuolaforum.net/t49990p30-chie

          Non mi pare: il quesito di cui si parla in quella
          discussione ha una soluzione univoca. Traducendo
          il linguaggio italiano (improprio, questo è vero)
          in proposizioni logiche o meglio ancora in
          relazioni tra insiemi, che permettono di
          visualizzare meglio il problema, si arriva
          velocemente alla risposta
          corretta.

          Per quanto ho potuto vedere i quesiti di
          logica/matematica non presentano mai i problemi
          di ambiguità o imprecisioni che invece
          caratterizzano quelli di
          informatica...Mi sono lasciato fuorviare dalla discussione. : Poi ho letto il quesito originale, e in effetti nulla da eccepire.
          • Izio01 scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: pignolo

            - Scritto da: Leguleio




            ...


            domande su diverse materie di cultura

            generale.


            Ovviamente Davoli ha analizzato quelle
            di


            informatica, che è il suo campo, e qui
            su
            PI

            ci


            interessiamo a quelle. Ma di stramberie
            su

            cui

            si


            potrebbe discutere ce ne sono anche


            altrove:











            http://www.orizzontescuolaforum.net/t49990p30-chie



            Non mi pare: il quesito di cui si parla in
            quella

            discussione ha una soluzione univoca.
            Traducendo

            il linguaggio italiano (improprio, questo è
            vero)

            in proposizioni logiche o meglio ancora in

            relazioni tra insiemi, che permettono di

            visualizzare meglio il problema, si arriva

            velocemente alla risposta

            corretta.



            Per quanto ho potuto vedere i quesiti di

            logica/matematica non presentano mai i
            problemi

            di ambiguità o imprecisioni che invece

            caratterizzano quelli di

            informatica...

            Mi sono lasciato fuorviare dalla discussione. :
            Poi ho letto il quesito originale, e in effetti
            nulla da
            eccepire.A me invece non quaglia: "Solo se V, allora P", per me vuol dire che:V -
            PP -
            VQuindi va benissimo la soluzione:!P -
            !VPerò dice anche che "Solo se D, allora T", e quindi è valida anche la soluzione:!T -
            !DInvece NON va bene quella che dice:!T -
            !Vperché è dato solo sapere che T -
            V ("se T allora V"), e non che V -
            T, manca il "solo".Ah, ma il quesito originale NON è quello riportato sul forum che hai linkato? Oppure sono arrugginito io? :)
          • Leguleio scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Izio01
            Ah, ma il quesito originale NON è quello
            riportato sul forum che hai linkato? Oppure sono
            arrugginito io?
            :)Allora, il quesito a cui rispondi tu è questo, il 4160:http://tinyurl.com/c6n3dcuIo però, per il fatto che quegli utenti saltano da un argomento all'altro, mi riferivo a un quesito più semplice, il 1300:"Se piove Filippo non utilizza il motoscafo". Se la precedente affermazione è vera, è anche vero che....a) Filippo utilizza il motoscafo se non piove.b) Filippo non utilizza il motoscafo solo quando piove.c) Se Filippo non utilizza il motoscafo significa che piove.d) Se piove Filippo utilizza sempre il motoscafo. E l'unica risposta valida, nonostante la mia logica sia molto arrugginita, mi pare proprio la a.Non so a quale quesito si riferisse pignolo.
          • pignolo scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Leguleio

            Io però, per il fatto che quegli utenti saltano
            da un argomento all'altro, mi riferivo a un
            quesito più semplice, il
            1300:


            "Se piove Filippo non utilizza il motoscafo". Se
            la precedente affermazione è vera, è anche vero
            che....

            a) Filippo utilizza il motoscafo se non piove.
            b) Filippo non utilizza il motoscafo solo quando
            piove.
            c) Se Filippo non utilizza il motoscafo significa
            che
            piove.
            d) Se piove Filippo utilizza sempre il motoscafo.

            E l'unica risposta valida, nonostante la mia
            logica sia molto arrugginita, mi pare proprio la
            a.
            Esatto.
            Non so a quale quesito si riferisse pignolo.A quello ho risposto sotto...
          • Izio01 scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: Izio01


            Ah, ma il quesito originale NON è quello

            riportato sul forum che hai linkato? Oppure
            sono

            arrugginito io?

            :)

            Allora, il quesito a cui rispondi tu è questo, il
            4160:

            http://tinyurl.com/c6n3dcu

            Io però, per il fatto che quegli utenti saltano
            da un argomento all'altro, mi riferivo a un
            quesito più semplice, il
            1300:


            "Se piove Filippo non utilizza il motoscafo". Se
            la precedente affermazione è vera, è anche vero
            che....

            a) Filippo utilizza il motoscafo se non piove.
            b) Filippo non utilizza il motoscafo solo quando
            piove.
            c) Se Filippo non utilizza il motoscafo significa
            che
            piove.
            d) Se piove Filippo utilizza sempre il motoscafo.

            E l'unica risposta valida, nonostante la mia
            logica sia molto arrugginita, mi pare proprio la
            a.

            Non so a quale quesito si riferisse pignolo.Anche in questo caso, la trovo ambigua. La a è valida se intendiamo la frase come: "Filippo può usare il motoscafo, ma solo se non piove". Scritta così, invece, mi sembra più un: "Se non piove, allora sicuramente Filippo salpa le ancore", che non è corretto :)
          • Leguleio scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Izio01
            quesito più semplice, il

            1300:





            "Se piove Filippo non utilizza il
            motoscafo".
            Se

            la precedente affermazione è vera, è anche
            vero

            che....



            a) Filippo utilizza il motoscafo se non
            piove.

            b) Filippo non utilizza il motoscafo solo
            quando

            piove.

            c) Se Filippo non utilizza il motoscafo
            significa

            che

            piove.

            d) Se piove Filippo utilizza sempre il
            motoscafo.




            E l'unica risposta valida, nonostante la mia

            logica sia molto arrugginita, mi pare
            proprio
            la

            a.
            Anche in questo caso, la trovo ambigua. La a è
            valida se intendiamo la frase come: "Filippo può
            usare il motoscafo, ma solo se non piove".
            Scritta così, invece, mi sembra più un: "Se non
            piove, allora sicuramente Filippo salpa le
            ancore", che non è corretto
            :)In linguaggio naturale potresti avere ragione. Ma le frasi usate nei quiz di logica sono in un linguaggio simile a quello della programmazione, sono delle proposizioni nel senso in cui si intendono quelle usate nei sillogismi come "Socrate è mortale". Pur non essendo un esperto, credo che chiunque li abbia fatti in precedenza capisca che cosa si intenda con la frase a), e con le altre 3; poi sono d'accordo che io o te, nel parlare quotidiano, utilizzeremmo parole diverse per esprimere il concetto (ammesso ci capiti mai nella vita di dire banalità del genere :-D).
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: Izio01


            Ah, ma il quesito originale NON è quello

            riportato sul forum che hai linkato? Oppure
            sono

            arrugginito io?

            :)

            Allora, il quesito a cui rispondi tu è questo, il
            4160:

            http://tinyurl.com/c6n3dcu

            Io però, per il fatto che quegli utenti saltano
            da un argomento all'altro, mi riferivo a un
            quesito più semplice, il
            1300:


            "Se piove Filippo non utilizza il motoscafo". Se
            la precedente affermazione è vera, è anche vero
            che....

            a) Filippo utilizza il motoscafo se non piove.
            b) Filippo non utilizza il motoscafo solo quando
            piove.
            c) Se Filippo non utilizza il motoscafo significa
            che
            piove.
            d) Se piove Filippo utilizza sempre il motoscafo. Se:A) PioveB) Filippo usa il motoscafol'enunciato ci dice che A -
            !B che equivale a dire che B-
            !Ae cioè: Se Filippo usa il motoscafo allora non piove.La risposta a) che tutti ritengono esatta attesta invece che!A -
            B che non equivale a B-
            !A ed in effetti esprime un concetto diverso,secondo il quale non appena c'è bel tempo Filippo tira fuori il motoscafo, e non abbiamo elementi per asserirlo.LA risposta b) è A <=
            !B che non discende dall'enunciato base. Quindi è sbagliata.La risposta c) è !B -
            A che non equivale all'enunciato. Quindi è sbagliata.La risposta d) è A-
            B che è quindi pure sbagliata.Insomma il test è scritto con i piedi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 dicembre 2012 11.19-----------------------------------------------------------
          • pignolo scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            - Scritto da: Leguleio

            Io però, per il fatto che quegli utenti
            saltano

            da un argomento all'altro, mi riferivo a un

            quesito più semplice, il

            1300:





            "Se piove Filippo non utilizza il
            motoscafo".
            Se

            la precedente affermazione è vera, è anche
            vero

            che....



            a) Filippo utilizza il motoscafo se non
            piove.

            b) Filippo non utilizza il motoscafo solo
            quando

            piove.

            c) Se Filippo non utilizza il motoscafo
            significa

            che

            piove.

            d) Se piove Filippo utilizza sempre il
            motoscafo.



            Se:
            A) Piove
            B) Filippo usa il motoscafo

            l'enunciato ci dice che A -
            !B che equivale a
            dire che
            B-
            !A

            e cioè: Se Filippo usa il motoscafo allora non
            piove.

            La risposta a) che tutti ritengono esatta attesta
            invece
            che
            !A -
            B che non equivale a B-
            !A ed in
            effetti esprime un concetto
            diverso,
            secondo il quale non appena c'è bel tempo Filippo
            tira fuori il motoscafo, e non abbiamo elementi
            per
            asserirlo.In effetti questa è un po' ambigua. Io interpreto la frase a) in questo modo:Filippo utilizza il motoscafo quando non piove (ma non è detto che lo faccia!).Cioè, almeno per me, anche se a prima vista potrebbe sembrare assurdo le due frasi seguenti hanno significati diversi:1) Se non piove Filippo utilizza il motoscafo. (tutte le volte che non piove...)2) Filippo utilizza il motoscafo se non piove (quando non piove, ma non tutte le volte)
          • sbrotfl scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: pignolo
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            - Scritto da: Leguleio



            Io però, per il fatto che quegli utenti

            saltano


            da un argomento all'altro, mi riferivo
            a
            un


            quesito più semplice, il


            1300:








            "Se piove Filippo non utilizza il

            motoscafo".

            Se


            la precedente affermazione è vera, è
            anche

            vero


            che....





            a) Filippo utilizza il motoscafo se non

            piove.


            b) Filippo non utilizza il motoscafo
            solo

            quando


            piove.


            c) Se Filippo non utilizza il motoscafo

            significa


            che


            piove.


            d) Se piove Filippo utilizza sempre il

            motoscafo.







            Se:

            A) Piove

            B) Filippo usa il motoscafo



            l'enunciato ci dice che A -
            !B che
            equivale
            a

            dire che

            B-
            !A



            e cioè: Se Filippo usa il motoscafo allora
            non

            piove.



            La risposta a) che tutti ritengono esatta
            attesta

            invece

            che

            !A -
            B che non equivale a B-
            !A ed in

            effetti esprime un concetto

            diverso,

            secondo il quale non appena c'è bel tempo
            Filippo

            tira fuori il motoscafo, e non abbiamo
            elementi

            per

            asserirlo.

            In effetti questa è un po' ambigua. Io interpreto
            la frase a) in questo
            modo:

            Filippo utilizza il motoscafo quando non piove
            (ma non è detto che lo
            faccia!).

            Cioè, almeno per me, anche se a prima vista
            potrebbe sembrare assurdo le due frasi seguenti
            hanno significati
            diversi:

            1) Se non piove Filippo utilizza il motoscafo.
            (tutte le volte che non
            piove...)
            2) Filippo utilizza il motoscafo se non piove
            (quando non piove, ma non tutte le
            volte)Ma infine piove o no??? Forza che Filippo deve sapere se noleggiare il motoscafo o no :@
          • pignolo scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: sbrotfl
            Ma infine piove o no??? Forza che Filippo deve
            sapere se noleggiare il motoscafo o no
            :@Ah non so, chiedilo a chi ha fatto i quiz!
          • pignolo scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Izio01
            A me invece non quaglia: "Solo se V, allora P",
            per me vuol dire
            che:
            V -
            P
            P -
            VNo, ma posso ccapire l'errore causato dall'uso dell'italiano invece di un linguaggio matematico preciso...Se fosse stato:"Se e solo se V, allora P" sarebbe come dici tu...invece è:"Solo se V allora P", il che vuol dire che ci possono essere dei casi in cui è vero V ma non P;o, detto altrimenti, P =
            V mentre non è vero il contrario.L'unica soluzione valida è: "se non V allora non P e non T"!V =
            !P e !V =
            !TMa come dicevo sopra, pensalo con gli insiemi, ed il problema sarà molto più facile da visualizzare, qui nel forum non posso fare i disegni...

            Ah, ma il quesito originale NON è quello
            riportato sul forum che hai linkato? Oppure sono
            arrugginito io?
            :)No, evidentemente Leguleio si riferiva ad un altro quesito, a cui si fa riferimento nel seguito della discussione da lui riportata...
          • Izio01 scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: pignolo
            - Scritto da: Izio01


            A me invece non quaglia: "Solo se V, allora
            P",

            per me vuol dire

            che:

            V -
            P

            P -
            V

            No, ma posso ccapire l'errore causato dall'uso
            dell'italiano invece di un linguaggio matematico
            preciso...
            Se fosse stato:

            "Se e solo se V, allora P" sarebbe come dici tu...

            invece è:

            "Solo se V allora P",

            il che vuol dire che ci possono essere dei casi
            in cui è vero V ma non
            P;
            o, detto altrimenti, P =
            V mentre non è vero
            il
            contrario.No, aspetta, ci ho pensato, ma in italiano non fila. Quello che dici tu sarebbe: "Solo se V allora <i
            può essere </i
            P". So che in matematica formuli sempre questa condizione con "se e solo se", ma è proprio perché in matematica non ci possono essere ambiguità.Poi forse hai ragione e l'hanno intesa così, però mi sembra, appunto, molto ambigua. "Solo se V allora P" mi sembra indicare che V implichi P. Non potevano metterci un "potenzialmente" davanti a P? :D

            L'unica soluzione valida è: "se non V allora non
            P e non
            T"
            !V =
            !P e !V =
            !T

            Ma come dicevo sopra, pensalo con gli insiemi, ed
            il problema sarà molto più facile da
            visualizzare, qui nel forum non posso fare i
            disegni...
            Nooo, non mi servono disegni, non sono messo così male!Magari non sarai d'accordo con la mia analisi dell'enunciato, ma fidati: è solo una questione di italiano, non di logica proposizionale in sé :)



            Ah, ma il quesito originale NON è quello

            riportato sul forum che hai linkato? Oppure
            sono

            arrugginito io?

            :)

            No, evidentemente Leguleio si riferiva ad un
            altro quesito, a cui si fa riferimento nel
            seguito della discussione da lui
            riportata...
          • pignolo scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: pignolo

            - Scritto da: Izio01




            A me invece non quaglia: "Solo se V,
            allora

            P",


            per me vuol dire


            che:


            V -
            P


            P -
            V



            No, ma posso ccapire l'errore causato
            dall'uso

            dell'italiano invece di un linguaggio
            matematico

            preciso...

            Se fosse stato:



            "Se e solo se V, allora P" sarebbe come dici
            tu...



            invece è:



            "Solo se V allora P",



            il che vuol dire che ci possono essere dei
            casi

            in cui è vero V ma non

            P;

            o, detto altrimenti, P =
            V mentre non è
            vero

            il

            contrario.

            No, aspetta, ci ho pensato, ma in italiano non
            fila. Quello che dici tu sarebbe: "Solo se V
            allora <i
            può essere </i
            P". So
            che in matematica formuli sempre questa
            condizione con "se e solo se", ma è proprio
            perché in matematica non ci possono essere
            ambiguità.
            Poi forse hai ragione e l'hanno intesa così, però
            mi sembra, appunto, molto ambigua. "Solo se V
            allora P" mi sembra indicare che V implichi P.
            Non potevano metterci un "potenzialmente" davanti
            a P?
            :DAllora facciamo così. Ragioniamo con delle proposizioni logiche sensate:D = non pioveT = Filippo va in motoscafoV = Filippo esce di casaP = Filippo porta con sé l'ombrelloIl quesito dice che vale:1) Solo se non piove (D) allora Filippo va in motoscafo (T).2) Se Filippo va in motoscafo (T) allora Filippo esce di casa (V).3) Solo se Filippo esce di casa (V) allora Filippo porta con sé l'ombrello (P).La risposta corretta afferma che:Se Filippo non esce di casa (!V) allora Filippo non porta con se l'ombrello (!P) e, inoltre, Filippo non va in motoscafo (!T).Apllicalo a tutte le altre e vedrai che c'è sempre qualcosa che non va, ad esempio:Se Filippo non va in motoscafo (!T) allora piove (!D) --
            non è detto visto che Filippo potrebbe benissimo non andare in motoscafo quando non piove...
            Nooo, non mi servono disegni, non sono messo così
            male!Non volevo offendere, eh! È che veramente ragionando con gli insiemi è tutto più semplice...
            Magari non sarai d'accordo con la mia analisi
            dell'enunciato, ma fidati: è solo una questione
            di italiano, non di logica proposizionale in sé
            :)Puoi ragionarci su come vuoi, ma ricordati che sono sempre quiz di logica e trattarli in modo diverso tende ad introdurre falle nel ragionamento..
          • panda rossa scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Leguleio

            Mi sono lasciato fuorviare dalla discussione. :
            Poi ho letto il quesito originale, e in effetti
            nulla da
            eccepire.Ma qual e' questo quesito dunque?Non e' quello riassunto nell'articolo?
          • Leguleio scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Leguleio




            Mi sono lasciato fuorviare dalla
            discussione.
            :

            Poi ho letto il quesito originale, e in
            effetti

            nulla da

            eccepire.

            Ma qual e' questo quesito dunque?
            Non e' quello riassunto nell'articolo?Quello a cui mi riferivo io è questo, il 1300:http://tinyurl.com/bn8t4l3Ma ci sono stati piccoli qui pro quo con pignolo e con izio01.
          • panda rossa scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Leguleio

            Ma qual e' questo quesito dunque?

            Non e' quello riassunto nell'articolo?

            Quello a cui mi riferivo io è questo, il 1300:

            http://tinyurl.com/bn8t4l3E che c'entra con windows e l'informatica?Quelle sono banalissime proposizioni di logica.
          • Leguleio scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: panda rossa
            E che c'entra con windows e l'informatica?
            Quelle sono banalissime proposizioni di logica.Se magari leggessi tutto il filo, anziché solo la coda, lo sapresti. Inizia qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3672019&m=3673625#p3673625
          • panda rossa scrive:
            Re: Inutile polemica
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: panda rossa


            E che c'entra con windows e l'informatica?

            Quelle sono banalissime proposizioni di
            logica.

