Contrappunti/ Vite in 160 caratteri

di Massimo Mantellini - Il contenuto della comunicazione su Twitter è in larga misura irrilevante, mentre il centro del messaggio comunicativo è spesso e volentieri l'umore della comunicazione stessa

Roma – È da qualche settimana che sperimento Twitter senza aver ancora compreso bene cosa sia. Twitter lo si potrebbe definire un tentativo di ibridare la comunicazione testuale breve su canali diversi: via web, instant messaging e SMS. I meccanismi comunicativi sono molto semplici e simili a quelli in uso nei sistemi di messaggeria: una lista di amici con la quale condividere contemporaneamente i messaggi, una eventuale (si può anche decidere di non averne) lista di followers che scelgono di leggere in background ciò che scriviamo, una comunicazione forzatamente sintetica, costretta all’interno del limite dei 160 caratteri tipica degli SMS.

L’idea che mi sono fatto è che Twitter sia una specie di estensione geografica del proprio ambiente familiare. Un sistema capace di seguirci sul web o sul telefono cellulare, all’interno del quale ascoltare le voci dei nostri amici rimandando ogni tanto noi stessi un segnale di vitale presenza. Se questo sia effettivamente vero oppure utile o se sia invece il segno di una decadenza dei tempi non so.

È impressionante notare come il contenuto della comunicazione su Twitter sia in larga misura irrilevante, mentre il centro del messaggio comunicativo sia spesso e volentieri l’umore della comunicazione stessa. Ci si dà il buongiorno su Twitter (o per lo meno ciò accade nella ristretta cerchia di utenti che seguo), si comunicano informazioni personali che mai si divulgherebbero per altre vie: “Stamattina porto il bimbo dal pediatra”, “Oggi sono più leggera, ho appena divorziato”. Notizie meteorologiche si intersecano con brevi commenti lavorativi, i contrappunti della propria giornata sottolineati in un rapido flash. Sembra di poter dire che una quota della comunicazione ultrapersonale che normalmente utilizza gli SMS si allarghi in questo modo ad una cerchia più ampia di persone in ascolto, disegnando una piccola inedita comunità.

Non meraviglia che a molti osservatori tutto questa comunicazione minimale possa risultare irritante ed inutile. Ed infatti un po’ ovunque in rete è possibile leggere pareri sprezzanti sulla vacuità di Twitter e sulla degenerazione dei costumi di quanti decidono di utilizzarlo. Il mio parere anti-twitter preferito è quello di BrodoPrimordiale che vi consiglio di leggere e che così termina:

Insomma, dopo la piaga della gente che ti chiama al cellulare e chiede nei primi 5 secondi di conversazione: “dove sei?”, adesso abbiamo un sito che vuol sapere “What are you doing?”. Urge un servizio 2.0 che, previa iscrizione, consenta finalmente di farsi i cazzi propri.

Ma confesso che, pur riconoscendone i limiti, mi pare che nei confronti delle singole opzioni che compongono questo sistema di multimessaging, Twitter sia in grado di creare uno strumento nuovo che è contemporaneamente privato e comunitario (seppur in un senso assai ristretto).

Le voci in ascolto, se ci pensate, sono quelle delle nostre case: il rumore di fondo, naturale e conosciuto, della nostra vita di relazione. Twitter estende un simile ambiente, ma lo fa senza costringerci troppo lontano. Le voci casuali delle persone che conosciamo ci seguono flebilmente, lampeggiano sullo schermo se siamo on line oppure vibrano nel telefono cellulare se siamo in viaggio, ma proprio per la scarsa rilevanza dei contenuti non partecipano, se non marginalmente, al carico informativo della nostra giornata. Non si aggiungono ai siti web, alle telefonate, ai quotidiani da leggere, ai libri ed a tutto il resto. Ne fanno semplicemente da contorno.

Niente viene sostituito: come spesso accade, gli utilizzi possibili di Twitter sono ancora tutti da definire così come il suo successo fra gli utenti (per non dire la sua eventuale sopravvivenza). Personalmente non mi convincono troppo gli utilizzi informativi che qualcuno sta immaginando (alcuni grandi soggetti informativi come Google news e BBC hanno aperto un canale apposito su Twitter) mentre per ciò che attiene alla tendenza dei bit ad inseguirci ovunque, quella certamente è ormai definitivamente consolidata e non c’è bisogno di Twitter per sottolinearne l’invadenza.

Non voglio la posta elettronica sul telefonino, non avrei tempo e modo (e nemmeno voglia) di essere sempre reperibile per rispondere a messaggi urgenti, aprire allegati, navigare su siti web suggeriti al volo. Ma da qualche settimana a questa parte quando mi allontano da un computer, riindirizzo Twitter sul cellulare dove un leggero suono ogni tanto mi annuncia “nulla di urgente” da leggere o da rispondere: solo la voce leggera di qualche amico che da qualche parte sta facendo qualcosa d’altro.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti i Contrappunti di M.M. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: La soluzione?
    ma lo sai almeno che OS X si basa sullo stesso kernel di linux si?
    • Anonimo scrive:
      Re: La soluzione?

      ma lo sai almeno che OS X si basa sullo stesso
      kernel di linux
      si?Non diciamo fesserie: OS X è basato sul kernel di *BSD.
  • Anonimo scrive:
    sechiure trastuorti....
    come da topic...
  • Anonimo scrive:
    Firewall Gratis
    Si tratta di un ottimo firewall funzionande da CD facimente amministrabile via interfaccia webpfsense.orgbasato su freebsd, gestisce praticamente tutto, anche il bilanciamente automatico di due o più adsl o wirelessbellissimo!ovviamente bisogna conoscere un pochetto l'inglese ma soprattutto il funzionamento del tcp/IPciaoMaX
  • PinguinoMannaro scrive:
    Percezzione della sicurezza ....
    Per capire quale e' la percezione media della sicurezza informatica ...... Provate ha mettere un antenna wlan fuori dalla finestra ......a)Si va dalle reti wireless completamente aperte.b)Quelli che lasciano il pid di default. (cosi si intuisce subito che router usano)c)Le ditte che mettono il nome della ditta alla loro wlan (e qua ci cascano dentro tutti gli amministratori)d)E tra quelli che usano la crittografia il WPA e' minoritario (per non dire una mosca bianca).
  • PinguinoMannaro scrive:
    Re: La soluzione?


    Suppongo allora che tu abbia usato soltanto
    distro gratuite. Queste sono però versioni
    instabili, da far testare alle cavie, ovvero agli
    smanettoni...


    Se proprio non vuoi tirare fuori un centesimo per
    avere una versione stabile, allora prova Ubuntu o
    Kubuntu LTS che oltre ad essere gratis ti regala
    3 anni di aggiornamenti di sicurezza (5 su
    server).Acc Uso ArchLinux (e' per utenti esperti) ma in fatto di stabilita, usabilità, flessibilità.E' la migliore distro che abbia mai provato.(la procedura di installazione e configurazione non e' alla portata di tutti, ma una volta configurato te la puoi dimenticare. )
    • Anonimo scrive:
      Re: La soluzione?
      - Scritto da: PinguinoMannaro

      Suppongo allora che tu abbia usato soltanto

      distro gratuite. Queste sono però versioni

      instabili, da far testare alle cavie, ovvero
      agli

      smanettoni...





      Se proprio non vuoi tirare fuori un centesimo
      per

      avere una versione stabile, allora prova Ubuntu
      o

      Kubuntu LTS che oltre ad essere gratis ti regala

      3 anni di aggiornamenti di sicurezza (5 su

      server).

      Acc Uso ArchLinux (e' per utenti esperti) ma in
      fatto di stabilita, usabilità,
      flessibilità.

      E' la migliore distro che abbia mai provato.