            Se magari leggessi tutto il filo, anziché solo la
            coda, lo sapresti. Inizia
            qui:

            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3672019&m=367Ma l'ho letto.Solo che io leggo e partecipo a molte discussioni, e se una, come questa, si prolunga nel tempo, io leggo solo l'ultimo post che ancora non ho letto, e magari mi sono dimenticato di quello di qualche ora prima, visto che nel test del concorsone non c'era la domanda: "Perche' e' inutile quotare quando si risponde in un forum?"
      • nunzio scrive:
        Re: Inutile polemica


        No no. Il punto non è insegnare o meno
        informatica.
        Il punto è che c'è un test, ministeriale, per
        verificare quali competenze hanno i
        candidati.
        Ora se è pacifico che avere un certo quoziente di
        "cultura informatica" possa essere motivo di
        preferenza per un candidato piuttosto che un
        altro, lo è molto di meno l'uso di una
        particolare versione di un particolare software
        in un limitatissimo
        ambito.Ma vedi che ti contraddici? mi vieni a parlare di "limitatissimo ambito", perfetto, adesso dimmi cosa avrebbero dovuto chiedere per non limitare le domande al tuo "limitatissimo ambito". Gnu/linux??
        Non è una banale OS WAR, di quelle che spesso si
        leggono in queste pagine, è una questione di
        "valore" delle competenze che si vogliono
        verificare a livello ministeriale nell'ottica
        della selezione dei migliori
        candidati.
        I migliori candidati sono quelli che sanno insegnare la materia per la quale saranno selezionati, il fatto che abbiano conoscenze generiche di informatica è un contorno ed infatti è una prova di preselezione.

        La premessa è sbagliata.
        Chi lo dice che "lavoreranno dove si usa windows"?Vai in una scuola a farti un giro in sala professori e segreteria, spesso e volentieri anche le aule informatiche.Vai però, non stare qua a fare botta e risposta con me perchè io so cosa c'è nelle scuole, tu no, quindi o ti fidi di me o vai a vedere di persona.

        Ma che a scuola si usa windows?
        A scuola si usano libri, lavagne e cancellini.
        E sopra ogni altra cosa la cultura degli
        insegnanti che viene trasmessa agli
        alunni.
        "Cultura" non abilità a copiare un file o editare
        un documento
        "word".
        Se un test ministeriale confonde queste cose, è
        un test che va giustamente
        rigettato.
        No, non era un test per vedere se sapevano quello che dovevano insegnare, era un test per vedere se sapevano in generale usare un computer. Poichè poi faranno relazioni, pagelle, software scolastici ecc su macchine windows (principalmente) chiedono quello. E' chiaro?

        Una azienda seria, dovrebbe valutare quello che
        puoi fare e soprattutto se hai le basi per
        imparare quello che
        servirà.Si certo, adesso pensa al colloqui che hai fatto tu nella tua vita e poi riprova a rispondermi.
        Certo, in Italia, è piuttosto raro che ci siano
        aziende che investono in capitale umano
        valutandone il potenziale ma fin troppo spesso
        abbiamo aziende che devono coprire un ruolo
        specifico per un brevissimo arco di tempo, magari
        relativo a un piccolo
        progetto.
        Ed infatti, il livello di competitività delle
        aziende italiane, della loro capacità di
        crescita, di consolidamento e di posizionamento
        sul mercato è sotto gli occhi di
        tutti.Infatti, tutti XXXXX fuorchè chi usa l'open. Olè!
        In Italia non esiste il concetto di
        "programmazione industriale" nè a lungo nè a
        medio termine, e spesso nemmeno a breve. Si
        lavora nell'oggi per il domani, ed è chiaro che
        in questo contesto è utile conoscere quello che
        sai gia
        fare.
        MA è la deviazione di un sistema economico alla
        sbando, non un dato di
        fatto.
        Soprattutto non è una metodologia che le
        istituzioni dovrebbero adottare,men che mai
        quando si parla di istruzione e
        formazione.Tutto quello che vuoi, adesso vogliamo tornare a parlare di un banalissimo test di ingresso fatto nel mondo reale?
        • panda rossa scrive:
          Re: Inutile polemica
          - Scritto da: nunzio
          Ma vedi che ti contraddici? mi vieni a parlare di
          "limitatissimo ambito", perfetto, adesso dimmi
          cosa avrebbero dovuto chiedere per non limitare
          le domande al tuo "limitatissimo ambito".
          Gnu/linux??Si dovevano fare domande astratte, e non specifiche.Si puo' e si deve parlare genericamente di sistema operativo, di file system, di formati di documenti, di internet, di web, senza alcuna necessita' di citare marchi o riferimenti espliciti.Anche se per te utonto l'unica cosa che conosci per scrivere e' UORD, io nella domanda devo parlare di "Elaboratore di Testi" e se tu nemmeno sai che il tuo UORD PIRATATO e' un elaboratore di testi, allora e' sacrosanto bocciarti senza appello.
          I migliori candidati sono quelli che sanno
          insegnare la materia per la quale saranno
          selezionati, il fatto che abbiano conoscenze
          generiche di informatica è un contorno ed infatti
          è una prova di preselezione."Conoscenze generiche", parole tue.Non CONOSCENZE SPECIFICHE.Generiche!Che F5 faccia il refresh del desktop di winsozz e' una CONOSCENZA SPECIFICA decisamente superflua.

          La premessa è sbagliata.

          Chi lo dice che "lavoreranno dove si usa
          windows"?

          Vai in una scuola a farti un giro in sala
          professori e segreteria, spesso e volentieri
          anche le aule informatiche.Non c'e' windows, c'e' un sistema preinstallato.E' diverso.Nessuno ha scelto windows.
          Vai però, non stare qua a fare botta e risposta
          con me perchè io so cosa c'è nelle scuole, tu no,
          quindi o ti fidi di me o vai a vedere di
          persona.Io lo so benissimo che cosa c'e' nelle scuole.
          No, non era un test per vedere se sapevano quello
          che dovevano insegnare, era un test per vedere se
          sapevano in generale usare un computer.NONE!Era un test per vedere se sapevano IN PARTICOLARE usare WINDOWS.(E neanche l'ultima versione, per giunta).
          Poichè
          poi faranno relazioni, pagelle, software
          scolastici ecc su macchine windows
          (principalmente) chiedono quello. E'
          chiaro?E' chiarissimo che non hai capito la questione e ti sei contraddetto in continuazione.

          Una azienda seria, dovrebbe valutare quello
          che

          puoi fare e soprattutto se hai le basi per

          imparare quello che

          servirà.

          Si certo, adesso pensa al colloqui che hai fatto
          tu nella tua vita e poi riprova a
          rispondermi.Intendi quelli che ho fatto come candidato o come selezionatore?
          Infatti, tutti XXXXX fuorchè chi usa l'open. Olè!Finalmente una cosa sensata!
          Tutto quello che vuoi, adesso vogliamo tornare a
          parlare di un banalissimo test di ingresso fatto
          nel mondo
          reale?Torniamoci.Dove eravamo rimasti?A verificare una conoscenza generica di computer, o una conoscenza specifica di winsozz?
        • dont feed the troll - Back Again scrive:
          Re: Inutile polemica
          - Scritto da: nunzio
          Infatti, tutti XXXXX fuorchè chi usa l'open. Olè!Per tutte le tue obiezioni di rimando al post di panda rossa che mi ha difatto rubato le parole.A questa singola obiezione invece rispondo che tu sei solo un provocatore, un fanboy e ti meriti un sistema economico che si regge su incompetenza e improvvisazione.Quando in un colloquio mi hanno chiesto "quale è l'istruzione x nel sistema y per svolgere la funzione w" io ho avuto "le palle" di alzarmi e di andarmene, in quanto non interessato a lavorare in una azienda che ragiona in questi termini.
  • sapessi scrive:
    sapessi...
    ...sapessi che novità
  • dont feed the troll - Back Again scrive:
    la confusione meno accettabile
    E' considerare che avere "competenze informatiche" equivalga a "saper usare il computer".Secondo me, tale confusione, può essere giustificabile da chi "sa usar eil computer", ma non da chi ha "cultura informatica", che è un'altra cosa.E mi dispiace vedere che molti qui insistono su questa confusione.Esempio?Essere a conoscenza delle licenze Common Creative, o sapere se "I promessi sposi" sono liberamente pubblicabili su internet è avere "cultura informatica", ma non c'entra assolutamente nulla con il "saper usare il computer".Di contro accendere il pc, andare su facebook, e che ne so uploadare una foto, denota un minimo di conoscenza dell'uso del pc, ma non da nessuna conoscenza sulla "cultura informatica".
    • panda rossa scrive:
      Re: la confusione meno accettabile
      - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

      Di contro accendere il pc, andare su facebook, e
      che ne so uploadare una foto, denota un minimo di
      conoscenza dell'uso del pc, ma non da nessuna
      conoscenza sulla "cultura
      informatica".Come no!Accendere il pc e andare su fessbuk denota una cultura informatica che in una scala da 1 a 10 ha un valore NEGATIVO.
      • dont feed the troll - Back Again scrive:
        Re: la confusione meno accettabile
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: dont feed the troll - Back Again




        Di contro accendere il pc, andare su
        facebook,
        e

        che ne so uploadare una foto, denota un
        minimo
        di

        conoscenza dell'uso del pc, ma non da nessuna

        conoscenza sulla "cultura

        informatica".

        Come no!
        Accendere il pc e andare su fessbuk denota una
        cultura informatica che in una scala da 1 a 10 ha
        un valore
        NEGATIVO.-_- lo so che "i veri duri" non vanno su facebook.
    • sbrotfl scrive:
      Re: la confusione meno accettabile
      - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
      E' considerare che avere "competenze
      informatiche" equivalga a "saper usare il
      computer".
      Secondo me, tale confusione, può essere
      giustificabile da chi "sa usar eil computer", ma
      non da chi ha "cultura informatica", che è
      un'altra
      cosa.

      E mi dispiace vedere che molti qui insistono su
      questa
      confusione.

      Esempio?

      Essere a conoscenza delle licenze Common
      Creative, o sapere se "I promessi sposi" sono
      liberamente pubblicabili su internet è avere
      "cultura informatica", ma non c'entra
      assolutamente nulla con il "saper usare il
      computer".

      Di contro accendere il pc, andare su facebook, e
      che ne so uploadare una foto, denota un minimo di
      conoscenza dell'uso del pc, ma non da nessuna
      conoscenza sulla "cultura
      informatica".E allora aboliamo Matematica. Per "saper fare di conto" non è necessario avere "cultura matematica". Aboliamo anche Italiano/Letteratura: per "saper parlare" non bisogna avere "cultura letteraria"
      • dont feed the troll - Back Again scrive:
        Re: la confusione meno accettabile
        - Scritto da: sbrotfl
        - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

        E' considerare che avere "competenze

        informatiche" equivalga a "saper usare il

        computer".

        Secondo me, tale confusione, può essere

        giustificabile da chi "sa usar eil
        computer",
        ma

        non da chi ha "cultura informatica", che è

        un'altra

        cosa.



        E mi dispiace vedere che molti qui insistono
        su

        questa

        confusione.



        Esempio?



        Essere a conoscenza delle licenze Common

        Creative, o sapere se "I promessi sposi" sono

        liberamente pubblicabili su internet è avere

        "cultura informatica", ma non c'entra

        assolutamente nulla con il "saper usare il

        computer".



        Di contro accendere il pc, andare su
        facebook,
        e

        che ne so uploadare una foto, denota un
        minimo
        di

        conoscenza dell'uso del pc, ma non da nessuna

        conoscenza sulla "cultura

        informatica".

        E allora aboliamo Matematica. Per "saper fare di
        conto" non è necessario avere "cultura
        matematica".Persino gli "idiot savant" sanno far di conto, ma non hanno nessuna cultura matematica.Questo non vuol dire che la matematica vada abolita.Vuol dire che una "cultura matematica" presciende dal saper a memoria la tabellina del 7.Nessuno d'altronde ha parlato di abolizioni.
        Aboliamo anche Italiano/Letteratura:
        per "saper parlare" non bisogna avere "cultura
        letteraria"Ed in effetti moltissimi di noi si esprimono in maniera accettabile, ma non hanno nessuna cultura letteraria.
        • sbrotfl scrive:
          Re: la confusione meno accettabile
          - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
          - Scritto da: sbrotfl

          - Scritto da: dont feed the troll - Back
          Again


          E' considerare che avere "competenze


          informatiche" equivalga a "saper usare
          il


          computer".


          Secondo me, tale confusione, può essere


          giustificabile da chi "sa usar eil

          computer",

          ma


          non da chi ha "cultura informatica",
          che
          è


          un'altra


          cosa.





          E mi dispiace vedere che molti qui
          insistono

          su


          questa


          confusione.





          Esempio?





          Essere a conoscenza delle licenze Common


          Creative, o sapere se "I promessi
          sposi"
          sono


          liberamente pubblicabili su internet è
          avere


          "cultura informatica", ma non c'entra


          assolutamente nulla con il "saper usare
          il


          computer".





          Di contro accendere il pc, andare su

          facebook,

          e


          che ne so uploadare una foto, denota un

          minimo

          di


          conoscenza dell'uso del pc, ma non da
          nessuna


          conoscenza sulla "cultura


          informatica".



          E allora aboliamo Matematica. Per "saper
          fare
          di

          conto" non è necessario avere "cultura

          matematica".

          Persino gli "idiot savant" sanno far di conto, ma
          non hanno nessuna cultura
          matematica.
          Questo non vuol dire che la matematica vada
          abolita.
          Vuol dire che una "cultura matematica" presciende
          dal saper a memoria la tabellina del
          7.
          Nessuno d'altronde ha parlato di abolizioni.Dal tono che avevi sembrava che TU parlassi di abolizioni.Da quello che dici si capisce che per andare su facebook non è necessario avere una cultura informatica -
          Eliminiamo (o non implementiamo :() la cultura informatica dalle scuole.Se ho capito male me ne scuso

          Aboliamo anche Italiano/Letteratura:

          per "saper parlare" non bisogna avere
          "cultura

          letteraria"

          Ed in effetti moltissimi di noi si esprimono in
          maniera accettabile, ma non hanno nessuna cultura
          letteraria.Giusto! Allora aboliamo letteratura dalle scuole :)
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            - Scritto da: sbrotfl


            - Scritto da: dont feed the troll - Back

            Again



            E' considerare che avere
            "competenze



            informatiche" equivalga a "saper
            usare

            il



            computer".



            Secondo me, tale confusione, può
            essere



            giustificabile da chi "sa usar eil


            computer",


            ma



            non da chi ha "cultura
            informatica",

            che

            è



            un'altra



            cosa.







            E mi dispiace vedere che molti qui

            insistono


            su



            questa



            confusione.







            Esempio?







            Essere a conoscenza delle licenze
            Common



            Creative, o sapere se "I promessi

            sposi"

            sono



            liberamente pubblicabili su
            internet
            è

            avere



            "cultura informatica", ma non
            c'entra



            assolutamente nulla con il "saper
            usare

            il



            computer".







            Di contro accendere il pc, andare
            su


            facebook,


            e



            che ne so uploadare una foto,
            denota
            un


            minimo


            di



            conoscenza dell'uso del pc, ma non
            da

            nessuna



            conoscenza sulla "cultura



            informatica".





            E allora aboliamo Matematica. Per "saper

            fare

            di


            conto" non è necessario avere "cultura


            matematica".



            Persino gli "idiot savant" sanno far di
            conto,
            ma

            non hanno nessuna cultura

            matematica.

            Questo non vuol dire che la matematica vada

            abolita.

            Vuol dire che una "cultura matematica"
            presciende

            dal saper a memoria la tabellina del

            7.

            Nessuno d'altronde ha parlato di abolizioni.

            Dal tono che avevi sembrava che TU parlassi di
            abolizioni.Mah, mi dispiace, allora.
            Da quello che dici si capisce che per andare su
            facebook non è necessario avere una cultura
            informatica -
            Eliminiamo (o non implementiamo
            :() la cultura informatica dalle
            scuole.Assolutamente no.Dicevo che in molti test, e nella cultura generale, si confonde avere cultura informatica con il saper usare il pc che secondo me non c'entra nulla.Secondo me sarebbe importante che gli insegnanti avessero un po' di cultura informatica, non che sappiano usare il pc. Ed in questo domande tipo "a che serve il tasto F5?" oltre ad essere mal post ed orientate troppo a prodotti specifici, hanno il grosso difetto di testare semmai la capacità di uso del pc, ma non la cultura informatica.Posso essere il miglior informatico del mondo, senza sapere a che serve il tasto F5 in explorer.Come di contro posso ocnoscere a memoria tutte le shortcuts di windows e di linux, ed essere un caprone informatico.

            Se ho capito male me ne scuso
            Magari mi sono espresso male io.


            Aboliamo anche Italiano/Letteratura:


            per "saper parlare" non bisogna avere

            "cultura


            letteraria"



            Ed in effetti moltissimi di noi si esprimono
            in

            maniera accettabile, ma non hanno nessuna
            cultura

            letteraria.

            Giusto! Allora aboliamo letteratura dalle scuole
            :)La letteratura viene insegnata per dare dimensione artistica della cultura umanistica del nostro paese.Certamente leggere molta letteratura (buona) aiuta a sviluppare un linguaggio migliore, ma è incidentale.
          • sbrotfl scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            - Scritto da: sbrotfl

            - Scritto da: dont feed the troll - Back
            Again


            - Scritto da: sbrotfl



            - Scritto da: dont feed the troll
            -
            Back


            Again




            E' considerare che avere

            "competenze




            informatiche" equivalga a
            "saper

            usare


            il




            computer".




            Secondo me, tale confusione,
            può

            essere




            giustificabile da chi "sa
            usar
            eil



            computer",



            ma




            non da chi ha "cultura

            informatica",


            che


            è




            un'altra




            cosa.









            E mi dispiace vedere che
            molti
            qui


            insistono



            su




            questa




            confusione.









            Esempio?









            Essere a conoscenza delle
            licenze

            Common




            Creative, o sapere se "I
            promessi


            sposi"


            sono




            liberamente pubblicabili su

            internet

            è


            avere




            "cultura informatica", ma non

            c'entra




            assolutamente nulla con il
            "saper

            usare


            il




            computer".









            Di contro accendere il pc,
            andare

            su



            facebook,



            e




            che ne so uploadare una foto,

            denota

            un



            minimo



            di




            conoscenza dell'uso del pc,
            ma
            non

            da


            nessuna




            conoscenza sulla "cultura




            informatica".







            E allora aboliamo Matematica. Per
            "saper


            fare


            di



            conto" non è necessario avere
            "cultura



            matematica".





            Persino gli "idiot savant" sanno far di

            conto,

            ma


            non hanno nessuna cultura


            matematica.


            Questo non vuol dire che la matematica
            vada


            abolita.


            Vuol dire che una "cultura matematica"

            presciende


            dal saper a memoria la tabellina del


            7.


            Nessuno d'altronde ha parlato di
            abolizioni.



            Dal tono che avevi sembrava che TU parlassi
            di

            abolizioni.

            Mah, mi dispiace, allora.


            Da quello che dici si capisce che per andare
            su

            facebook non è necessario avere una cultura

            informatica -
            Eliminiamo (o non
            implementiamo

            :() la cultura informatica dalle

            scuole.

            Assolutamente no.
            Dicevo che in molti test, e nella cultura
            generale, si confonde avere cultura informatica
            con il saper usare il pc che secondo me non
            c'entra
            nulla.
            Secondo me sarebbe importante che gli insegnanti
            avessero un po' di cultura informatica, non che
            sappiano usare il pc. Ed in questo domande tipo
            "a che serve il tasto F5?" oltre ad essere mal
            post ed orientate troppo a prodotti specifici,
            hanno il grosso difetto di testare semmai la
            capacità di uso del pc, ma non la cultura
            informatica.
            Posso essere il miglior informatico del mondo,
            senza sapere a che serve il tasto F5 in
            explorer.
            Come di contro posso ocnoscere a memoria tutte le
            shortcuts di windows e di linux, ed essere un
            caprone
            informatico.Chiedo umilmente perdono. Ho capito il contrario :$



            Se ho capito male me ne scuso



            Magari mi sono espresso male io.




            Aboliamo anche
            Italiano/Letteratura:



            per "saper parlare" non bisogna
            avere


            "cultura



            letteraria"





            Ed in effetti moltissimi di noi si
            esprimono

            in


            maniera accettabile, ma non hanno
            nessuna

            cultura


            letteraria.



            Giusto! Allora aboliamo letteratura dalle
            scuole

            :)

            La letteratura viene insegnata per dare
            dimensione artistica della cultura umanistica del
            nostro
            paese.
            Certamente leggere molta letteratura (buona)
            aiuta a sviluppare un linguaggio migliore, ma è
            incidentale.Pero' la letteratura va oltre al linguaggio. Ti auta a capire, analizzare e ragionare per conto tuo.
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            - Scritto da: sbrotfl

            Assolutamente no.

            Dicevo che in molti test, e nella cultura

            generale, si confonde avere cultura
            informatica

            con il saper usare il pc che secondo me non

            c'entra

            nulla.

            Secondo me sarebbe importante che gli
            insegnanti

            avessero un po' di cultura informatica, non
            che

            sappiano usare il pc. Ed in questo domande
            tipo

            "a che serve il tasto F5?" oltre ad essere
            mal

            post ed orientate troppo a prodotti
            specifici,

            hanno il grosso difetto di testare semmai la

            capacità di uso del pc, ma non la cultura

            informatica.

            Posso essere il miglior informatico del
            mondo,

            senza sapere a che serve il tasto F5 in

            explorer.

            Come di contro posso ocnoscere a memoria
            tutte
            le

            shortcuts di windows e di linux, ed essere un

            caprone

            informatico.

            Chiedo umilmente perdono. Ho capito il contrario
            :$
            Io provengo dalla vecchia scuola.Il mio primo insegnate di informatica diceva che un buon informatico sa fare il suo lavoro anche con carta e penna.E io lo penso ancora nonostante siano passati quasi 20 anni.





            Se ho capito male me ne scuso






            Magari mi sono espresso male io.






            Aboliamo anche

            Italiano/Letteratura:




            per "saper parlare" non
            bisogna

            avere



            "cultura




            letteraria"







            Ed in effetti moltissimi di noi si

            esprimono


            in



            maniera accettabile, ma non hanno

            nessuna


            cultura



            letteraria.





            Giusto! Allora aboliamo letteratura
            dalle

            scuole


            :)



            La letteratura viene insegnata per dare

            dimensione artistica della cultura
            umanistica
            del

            nostro

            paese.

            Certamente leggere molta letteratura (buona)

            aiuta a sviluppare un linguaggio migliore,
            ma
            è

            incidentale.

            Pero' la letteratura va oltre al linguaggio. Ti
            auta a capire, analizzare e ragionare per conto
            tuo.Infatti, a scuola ti insegnano la letteratura per i motivi che citavi tu, non per insegnarti a esprimerti.
          • pippo75 scrive:
            Re: la confusione meno accettabile

            Pero' la letteratura va oltre al linguaggio. Ti
            auta a capire, analizzare e ragionare per conto
            tuo.Classico esempio di pura retorica. <provocazione
            dimostra che ho torto </provocazione
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            eh????
          • sbrotfl scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            eh?

            ???Boh.. io no nho risposto credendo di essere più stupido del solito e non riuscire a capire nessun post... ma evidentemente in questo caso non sono l'unico :D
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            eh?



            ???

            Boh.. io no nho risposto credendo di essere più
            stupido del solito e non riuscire a capire nessun
            post... ma evidentemente in questo caso non sono
            l'unico
            :DC'è un brutto clima qui ultimamente.Non si fa altro che accusarsi vicendevolmente di trollaggio, fanboyismo, malafede.E meno male che a Natale siamo tutti + buoni.
          • sbrotfl scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            - Scritto da: sbrotfl

            - Scritto da: dont feed the troll - Back
            Again


            eh?





            ???



            Boh.. io no nho risposto credendo di essere
            più

            stupido del solito e non riuscire a capire
            nessun

            post... ma evidentemente in questo caso non
            sono

            l'unico

            :D

            C'è un brutto clima qui ultimamente.
            Non si fa altro che accusarsi vicendevolmente di
            trollaggio, fanboyismo,
            malafede.
            E meno male che a Natale siamo tutti + buoni.E' vero! Lo dice anche quello dei pandori :D
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            - Scritto da: sbrotfl


            - Scritto da: dont feed the troll - Back

            Again



            eh?







            ???





            Boh.. io no nho risposto credendo di
            essere

            più


            stupido del solito e non riuscire a
            capire

            nessun


            post... ma evidentemente in questo caso
            non

            sono


            l'unico


            :D



            C'è un brutto clima qui ultimamente.

            Non si fa altro che accusarsi
            vicendevolmente
            di

            trollaggio, fanboyismo,

            malafede.

            E meno male che a Natale siamo tutti + buoni.

            E' vero! Lo dice anche quello dei pandori :DPer me, rispolverando un vecchio refrain, è tutta colpa di Annunziata.
          • panda rossa scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: sbrotfl



            C'è un brutto clima qui ultimamente.

            Non si fa altro che accusarsi
            vicendevolmente
            di

            trollaggio, fanboyismo,

            malafede.

            E meno male che a Natale siamo tutti + buoni.

            E' vero! Lo dice anche quello dei pandori :DChi? Il videotechino?
          • sbrotfl scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: sbrotfl





            C'è un brutto clima qui ultimamente.


            Non si fa altro che accusarsi

            vicendevolmente

            di


            trollaggio, fanboyismo,


            malafede.


            E meno male che a Natale siamo tutti +
            buoni.



            E' vero! Lo dice anche quello dei pandori :D

            Chi? Il videotechino?Lui! :D
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: la confusione meno accettabile
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: sbrotfl





            C'è un brutto clima qui ultimamente.


            Non si fa altro che accusarsi

            vicendevolmente

            di


            trollaggio, fanboyismo,


            malafede.


            E meno male che a Natale siamo tutti +
            buoni.



            E' vero! Lo dice anche quello dei pandori :D

            Chi? Il videotechino?/me muore
  • Mario Rossi scrive:
    Idea plausibile, ma...
    Capisco le lamentele riguardo le domande specifiche su determinati software(bisognerà comunque fare domande per capire se l'insegnante è in grado di usare i programmi più generici), purtroppo, sono anche sicuro che la maggior parte degli aspiranti insegnanti abbia aderito a questa protesta per cercare di ridurre al minimo il numero domande di carattere informatico, in quanto incapaci di accendere un computer...
    • panda rossa scrive:
      Re: Idea plausibile, ma...
      - Scritto da: Mario Rossi
      Capisco le lamentele riguardo le domande
      specifiche su determinati software(bisognerà
      comunque fare domande per capire se l'insegnante
      è in grado di usare i programmi più generici),
      purtroppo, sono anche sicuro che la maggior parte
      degli aspiranti insegnanti abbia aderito a questa
      protesta per cercare di ridurre al minimo il
      numero domande di carattere informatico, in
      quanto incapaci di accendere un
      computer...Se non sanno accendere un computer, che vadano pure a cercare un impiego nel settore primario: campi o miniere.
      • sbertuccia scrive:
        Re: Idea plausibile, ma...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Mario Rossi

        Capisco le lamentele riguardo le domande

        specifiche su determinati software(bisognerà

        comunque fare domande per capire se
        l'insegnante

        è in grado di usare i programmi più
        generici),

        purtroppo, sono anche sicuro che la maggior
        parte

        degli aspiranti insegnanti abbia aderito a
        questa

        protesta per cercare di ridurre al minimo il

        numero domande di carattere informatico, in

        quanto incapaci di accendere un

        computer...

        Se non sanno accendere un computer, che vadano
        pure a cercare un impiego nel settore primario:
        campi o
        miniere.Oramai anche in quel settore se non si sa utilizzare il computer non si sopravvive!
        • panda rossa scrive:
          Re: Idea plausibile, ma...
          - Scritto da: sbertuccia
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: Mario Rossi


          Capisco le lamentele riguardo le domande


          specifiche su determinati
          software(bisognerà


          comunque fare domande per capire se

          l'insegnante


          è in grado di usare i programmi più

          generici),


          purtroppo, sono anche sicuro che la
          maggior

          parte


          degli aspiranti insegnanti abbia
          aderito
          a

          questa


          protesta per cercare di ridurre al
          minimo
          il


          numero domande di carattere
          informatico,
          in


          quanto incapaci di accendere un


          computer...



          Se non sanno accendere un computer, che
          vadano

          pure a cercare un impiego nel settore
          primario:

          campi o

          miniere.

          Oramai anche in quel settore se non si sa
          utilizzare il computer non si
          sopravvive!E allora applichiamo le leggi di Darwin.
          • sbrotfl scrive:
            Re: Idea plausibile, ma...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: sbertuccia

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Mario Rossi



            Capisco le lamentele riguardo le
            domande



            specifiche su determinati

            software(bisognerà



            comunque fare domande per capire se


            l'insegnante



            è in grado di usare i programmi più


            generici),



            purtroppo, sono anche sicuro che la

            maggior


            parte



            degli aspiranti insegnanti abbia

            aderito

            a


            questa



            protesta per cercare di ridurre al

            minimo

            il



            numero domande di carattere

            informatico,

            in



            quanto incapaci di accendere un



            computer...





            Se non sanno accendere un computer, che

            vadano


            pure a cercare un impiego nel settore

            primario:


            campi o


            miniere.



            Oramai anche in quel settore se non si sa

            utilizzare il computer non si

            sopravvive!

            E allora applichiamo le leggi di Darwin.Ci sto! :D
      • pippo75 scrive:
        Re: Idea plausibile, ma...

        Se non sanno accendere un computer, che vadano
        pure a cercare un impiego nel settore primario:
        campi o
        miniere.Questa è una causa della crisi, gente che sa usare il PC ma non sa una mazza della materia che deve insegnare e deve insegnartela.Gente che sa tutto del Pc ma non sa insegnare, non ha la voglia neanche di imparare a dialogare.Gli chiedi una cosa e di cono "è cosi punto a basta". Però sanno usare il PC.
    • Leguleio scrive:
      Re: Idea plausibile, ma...
      - Scritto da: Mario Rossi
      Capisco le lamentele riguardo le domande
      specifiche su determinati software(bisognerà
      comunque fare domande per capire se l'insegnante
      è in grado di usare i programmi più generici),
      purtroppo, sono anche sicuro che la maggior parte
      degli aspiranti insegnanti abbia aderito a questa
      protesta per cercare di ridurre al minimo il
      numero domande di carattere informatico, in
      quanto incapaci di accendere un
      computer...È una specie di diffida al ministro Profumo, più che una protesta. Ti cito un passo del testo:" <I
      ...la possibilita' che, a valle del concorso, ne venga domandato l'annullamento e pertanto INSTANO E DIFFIDANO affinche' Codesta Pubblica Amministrazione... </I
      "Capito? Il comitato insta. Io insto tu insti egli insta. Confesso che ho dovuto chiedere aiuto al dizionario per sapere che significa: :$http://www.treccani.it/vocabolario/instare/Fra i firmatari della diffida, il Partito Pirata e Wikimedia Italia (Frieda Brioschi); sospetto che diversi insegnanti non cofirmeranno la diffida per timore di essere "compagni di strada" di simili individui. :-)
      • e dai scrive:
        Re: Idea plausibile, ma...
        - Scritto da: Leguleio
        È una specie di diffida al ministro Profumo,
        più che una protesta. Ti cito un passo del testo:

        " <I
        ...la possibilita' che, a valle del
        concorso, ne venga domandato l'annullamento e
        pertanto INSTANO E DIFFIDANO affinche' Codesta
        Pubblica Amministrazione... </I

        "

        Capito? Il comitato insta. Io insto tu insti egli
        insta. Confesso che ho dovuto chiedere aiuto al
        dizionario per sapere che significa: cioè confessi di ignorare un termine che, per un leguleio, dovrebbe essere più che ben conosciuto... e hai pure il coraggio di venire a commentare... andiamo bene...
        Fra i firmatari della diffida, il Partito Pirata
        e Wikimedia Italia (Frieda Brioschi); sospetto
        che diversi insegnanti non cofirmeranno la
        diffida per timore di essere "compagni di strada"
        di simili individui. :-)e allora? io sospetto che anche diversi imbianchini, e pure molti ferrovieri, e anche tanti spazzacamini NON cofirmerebbero...sospetto anche che a molti neozelandesi NON piace il caffè corretto...e con questo? sospetta pure quello che ti pare... ma, un qualsiasi leguleio, saprebbe che le affermazioni, le idee ecc. in quel testo sono solo di chi lo ha firmato...e saprebbe anche che negando un qualcosa non si sta automaticamente avvalorando qualco'altro...
        • Leguleio scrive:
          Re: Idea plausibile, ma...
          - Scritto da: e dai
          - Scritto da: Leguleio

          È una specie di diffida al ministro
          Profumo,

          più che una protesta. Ti cito un passo del
          testo:



          " <I
          ...la possibilita' che, a valle
          del

          concorso, ne venga domandato l'annullamento e

          pertanto INSTANO E DIFFIDANO affinche'
          Codesta

          Pubblica Amministrazione... </I

          "



          Capito? Il comitato insta. Io insto tu insti
          egli

          insta. Confesso che ho dovuto chiedere aiuto
          al

          dizionario per sapere che significa:

          cioè confessi di ignorare un termine che, per un
          leguleio, dovrebbe essere più che ben
          conosciuto...Io ancora non ho capito che idea avete qui del termine leguleio. Mah...
          e hai pure il coraggio di venire a commentare...
          andiamo
          bene...Se i mie commenti davvero non ti piacciono, adotta un diritto supremo sancito dalla democrazia: <B
          non leggermi </B
          .
          • e dai scrive:
            Re: Idea plausibile, ma...
            - Scritto da: Leguleio
            Se i mie commenti davvero non ti piacciono,davvero. confermo.
            adotta un diritto supremo sancito dalla
            democrazia: <B
            non leggermi </B
            ci provo, ma è difficile se riempi ogni articolo con i tuoi "commenti"...magari tu adotta un principio di buona convivenza: non impestare il mondo con commenti sconclusionati e/o inutili... limitati a dire in modo coinciso solo cose sensate... vedrai così che riesci facilmente a ridurre del 99% il numero dei tuoi commenti
        • panda rossa scrive:
          Re: Idea plausibile, ma...
          - Scritto da: e dai

          cioè confessi di ignorare un termine che, per un
          leguleio, dovrebbe essere più che ben
          conosciuto...Sulla base di che cosa?Dove sta scritto che chi si occupa di un certo ambito debba sapere TUTTO di quell'ambito?Pure io ci sono dei termini informatici, o acronimi, che non ho mai sentito, o, quando li sento, mi faccio ben spiegare che significa, per poi scoprire che chi li pronuncia lo fa solo per riempirsi la bocca.
          e hai pure il coraggio di venire a commentare...
          andiamo
          bene...Considerando il livello culturale di altri...
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Idea plausibile, ma...
            - Scritto da: panda rossa
            Considerando il livello culturale di altri...E' un lamentone ignorante e pedante.Interloquirci è tempo perso.
          • panda rossa scrive:
            Re: Idea plausibile, ma...
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            - Scritto da: panda rossa


            Considerando il livello culturale di altri...

            E' un lamentone ignorante e pedante.
            Interloquirci è tempo perso.Lamentone posso anche concordare.Sull'ignorante e pedante non so: non ho ancora capito se sostiene apple o M$.Non prende una posizione chiara.
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Idea plausibile, ma...
            - Scritto da: panda rossa
            Considerando il livello culturale di altri...Perchè il suo, invece...
    • e dai scrive:
      Re: Idea plausibile, ma...
      - Scritto da: Mario Rossi
      purtroppo, sono anche sicuro che la maggior parte
      degli aspiranti insegnanti abbia aderito a questa
      protesta per cercare di ridurre al minimo il
      numero domande di carattere informatico, sei <i
      anche sicuro </i
      sulla base di cosa?
      in quanto incapaci di accendere un computer...puoi documentare oggettivamente le cose che dici, o stai solo sparando sentenze alla membro di segugio?
      • Mario Rossi scrive:
        Re: Idea plausibile, ma...
        - Scritto da: e dai
        sulla
        base di
        cosa?Sulla conoscenza dell'insegnante medio italiano
        puoi documentare oggettivamente le cose che dici,
        o stai solo sparando sentenze alla membro di
        segugio?Vedi risposta precedente...(Mi diverto a dare un po' di pane ai trollini...Consiglio: cerca di trollare meno evidentemente, sei troppo spudorato)
        • panda rossa scrive:
          Re: Idea plausibile, ma...
          - Scritto da: Mario Rossi
          - Scritto da: e dai

          sulla

          base di

          cosa?
          Sulla conoscenza dell'insegnante medio italianoQuanti insegnanti italiani conosci?