      (la procedura di installazione e configurazione
      non e' alla portata di tutti, ma una volta
      configurato te la puoi dimenticare.
      )Quanti anni di aggiornamenti di sicurezza ti offre?E con quale frequenza?
      • PinguinoMannaro scrive:
        Re: La soluzione?
        - Scritto da:

        - Scritto da: PinguinoMannaro


        Suppongo allora che tu abbia usato soltanto


        distro gratuite. Queste sono però versioni


        instabili, da far testare alle cavie, ovvero

        agli


        smanettoni...








        Se proprio non vuoi tirare fuori un centesimo

        per


        avere una versione stabile, allora prova
        Ubuntu

        o


        Kubuntu LTS che oltre ad essere gratis ti
        regala


        3 anni di aggiornamenti di sicurezza (5 su


        server).



        Acc Uso ArchLinux (e' per utenti esperti) ma in

        fatto di stabilita, usabilità,

        flessibilità.



        E' la migliore distro che abbia mai provato.



        (la procedura di installazione e configurazione

        non e' alla portata di tutti, ma una volta

        configurato te la puoi dimenticare.

        )

        Quanti anni di aggiornamenti di sicurezza ti
        offre?
        E con quale frequenza?E' una distro open (non commerciale).Gli update sono continui (tutti i giorni).
  • Anonimo scrive:
    Re: La soluzione?


    Suppongo allora che tu abbia usato soltanto
    distro gratuite. Queste sono però versioni
    instabili, da far testare alle cavie, ovvero agli
    smanettoni...


    Se proprio non vuoi tirare fuori un centesimo per
    avere una versione stabile, allora prova Ubuntu o
    Kubuntu LTS che oltre ad essere gratis ti regala
    3 anni di aggiornamenti di sicurezza (5 su
    server).
  • Anonimo scrive:
    Basterebbe censurare i link nell'email
    ...oppure basterebbe eliminare l'anonimato delle e-mail, decisione tuttavia possibile soltanto attraverso accordi internazionali.Resterebbe poi solo il problema dell'anonimato nel P2P.
  • Anonimo scrive:
    ..chiedete i danni a microsoft....
    .....come da titolo.(linux)
    • PinguinoMannaro scrive:
      Re: ..chiedete i danni a microsoft....
      - Scritto da:
      .....come da titolo.(linux)Se dai un occhiata alla ula M$ Noterai che Zio Bill non da nessuna garanzia sui suoi prodotti.E non rimborsa nessun danno provocato dai suoi prodotti.E lo avete pure pagato ...... :s
    • Anonimo scrive:
      Re: ..chiedete i danni a microsoft....
      - Scritto da:
      .....come da titolo.(linux)ci sono migliaia di server linux e solaris acherati e sotto il controllo di spammers... se solo qui si facesse vera informazione tutti sti troll come te potrebbero tornare a zappare la terra (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: ..chiedete i danni a microsoft....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        .....come da titolo.(linux)

        ci sono migliaia di server linux e solaris
        acherati e sotto il controllo di spammers... se
        solo qui si facesse vera informazione tutti sti
        troll come te potrebbero tornare a zappare la
        terra
        (rotfl)A zappare la terra dovresti andarci tu!I "server" che spammano stanno da anni in liste apposite ed è facilissimo bloccarli dato che sono "srvers" e non certo "acherati" ma bensì ospitati da providers compiacenti!Quei server sono ben noti e facili da bloccare, quello che non si riesce a bloccare sono i milioni di winzombies che sparano spam a tutta manetta.Se tu avessi una vaga idea del problema (basta guardare i log di un qualunque server di mail per scoprire la verità) staresti ben più attento a quello che dici.Per quanto poi rigauarda il zappare la terra mi auguro che tu lo sappia fare meglio che parlare di informatica... anche se dati i presupposti ho molti dubbi!
  • Anonimo scrive:
    Lettera aperta
    la "E" per esempio.
  • Anonimo scrive:
    SpamThru ancora invincibile?
    qui dice questo:http://www.pctools.com/mrc/infections/id/Trojan.SpamThru/ma davvero i maggiori antivirus non lo beccano?:-O
  • Anonimo scrive:
    600 milioni di computer - IPv4
    2^32=4294967296 (poi ci sono degli IP che non si possono utilizzare).A questo punto è chiaro che ci sono moltissime reti locali e simili...(10.x, 192.168x, etc...)... quanti utenti simil-fastweb!!... :....in ogni caso, quand'è che l'IPv6 sostituirà *completamente* l'IPv4?
  • Anonimo scrive:
    Meglio così
    Che collassi pure, meglio per tutti. Internet s'è rivelata un grande inganno, invece di essere uno strumento per diffondere informazione è diventato un letamaio di disinformazione dove regnano la maleducazione e l'arroganza.Internet ha dato un megafono a gente che non avrebbe mai dovuto parlare. Che sparisca.Internet ha creato mondi virtuali in cui la gente butta tempo che dovrebbe essere investito nella vita vera. Riprendiamoci le nostre vite.Internet è una trappola, un covo di truffatori e pervertiti. Per la tutela di chi è più debole, che si chiuda.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio così

      Riprendiamoci le nostre
      vite.E stacca il modem, no? Mica sei obbligato a venire su P.I. a blaterare...
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio così
      allora tornatene a guardare la tv!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio così
      veramente io lo uso per lavoro e non mi sento truffatore.. mi permette di inviarericevere documenti in pochissimi secondi, senza dormi recare fisicamente in ufficio o in tribunale..Gli altri facciano quello che credono.
  • Anonimo scrive:
    Re: La soluzione?
    se più gente usasse i Mac verrebbero sviluppati+virus +malware +worm per mac ;)non è una questione di piattaforma, solo di diffusione...allora io uso OS/2 perché per OS/2 non ci sono virus (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: La soluzione?
      - Scritto da:
      se più gente usasse i Mac verrebbero sviluppati
      +virus +malware +worm per mac ;)
      non è una questione di piattaforma, solo di
      diffusione...

      allora io uso OS/2 perché per OS/2 non ci sono
      virus
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)bhe sono sempre qualche milioncino..di base non si può neanche negare che os x come gli unix-like sono stati sviluppati per essere usati in rete e la sicurezza é stata considerata fondamentale sin dall'inizio, a scapito della semplicità, basta pensare alla possibilità fino a win 98 di poter accedere alle risorse direttamente da user space
  • Anonimo scrive:
    Soluzione super-partes...
    ...multare chi non si accorge di essere diventato uno sparaspam e/o potenziale sorgente di attacchi DoS. Multare finanziariamente, e con importi ben salati.ALLORA si dovrebbero svegliare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione super-partes...
      Non mi sembra affatto giusto. Non è colpa degli utenti se siamo disinformati.. specialmente in italia. Dovrebbero investire gli stati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione super-partes...
        - Scritto da:
        Non mi sembra affatto giusto. Non è colpa degli
        utenti se siamo disinformati.. specialmente in
        italia. Dovrebbero investire gli
        stati.Cioè secondto te è giusto che siccome tu usi windows e lo usi da ignorante noi tutti paghiamo per te (come purtroppo già facciamo per lo spreco di banda e i danni causati alle reti) anche l'intervento dello stato?Complimenti tu si che sei un bel volpino!
  • Anonimo scrive:
    sorprende che la rete funzioni ancora
    "Anzi, sorprende che la rete funzioni ancora".Evidentemente quindi si sbaglia.
  • Anonimo scrive:
    Re: La soluzione?
    se ti spari in testa come i maiali?(troll2)(troll1)(troll)
  • Anonimo scrive:
    come accorgersi di uno zombie ?
    Sono abbastanza niubbo ,qualcuno saprebbe dirmi come ci si accorge se si è diventati zombie? e nel caso la responsabilità penale ricade sul proprietario dello zombie o c'è modo per dimostrare l'estraneità dell'azione o magari si è accusati di imperizia?
    • Anonimo scrive:
      Re: come accorgersi di uno zombie ?
      guarda lo capisci se hai una ferita... allora GG! PAWNED! (rotfl)(troll2)(troll)(troll1)
    • Anonimo scrive:
      Re: come accorgersi di uno zombie ?
      se non sei un po' sgamato non ti accorgi, spesso ci vuole un po' anche se sei sgamato :)
      • Anonimo scrive:
        Re: come accorgersi di uno zombie ?
        sgamato = scopertoscafato = geek = smanettone se non conosci il dialetto romano .....NON USARLO !!! :D
  • Anonimo scrive:
    Firewall fisici?
    Un routerino "casalingo", non posso permettermi grandi cose, secondo voi può aiutare a evitare di "zombare" in rete?Siccome sono poco esperto, dai log di un firewall come posso accorgermi se qualcosa che non voglio ma che chissà come è finito sul mio pc sta facendo i ca**i suoi in rete?No trollata: sono un utonto che vuole essere un po più U e quanto meno possibile tonto. Voglio solo capire.
    • Anonimo scrive:
      Re: Firewall fisici?
      - Scritto da:
      Un routerino "casalingo", non posso permettermi
      grandi cose, secondo voi può aiutare a evitare di
      "zombare" in
      rete? Fatti un ruttino che è meglio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Firewall fisici?
      - Scritto da:
      Un routerino "casalingo", non posso permettermi
      grandi cose, secondo voi può aiutare a evitare di
      "zombare" in
      rete?