          puoi documentare oggettivamente le cose che
          dici,

          o stai solo sparando sentenze alla membro di

          segugio?
          Vedi risposta precedente...Quanti insegnanti italiani conosci?
          (Mi diverto a dare un po' di pane ai trollini...
          Consiglio: cerca di trollare meno evidentemente,
          sei troppo
          spudorato)Senti chi parla!
  • Geek Nerd scrive:
    Daccordo solo in parte
    Va bene contestare il fatto che non si può ridurre le capacità informatiche di un insegnante alla sua abilità nell'usare uno specifico software, ma anche impostare il tutto sui "massimi sistemi" mi sembra fuori luogo. In particolare la domanda "E' consentito pubblicare una edizione integrale dei Promessi Sposi sul Web?" mi sembra assolutamente fuori luogo, va bene richiedere una conoscenza generale sui tipi di licenze più diffusi, ma pretendere che un insegnante sappia se la tal opera (anche se famosa) sia o meno coperta da diritto d'autore mi sembra delirante.E poi secondo me è molto importante anche l'aspetto pratico, che un insegnante mi sappia dire la differenza tra internet e web, ma non cosa siano filesystem, partizioni, l'architettura x86, ecc. o che non sappia usare un editor tipo *office o un foglio di calcolo, francamente lo trovo inaccettabile.Anche perché il punto nodale è permettere alle persone di fare un uso consapevole dei vari mezzi informatici.
    • panda rossa scrive:
      Re: Daccordo solo in parte
      - Scritto da: Geek Nerd
      Va bene contestare il fatto che non si può
      ridurre le capacità informatiche di un insegnante
      alla sua abilità nell'usare uno specifico
      software, ma anche impostare il tutto sui
      "massimi sistemi" mi sembra fuori luogo.Assolutamente no!Gli insegnanti sono tenuti a possedere una vasta cultura generale, e, visti i tempi tecnologici, sono tenuti anche a conoscere la tecnologia e i suoi impatti nella societa', visto che gli studenti hanno bisogno di capire come funzionano le cose, e devono evitare che una XXXXXXX che fanno in rete a 15 anni li perseguiti per il resto della vita.
      In
      particolare la domanda "E' consentito pubblicare
      una edizione integrale dei Promessi Sposi sul
      Web?" mi sembra assolutamente fuori luogo,Ma stai scherzando?Se dalla scuola arriva questo messaggio, le major vinceranno.Lo studente deve sapere quali aberrazioni comporta la legge fascista del diritto d'autore nella moderna applicazione, e soprattutto deve sapere quando e' morto il Manzoni, per poter scaricare tutto quello che vuole, alla faccia di chi preferirebbe di no.
      va
      bene richiedere una conoscenza generale sui tipi
      di licenze più diffusi, ma pretendere che un
      insegnante sappia se la tal opera (anche se
      famosa) sia o meno coperta da diritto d'autore mi
      sembra delirante.Delirante? Ma che materia insegni? Ginnastica?
      E poi secondo me è molto importante anche
      l'aspetto pratico, che un insegnante mi sappia
      dire la differenza tra internet e web, ma non
      cosa siano filesystem, partizioni, l'architettura
      x86, ecc. o che non sappia usare un editor tipo
      *office o un foglio di calcolo, francamente lo
      trovo inaccettabile.Scusa, ma tu la sai la differenza che passa tra un pistone e una candela?E lo sai che cosa vuol dire se un'auto va a benzina o a diesel?Ecco. Analogamente devi conoscere gli strumenti informatici.Comprendere un filesystem, le partizioni, l'architettura x86 e' roba di un paio di pagine. Nessuno ti chiede di lavorarci sopra, ma almeno sapere che cos'e' una gerarchia ad albero di directory, e il sapere che ci sono diversi filesystem, alcuni dei quali sono liberi e sicuri, mentre altri sono indistinguibili da un formaggio groviera...
      Anche perché il punto nodale è permettere alle
      persone di fare un uso consapevole dei vari mezzi
      informatici.Esatto.E l'uso consapevole passa in primis dal conoscere le licenze, sapendo che ne esistono di libere.E poi si arriva ai diritti della persona.Al diritto di non essere fotografato, ne' ripreso, ne' taggato senza autorizzazione.Parliamo di studenti, minori di eta', che devono sapere che sono protetti dalla legge e devono imparare a far valere i propri diritti.
      • luca scrive:
        Re: Daccordo solo in parte
        Il problema della competenza verso uo specifico software in questo contesto non conta niente.Il problema é che la famosa "Patente Europea del Computer" come la chiamano negli uffici pubblici é un titolo finto che in molte commissioni é stato valutato più del diploma. Ci si iscrive ad un corso si paga si seguono 2 lezioni e ti danno un attestato da presentare ai concorsi pubblici, dietro pagamento logicamente.Se mettono l'obbligo di usare software libero, faranno un istituto in cui tu versi una quota e danno un pezzo di carta dove dicono che sai usare software libero e lo presenti al concorso.Non é un problema di competenze o tecnologie che limitano la liberta é un problema di macostume italiano.
        • nikasdvba scrive:
          Re: Daccordo solo in parte
          Hi! Amici! Tablet PC 7 pollici resistivo android 4.0! Questo è un bel regalo! Posso dare a mia moglie! Ora a soli 55,99! http://www.goobao.com/WWBUM/
          • panda rossa scrive:
            Re: Daccordo solo in parte
            - Scritto da: nikasdvba
            Hi! Amici! Tablet PC 7 pollici resistivo android
            4.0! Questo è un bel regalo! Posso dare a mia
            moglie! Ora a soli 55,99!
            http://www.goobao.com/WWBUM/Segnalato al T1000 come spam.
  • bancai scrive:
    ecdl
    una sfilza di quiz degna della peggior ecdl.. che fine ha fatto l'informatica? povera italia...
    • collione scrive:
      Re: ecdl
      l'informatica? ha avuto un BSOD :D
    • sbrotfl scrive:
      Re: ecdl
      - Scritto da: bancai
      una sfilza di quiz degna della peggior ecdl.. che
      fine ha fatto l'informatica?E' emigrata all'estero
      • panda rossa scrive:
        Re: ecdl
        - Scritto da: sbrotfl
        - Scritto da: bancai

        una sfilza di quiz degna della peggior
        ecdl..
        che

        fine ha fatto l'informatica?

        E' emigrata all'esteroE quando sarebbe stata qui da noi, per poter emigrare?
        • sbrotfl scrive:
          Re: ecdl
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: sbrotfl

          - Scritto da: bancai


          una sfilza di quiz degna della peggior

          ecdl..

          che


          fine ha fatto l'informatica?



          E' emigrata all'estero

          E quando sarebbe stata qui da noi, per poter
          emigrare?Quando stavano creando Volunia. Poi ha visto l'obbrobrio che è uscito e ha deciso di cercare lavoro all'estero.EDIT: Per non parlare degli anni pre 386 :')-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 dicembre 2012 11.35-----------------------------------------------------------
        • pippo75 scrive:
          Re: ecdl


          E quando sarebbe stata qui da noi, per poter
          emigrare?parlando di "informatica", quando l'Italia era davanti anche agli USA.
        • Aleb scrive:
          Re: ecdl
          Ai tempi di Adriano Olivetti.
          • Leguleio scrive:
            Re: ecdl
            - Scritto da: Aleb
            Ai tempi di Adriano Olivetti.Specifichiamo quali sono i tempi e qual era il prodotto: metà anni Sessanta; "Programma 101" (da alcuni considerato il primo personal computer). Alcune soluzioni tecnologiche della macchina vennero copiate dalla Hewlett-Packard, nella HP 9100. E anche allora su Punto Informatico c'erano i fanboy della Olivetti e quelli della Hewlett-Packard a bisticciare. :-)
    • nunzio scrive:
      Re: ecdl
      - Scritto da: bancai
      una sfilza di quiz degna della peggior ecdl.. che
      fine ha fatto l'informatica? povera
      italia...Peccato che l'ecdl preveda anche corsi e domande con software open source.Adesso fatti tu due domande: perchè non lo sapevi e perchè tutti fanno quella con windows e office?
      • dont feed the troll - Back Again scrive:
        Re: ecdl
        - Scritto da: nunzio
        - Scritto da: bancai

        una sfilza di quiz degna della peggior
        ecdl..
        che

        fine ha fatto l'informatica? povera

        italia...


        Peccato che l'ecdl preveda anche corsi e domande
        con software open
        source.

        Adesso fatti tu due domande: perchè non lo sapevi
        e perchè tutti fanno quella con windows e
        office?Il concetto stesso di ecdl è aberrante.L'ecdl tende a "formare" scimmie cliccanti, che fanno le cose automaticamente senza chiedersi che significa, che tipo di risultato si ottiene, perchè viene richiesta la data cosa, e quali sono i concetti logici che ci sono dietro. E questo indipendentemente se si tratti della "ecdl windows" o della "ecdl open".L'ovvio risultato è che il possessore di tale certificato non sa nulla di informatica, sa ripetere dei passi meccanici, che al primo intoppo non sarà in grado di ricostruire.In tale ottica è naturale che "tutti" prendano la ecdl windows...non avendo cultura informatica e non aspirando ad altro che a usare il pc che hanno preso al supermercato con windows imposto, prendono quella...e poi il pc non lo sanno usare lo stesso.
        • pippo75 scrive:
          Re: ecdl

          Il concetto stesso di ecdl è aberrante.
          L'ecdl tende a "formare" scimmie cliccantisei sicuri di aver capito cosa sia l'ecdl? sicuro?io non lo sapevo, l'ho cercato su wikipedia.
          L'ovvio risultato è che il possessore di tale
          certificato non sa nulla di informatica,infatti non lo è.
          • panda rossa scrive:
            Re: ecdl
            - Scritto da: pippo75

            Il concetto stesso di ecdl è aberrante.

            L'ecdl tende a "formare" scimmie cliccanti

            sei sicuri di aver capito cosa sia l'ecdl? sicuro?Ok, hai ragione, non e' giusto offendere le scimmie.
            io non lo sapevo, l'ho cercato su wikipedia.E quindi erudiscici anche a noi.

            L'ovvio risultato è che il possessore di tale

            certificato non sa nulla di informatica,

            infatti non lo è.Ma viene spacciato per tale.
          • pippo75 scrive:
            Re: ecdl


            io non lo sapevo, l'ho cercato su wikipedia.

            E quindi erudiscici anche a noi.da quanto ho capito l'ecdl o come si scrive serve per dire che tu il PC lo sai accendere, sai scrivere una lettera, sai registrarla su disco e sai riaprirla. Magari sei capace anche di aprire il browser e vedere qualche sito.Il concetto salvare il file non darlo per scontato.


            certificato non sa nulla di informatica,



            infatti non lo è.

            Ma viene spacciato per tale.Se la gente abbocca a tutto......Si diceva che se non voti DC andrai all'inferno, devi andare a messa tute le domenica, se ti tocchi il pisellino diventi cieco.......
          • panda rossa scrive:
            Re: ecdl
            - Scritto da: pippo75


            io non lo sapevo, l'ho cercato su
            wikipedia.



            E quindi erudiscici anche a noi.

            da quanto ho capito l'ecdl o come si scrive serve
            per dire che tu il PC lo sai accendere,E gia' qui avanzerei qualche distinguo."Accendere" significa passare dallo stato di "SPENTO" a quello di acceso.Il computer e' spento? O ibernato? O in stand by?Perche' se uscendo dallo stand by mi dici che hai "acceso", te la conto sbagliata.Avrei comunque delle difficolta' a determinare quando finisce la cosiddetta "accensione".Il computer e' spento.Pigi il tasto di power on.Non e' ancora operativo.Quando possiamo dire che l'accensione e' terminata?Al bios?Alla richiesta di login?A login avvenuta?Che dice l'ecdl?
            sai scrivere una lettera, Vago.Saper scrivere una lettera presuppone una decente conoscenza della propria lingua, e il buon uso dei congiuntivi quando occorrono.Scrivere una lettera sgrammaticata ma bene impaginata e' meglio o peggio che scrivere un bel testo ma impaginato malissimo?
            sai registrarla su disco e
            sai riaprirla.Toglierei "disco".Meglio dire "Sai salvarla da qualche parte"e poi sai riaprirla ritrovandola dove l'hai salvata.Ci sono le chiavette, c'e' la nuvola...Parlare di "disco" e' estremamente riduttivo se non addirittura fuorviante.
            Magari sei capace anche di aprire il browser e
            vedere qualche sito.Uno dovrebbe saper aprire "il browser di default", senza che gli venga detto qual e'. Questa sarebbe vera consapevolezza!
            Il concetto salvare il file non darlo per
            scontato.Neanche ci provo, ma di fatto chi non sa salvare un file per me non sa usare il computer.



            certificato non sa nulla di
            informatica,





            infatti non lo è.



            Ma viene spacciato per tale.

            Se la gente abbocca a tutto......Perche' la gente che deve giudicare e' altrettanto ignorante.Solo i pesci e gli ignoranti abboccano a tutto.(I pesci mica sempre...)
            Si diceva che se non voti DC andrai all'inferno,
            devi andare a messa tute le domenica, se ti
            tocchi il pisellino diventi
            cieco.......Si diceva?Mi pare che si dica ancora, a giudicare dagli interventi nel forum di quelli convinti di queste cose, ogni volta che compare un tema di argomento religioso.
          • pippo75 scrive:
            Re: ecdl
            Mi metto nei miei panni da utonto, per cui dovrò rispondere a tale livello ( magari enfatizzando, tra parentesi trovi i dettagli ).
            "Accendere" significa passare dallo stato di
            "SPENTO" a quello di acceso.A me sembrava spento se poi faceva solo finta, fingeva bene.
            Il computer e' spento? O ibernato? O in stand by?Ibernato? mica era freddo [ ibernato per molti vuole dire freddo ].
            Perche' se uscendo dallo stand by mi dici che hai
            "acceso", te la conto sbagliata.Mica sono uscito, poi ho windows mica stand by me.
            Avrei comunque delle difficolta' a determinare
            quando finisce la cosiddetta "accensione".Quando finisce la musichetta e sparisce la clessidra il PC è acceso.
            Saper scrivere una lettera presuppone una decente
            conoscenza della propria lingua, e il buon uso
            dei congiuntivi quando occorrono.Non ho fatto le scuole alte ma scrivere errori sono imparato, sono un donato naturale.
            Scrivere una lettera sgrammaticata ma bene
            impaginata e' meglio o peggio che scrivere un bel
            testo ma impaginato malissimo?Ci metto anche i pupazzetti nelle lettere ( pupazzetti = clipart )
            Toglierei "disco".
            Meglio dire "Sai salvarla da qualche parte"
            e poi sai riaprirla ritrovandola dove l'hai
            salvata.nel menu file scegli apri e guardi l'elenco.

            Ci sono le chiavette, c'e' la nuvola...Le chiavette sono per internet, miu cugggino cambia anche la sim dentro, non so come sia possibile.La nuvoletta degli impiegati mi prende di mira giornalmente.
            Parlare di "disco" e' estremamente riduttivo se
            non addirittura fuorviante.Su disco, si salva su disco. Dove? Lo detto su disco.
            Uno dovrebbe saper aprire "il browser di
            default", senza che gli venga detto qual e'.
            Questa sarebbe vera consapevolezza!Il default è quello dell'america, noi abbiamo lo spread.Io apro l'icona del mondo e poi compare internet.
            Neanche ci provo, ma di fatto chi non sa salvare
            un file per me non sa usare il
            computer.Lo so ma l'utonto medio è come sopra stavo scrivendo.
          • panda rossa scrive:
            Re: ecdl
            - Scritto da: pippo75
            Mi metto nei miei panni da utonto, per cui dovrò
            rispondere a tale livello ( magari enfatizzando,
            tra parentesi trovi i dettagli
            ).


            "Accendere" significa passare dallo stato di

            "SPENTO" a quello di acceso.

            A me sembrava spento se poi faceva solo finta,
            fingeva
            bene.Eh no. Se pretendi di saper accendere un computer, devi prima capire se e' effettivamente spento.Mi torna in mente la mia prima lezione di scuola guida secoli fa: era una macchina diesel. Io avevo fatto un paio di guide per conto mio su una macchina a benzina.Mi siedo, aggiusto il sedile, accarezzo il volante, verifico i pedali, sfioro il cambio, e a quel punto cerco la chiave, schiaccio la frizione, e giro la chiave per accendere.La macchina era gia' accesa!

            Il computer e' spento? O ibernato? O in
            stand
            by?

            Ibernato? mica era freddo [ ibernato per molti
            vuole dire freddo
            ].Questi molti farebbero bene a prendere la zappa e andare a rivoltare il campo.

            Perche' se uscendo dallo stand by mi dici
            che
            hai

            "acceso", te la conto sbagliata.

            Mica sono uscito, poi ho windows mica stand by me.Era evidente che avevi windows: non e' necessario specificare.

            Avrei comunque delle difficolta' a
            determinare

            quando finisce la cosiddetta "accensione".

            Quando finisce la musichetta e sparisce la
            clessidra il PC è
            acceso.Musichetta e clessidra fanno parte della customizzazione del client.Nel mio al posto della musichetta c'e' un ruttone, e al posto della clessidra una manina col dito medio alzato.

            Saper scrivere una lettera presuppone una
            decente

            conoscenza della propria lingua, e il buon
            uso

            dei congiuntivi quando occorrono.

            Non ho fatto le scuole alte ma scrivere errori
            sono imparato, sono un donato
            naturale.Potevi dirlo subito! In tal caso puoi farti assumere da PI.Hai tutti i requisiti necessari, compreso quello di non capirci niente di computer.

            Scrivere una lettera sgrammaticata ma bene

            impaginata e' meglio o peggio che scrivere
            un
            bel

            testo ma impaginato malissimo?

            Ci metto anche i pupazzetti nelle lettere (
            pupazzetti = clipart
            )Bravo. Questo vuol dire aver capito la funzione "Inserisci immagine" che devi usare anche quando devi spedire delle foto in allegato.

            Toglierei "disco".

            Meglio dire "Sai salvarla da qualche parte"

            e poi sai riaprirla ritrovandola dove l'hai

            salvata.

            nel menu file scegli apri e guardi l'elenco.Non so per quanto tempo esistera' ancora il menu file/apri con elenco del file system.

            Ci sono le chiavette, c'e' la nuvola...

            Le chiavette sono per internet, miu cugggino
            cambia anche la sim dentro, non so come sia
            possibile.Anche il tuo? Pure il mio!Come fai di cognome? Magari sono la stessa persona!
            La nuvoletta degli impiegati mi prende di mira
            giornalmente.E' un brevetto apple, quindi chiedi a ruppolo dove si porta l'ombrello.

            Parlare di "disco" e' estremamente riduttivo
            se

            non addirittura fuorviante.

            Su disco, si salva su disco. Dove? Lo detto su
            disco.E perche' si chiama disco se e' quadrato?

            Uno dovrebbe saper aprire "il browser di

            default", senza che gli venga detto qual e'.

            Questa sarebbe vera consapevolezza!

            Il default è quello dell'america, noi abbiamo lo
            spread.
            Io apro l'icona del mondo e poi compare internet.Bravo. Risposta esatta.E per vedere il XXXXX come fai?

            Neanche ci provo, ma di fatto chi non sa
            salvare

            un file per me non sa usare il

            computer.

            Lo so ma l'utonto medio è come sopra stavo
            scrivendo.Stiamo dicendo la stessa cosa: l'utonto medio il computer non lo sa usare.
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: ecdl
            - Scritto da: pippo75


            io non lo sapevo, l'ho cercato su
            wikipedia.



            E quindi erudiscici anche a noi.

            da quanto ho capito l'ecdl o come si scrive serve
            per dire che tu il PC lo sai accendere, sai
            scrivere una lettera, sai registrarla su disco e
            sai riaprirla.
            Per amore di precisione" è un attestato che certifica il possesso di una competenza informatica di base, che si identifica con la capacità di operare al personal computer con le comuni applicazioni e la conoscenza essenziale della tecnologia dell'informazione (IT) a livello dell'utente generico"Che come definizione mi pare ingannevole considerando che, almeno secondo me, non è in grado di certificare una competenza informatica di base, non certifica la capacità di operare con il personal computer, può al massimo certificare che il possessore sappia effettuare qualche operazione con quelche applicazione e in generale assolutamente NON HA la conoscenza essenziale della tecnologia dell'informazione.



            certificato non sa nulla di
            informatica,





            infatti non lo è.



            Ma viene spacciato per tale.

            Se la gente abbocca a tutto......D'altronde se nei concorsi pubblici, vari ministeri attribuiscono punteggio per il possesso dei certificati ecdl, non è tanto colpa della gente se crede che abbiano un valore.
  • Claudio Rossi scrive:
    Ragazzi smanettoni e pasticcioni
    Il problema è che le scuole italiane dovrebbero smetterla di spendere migliaia di euro in licenze Microsoft e cominciare ad utilizzare il software libero. I ragazzi devono esser consapevoli del fatto che sono disponibili diverse scelte sia nel sistema operativo che nei programmi. Ma purtroppo chi glielo insegna? Io sono insegnante e posso testimoniare che in genere gli insegnanti sono assolutamente analfabeti in fatto di utilizzo di qualsiasi tecnologia. I miei colleghi mi chiamano per qualsiasi stupidaggine; per inserire la carta nella stampante o per mandare una mail in segreteria. Gli stessi insegnanti (e adulti italiani in generale) dicono sempre: "i ragazzi sì che ci sanno fare col computer". Purtroppo chi dice queste frasi non ha nessuna idea di cosa sia un computer e di come lo si utilizzi. Se avesse la minima idea si accorgerebbe che i ragazzi NON SONO AFFATTO abili ad utilizzare la tecnologia. Nella maggior parte dei casi sono pasticcioni e superficiali. Giocherellano un po' con i tasti e col mouse senza avere consapevolezza di quel che stanno facendo e del significato delle loro azioni. Questo è normale, perché sono ragazzi. La cosa anormale è che chi dovrebbe insegnare loro ad utilizzare la tecnologia ne sa meno di loro. comprese le persone che scrivono i test per i concorsi e i genitori che mettono i pc nelle camere dei propri figli e non si accorgono nemmeno di cosa i loro figli fanno davanti al computer. Ne approfitto per lanciare un appello ai genitori.imparate ad utilizzate le tecnologie che usano i vostri figli e controllate un po' quello che fanno se non volete restare tagliati fuori dalla loro vita.Scusate se sono andato un po' OT ma anche il problema dell'indaeguatezza del test deriva dall'ignoranza informatica tipica del nostro paese.
    • Geek Nerd scrive:
      Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni
      Concordo in toto, nativi digitali una cippa!
    • panda rossa scrive:
      Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni
      - Scritto da: Claudio Rossi
      Scusate se sono andato un po' OT ma anche il
      problema dell'indaeguatezza del test deriva
      dall'ignoranza informatica tipica del nostro
      paese.Non sei OT. Sei solo nel posto sbagliato.Non ha senso un appello del genere qui sul forum di PI.Chi di noi e' informatico sta gia' insegnando le cose giuste ai figli.Gli altri fanboys invece mi auguro che di figli non ne abbiano, altrimenti povere creature.
      • ruppolo scrive:
        Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Claudio Rossi


        Scusate se sono andato un po' OT ma anche il

        problema dell'indaeguatezza del test deriva

        dall'ignoranza informatica tipica del nostro

        paese.