      Siccome sono poco esperto, dai log di un firewall
      come posso accorgermi se qualcosa che non voglio
      ma che chissà come è finito sul mio pc sta
      facendo i ca**i suoi in
      rete?

      No trollata: sono un utonto che vuole essere un
      po più U e quanto meno possibile tonto. Voglio
      solo
      capire. Un utente casalingo vhe ha zone alarm (firewall & intrusion detection), e un buon antivirus come nod32 se ha windows update attivo può dormire sonno "abbastanza tranquillo".se poi hai un vecchio pc lo puoi trasformare in un potente firewall usando m0n0wall o ipcop, gestendo il tutto comodamente da pagina web.con una spesa ridicola puoi quindi avere un router7firewall dalle prestazioni di un cisco da 1500 SalutiUmbertoP.S. siamo tutti utonti (o geni) rispetto a qualcun altro, l'importante è continuare ad imparare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Firewall fisici?
        - Scritto da:
        se poi hai un vecchio pc lo puoi trasformare in
        un potente firewall usando m0n0wall o ipcop,
        gestendo il tutto comodamente da pagina
        web.
        con una spesa ridicola puoi quindi avere un
        router7firewall dalle prestazioni di un cisco da
        1500


        Saluti
        Umberto

        P.S. siamo tutti utonti (o geni) rispetto a
        qualcun altro, l'importante è continuare ad
        imparare.pc... quanto vecchio?costa?istruzioni?link?davvero molto molto interessante.grazie
        • Anonimo scrive:
          Re: Firewall fisici?

          pc... quanto vecchio?

          costa?
          istruzioni?
          link?

          davvero molto molto interessante.

          grazieinteressante sì! monowall é un ottimo prodotto che va anche molto al di la delle esigenze casalinghe, di base é semplice, ma ovviamente richiede un po' di conoscenze di telematica, cmq dispone di una buona documentazionehttp://m0n0.ch/wall/
    • Anonimo scrive:
      Re: Firewall fisici?
      puoi anche cambiare SO (ghost)(ghost)
    • Anonimo scrive:
      Re: Firewall fisici?

      Siccome sono poco esperto, dai log di un firewall
      come posso accorgermi se qualcosa che non voglio
      ma che chissà come è finito sul mio pc sta
      facendo i ca**i suoi in
      rete?Il problema non sei tu, il problema consiste nel software che, per dare "meno fastidio" all'utente, cerca di automatizzare tutto. Inclusa l'accettazione e l'invio di richieste di connessione ovunque e quandunque.La soluzione sta in un firewall che ti chieda se vuoi che il tal programma si connetta, o accetti una connessione, verso o da un altro computer. Zonealarm, come ti ha consigliato quello di sopra, lo fa molto bene, questo!A quel punto, se il tal programma fa parte del TUO parco software e sai che si tratta di qualcosa di affidabile, gli consenti la connessione. Mentre se non lo conosci, non fa parte del sistema operativo (e sono pochi quelli di sistema da "imparare a conoscere"), evidentemente si tratta di qualcosa che NON VA. Di qualcosa che avrai preso senza accorgertene e che ora cerca di farsi sentire. Ecco come si fa ad accorgersene: basta poco, ora si tratta solo di insegnarlo alla maggior parte delle persone possibile.
  • Anonimo scrive:
    La colpa è dei linuxisti
    Non sto scherzando.Se tutti quegli idioti usano un sistema operativo del quale non possono mettere le patch (windows) e d è quindi bucatissimo e quindi zombizzabilissimo, la colpa è di voi linuxisti del cazzo che trollando sui forum li tenete lontani da un sistema operativo teoricamente gratis e non bucabile (linux).Fate i comunisti ma siete gnè gnè e esclusivisti.
    • Anonimo scrive:
      Re: La colpa è dei linuxisti
      - Scritto da:
      Non sto scherzando.

      Se tutti quegli idioti usano un sistema operativo
      del quale non possono mettere le patch (windows)
      e d è quindi bucatissimo e quindi
      zombizzabilissimo, la colpa è di voi linuxisti
      del cazzo che trollando sui forum li tenete
      lontani da un sistema operativo teoricamente
      gratis e non bucabile
      (linux).

      Fate i comunisti ma siete gnè gnè e esclusivisti.quoto al 100%.Ho provato pure io a spiegarlo un sacco di volte....macche'.
      • Anonimo scrive:
        Re: La colpa è dei linuxisti
        Il delirio di certa gente, che parla a sproposito, mi stupisce sempre di piú
      • Anonimo scrive:
        Re: La colpa è dei linuxisti
        LOL, te e tuo cugino mi fate morire :DSiete una bella copia di troll, bravi ;) !
        • Anonimo scrive:
          Re: La colpa è dei linuxisti
          - Scritto da:
          LOL, te e tuo cugino mi fate morire :D
          Siete una bella copia di troll, bravi ;) !E pensa che non ci mettiamo neppure d'accordo,le cose ci escono cosi' spontanee e fluide.Che in fondo,in fondo,il troll c'entri poco?
  • Anonimo scrive:
    Isolare gli zombie
    è ora di tagliarli fuori dalla rete, basta con DoS e spam di merd@, vogliamo stare un po' in pace.riformattano tutto e poi possono tornare su internet. Se la mia auto non è sicura non posso circolare per strada. Lo stesso deve valere con i computer.
    • Anonimo scrive:
      Re: Isolare gli zombie
      - Scritto da:
      è ora di tagliarli fuori dalla rete, basta con
      DoS e spam di merd@, vogliamo stare un po' in
      pace.