        Non sei OT. Sei solo nel posto sbagliato.
        Non ha senso un appello del genere qui sul forum
        di
        PI.
        Chi di noi e' informatico sta gia' insegnando le
        cose giuste ai
        figli.E tu cosa gli insegni, a rubare?
        • Ubunto scrive:
          Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: Claudio Rossi




          Scusate se sono andato un po' OT ma anche
          il


          problema dell'indaeguatezza del test deriva


          dall'ignoranza informatica tipica del
          nostro


          paese.



          Non sei OT. Sei solo nel posto sbagliato.

          Non ha senso un appello del genere qui sul forum

          di

          PI.

          Chi di noi e' informatico sta gia' insegnando le

          cose giuste ai

          figli.

          E tu cosa gli insegni, a rubare?No, credo gli insegni a non farsi XXXXXXX dal primo venditore di aspirapolveri che passa.
          • doc allegato velenoso scrive:
            Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni


            E tu cosa gli insegni, a rubare?

            No, credo gli insegni a non farsi XXXXXXX dal
            primo venditore di aspirapolveri che
            passa.Non ci provare eh!?iVacuum è magggica e li vale tutti gli eurozzi che ti sfilano. :DLo ha anche ribadito il cuoco durante la funzione domenicale.
          • Izio01 scrive:
            Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Claudio Rossi






            Scusate se sono andato un po' OT
            ma
            anche

            il



            problema dell'indaeguatezza del
            test
            deriva



            dall'ignoranza informatica tipica
            del

            nostro



            paese.





            Non sei OT. Sei solo nel posto
            sbagliato.


            Non ha senso un appello del genere qui
            sul
            forum


            di


            PI.


            Chi di noi e' informatico sta gia'
            insegnando
            le


            cose giuste ai


            figli.



            E tu cosa gli insegni, a rubare?

            No, credo gli insegni a non farsi XXXXXXX dal
            primo venditore di aspirapolveri che
            passa.Aaaargh, di nuovo il Kirby, l'aspirapolvere che costa come un'automobile!!! E li teribbili aaaaacari che ti mangiano il cervello, aita!
          • ruppolo scrive:
            Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Claudio Rossi






            Scusate se sono andato un po' OT
            ma
            anche

            il



            problema dell'indaeguatezza del
            test
            deriva



            dall'ignoranza informatica tipica
            del

            nostro



            paese.





            Non sei OT. Sei solo nel posto
            sbagliato.


            Non ha senso un appello del genere qui
            sul
            forum


            di


            PI.


            Chi di noi e' informatico sta gia'
            insegnando
            le


            cose giuste ai


            figli.



            E tu cosa gli insegni, a rubare?

            No, credo gli insegni a non farsi XXXXXXX dal
            primo venditore di aspirapolveri che
            passa.Fregandogli gli "aspirapolveri" non appena si distrae?
          • Shiba scrive:
            Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni
            - Scritto da: ruppolo
            Fregandogli gli "aspirapolveri" non appena si
            distrae?Insegnerà loro a costruirselo. Proibiscimi di usare in casa mia un aspirapolvere uguale al tuo che mi sono appena costruito.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 dicembre 2012 17.18-----------------------------------------------------------
    • pippo75 scrive:
      Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni

      sistema operativo che nei programmi. Ma purtroppo
      chi glielo insegna? Io sono insegnante e posso
      testimoniare che in genere gli insegnanti sono
      assolutamente analfabeti in fatto di utilizzo di
      qualsiasi tecnologia.Io conoscevo un insegnante che del PC era completamente disinteressato o poco ci mancava ( forse perchè gli mancavano pochi anni alla pensione ).Ma della sua materia di spiegava tutto. Il libro serviva solo per fare esercizi o poco più.
    • ruppolo scrive:
      Re: Ragazzi smanettoni e pasticcioni
      Ottimo intervento!
  • BClaudio scrive:
    Inaccettabile
    Apro una pagina di Punto informatico, mi si apre un'altra finestra di pubblicità più pubblicità a tutta pagina sul sito. La cosa non è più tollerabile. Arrivederci ad un tempo migliore.
    • Leguleio scrive:
      Re: Inaccettabile
      - Scritto da: BClaudio
      Apro una pagina di Punto informatico, mi si apre
      un'altra finestra di pubblicità più pubblicità a
      tutta pagina sul sito. La cosa non è più
      tollerabile. Arrivederci ad un tempo
      migliore.A me lo faceva prima, ora ha smesso. Boh...
    • Lia scrive:
      Re: Inaccettabile
      ad muncher o adblock ti apriranno un nuovo mondo
    • panda rossa scrive:
      Re: Inaccettabile
      - Scritto da: BClaudio
      Apro una pagina di Punto informatico, mi si apre
      un'altra finestra di pubblicità più pubblicità a
      tutta pagina sul sito. La cosa non è più
      tollerabile. Arrivederci ad un tempo
      migliore.Te lo meriti. Di che ti lamenti?
    • Kenshiro scrive:
      Re: Inaccettabile
      - Scritto da: BClaudio
      Apro una pagina di Punto informatico, mi si apre
      un'altra finestra di pubblicità più pubblicità a
      tutta pagina sul sito. La cosa non è più
      tollerabileQuoto. Ormai siamo ai livelli dei siti XXXXX-spammoni. Che squallore.
  • ZioSam scrive:
    A parte tutto
    Il vero scandalo secondo me e' che un quiz statale che stabilisce la competenza di futuri docenti sia di qualita' cosi' scarsa. E' indecente.Dei contenuti se ne puo' discutere, se sia giusto o meno fare domande specifiche riguardanti software proprietario se ne puo' discutere, ma in generale molte domande sono ridicole e spesso formulate con linguaggio improrio. Ma che fine ha fatto la professionalita'?
    • sbrotfl scrive:
      Re: A parte tutto
      - Scritto da: ZioSam
      Ma che fine ha fatto la professionalita'?Professionaliche? (newbie)
    • embe scrive:
      Re: A parte tutto
      - Scritto da: ZioSam
      Il vero scandalo secondo me e' che un quiz
      statale che stabilisce la competenza di futuri
      docenti sia di qualita' cosi' scarsa. E'
      indecente.

      Dei contenuti se ne puo' discutere, se sia giusto
      o meno fare domande specifiche riguardanti
      software proprietario se ne puo' discutere, ma in
      generale molte domande sono ridicole e spesso
      formulate con linguaggio improrio.


      Ma che fine ha fatto la professionalita'?E pensare che al primo turno son passati solo il 33% degli aspiranti
      • panda rossa scrive:
        Re: A parte tutto
        - Scritto da: embe
        - Scritto da: ZioSam

        Il vero scandalo secondo me e' che un quiz

        statale che stabilisce la competenza di
        futuri

        docenti sia di qualita' cosi' scarsa. E'

        indecente.



        Dei contenuti se ne puo' discutere, se sia
        giusto

        o meno fare domande specifiche riguardanti

        software proprietario se ne puo' discutere,
        ma
        in

        generale molte domande sono ridicole e spesso

        formulate con linguaggio improrio.





        Ma che fine ha fatto la professionalita'?

        E pensare che al primo turno son passati solo il
        33% degli
        aspirantiTanto ci pensera' il TAR a reintegrare il restante 67%.
  • Fesion scrive:
    Non concordo
    "I software" non si può dire? come dire che non si può dire "i film", infatti tutti noi con gli amici diciamo: "Quali pellicole cinematografiche hai visto ultimamente?" MA ROTFL... Poi ci sono errori anche tecnici secondo me nelle considerazioni del Prof.E per finire, ci sono certe domande da lui proposte che non hanno senso, "cosa è wikipedia?" non discrimina chi non usa wikipedia? "Cosa sono le licenze "Creative Commons"?" E' una domanda di giurisprundenza, non di tecnologia e/o informatica L'idea che mi sono fatto sulla faccenda è questa: per fortuna non ho studiato a Bologna (e la bassa reputazione di questa Università ai miei tempi risulta confermata).
    • Leguleio scrive:
      Re: Non concordo
      - Scritto da: Fesion
      "I software" non si può dire? come dire che non
      si può dire "i film", Ma no, hai frainteso: software è un sostantivo collettivo (= insieme dei programmi), che non ha plurale perché il suo significato denota già una pluralità.Se leggi testi tecnici in inglese, non troverai mai "the softwares", "many softwares" e simili. Vedi anche:http://answers.yahoo.com/question/index?qid=1006022400979
      E per finire, ci sono certe domande da lui
      proposte che non hanno senso, "cosa è wikipedia?"
      non discrimina chi non usa wikipedia?La domanda in questo quiz specifico, no: un aspirante docente <B
      deve </B
      sapere che cos'è wikipedia, proprio per non usarla nell'insegnamento (almeno quella italiana)! Sapere che è una brutta enciclopedia solo per sentito dire non basta, deve averne letta almeno qualche pagina.
      "Cosa sono le licenze "Creative Commons"?" E' una
      domanda di giurisprundenza, non di tecnologia e/o
      informaticaVero, ma il test è di cultura generale, non solo di informatica. Lui ha analizzato solo le domande di ambito informatico, e in effetti, proponendo questa, è andato un po' fuori dal seminato.
      • ciko scrive:
        Re: Non concordo



        "Cosa sono le licenze "Creative Commons"?"
        E'
        una

        domanda di giurisprundenza, non di
        tecnologia
        e/o

        informatica

        Vero, ma il test è di cultura generale, non solo
        di informatica. Lui ha analizzato solo le domande
        di ambito informatico, e in effetti, proponendo
        questa, è andato un po' fuori dal
        seminato.scusate ma non sono daccordo, "cultura informatica" è inteso in senso ampio. Sapere quali materiali poter ridistribuire legalmente è ambito di un docente, non di un avvocato. E' come dire che un autista di autobus non sa quanti passeggeri e di che tipo può trasportare, o un dentista che tipo di interventi gli sono consentiti.
        • Leguleio scrive:
          Re: Non concordo
          - Scritto da: ciko




          "Cosa sono le licenze "Creative
          Commons"?"

          E'

          una


          domanda di giurisprundenza, non di

          tecnologia

          e/o


          informatica



          Vero, ma il test è di cultura generale, non
          solo

          di informatica. Lui ha analizzato solo le
          domande

          di ambito informatico, e in effetti,
          proponendo

          questa, è andato un po' fuori dal

          seminato.



          scusate ma non sono daccordo, "cultura
          informatica" è inteso in senso ampio. Sapere
          quali materiali poter ridistribuire legalmente è
          ambito di un docente, non di un avvocato.L'obiezione è sensata, invece, perché le licenze di tipo Creative Commons non si applicano solo a prodotti informatici, benché quello sia di gran lunga l'ambito più utilizzato. Si possono pubblicare libri, girare film o comporre opere musicali con la licenza Creative Commons. E ovviamente, nulla obbliga a mettere queste opere sul web, o su un supporto informatico come il DVD. Insomma, in realtà lì si parla di diritto, e non di linguaggi di programmazione o di interfacce.
          • ciko scrive:
            Re: Non concordo


            Insomma, in realtà lì si parla di diritto, e non
            di linguaggi di programmazione o di
            interfacce.certo che si parla di diritto, ma ciò non implica che non sia comunque un ambito di interesse di un docente di informatica. Diritto specifico per una categoria, come la legislazione su, che so, libertà di espressione religiosa non è ambito di un teologo? O la legislazione relativa i portatori di handicap non è doveroso sia conosciuta da tutto il corpo docente?MHO, certamente, e chiaramente opinabile...
          • Leguleio scrive:
            Re: Non concordo
            - Scritto da: ciko



            Insomma, in realtà lì si parla di diritto, e
            non

            di linguaggi di programmazione o di

            interfacce.

            certo che si parla di diritto, ma ciò non implica
            che non sia comunque un ambito di interesse di un
            docente di informatica.

            Diritto specifico per una categoria, come la
            legislazione su, che so, libertà di espressione
            religiosa non è ambito di un teologo?Entrambi gli esempi che hai fatto si applicano alla cultura generale. Un teologo deve sapere cos'è la licenza Creative Commons, e un insegnante di informatica deve sapere in cosa consiste la libertà religiosa. Solo che, come detto, la licenza Creative Commons non si limita a questioni informatiche, o relative al web, ma è generale. È un capitolo relativo al diritto d'autore, quello che in alcuni Paesi viene chiamato "diritto immateriale".
            O la legislazione relativa i portatori di
            handicap non è doveroso sia conosciuta da tutto
            il corpo
            docente?Assolutamente sì. Ma, appunto, mi suonerebbe strano che un docente universitario di informatica proponesse un quesito sugli alunni Down. Tutto qui. :-)
        • pippo75 scrive:
          Re: Non concordo

          scusate ma non sono daccordo, "cultura
          informatica" è inteso in senso ampio. Sapere
          quali materiali poter ridistribuire legalmente è
          ambito di un docente, non di un avvocato.o forse ad un corso di radiotecnica dire che tipo di licenza devono usare per le canzoni trasmesse via radio.cmq. al 98% dei docenti di informatica "pura" interessa lo 0%.Purtroppo si usa il termine in ambiti poco pertinenti. ( dovrebbero creare un altra parola per non creare equivoci ).
      • Fesion scrive:
        Re: Non concordo
        - Scritto da: Leguleio
        - Scritto da: Fesion

        "I software" non si può dire? come dire che
        non

        si può dire "i film",

        Ma no, hai frainteso: software è un sostantivo
        collettivo (= insieme dei programmi), che non ha
        plurale perché il suo significato denota già una
        pluralità.
        Se leggi testi tecnici in inglese, non troverai
        mai "the softwares", "many softwares" e simili.
        Vedi
        anche:

        http://answers.yahoo.com/question/index?qid=100602
        Lasciando perdere i casi particolari, in italiano è possibile usare parole di altre lingue, senza usare le desinenze per il plurale. Lui usa anche altre parole olter software, io l'ho presa perchè è il primo esempio.Lui dice che devi dire programmi, io dico che in italiano puoi dire software, film, computer, hamburger, week end, bar e chi più ne ha ne metta.oppure possiamo tornare al ventennio:http://paolo-padova.blogspot.it/2008/10/1940-solo-parole-italiane.html(ps: il link da te proposto non è più valido)


        E per finire, ci sono certe domande da lui

        proposte che non hanno senso, "cosa è
        wikipedia?"

        non discrimina chi non usa wikipedia?

        La domanda in questo quiz specifico, no: un
        aspirante docente <B
        deve </B

        sapere che cos'è wikipedia, proprio per non
        usarla nell'insegnamento (almeno quella
        italiana)!

        Sapere che è una brutta enciclopedia solo per
        sentito dire non basta, deve averne letta almeno
        qualche pagina.
        Ok, da questo punto di vista hai ragione, però allora potresti fare una domanda genericamente parlando di "enciclopedia on line" (tò, un altro termine inglese usato in italiano, ah no, non posso devo dire "in linea" :P)


        "Cosa sono le licenze "Creative Commons"?"
        E'
        una

        domanda di giurisprundenza, non di
        tecnologia
        e/o

        informatica

        Vero, ma il test è di cultura generale, non solo
        di informatica. Lui ha analizzato solo le domande
        di ambito informatico, e in effetti, proponendo
        questa, è andato un po' fuori dal
        seminato.E che mi sono fermato al 10% delle sue considerazioni...
    • panda rossa scrive:
      Re: Non concordo
      - Scritto da: Fesion
      "Cosa sono le licenze "Creative Commons"?" E' una
      domanda di giurisprundenza, non di tecnologia e/o
      informaticaSe pretendi di voler fare l'insegnante DEVI SAPERE che cosa sono le creative commons e che cos'e' il copyright.Devi insegnare agli allievi che la condivisione accresce la cultura, che se io ho una idea e tu un'altra, ce le scambiamo e restiamo con due idee a testa e che il medesimo concetto e' estendibile a tutto cio' che e' immateriale.Devi altresi' conoscere il copyright, il suo anacronismo e le sue storture per poter affermare che oggi a difendere il copyright sono solo quei parassiti che vivono di immeritate rendite senza avere alcun merito.
  • TuttoaSaldo scrive:
    Test a scelta multipla
    Qualcuno invece mi spiega come hanno fatto (anche un articolo di PI sarebbe gradito) su di un noto sito che si occupa del concorsone ad avere il database delle domande pienamente accessibile il giorno dopo l'uscita del programma per fare i test del ministero?In teoria non era possibile neppure vedere le soluzioni alle domande sbagliate.Lo hanno hackerato nella notte?
    • panda rossa scrive:
      Re: Test a scelta multipla
      - Scritto da: TuttoaSaldo
      Qualcuno invece mi spiega come hanno fatto (anche
      un articolo di PI sarebbe gradito) su di un noto
      sito che si occupa del concorsone ad avere il
      database delle domande pienamente accessibile il
      giorno dopo l'uscita del programma per fare i
      test del
      ministero?Considerando che c'era un sito che aveva quelle domande il giorno PRIMA del test, non e' difficile rispondere alla tua domanda.
      In teoria non era possibile neppure vedere le
      soluzioni alle domande
      sbagliate.
      Lo hanno hackerato nella notte?Ma va...Funziona come con la graduatoria del concorso.Era gia' disponibile da prima del test.Il test e' solo un pro-forma per dare una parvenza di credibilita' al tutto.I primi 5000 nominativi da assumere sono gia' noti.I rimanenti vengono banalmente sorteggiati.E alla fine si festeggia a tarallucci e vino come da lunga tradizione italiota.
  • Leguleio scrive:
    Capisco l'obiezione, ma...
    Ho letto le riserve che Renzo Davoli muove alle domande dei quiz. Su approssimazione e cantonate varie presenti in alcuni quesiti ha perfettamente ragione, c'è poco da discutere. Solo che riguardano tutte le materie, non solo quella in cui lui è un esperto. :-(Sulle domande che riguardano solo il sistema operativo per Windows, mi pare che le basi perché il ricorso venga accolto sono molto labili. Faccio un esempio: se io non avessi la patente, e incontrassi una domanda sui limiti attuali di velocità in autostrada, mi sentirei discriminato: questa non è cultura generale. Se mi chiedessero quale mano bisogna tenere in Italia o cosa indica un colpo di clacson dell'automobilista, la discriminazione non c'è più, queste sono cose che chiunque non abbia vissuto tutta la vita nella savana deve sapere. :-)Tornando al discorso Windows: liberissimi di non usarlo e di non patrocinarne l'uso: ma uno che vuole entrare nella scuola italiana, che possiede ahinoi computer, quando li possiede, con i sistemi operativi Windows, se non lo conosce nemmeno un po' forse è il caso che colmi le sue lacune.
    • lello76 scrive:
      Re: Capisco l'obiezione, ma...
      beh scusa ma io non capisco tutte le obiezioni ... alcune sono più che lecite, ma altre, partendo dal presupposto che il test è Windows centrico, sono errate ...es. il fatto che lui non abbia parole per la risposta che l'F5 serve ad effettuare il refresh delle cartelle, o che trovi errato che in Windows l'estensione del file definisca l'applicativo di default per aprire i file non lo trovo corretto ...posso capire che nella sua idea di un test su ogni sistema operativo possano essere obiezioni valide, ma che su un test che lui stesso attacca perché è basato solo su Windows queste sono risposte corrette, da catalogare sotto Windows non come errori di chi ha creato il test...
      • Leguleio scrive:
        Re: Capisco l'obiezione, ma...
        - Scritto da: lello76
        beh scusa ma io non capisco tutte le obiezioni
        ... alcune sono più che lecite, ma altre,
        partendo dal presupposto che il test è Windows
        centrico, sono errate
        ...
        es. il fatto che lui non abbia parole per la
        risposta che l'F5 serve ad effettuare il refresh
        delle cartelle, o che trovi errato che in Windows
        l'estensione del file definisca l'applicativo di
        default per aprire i file non lo trovo corretto
        ...Si sarà fatto scappare la mano, per l'indignazione. 8)
      • lello76 scrive:
        Re: Capisco l'obiezione, ma...
        - Scritto da: lello76
        beh scusa ma io non capisco tutte le obiezioni
        ... alcune sono più che lecite, ma altre,
        partendo dal presupposto che il test è Windows
        centrico, sono errate
        ...
        es. il fatto che lui non abbia parole per la
        risposta che l'F5 serve ad effettuare il refresh
        delle cartelle, o che trovi errato che in Windows
        l'estensione del file definisca l'applicativo di
        default per aprire i file non lo trovo corretto
        ...
        posso capire che nella sua idea di un test su
        ogni sistema operativo possano essere obiezioni
        valide, ma che su un test che lui stesso attacca
        perché è basato solo su Windows queste sono
        risposte corrette, da catalogare sotto Windows
        non come errori di chi ha creato il
        test...A già dimenticavo ... non capisco neanche come possa prima cavillare sui plurali, singolari e sulle singole parole e poi lamentarsi che esiste Google Chrome OS, quando loro non hanno scritto Google Chrome OS, ma solo Google Chrome che è un Browser e non un sistema operativo, che come giustamente scrive lui il S.O. si chiama Google Chrome OS... nei test di solito ci sono anche le risposte che sembrano corrette ma non lo sono, il professore non lo sa?Ah non faccio parte di chi ha stilato il test, ma alcune obiezioni mi paiono un po' forzate ed inserite solo per far numero ...Poi ribadisco altre obiezioni sono più che valide :)
      • panda rossa scrive:
        Re: Capisco l'obiezione, ma...
        - Scritto da: lello76
        beh scusa ma io non capisco tutte le obiezioni
        ... alcune sono più che lecite, ma altre,
        partendo dal presupposto che il test è Windows
        centrico, sono errate
        ...
        es. il fatto che lui non abbia parole per la
        risposta che l'F5 serve ad effettuare il refresh
        delle cartelle, o che trovi errato che in Windows
        l'estensione del file definisca l'applicativo di
        default per aprire i file non lo trovo corretto
        ...Ha ragione da vendere invece.Non e' mica il sistema operativo a gestire F5 o l'applicazione di default ma il file manager.Io che uso un altro file manager, per il refresh delle cartelle devo fare CTRL-R e il tasto F5 lo uso per copiare un file da un pannello ad un altro.Idem per quanto riguarda l'applicazione di default.E' sempre il file manager che, in corrispondenza dell'evento INVIO o DOPPIO CLICK fa partire l'applicazione di default.Altri file manager possono fare tutt'altro.
        posso capire che nella sua idea di un test su
        ogni sistema operativo possano essere obiezioni
        valide, ma che su un test che lui stesso attacca
        perché è basato solo su Windows queste sono
        risposte corrette, da catalogare sotto Windows
        non come errori di chi ha creato il
        test...Ripeto, non c'entra windows.La domanda doveva essere posta nel modo seguente:"Che cosa succede premendo F5 quando si utilizza il file manager di default del colapasta (explorer.exe) ?"
        • lello76 scrive:
          Re: Capisco l'obiezione, ma...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: lello76

          beh scusa ma io non capisco tutte le
          obiezioni

          ... alcune sono più che lecite, ma altre,

          partendo dal presupposto che il test è
          Windows

          centrico, sono errate

          ...

          es. il fatto che lui non abbia parole per la

          risposta che l'F5 serve ad effettuare il
          refresh

          delle cartelle, o che trovi errato che in
          Windows

          l'estensione del file definisca
          l'applicativo
          di

          default per aprire i file non lo trovo
          corretto

          ...

          Ha ragione da vendere invece.
          Non e' mica il sistema operativo a gestire F5 o
          l'applicazione di default ma il file
          manager.
          Io che uso un altro file manager, per il refresh
          delle cartelle devo fare CTRL-R e il tasto F5 lo
          uso per copiare un file da un pannello ad un
          altro.

          Idem per quanto riguarda l'applicazione di
          default.
          E' sempre il file manager che, in corrispondenza
          dell'evento INVIO o DOPPIO CLICK fa partire
          l'applicazione di
          default.
          Altri file manager possono fare tutt'altro.


          posso capire che nella sua idea di un test su

          ogni sistema operativo possano essere
          obiezioni

          valide, ma che su un test che lui stesso
          attacca

          perché è basato solo su Windows queste sono

          risposte corrette, da catalogare sotto
          Windows

          non come errori di chi ha creato il

          test...

          Ripeto, non c'entra windows.
          La domanda doveva essere posta nel modo seguente:
          "Che cosa succede premendo F5 quando si utilizza
          il file manager di default del colapasta
          (explorer.exe)
          ?"Per l'F5 posso darti ragione ma visto che l'estensione dei file è mappata nel registry di Windows con l'indicazione dell'applicativo di default, quello no, xchè escludendo quando utilizzi il tuo "File Manager" se il sistema operativo vuole sapere con che applicativo deve lanciare un file va a vedere nel Registry con che applicativo farlo (es. se navighi con Interdet Exploder ... ) o come nell'esempio che faceva il professore se io da esegui o da prompt dei comandi inserisco il nome di un PDF Windows va nel registry, guarda il programma di default e lo utilizza per aprire il file ...
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: lello76

            Per l'F5 posso darti ragione ma visto che
            l'estensione dei file è mappata nel registry di
            Windows con l'indicazione dell'applicativo di
            default, quello no, xchè escludendo quando
            utilizzi il tuo "File Manager" se il sistema
            operativo vuole sapere con che applicativo deve
            lanciare un file va a vedere nel Registry con che
            applicativo farlo (es. se navighi con Interdet
            Exploder ... ) o come nell'esempio che faceva il
            professore se io da esegui o da prompt dei
            comandi inserisco il nome di un PDF Windows va
            nel registry, guarda il programma di default e lo
            utilizza per aprire il file
            ...Ni.Posso concordare sul fatto che l'estensione sia legata ad una applicazione di default specificata nel registry.Ma dissento sul fatto che l'evento DOPPIOCLICK abbia come effetto quello di aprire l'applicazione di default con quel file su cui hai doppiocliccato, perche' la gestione dell'evento doppioclick e' demandata al file manager, che potrebbe interpretarla, per esempio, per aprire le proprieta' del file, e utilizzare un altro evento per lanciare l'applicazione.
          • lello76 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...

            Ni.
            Posso concordare sul fatto che l'estensione sia
            legata ad una applicazione di default specificata
            nel
            registry.

            Ma dissento sul fatto che l'evento DOPPIOCLICK
            abbia come effetto quello di aprire
            l'applicazione di default con quel file su cui
            hai doppiocliccato, perche' la gestione
            dell'evento doppioclick e' demandata al file
            manager, che potrebbe interpretarla, per esempio,
            per aprire le proprieta' del file, e utilizzare
            un altro evento per lanciare
            l'applicazione.è vero ...ma la domanda non parla del doppio click, chiede solo lo scopo dell'estensione del file e, come dicevo, in Windows di risposta ce n'è una sola giusta, mentre viene detto che nessuna è giusta, poi ovviamente sono conscio che in altri sistemi operativi non è così (es. iOS) ma la mia obiezione è sul fatto che si volia screditare completamente il test quando poi di errori reali ce ne siano ben pochi ... tante cose Windows centriche, non dico di no, ma purtroppo (o per fortuna dipende dai casi) è il sistema più utilizzato nel mondo (e soprattutto nel mondo del lavoro)...
          • Leguleio scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            Per chiarezza di entrambi ricopio la domanda originale con le annotazioni di Renzo Davoli. Domanda n. 022: Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo di....1 Associare al file il programma che lo debba elaborare.2 Consentire una più facile ricerca di quel file.3 Distinguere le diverse versioni di quello stesso file.4 Codificare il nome della persona che lo ha realizzato. RISPOSTA ERRATA (sono tutte errate). Si possono mettere estensioni che indichino la versione, niente lo vieta. Sono "suffissi" che convenzionalmente indicano il formato di un file o il suo ruolo. es .pdf indica il formato ma non e' detto che per forza debba essere associato uno o un solo programma per elaborarlo, .c e' un sorgente C, puo' essere elaborato con un editor o con un compilatore. Se è quella la domanda su cui discutete, e non un'altra. :
          • lello76 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: Leguleio
            Per chiarezza di entrambi ricopio la domanda
            originale con le annotazioni di Renzo
            Davoli.



            Domanda n. 022:

            Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo di....

            1 Associare al file il programma che lo debba
            elaborare.
            2 Consentire una più facile ricerca di quel file.
            3 Distinguere le diverse versioni di quello
            stesso
            file.
            4 Codificare il nome della persona che lo ha
            realizzato.

            RISPOSTA ERRATA (sono tutte errate). Si
            possono mettere estensioni che indichino la
            versione, niente lo vieta. Sono "suffissi" che
            convenzionalmente indicano il formato di un file
            o il suo ruolo. es .pdf indica il formato ma non
            e' detto che per forza debba essere associato uno
            o un solo programma per elaborarlo, .c e' un
            sorgente C, puo' essere elaborato con un editor o
            con un compilatore.




            Se è quella la domanda su cui discutete, e non
            un'altra.
            :Si grazie, è quella :) ...ribadisco, è vero che in un test su un SO generico è una risposta che non ha una risposta vera, ma in Windows c'è, e partendo dal presupposto che è un test principalmente basato su Windows (posso dire che non lo trovo giusto al 100%, lo capisco ma non lo trovo giusto) l'obiezione mi pare errata, o meglio mi pare nel gruppo errato di obiezioni ...
          • memoriacort a scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: lello76
            - Scritto da: Leguleio

            Per chiarezza di entrambi ricopio la domanda

            originale con le annotazioni di Renzo

            Davoli.







            <B
            Domanda n. 022: </B




            Nei nomi dei file, l'estensione ha lo scopo
            di....



            1 Associare al file il programma che lo debba

            elaborare.

            2 Consentire una più facile ricerca di quel
            file.

            3 Distinguere le diverse versioni di quello

            stesso

            file.

            4 Codificare il nome della persona che lo ha

            realizzato.



            <I
            RISPOSTA ERRATA (sono tutte errate). Si

            possono mettere estensioni che indichino la

            versione, niente lo vieta. Sono "suffissi" che

            convenzionalmente indicano il formato di un file

            o il suo ruolo. es .pdf indica il formato ma non

            e' detto che per forza debba essere associato
            uno

            o un solo programma per elaborarlo, .c e' un

            sorgente C, puo' essere elaborato con un editor
            o

            con un compilatore. </I










            Se è quella la domanda su cui discutete, e non

            un'altra.

            :
            Si grazie, è quella :) ...
            ribadisco, è vero che in un test su un SO
            generico è una risposta che non ha una risposta
            vera, ma in Windows c'è, e partendo dal
            presupposto che è un test principalmente basato
            su Windows (posso dire che non lo trovo giusto al
            100%, lo capisco ma non lo trovo giusto)
            l'obiezione mi pare errata, o meglio mi pare nel
            gruppo errato di obiezioni
            ...Persino sotto windows nesun ti impedisce di usare l'estensione per indicare una versione o un popetario.E' pratica comune, ad esempio rinominare in .old la vechia versione di un documento
          • lello76 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            beh nessuno mi vieta di non metterla neanche l'estensione ... o se è per questo di mettere l'estensione png ad un e-book ... per cui la definizione di l'estensione del file è: quella cosa che potrebbe o non potrebbe esserci dopo l'ultimo punto (se presente) nel nome di un file che può o non può avere un significato a seconda delle intenzioni di chi l'ha assegnata?scusa ma così quasi nessuna domanda nel mondo dell'informatica ha una risposta finita ... comunque allora se vuoi ti faccio un altro esempio ... dire che al giorno d'oggi nessuno utilizza più il modem è una gran XXXXXta ... io come molti miei amici ho l'ADSL ... e se non è un modem quella cosa che stava nella scatola del Modem ADSL che mi hanno mandato come si chiama quella scatola magica che mi fa collegare a internet?------------------------------------Domanda n. 160: Quale delle seguenti affermazioni è corretta. Il modem.... E' una scheda virtuale creata da Windows solo nella versione XP. Permette il collegamento di un computer ad una linea telefonica. E' anche detto Internet Point. Trasforma i testi in immagini. Domanda obsoleta. Non si usano piu' i modem. Il riferimento a Windows e' gratuito e inutile. -----------------------------------
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: lello76
            comunque allora se vuoi ti faccio un altro
            esempio ... dire che al giorno d'oggi nessuno
            utilizza più il modem è una gran XXXXXta ... io
            come molti miei amici ho l'ADSL ... e se non è un
            modem quella cosa che stava nella scatola del
            Modem ADSL che mi hanno mandato come si chiama
            quella scatola magica che mi fa collegare a
            internet?
            ------------------------------------
            Domanda n. 160:

            Quale delle seguenti affermazioni è corretta. Il
            modem....

            E' una scheda virtuale creata da Windows solo
            nella versione XP.

            Permette il collegamento di un computer ad una
            linea telefonica.

            E' anche detto Internet Point.
            Trasforma i testi in immagini.
            Domanda obsoleta. Non si usano piu' i modem. Il
            riferimento a Windows e' gratuito e inutile.

            -----------------------------------Bhe innanzitutto obsoleto o no un modem permette indubbiamente il collegamento di un computer a una linea telefonica, ed in secundis sono chiamati "modem" anche i "modem adsl" quindi resta valida la risposta.
    • Joshthemajor scrive:
      Re: Capisco l'obiezione, ma...
      A parer mio è corretto discriminare. E' sbagliato insegnare ad utilizzare un software che è utilizzato pochissimo. Io mi trovo davanti tutti i giorni delle capre allucinanti con i computer windows, e in TUTTE le aziende si utilizza Windows.Perchè dovrei insegnare o promuovere un OS che nel 95% dei casi non verrà poi più utilizzato?Sarebbe come se si accantonasse lo studio della letteratura europea a vantaggio di quella asiatica.
      • Claudio Rossi scrive:
        Re: Capisco l'obiezione, ma...
        Perché siamo in crisi economica e promuovere l'utilizzo del software libero anche nelle aziende non sarebbe male. E poi scusa, ma se uno non è un imbranato totale si dovrebbe saper destreggiare anche su più sistemi operativi. Non è che se uno ha una Panda deve per forza fare la scuola guida usando una Panda...
        • Joshthemajor scrive:
          Re: Capisco l'obiezione, ma...
          Beh, ma parlando in chiave "aziendale" non esiste uno meno imbranato.Anzi sì, esistono, sono quelli che si destreggiano un minimo più degli altri e che dunque fanno dei macelli molto più grossi degli altri.Parlando di cambiamenti... hai idea di quanto non sia possibile introdurre linux in azienda?
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: Joshthemajor
            Parlando di cambiamenti... hai idea di quanto non
            sia possibile introdurre linux in
            azienda?Linux nelle aziende c'e'.Non voglio neanche sapere dove lavori tu, a questo punto.
          • lello76 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...

            Linux nelle aziende c'e'.
            Non voglio neanche sapere dove lavori tu, a
            questo
            punto.si principalmente per la parte server ... sul client sinceramente ne ho visti veramente pochi e tutti di sistemisti o programmatori Java ...per la parte client in grandi aziende c'è Windows ... quando va bene 7 se no XP con IE6
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: lello76

            Linux nelle aziende c'e'.

            Non voglio neanche sapere dove lavori tu, a

            questo

            punto.
            si principalmente per la parte server ...Stiamo parlando di computer. Ovvio che si intende la parte server.
            sul
            client sinceramente ne ho visti veramente pochi e
            tutti di sistemisti o programmatori Java
            ...Cioe' di gente che ci capisce.Quindi anche tu puoi decidere se scegliere quello che sceglie chi ci capisce, o tenerti i virus, i bsod e tutto il resto.
            per la parte client in grandi aziende c'è Windows
            ... quando va bene 7 se no XP con
            IE6...il client e' un giocattolo. O lo usi per il solitario, o ti colleghi al server di cui sopra.
          • lello76 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...

            Stiamo parlando di computer. Ovvio che si intende
            la parte
            server.quindi tu stai dicendo che alla maggior parte degli studenti in futuro toccherà lavorare sui server? :S mah ... srà
            Cioe' di gente che ci capisce.
            Quindi anche tu puoi decidere se scegliere quello
            che sceglie chi ci capisce, o tenerti i virus, i
            bsod e tutto il
            resto.sarà ... però ad alcune di quelle persone "che ci capisce" mi è capitato di insegnare qualcosa ... e io sul mio pc come sistema base ho già le piastrelle ... basta "capirci" per far si che un sistema operativo "serio" (non le versioni consumer) funzionino come si deve ... ti ricordo che non c'è nessun sistema operativo (ad eccezione di BSD usato bene) definibile sicuro al 100% ...
            ...il client e' un giocattolo. O lo usi per il
            solitario, o ti colleghi al server di cui
            sopra.sarà come dici tu ... sai che quasi quasi ti segnalo a quelli di Microsoft da portare ai loro processi per Antitrust ... Visto che a quanto dici non è il sistema più usato dagli utenti le vincono tutte le cause ...
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: lello76

            Stiamo parlando di computer. Ovvio che si
            intende

            la parte

            server.

            quindi tu stai dicendo che alla maggior parte
            degli <s
            studenti </s
            <b
            informatici </b
            in futuro toccherà lavorare sui
            server? :S mah ...
            sràEsattamente.

            Cioe' di gente che ci capisce.

            Quindi anche tu puoi decidere se scegliere
            quello

            che sceglie chi ci capisce, o tenerti i
            virus,
            i

            bsod e tutto il

            resto.

            sarà ... però ad alcune di quelle persone "che ci
            capisce" mi è capitato di insegnare qualcosa ...Vedi che ho ragione: avevano winsozz.
            e io sul mio pc come sistema base ho già le
            piastrelle ... Peggio per te.
            basta "capirci" per far si che un
            sistema operativo "serio" (non le versioni
            consumer) funzionino come si deve ... ti ricordo
            che non c'è nessun sistema operativo (ad
            eccezione di BSD usato bene) definibile sicuro al
            100% ...Tuttavia BSD non viene usato. Le pratiche di abuso di monopolio fanno si che vengano preinstallate le piastrelle.