      riformattano tutto e poi possono tornare su
      internet. Se la mia auto non è sicura non posso
      circolare per strada. Lo stesso deve valere con i
      computer.Sei sicuro di arrivare a domattina? Pensaci che è meglio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Isolare gli zombie
      Formattare sarebbe una soluzione peggiore del male: se non imparano a gestire in sicurezza il computer, tutto quel che otterrebbero sarebbe di perdere gli aggiornamenti accumulati fino ad allora.La soluzione vera:- riverdire lo sviluppo di software, per differenziarlo;- al contempo, staccare gli utenti dai soliti, pochissimi applicativi ultradiffusi;- far comprendere l'importanza di porre attenzione a dove si clicca, a cosa si scarica e a cosa si installa, specialmente a quel che arriva in attachment via email;- far comprendere l'importanza di un buon firewall, di quelli che per intenderci non lasciano il pilota automatico ma AVVERTONO quando "qualcosa" sta cercando di comunicare con "qualcos'altro".In una parola: alfabetizzazione.Non formattazione, quella serve a ben poco...
    • Anonimo scrive:
      Re: Isolare gli zombie
      Ma che m'importa se qualcuno penetra il mio pc-groviera?...Non ho nulla da nascondere.
  • Anonimo scrive:
    Internet al tappeto
    yeah :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Internet al tappeto
      - Scritto da:
      yeah :DTi ho già letto 1000 volte "windows al tappeto", "firefox al tappeto", "linux al tappeto", ecc ecc, sei molto noioso e trolloso (troll)
  • Anonimo scrive:
    Allarmi da tenere in considerazione
    Per disinfettare una volta per tutte la Rete e farla tornare pimpante al massimo basterebbe buttare nel cesso tutti i computer con installato ms-windows e i SO dei MACACHI.Rimpiazzare tutti i computer che montavano quei giocattoli con seri SO come Linux, BSD, e derivati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Allarmi da tenere in considerazione
      ecco.é arrivato l'homo erectus cogitans:)
    • Anonimo scrive:
      Re: Allarmi da tenere in considerazione
      - Scritto da:
      Per disinfettare una volta per tutte la Rete e
      farla tornare pimpante al massimo basterebbe
      buttare nel cesso tutti i computer con installato
      ms-windows e i SO dei
      MACACHI.
      Rimpiazzare tutti i computer che montavano quei
      giocattoli con seri SO come Linux, BSD, e
      derivati. Ma insomma OSX lo vuoi morto o no?(geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: Allarmi da tenere in considerazione
      - Scritto da:
      Per disinfettare una volta per tutte la Rete e
      farla tornare pimpante al massimo basterebbe
      buttare nel cesso tutti i computer con installato
      ms-windows e i SO dei
      MACACHI.
      Rimpiazzare tutti i computer che montavano quei
      giocattoli con seri SO come Linux, BSD, e
      derivati.Ecco è arrivato un altro tecno-fondamentalista. Come se il problema fosse solo software. Cosa mi dici di tutti coloro che non sanno nemmeno cosa sono un Anti-Virus o un personal firewall, di chi pensa di non aver bisogno di strumenti e politiche di sicurezza poiché ha un SO operativo "fichissimo" che lo terrà al riparo da qualsiasi problema, o di coloro che non sanno nemmeno come si digitano le maiuscole o dove trovare i tasti * e # sulla tastiera del loro computer? Il problema è come sempre il fattore umano in quanto elemento debole del sistema ed effettuare un porting di tutte le macchine verso quei SO (pure molto buoni) non risolverebbe niente da solo anzi aumenterebbe l'interesse degli sviluppatori di malware ad attacare il nuovo SO dominante (vedi il caso Symbian e malware per cellulari).Netsurfer(geek) @^(win)(linux)(apple)(amiga)(atari)(c64)
    • alexmario scrive:
      Re: Allarmi da tenere in considerazione
      - Scritto da:
      Per disinfettare una volta per tutte la Rete e
      farla tornare pimpante al massimo basterebbe
      buttare nel cesso tutti i computer con installato
      ms-windows e i SO dei
      MACACHI.
      Rimpiazzare tutti i computer che montavano quei
      giocattoli con seri SO come Linux, BSD, e
      derivati.Una soluzione migliore potrebbe essere quella di introdurre un sistema di certificazione delle e-mail.In modo che solo le e-mail certificate possano arrivare a destinazione, levando così il traffico dello spam.Se mi accordassi con vari server di posta, per certificare le e-mail reciprocamente, sarebbe più complesso per i buontemponi spedire e-mail a sbaffo.Questo eliminerebbe una montagna di traffico, perché, non superando la certificazione, la posta non sarebbe nemmeno spedita.Il problema dello spam non è che vien male al dito per cancellare i messaggi, o che si perdono quelli buoni a causa dei falsi positivi, piuttoto che viaggiando sulla rete tolgono banda alla comunicazione seria.
  • Anonimo scrive:
    ma non hanno un cazzo da fare?
    è da 10 anni che sento che internet l'anno prossimo collassaè da 10 anni che sento che ormai il processo produttivo dei processori è arrivato al suo limiteè da 10 anni che sento che l'anno prossimo è l'anno di linuxma si può passar la vita a far previsioni del cazzo?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non hanno un cazzo da fare?