            ...il client e' un giocattolo. O lo usi per
            il

            solitario, o ti colleghi al server di cui

            sopra.

            sarà come dici tu ... sai che quasi quasi ti
            segnalo a quelli di Microsoft da portare ai loro
            processi per Antitrust ... Visto che a quanto
            dici non è il sistema più usato dagli utenti le
            vincono tutte le cause
            ...Tu sei uno di quelli che COMPUTER=DESKTOP?
          • Prozac scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: panda rossa

            quindi tu stai dicendo che alla maggior parte

            degli <s
            studenti </s

            <b
            informatici </b
            in futuro
            toccherà lavorare
            sui

            server? :S mah ...

            srà

            Esattamente.Io sono un <b
            Informatico </b
            e di lavorare sui server non me ne può XXXXXXX di meno.
          • Prozac scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: panda rossa
            E quindi di che cosa ti occupi?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3672019&m=3673469#p3673469
          • Prozac scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: panda rossa
            Fico!
            Bel settore quello...Già... Mi piace un sacco questo settore :)
            Si, si, ne avevamo gia' parlato di queste cose in
            diverse
            occasioni.
            Anche questa e' una bella storia.Sì. Tecnicamente è molto interessante. Sia il dover certificare il dato (quando si deve procedere con un'analisi che preveda la "ripetibilità" della stessa); sia la ricerca vera e propria di prove giuridicamente valide. Sono sempre stato attratto dal pensiero hacker e questo lato dell'informatica (assieme alla sicurezza informatica e al penetration testing) mi permette di coltivarlo (da smanettone) senza entrare nell'illegalità :P
          • Prozac scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            Collaborazionista.
            I sistemi di potere di combattono, non si aiutano.
            :P :P :PE chi li aiuta... Io aiuto a far emergere la verità :P :P :P :D :D :D p)
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: max59

            Perche' secondo te la prima cosa che

            l'amministrazione di una azienda chiede ad un

            sistemista e' quella di inibire l'acXXXXX a

            fessbuk e ai siti di gaming dalla rete

            aziendale?

            se la gente fosse motivata sia a stipendio che a
            cultura ci sarebbe piu' serieta'
            :(Lo statalismo e' un cancro contagioso.Laddove ci sono motivazioni, le cose funzionano e c'e' pure il tempo per giocare o cazzeggiare sul forum di PI.


            e se si vuole che


            l'open abbia una utenza di massa e
            lasci
            il


            closed non è questo l'atteggiamento
            giusto.



            Quale dovrebbe essere l'atteggiamento giusto?

            non dire che chi usa il client lo fa solo per
            giocare, altrimenti è come dire che vale solo le
            patenti C D per guidare i mezzi pesanti, quella B
            è solo per divertirsi.La patente per divertirsi e' la A.
            Dillo ai pendolari.
            :I pendolari che c'entrano? Quelli vanno in treno.

            C'era un certo Cubasia che tempo fa si stava

            occupando di questa cosa su PI. Chissa' che
            fine

            ha

            fatto.

            Cubasia si riferiva solo agli ingegneri
            informatici, quindi una minoranza, se avesse
            parlato anche dei periti informatici, magari il
            discorso sarebbe stato piu' seguito.
            :$Il perito informatico in periodo di vecchio ordinamento universitario e' molto meglio della laurea triennale del nuovo ordinamento.
            Se il discorso sindacale lo si estendesse
            all'utenza per uno specifico contratto di lavoro
            sarebbe ancora meglio, non lo sterile
            corporativismo di chi vede solo i server.
            :$Il vedere solo i server nell'informatica corrisponde a vedere solo la fabbrica nella metalmeccanica.Al di fuori del server ci sono i piccoli artigiani.Non puoi fare una corporazione di sparagestionali se prima non c'e' quella dei sistemisti.
          • max59 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: max59



            Perche' secondo te la prima cosa che


            l'amministrazione di una azienda chiede
            ad
            un


            sistemista e' quella di inibire
            l'acXXXXX
            a


            fessbuk e ai siti di gaming dalla rete


            aziendale?



            se la gente fosse motivata sia a stipendio
            che
            a

            cultura ci sarebbe piu' serieta'

            :(

            Lo statalismo e' un cancro contagioso.

            Laddove ci sono motivazioni, le cose funzionano e
            c'e' pure il tempo per giocare o cazzeggiare sul
            forum di
            PI.qualunque cosa condotta male è cancro, vedi nel privato i fallimenti pilotati che lasciano dipendenti sul lastrico :s



            e se si vuole che



            l'open abbia una utenza di massa e

            lasci

            il



            closed non è questo l'atteggiamento

            giusto.





            Quale dovrebbe essere l'atteggiamento
            giusto?



            non dire che chi usa il client lo fa solo per

            giocare, altrimenti è come dire che vale
            solo
            le

            patenti C D per guidare i mezzi pesanti,
            quella
            B

            è solo per divertirsi.

            La patente per divertirsi e' la A.


            Dillo ai pendolari.

            :

            I pendolari che c'entrano? Quelli vanno in treno.nelle grandi citta' ci si sposta in macchina, a meno che non ci sia una metropolitana molto ramificata :$



            C'era un certo Cubasia che tempo fa si
            stava


            occupando di questa cosa su PI. Chissa'
            che

            fine


            ha


            fatto.



            Cubasia si riferiva solo agli ingegneri

            informatici, quindi una minoranza, se avesse

            parlato anche dei periti informatici, magari
            il

            discorso sarebbe stato piu' seguito.

            :$

            Il perito informatico in periodo di vecchio
            ordinamento universitario e' molto meglio della
            laurea triennale del nuovo
            ordinamento.



            Se il discorso sindacale lo si estendesse

            all'utenza per uno specifico contratto di
            lavoro

            sarebbe ancora meglio, non lo sterile

            corporativismo di chi vede solo i server.

            :$

            Il vedere solo i server nell'informatica
            corrisponde a vedere solo la fabbrica nella
            metalmeccanica.
            Al di fuori del server ci sono i piccoli
            artigiani.
            Non puoi fare una corporazione di sparagestionali
            se prima non c'e' quella dei
            sistemisti.ma i cambiamenti si fanno con i grandi numeri, se si parte corporativamente si resta sconfitti. :(
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: max59

            Laddove ci sono motivazioni, le cose
            funzionano
            e

            c'e' pure il tempo per giocare o cazzeggiare
            sul

            forum di

            PI.

            qualunque cosa condotta male è cancro, vedi nel
            privato i fallimenti pilotati che lasciano
            dipendenti sul lastrico
            :sIn quelle realta' non ci sono motivazioni.

            I pendolari che c'entrano? Quelli vanno in
            treno.

            nelle grandi citta' ci si sposta in macchina, a
            meno che non ci sia una metropolitana molto
            ramificata
            :$Chi attraversa una grande citta' mica e' pendolare.Pendolari sono quelli che vengono a lavorare da fuori citta'.E vengono in treno.Ce ne sono tanti qui da me.

            Non puoi fare una corporazione di
            sparagestionali

            se prima non c'e' quella dei

            sistemisti.

            ma i cambiamenti si fanno con i grandi numeri, se
            si parte corporativamente si resta sconfitti.
            :(I cambiamenti si fanno se i grandi numeri hanno identita' di vedute.Non puoi mica accumunare un sistemista con un utonto solo perche' entrambi usano il computer.
          • max59 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: max59



            Laddove ci sono motivazioni, le cose

            funzionano

            e


            c'e' pure il tempo per giocare o
            cazzeggiare

            sul


            forum di


            PI.



            qualunque cosa condotta male è cancro, vedi
            nel

            privato i fallimenti pilotati che lasciano

            dipendenti sul lastrico

            :s

            In quelle realta' non ci sono motivazioni.magari per incassare assicurazioni o aiuti statali com'era per la cassa del mezzogiorno e dileguarsi @^


            I pendolari che c'entrano? Quelli vanno
            in

            treno.



            nelle grandi citta' ci si sposta in
            macchina,
            a

            meno che non ci sia una metropolitana molto

            ramificata

            :$

            Chi attraversa una grande citta' mica e'
            pendolare.
            Pendolari sono quelli che vengono a lavorare da
            fuori
            citta'.
            E vengono in treno.
            Ce ne sono tanti qui da me.prova te ad attraversare una citta' grande come Roma con soli due rami di metropolitana e poi me lo sai dire :(



            Non puoi fare una corporazione di

            sparagestionali


            se prima non c'e' quella dei


            sistemisti.



            ma i cambiamenti si fanno con i grandi
            numeri,
            se

            si parte corporativamente si resta sconfitti.

            :(

            I cambiamenti si fanno se i grandi numeri hanno
            identita' di
            vedute.
            Non puoi mica accumunare un sistemista con un
            utonto solo perche' entrambi usano il
            computer.un contratto di lavoro per informatici, ovviamente distinguendo per specialita', è il vero e unico modo di far apprezzare la professionalita'. ;)cmq arroccarsi è piu' da corvo nero che da panda rossa :|
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: max59

            prova te ad attraversare una citta' grande come
            Roma con soli due rami di metropolitana e poi me
            lo sai dire
            :(
            Va bene, ma non puoi dire che fai il pendolare se abiti a roma e lavori a roma.Il pendolare lo fa chi abita a frascati e lavora a roma.
            un contratto di lavoro per informatici,
            ovviamente distinguendo per specialita', è il
            vero e unico modo di far apprezzare la
            professionalita'.
            ;)Ma la domanda e': chi ha bisogno di far apprezzare la specialita'?
            cmq arroccarsi è piu' da corvo nero che da panda
            rossa
            :|Boh.
          • max59 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: max59




            prova te ad attraversare una citta' grande
            come

            Roma con soli due rami di metropolitana e
            poi
            me

            lo sai dire

            :(



            Va bene, ma non puoi dire che fai il pendolare se
            abiti a roma e lavori a
            roma.
            Il pendolare lo fa chi abita a frascati e lavora
            a
            roma.il brutto è che ci metti piu' tempo a traversare roma che partire da frascati :s


            un contratto di lavoro per informatici,

            ovviamente distinguendo per specialita', è il

            vero e unico modo di far apprezzare la

            professionalita'.

            ;)

            Ma la domanda e': chi ha bisogno di far
            apprezzare la
            specialita'?chi non vuole essere sottopagato, per questo servono i contratti di lavoro ;)

            cmq arroccarsi è piu' da corvo nero che da
            panda

            rossa

            :|

            Boh.la chiusura che hai verso chi non è sistemista è di una oscurità nera come un corvo, molto stridente con chi fa un lavoro orientato al futuro come il tuo :(
          • Prozac scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: max59
            Cubasia si riferiva solo agli ingegneri
            informatici, quindi una minoranza, se avesse
            parlato anche dei periti informatici, magari il
            discorso sarebbe stato piu' seguito.
            :$E io che sono <b
            informatico </b
            senza "ingegnere" davanti (perché laura in Scienze e non in Ingegneria)?P.S. Sono anche perito informatico (dall'anno di Linux: http://en.wikipedia.org/wiki/Linux).
      • Leguleio scrive:
        Re: Capisco l'obiezione, ma...
        - Scritto da: Joshthemajor
        A parer mio è corretto discriminare. E' sbagliato
        insegnare ad utilizzare un software che è
        utilizzato pochissimo. Ma sai, gli aggettivi "sbagliato" o "giusto", secondo criteri morali, qui hanno poco senso. Il CAD prescrive l'utilizzo di software liberi. Poi sappiamo bene come sono applicate molte normative sulla gestione del denaro pubblico, non solo il CAD.
        Io mi trovo davanti tutti
        i giorni delle capre allucinanti con i computer
        windows, e in TUTTE le aziende si utilizza
        Windows.

        Perchè dovrei insegnare o promuovere un OS che
        nel 95% dei casi non verrà poi più
        utilizzato?La questione avanzata in questo articolo è però un'altra: perché così tante domande su Windows, o in cui è sottinteso che il computer monti Windows? Questo è un concorso generale per insegnanti della scuola pubblica, non per aspiranti venditori di prodotti della Microsoft. Si possono fare domande sui computer senza avere l'ossessione per Windows.
        • lello76 scrive:
          Re: Capisco l'obiezione, ma...

          La questione avanzata in questo articolo è però
          un'altra: perché così tante domande su Windows, o
          in cui è sottinteso che il computer monti
          Windows? Questo è un concorso generale per
          insegnanti della scuola pubblica, non per
          aspiranti venditori di prodotti della Microsoft.
          Si possono fare domande sui computer senza avere
          l'ossessione per
          Windows.Allora non lo trovo giusto al 100% però le risposte sono semplici:1) è il sistema operativo più usato al mondo,2) il grosso delle scuole elementari, medie e professionali monta sistemi Windows,3) quasi ogni persona (ed in questo caso futuro docente non necessariamente di informatica - se non vado errato) ha visto almeno una volta un pc con montato Windows, non si può dire la stessa cosa per i vari Unix, BSD, VaxII, Mac OS (non iOS), ecc ...
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: lello76

            La questione avanzata in questo articolo è però

            un'altra: perché così tante domande su Windows,
            o

            in cui è sottinteso che il computer monti

            Windows? Questo è un concorso generale per

            insegnanti della scuola pubblica, non per

            aspiranti venditori di prodotti della Microsoft.

            Si possono fare domande sui computer senza avere

            l'ossessione per

            Windows.
            Allora non lo trovo giusto al 100% però le
            risposte sono
            semplici:
            1) è il sistema operativo più usato al mondo,Solo sui desktop, che sono una insignificante quota di distribuzioni.Ci sono i server.Ci sono i devices mobili.Ci sono i dispositivi di home teather.Ci sono le centraline.C'e' un intero universo in cui quel sistema operativo che dici tu non c'e' e non ci entrera' mai.
            2) il grosso delle scuole elementari, medie e
            professionali monta sistemi Windows,Il grosso delle scuole elementari, medie e professionali ha docenti ignoranti di informatica. Quello che dici tu e' una conseguenza di questa amara realta'.Laddove c'e' anche un solo docente che di computer ci capisce, windows viene formattato via.
            3) quasi ogni persona (ed in questo caso futuro
            docente non necessariamente di informatica - se
            non vado errato) ha visto almeno una volta un pc
            con montato Windows, non si può dire la stessa
            cosa per i vari Unix, BSD, VaxII, Mac OS (non
            iOS), ecc ...Falso.Una significativa percentuale di popolazione italiana non ha mai visto un computer.Mentre oltre il 99% ha visto un telefonino.Quindi i vari android e ios godono di una visibilita' ben superiore al piastrellato.Perche' oggi se parliamo di windows, parliamo di piastrellato, mentre nelle scuole il piastrellato non c'e'.Il sistema che viene usato nelle scuole che hanno windows, e' un sistema morto, la cui morte e' stata gia' decretata dal panzone con la lingua di fuori.Le scuole non stanno mostrando l'informatica. Stanno mostrando la paleoinformatica.
          • lello76 scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...


            1) è il sistema operativo più usato al mondo,

            Solo sui desktop, che sono una insignificante
            quota di
            distribuzioni.
            Ci sono i server.
            Ci sono i devices mobili.
            Ci sono i dispositivi di home teather.
            Ci sono le centraline.
            C'e' un intero universo in cui quel sistema
            operativo che dici tu non c'e' e non ci entrera'
            mai.beh quindi tu mi stai dicendo che Microsoft non è monopolistica nel mondo dei SO? ... stano mi è sempre sembrato di capire che gli fanno sempre cause per Antitrust xchè è considerato monopolistico ... :S


            2) il grosso delle scuole elementari, medie e

            professionali monta sistemi Windows,

            Il grosso delle scuole elementari, medie e
            professionali ha docenti ignoranti di
            informatica. Quello che dici tu e' una
            conseguenza di questa amara
            realta'.
            Laddove c'e' anche un solo docente che di
            computer ci capisce, windows viene formattato
            via.e quindi devo prendere insegnati che non saprebbero usare Windows xchè sanno usare solo iOS o Android?


            3) quasi ogni persona (ed in questo caso
            futuro ...
            Falso.
            Una significativa percentuale di popolazione
            italiana non ha mai visto un
            computer.
            Mentre oltre il 99% ha visto un telefonino.
            Quindi i vari android e ios godono di una
            visibilita' ben superiore al
            piastrellato.

            Perche' oggi se parliamo di windows, parliamo di
            piastrellato, mentre nelle scuole il piastrellato
            non
            c'e'.Beh scusa ma io vivo in un'altra italia ... io le uniche persone che conosco che non hanno mai visto un PC sono anziane e dubito che un anziano voglia diventare insegnante ... tutti gli altri che conosco possono essere imbranati ma un PC con su Windows l'hanno visto ... anche solo a scuola ...
          • panda rossa scrive:
            Re: Capisco l'obiezione, ma...
            - Scritto da: lello76
            beh quindi tu mi stai dicendo che Microsoft non è
            monopolistica nel mondo dei SO? ... stano mi è
            sempre sembrato di capire che gli fanno sempre
            cause per Antitrust xchè è considerato
            monopolistico ...
            :SE' monopolistica nel mondo del desktop nel quale esiste solo grazie al parco del preinstallato.Laddove non c'e' preinstallato o c'e' concorrenza, M$ scompare come un pupazzo di neve in spiaggia a ferragosto.
            e quindi devo prendere insegnati che non
            saprebbero usare Windows xchè sanno usare solo
            iOS o
            Android?Perche' una cosa dovrebbe escludere l'altra?Un insegnante conosce i sistemi operativi e deve essere in grado di mostrare i difetti degli uni e i pregi degli altri.
            Beh scusa ma io vivo in un'altra italia ... io le
            uniche persone che conosco che non hanno mai
            visto un PC sono anziane e dubito che un anziano
            voglia diventare insegnante ... Vedere un pc non e' condizione sufficiente a capire come funziona.Non basta averlo visto per poter insegnare informatica.
            tutti gli altri
            che conosco possono essere imbranati ma un PC con
            su Windows l'hanno visto ... anche solo a scuola
            ...E con questo?Anche noi abbiamo visto un sacco di corse di F1, ma non per questo saremmo in grado di portare un F1 su un circuito.
      • ef iu di scrive:
        Re: Capisco l'obiezione, ma...
        - Scritto da: Joshthemajor
        A parer mio è corretto discriminare.Art. 3Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, <b
        di condizioni personali </b
        e sociali.
        E' sbagliato
        insegnare ad utilizzare un software che è
        utilizzato pochissimo. Io mi trovo davanti tutti
        i giorni delle capre allucinanti con i computer
        windows, e in TUTTE le aziende si utilizza
        Windows.