      ma si può passar la vita a far previsioni del
      cazzo?Gia',visto che di tasse ne paghiamo troppe,ne propongo una per le prevsioni del cazzo. 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non hanno un cazzo da fare?
      MHHUAUAHAUHAUHAUHAUHAUH!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non hanno un cazzo da fare?
      l'anno prossimo caleranno le tassel'anno prossimo ci sarà lavoro per tuttil'anno prossimo il calcio diventerà pulito
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non hanno un cazzo da fare?
      - Scritto da:

      ma si può passar la vita a far previsioni del
      cazzo?
      è da 10 anni che sento che internet l'anno
      prossimo
      collassaè da 10 anni che internet è collassata ...prova a navigare alle 3 di notte e confrontalo con le 11 di mattina
      è da 10 anni che sento che ormai il processo
      produttivo dei processori è arrivato al suo
      limiteinfatti l'ultima generazione in silicio e basta sarà a 65 nmla prossima 45 nm userà una tecnologia con gate in metallo(che metallo ,che costi di produzione ,che inquinamento ?)
      è da 10 anni che sento che l'anno prossimo è
      l'anno di
      linuxFigurati io sento che lavorare con Linux è da comunisti ...che è obsoletoe non si guadagna un euro ....e che windows vista lo sotterrerà !!(geek)
  • Anonimo scrive:
    Lettera aperta.
    Grazie,mille grazie per la sfiga che ci porti.Se non lo sapessi qui in italia anche senza bisogno di cavalcare le manchevolezze tecnologiche del TCP/IP abbiamo gente che riesce a metterci del suo benissimo.Domani di sicuro amministrero' il server con molta piu' gioia,passione,impegno e fiducia negli strumenti a mia disposizione. Con Affetto, il tuo Epitaffio
    • Anonimo scrive:
      Re: Lettera aperta.
      hey... non ti demoralizzare... guarda questo link e vedi che tutte le speranze per te non sono svanite... http://www.gea2000.org/deplazio.htm
  • Anonimo scrive:
    Potrebbe collassare? Lo fa già...
    In Italia lo fa già per almento 5 giorni al mese...Potenza di telecom o degli zombie windows? ai posteri l'ardua sentenza...
    • Anonimo scrive:
      Re: Potrebbe collassare? Lo fa già...
      - Scritto da:
      In Italia lo fa già per almento 5 giorni al
      mese...

      Potenza di telecom o degli zombie windows?

      ai posteri l'ardua sentenza...Da me va sempre, 24h24, 7d7, e abito in Italia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Potrebbe collassare? Lo fa già...
        a me gira 1 minuto si e 1 iora no...sono del congo (troll4)(troll4)(troll4)(troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: Potrebbe collassare? Lo fa già...
      - Scritto da:
      In Italia lo fa già per almento 5 giorni al
      mese...

      Potenza di telecom o degli zombie windows? No carenze delle strutture italiane.
    • Anonimo scrive:
      Re: Potrebbe collassare? Lo fa già...
      - Scritto da:
      In Italia lo fa già per almento 5 giorni al
      mese...

      Potenza di telecom o degli zombie windows?

      ai posteri l'ardua sentenza...personalmente non credo tanto a questa storia degli zombie... sembra una leggenda alla quale troppo spesso si aggrappa telecom
Chiudi i commenti