        Perchè dovrei insegnare o promuovere un OS che
        nel 95% dei casi non verrà poi più
        utilizzato?Infatti si sostiene che le domande dovessero essere agnostiche in quanto al software.Esattamente come previsto (e mai applicato) per la ECDL.http://it.wikipedia.org/wiki/Ecdl#ECDL_e_software_libero
  • andy61 scrive:
    al limite dovevano pensare al contrario
    dato che il CAD obbliga la PA, e quindi le scuole, ad utilizzare software libero, le domande avrebbero dovuto essere, al limite, pensate per privilegiare le conoscenze di tale software, a sfavore di quello proprietario.Ovviamente questa considerazione è per tirare le conclusioni al limite.La cosa più corretta è proprio quella di pensare a domande software independent, e forse anche ad alcune mirate a verificare la comprensione delle licenze proprietarie e libere.
    • Leguleio scrive:
      Re: al limite dovevano pensare al contrario
      - Scritto da: andy61
      dato che il CAD obbliga la PA, e quindi le
      scuole, ad utilizzare software libero, Non so se il CAD (Codice dell'Amministrazione Digitale) davvero "obblighi" ad usare, o piuttosto consigli, caldeggi l'uso del software libero: in ogni caso, se i computer avevano un sistema operativo Windows già da prima dell'entrata in vigore del CAD (1° gennaio 2006), mi pare abbastanza prevedibile che tengano quello, finché va. Nei futuri acquisti e aggiornamenti si orienteranno verso il software libero, che esiste anche per Windows.
      • andy61 scrive:
        Re: al limite dovevano pensare al contrario
        Il CAD obbliga, a meno di giustificatissimi motivi da relazionare e di cui qualcuno si deve assumere in prima persona la responsabilità (di fatto, stiamo parlando dei soldi dei contribuenti).È anche vero che l'installato avrà al 99,9% a bordo software proprietario (di cui vi lascio indovinare il nome del produttore!), ma è anche vero che praticamente la totalità dei nuovi arrivi non avranno tale software, così come è vero che al primo upgrade (da XP a Seven, idem per le versioni di Office, etc.), qualcuno dovrà assumersi la responsabilità di destinare dei soldi dei contribuenti per comperare un nuovo sistema operativo, piuttosto che sostituire quello esistente con uno libero, ed ancor peggio, quando il nuovo sistema operativo ha dei requisiti eccessivi rispetto all'hardware esistente, quel qualcuno dovrà anche assumersi la responsabilità di destinare denaro alla sostituzione dell'hardware a causa della scelta del software.
        • Leguleio scrive:
          Re: al limite dovevano pensare al contrario
          - Scritto da: andy61
          Il CAD obbliga, a meno di giustificatissimi
          motivi da relazionare e di cui qualcuno si deve
          assumere in prima persona la responsabilità (di
          fatto, stiamo parlando dei soldi dei
          contribuenti).In una scuola non è difficile: "il collegio docenti ha scelto così a maggioranza (o addirittura all'unanimità) perché quel sistema operativo lo conosce già". Fine della giustificazione. :-)In un ufficio pubblico, dove il computer e i programmi sono davvero strumenti di lavoro, e insomma, il personale è pagato anche per imparare gli aggiornamenti, probabilmente è diverso. Ma la scuola è un po' un pianeta a sé.
          È anche vero che l'installato avrà al 99,9%
          a bordo software proprietario (di cui vi lascio
          indovinare il nome del produttore!), ma è anche
          vero che praticamente la totalità dei nuovi
          arrivi non avranno tale software, così come è
          vero che al primo upgrade (da XP a Seven, idem
          per le versioni di Office, etc.), Oh, guarda, conoscendo le disponibilità economiche delle scuole italiane, se hanno Windows XP è già grasso che cola, se lo tengono ben stretto. Mi sa che molte sono ancora a Windows Me... Su Office hai ragione tu, acquistare un aggiornamento sarebbe uno sperpero: ma come detto, alternative libere esistono anche per Windows, non è indispensabile sostituire il sistema operativo.
          • nunzio scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: andy61

            Il CAD obbliga, a meno di giustificatissimi

            motivi da relazionare e di cui qualcuno si
            deve

            assumere in prima persona la responsabilità
            (di

            fatto, stiamo parlando dei soldi dei

            contribuenti).

            In una scuola non è difficile: "il collegio
            docenti ha scelto così a maggioranza (o
            addirittura all'unanimità) perché quel sistema
            operativo lo conosce già". Fine della
            giustificazione.
            :-)------------------------Articolo 68.Analisi comparativa delle soluzioni.1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di essi a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato:a) software sviluppato per conto della pubblica amministrazione; b) riutilizzo di software o parti di esso sviluppati per conto della pubblica amministrazione; c) software libero o a codice sorgente aperto; d) software combinazione delle precedenti soluzioni. Solo quando la valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico dimostri l'impossibilità di accedere a soluzioni open source o già sviluppate all'interno della pubblica amministrazione ad un prezzo inferiore, è consentita l'acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d'uso. ----------------Quindi si parla di "Valutazione Comparativa", adesso tu comparami qualsiasi cosa closed con quella open ed io te la smonto in 2 minuti. Non parlo di qualità ed efficienza del software, non metto in dubbio che l'open sia ottimo, parlo di come le scelte vengono fatte senza tanti problemi di comparazione visto che non c'è competizione su quasi nulla.
          • panda rossa scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario
            - Scritto da: nunzio


            Quindi si parla di "Valutazione Comparativa",
            adesso tu comparami qualsiasi cosa closed con
            quella open ed io te la smonto in 2 minuti.Comincia pure con qualcosa di semplice: un browser.Poi possiamo passare ad un web server.Infine andiamo sul pratico: un algoritmo di crittografia.Hai due minuti di tempo.Via il cronometro...
            Non
            parlo di qualità ed efficienza del software, non
            metto in dubbio che l'open sia ottimo, parlo di
            come le scelte vengono fatte senza tanti problemi
            di comparazione visto che non c'è competizione su
            quasi nulla.Quando le scelte vengono fatte da tecnici, non c'e' partita.E il mondo e' qui a dimostrarlo.
          • nunzio scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario


            Comincia pure con qualcosa di semplice: un
            browser."Abbiamo scelto di usare IE perchè il nostro gestionale del flusso documentale ha un plugin ocx che funziona solo con questo browser"
            Poi possiamo passare ad un web server."Il nostro fornitore per l'albo on-line offre il servizio su tecnologia .net, installa solo su IIS"
            Infine andiamo sul pratico: un algoritmo di
            crittografia.
            Questo non vuol dire nulla perchè non è software ma solitamente un componente di un software.
            Via il cronometro...fatto, ho visto solo ora il post.

            Quando le scelte vengono fatte da tecnici, non
            c'e'
            partita.
            E il mondo e' qui a dimostrarlo.No, tu fai il confronto tra prodotti nudi e crudi, ok vince l'open 9 volte su 10, ma appena ci caliamo nel mondo del lavoro devi vedere quali vincoli hai.
          • panda rossa scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario
            - Scritto da: nunzio



            Comincia pure con qualcosa di semplice: un

            browser.

            "Abbiamo scelto di usare IE perchè il nostro
            gestionale del flusso documentale ha un plugin
            ocx che funziona solo con questo
            browser"Non c'e' nessuna scelta.C'e' una costrizione a causa di una procedura scritta con le natiche.

            Poi possiamo passare ad un web server.

            "Il nostro fornitore per l'albo on-line offre il
            servizio su tecnologia .net, installa solo su
            IIS"Qui la scelta c'e': continuare a farsi fornire da un ladro, invece che rivolgersi ad un fornitore onesto.Ma evidentemente il fornitore onesto non elargisce contributi sottobanco.

            Infine andiamo sul pratico: un algoritmo di

            crittografia.



            Questo non vuol dire nulla perchè non è software
            ma solitamente un componente di un
            software.Non vuol dire nulla?Quindi ti affideresti ad un sistema di crittografia basato sull'obscurity?

            Via il cronometro...

            fatto, ho visto solo ora il post.Nessuna risposta mi soddisfa.



            Quando le scelte vengono fatte da tecnici,
            non

            c'e'

            partita.

            E il mondo e' qui a dimostrarlo.

            No, tu fai il confronto tra prodotti nudi e
            crudi, ok vince l'open 9 volte su 10, Qualcosa in piu'. 9 su 10 e' troppo poco.
            ma appena
            ci caliamo nel mondo del lavoro devi vedere quali
            vincoli hai.I vincoli che ho sono le scellerate decisioni di chi ha imposto determinati prodotti per poi defilarsi e lasciare qualcun altro a grattare le rogne.Laddove sono state invece effettuate scelte tecniche oculate, i problemi sono pochi e superabili in proprio.
          • nunzio scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario


            Non c'e' nessuna scelta.
            C'e' una costrizione a causa di una procedura
            scritta con le
            natiche.Tutto quello che ti pare, ma è così. E tu, che fai tanto il sapientone, faresti le stesse identiche scelte visto che hai dei vincoli esattamente come tutti i comuni mortali.

            Qui la scelta c'e': continuare a farsi fornire da
            un ladro, invece che rivolgersi ad un fornitore
            onesto.Si, però il CAD dice che devi valutare la spesa. Innanzi tutto bisogna vedere se c'è un fornitore che ti fa la stessa cosa con l'open source, e poi quanto ti costa migrare.
            Ma evidentemente il fornitore onesto non
            elargisce contributi
            sottobanco.
            Questa è la solita tesi da complottismo di bassa lega.

            Non vuol dire nulla?
            Quindi ti affideresti ad un sistema di
            crittografia basato
            sull'obscurity?Non mi sono spiegato, il fatto è che non che nella PA si compra un algoritmo che fa crittografia, si compra software gestionale o di altra natura, quindi questa scelta non c'è mai da fare.



            Via il cronometro...



            fatto, ho visto solo ora il post.

            Nessuna risposta mi soddisfa.Mi dispiace ma è così, vai nelle PA e vai a vedere.





            Qualcosa in piu'. 9 su 10 e' troppo poco.
            può anche essere 13 su 10, appena ci sono vincoli perdono però.

            ma appena

            ci caliamo nel mondo del lavoro devi vedere
            quali

            vincoli hai.

            I vincoli che ho sono le scellerate decisioni di
            chi ha imposto determinati prodotti per poi
            defilarsi e lasciare qualcun altro a grattare le
            rogne.
            vai nelle PA e metti a posto tu che sei bravo
            Laddove sono state invece effettuate scelte
            tecniche oculate, i problemi sono pochi e
            superabili in
            proprio.certo.
          • panda rossa scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario
            - Scritto da: nunzio



            Non c'e' nessuna scelta.

            C'e' una costrizione a causa di una procedura

            scritta con le

            natiche.

            Tutto quello che ti pare, ma è così. E tu, che
            fai tanto il sapientone, faresti le stesse
            identiche scelte visto che hai dei vincoli
            esattamente come tutti i comuni
            mortali.Io lavoro per eliminarli i vincoli.

            Qui la scelta c'e': continuare a farsi
            fornire
            da

            un ladro, invece che rivolgersi ad un
            fornitore

            onesto.

            Si, però il CAD dice che devi valutare la spesa.
            Innanzi tutto bisogna vedere se c'è un fornitore
            che ti fa la stessa cosa con l'open source, e poi
            quanto ti costa migrare.Il CAD mi impone l'adozione di formati standard aperti, quindi devo avere gia' i dati in formato aperto.E se la nuova applicazione gestisce il formato dei miei dati, la migrazione non mi costa piu' di tanto e con la soluzione AGGRATIS la ammortizzo in breve.

            Ma evidentemente il fornitore onesto non

            elargisce contributi

            sottobanco.

            Questa è la solita tesi da complottismo di bassa
            lega.Questa e' la cruda realta'.

            Non vuol dire nulla?

            Quindi ti affideresti ad un sistema di

            crittografia basato

            sull'obscurity?

            Non mi sono spiegato, il fatto è che non che
            nella PA si compra un algoritmo che fa
            crittografia, si compra software gestionale o di
            altra natura, quindi questa scelta non c'è mai da
            fare.La legge ti impone di proteggere i dati sensibili.Quindi ti deve interessare come si comporta l'applicazione, il database e tutte le entita' coinvolte nella gestione di quei dati.Altrimenti ogni volta che viene smarrito un portatile ci ritroviamo con elenchi di dati sensibili in chiaro nelle mani sbagliate.



            Via il cronometro...





            fatto, ho visto solo ora il post.



            Nessuna risposta mi soddisfa.

            Mi dispiace ma è così, vai nelle PA e vai a
            vedere.Mancano le autorita' in grado di porre fine allo schifo.Ma e' proprio cominciando dalle scuole, dove non c'e' esigenza di ocx e altri lock-in che deve essere reso obbligatorio l'utilizzo di soluzioni open.



            Qualcosa in piu'. 9 su 10 e' troppo poco.



            può anche essere 13 su 10, appena ci sono vincoli
            perdono
            però.



            ma appena


            ci caliamo nel mondo del lavoro devi
            vedere

            quali


            vincoli hai.



            I vincoli che ho sono le scellerate
            decisioni
            di

            chi ha imposto determinati prodotti per poi

            defilarsi e lasciare qualcun altro a
            grattare
            le

            rogne.



            vai nelle PA e metti a posto tu che sei bravoIl giorno che me lo chiederanno lo faro'.Al momento sto lavorando nel settore privato e ho sistemato un sacco di porcherie pregresse eliminando via via tutti i lock-in e imponendo formati standard.Basta voler fare le cose per bene, e tutti ne traggono beneficio.
        • nunzio scrive:
          Re: al limite dovevano pensare al contrario
          - Scritto da: andy61
          Il CAD obbliga, a meno di giustificatissimi
          motivi da relazionare e di cui qualcuno si deve
          assumere in prima persona la responsabilità (di
          fatto, stiamo parlando dei soldi dei
          contribuenti).
          Questo lo pensi tu, il CAD dice solo che devi tenere conto ANCHE del software libero e open e preferire questi ultimi a PARITA' di confronto, cosa praticamente impossibile.
          È anche vero che l'installato avrà al 99,9%
          a bordo software proprietario (di cui vi lascio
          indovinare il nome del produttore!), ma è anche
          vero che praticamente la totalità dei nuovi
          arrivi non avranno tale software, così come è
          vero che al primo upgrade (da XP a Seven, idem
          per le versioni di Office, etc.), qualcuno dovrà
          assumersi la responsabilità di destinare dei
          soldi dei contribuenti per comperare un nuovo
          sistema operativo, piuttosto che sostituire
          quello esistente con uno libero, ed ancor peggio,
          quando il nuovo sistema operativo ha dei
          requisiti eccessivi rispetto all'hardware
          esistente, quel qualcuno dovrà anche assumersi la
          responsabilità di destinare denaro alla
          sostituzione dell'hardware a causa della scelta
          del
          software.Tutte sciocchezze da bar: - la PA puo' scegliere da anni di acquistare macchine senza SO installato o con sistema gnu/linux- mai visti upgrade di sistema operativo, la durata di un client è circa 5/6 anni massimo- installare gnu/linux su pc vecchi non fa guadagnare per magia prestazioni al pc, al massimo si risparmia qualcosa per la ram e proXXXXXre usati dall'antivirus in windowsDetta tra noi, ma non vorrei deludere molta gente, solitamente il costo delle licenze Microsoft incide circa dell' 8% sul budget destinato alle licenze appunto, altre famose aziende che invece garbano sono, ad esempio, oracle, vmware, prodotti di backup (acronis, CA, symantec, veam ecc), decine di fornitori di gestionali per la PA.Il modo migliore per perdere una guerra è iniziare nel modo sbagliato.
    • nunzio scrive:
      Re: al limite dovevano pensare al contrario
      - Scritto da: andy61
      dato che il CAD obbliga la PA, Peccato che non obbliga ad un bel niente, riprova, sarai più fortunato.
      • Leguleio scrive:
        Re: al limite dovevano pensare al contrario
        - Scritto da: nunzio
        - Scritto da: andy61

        dato che il CAD obbliga la PA,

        Peccato che non obbliga ad un bel niente,
        riprova, sarai più
        fortunato.Ma perché usare questi toni?Tra l'altro Andy61 aveva spiegato cosa intendeva qui: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3672019&m=3672277#p3672277
        • nunzio scrive:
          Re: al limite dovevano pensare al contrario


          Ma perché usare questi toni?
          Tra l'altro Andy61 aveva spiegato cosa intendeva
          qui:


          http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3672019&m=367Guarda, scusami ma non è niente di personale. Purtroppo l'ignoranza regna sovrana in Italia ed io sono stufo, è proprio perchè viene conXXXXX a tutti di parlare su tutto che ci troviamo al governo certa gente. Non sto dicendo che uno non possa esprimere una opinione, ma che sia opinione però, se esprimi invece una certezza allora ti becchi la risposta cruda.Per tagliare la testa al toro: mi si dica una PA italiana che sia stata "sanzionata" per non aver preso PC con gnu/linux visto che è "obbligatorio". O che sia stata multata perchè ha comprato Office al posto di OpenOffice o LibreOffice.
      • andy61 scrive:
        Re: al limite dovevano pensare al contrario
        puoi indicare su cosa basi la tua affermazione secondo cui il CAD non preveda degli obblighi?
        • nunzio scrive:
          Re: al limite dovevano pensare al contrario
          - Scritto da: andy61
          puoi indicare su cosa basi la tua affermazione
          secondo cui il CAD non preveda degli
          obblighi?Non ho detto che non impone degli obblighi, ho detto che non obbliga a scegliere software open source ma fare la comparazione. E, come ho scritto sopra, fammi degli esempi e te li smonto tutti.
          • andy61 scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario
            Forse stiamo diventando degli azzeccagarbugli.È vero che l'obbligo riguarda la valutazione, ma in sostanza devono esistere fondatissimi e giustificatissimi motivi da addurre (e di cui ci si deve assumere la responsabilità) per spendere soldi pubblici laddove è possibile non spenderne.E le motivazioni '... ma gli insegnanti conoscono questo SW ...', oppure '... ma a casa i genitori hanno comperato il PC con quest'altro SW ...' etc. non sono il frutto di un'attenta analisi requisiti/costi/benefici.Spero che ora il mio pensiero sia un po' più chiaro.
          • nunzio scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario
            - Scritto da: andy61
            Forse stiamo diventando degli azzeccagarbugli.
            È vero che l'obbligo riguarda la
            valutazione, ma in sostanza devono esistere
            fondatissimi e giustificatissimi motivi da
            addurre (e di cui ci si deve assumere la
            responsabilità) per spendere soldi pubblici
            laddove è possibile non
            spenderne.

            E le motivazioni '... ma gli insegnanti conoscono
            questo SW ...', oppure '... ma a casa i genitori
            hanno comperato il PC con quest'altro SW ...'
            etc. non sono il frutto di un'attenta analisi
            requisiti/costi/benefici.

            Spero che ora il mio pensiero sia un po' più
            chiaro.Il tuo pensiero è chiarissimo, solo che, ti ripeto, è facilissimo trovare una "scusa" per non farlo. Vero è che nelle scuole ed in particolare nelle aule informatiche, sarebbe più facile implementare ed insegnare software open piuttosto che closed.In istituti tecnici tipo ITIS già lo fanno, in altre scuole come le medie è più difficile, solo se sono proprio senza soldi installano OpenOffice.Io te lo dico perchè queste cose le vedo, con le scuole e con la PA ci lavoro. Dobbiamo ricordarci che c'è un pregresso, non è che una scuola o una PA nasce oggi da zero ed allora si può decidere "liberamente" cosa istallare.
          • andy61 scrive:
            Re: al limite dovevano pensare al contrario
            Condivido.Probabilmente ho frainteso i tuoi commenti, ed ho pensato che si riferissero più agli aspetti normativi che a quelli organizzativi.Anch'io conosco bene i mondi a cui fai riferimento, e ciò che vedo è che una cosa di buono che sta portando la crisi è proprio il taglio dei fondi per il software, laddove vi è un'opportunità libera.La migrazione ha un impatto, ma alla fine si sta iniziando ad affrontarlo.Gli utenti poi, dopo un po' di proteste, si accorgono che tutto sommato riescono ancora a lavorare, e smettono di lamentarsi.Tutto sommato questa crisi sta costringendo gli italiani a ridare un valore al denaro, a rendersi conto che non è infinito, e che occorre fare delle scelte sulle priorità, e su cosa di possa e non si possa fare.
Chiudi i commenti