Contrappunti.it/ Balcanizzare Internet

di M. Mantellini. Non è il legislatore che sia in questi casi particolarmente stupido, è il mezzo che utilizziamo. Le pochezze, le cialtronate, l'impreparazione e la poca intelligenza oggi escono sottolineate come da un evidenziatore


Roma – Ogni stagione ha i suoi brutti termini. C’e stato il tempo della “rottamazione”, quello in cui tutto “tracimava”, quello dell’uso becero della lingua inglese (solo qualche giorno fa Repubblica ha titolato a nove colonne “Election day” per annunciare la data delle prossime elezioni politiche). Ebbene oggi sembra giunta l’ora della parola “balcanizzazione”.

La “balcanizzazione” di Internet? E ‘ un argomento vecchio come Internet stessa: risale ai tempi in cui gli amanti di gopher definivano il web un inutile accozzaglia di immagini difficili da scaricare. Rimanda alle ancora oggi non sopite polemiche fra i sostenitori del plain text nei messaggi di posta elettronica assediati dall’html. E l’elenco potrebbe continuare a lungo. Chi non rispetta la netiquette, per esempio, in quale infrazione incorre? Contribuisce anch’egli alla “balcanizzazione” della rete?

Sono passati pochi anni dalla esplosione del fenomeno Internet nella società occidentale e i suoi meccanismi autoregolamentativi sono ormai vecchi ricordi di un tempo andato. Inutili regole da avviare – appunto – alla rottamazione. E ‘ curioso, specie se si considera che (per fare un esempio che i vecchi utenti della rete ben conoscono) l’architettura di regole che Usenet si era data, sono a tutt’oggi un esempio lampante di quello che si sarebbe potuto fare e che invece è stato stupidamente abbandonato.

Certo, Internet è mutata radicalmente e all’interesse dei più si è sostituito rapidamente quello dei grandi investitori, alla voglia di rispettare ed ascoltare si è sostituita la necessità stringente di ottenere risultati d’esercizio, ad una diffusa voglia di “comprendere comunicare e conoscere”, passatempo senza costrutto di giovani sognatori e universitari con troppo tempo libero, si è rapidamente sostituita la mentalità impositiva del commercio elettronico o del pay per click.

Da nessuno sentirete descrivere questi fenomeni come atti di balcanizzazione della rete (anche se da un certo punto di vista di sicuro lo sono stati) eppure, per un specie di nemesi storica di breve corso, il modello economico di sfruttamento commerciale di Internet mostra oggi molti dei suoi limiti. Il grande suk globale viene così parzialmente restituito ai suoi utenti “non paganti” perché lo ricomincino ad utilizzare per le loro inutili attività. E da qualsiasi parte vi giriate, il termine “new economy”, fino a ieri magico passepartout buono ad ogni uso, viene accolto con un ghigno di malcelato fastidio.

Ha ragione da vendere l’ex chairman ICANN Esther Dyson quando critica iniziative come quella dei domini paralleli propagandati da New.net . Si tratta anche in questo caso di balcanizzazione della rete, le chiede il giornalista? Per quanto l’ICAAN possa essere meritevole di biasimo e di critiche feroci sarà sempre meglio di una piccola associazione che, per il proprio profitto commerciale, rischia di minare le basi della struttura della rete Internet.


Così come il GARR che per anni si è dedicato alla organizzazione della rete in Italia – definito dal ex Ministro Passigli con tono di evidente spregio una “associazione studentesca” inadatta a compiti tanto importanti quali la tutela del buon nome dei parlamentari a rischio di cybersquatting – sarà sempre infinitamente meglio di una commissione stabilita per legge infarcita di politici e delegati di ogni razza e colore.

Nella sottovalutazione dell’importanza dell’interesse della maggioranza e nello spregio di ogni regola di comportamento, sono maturati molti dei tonfi economici che la rete Internet sta vivendo in questi mesi e molte delle leggi senza capo ne coda che il Parlamento anche da noi ha ritenuto di approvare. Avete letto la
lettera
aperta alla Siae della Associazione Software Libero, pubblicata da questo giornale qualche giorno fa? Era così difficile capire che in un mondo connesso una lettera aperta è oggi assai più aperta di un tempo e che le bugie, quelle che una volta avevano la gambe corte oggi ormai hanno propaggini nanometriche?

Non è che il legislatore sia in questi casi particolarmente stupido: è il mezzo che utilizziamo che è crudele e senza pietà. Le pochezze, le cialtronate, l’impreparazione e la poca intelligenza oggi escono sottolineate come da un evidenziatore. Più persone raggiungono Internet e più difficile appare il loro governo specie laddove – non necessariamente in Italia – la classe politica è di scarso livello intellettuale o di moralità discutibile. E i rischi di balcanizzazione della rete (mi perdonerete un’ultima volta il brutto termine) oggi che il grande capitale e il mondo politico stanno iniziando a comprendere quanto sia complesso e a doppio taglio l’uso strumentale di Internet, appaiono forse un poco più distanti di un tempo.

Massimo Mantellini

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    crociata contro i vestiti sexy!
    I fatti.In data 11 agosto, il Washington Post riporta una notizia:-----------------------------------------------------Parents Can't Bear Girls' Skimpy AttireMidriff-Flashing Clothes Bring Quick Veto From Schools, TooArticle 3 of 153 foundEmily WaxWashington Post Staff WriterAugust 11, 2001; Page A1Section: AWord Count: 1066Frilly dresses? Unicorn and rainbow T-shirts? Penny loafers? Forget it.Think pleather -- fake leather -- miniskirts. In sizes 4 to 6X. Tiny strappysandals. And tight, midriff-flashing T-shirts that read "HOTTIE." From giantretail chains such as Wal-Mart and JCPenney to specialty lines such as WetSeal and Hotkiss, the classics of young girls' clothing are beingsupplemented -- or replaced -- by tighter, flashier and sexually alluringattire. Parents, educators and retail store-------------------------------------------------------------------[Per avere l'articlo completo su internet, ci si deve iscrivere a pagamentoall'archivio del giornale, ma il lancio che riporto e' gratis ed e'sufficiente].Di che si tratta?Il Corriere della sera, domenica 12 agosto, in un box a p. 14, rilancia lanotizia:-------------Jeans attillati e ombelico in vista: genitori contro aziende d'abbigliamentoUsa, dilaga la moda sexy per bambineNEW YORK - Jeans super attillati e a vita bassa per mettere in mostral'ombelico, maglietta aderenti e scollate, t-shirt con scritte sboccate. E'la moda sexy per bambine e adolescenti che impazza negli Stati Uniti.«Indecente», l'hanno bollata genitori ed educatori. E ora è guerra contro leaziende di abbigliamento chehanno invaso il mercato under 16 con capi inadeguati all'età dele giovaniamericane.L'ultima battaglia è stata appena vinta: l'altro ieri, sul montare delleproteste, il colosso della distribuzione al dettaglio Jc Penney ha dovutoritirare uno spot pubblicitario prodotto per la tv.Nello spot un'adolescente s'infila un paio di jeans super attillati con lacintola che non arriva all'ombelico. Ma la vede la madre che la redarguisce:«Non puoi uscire così!», le dice, le si avvicina e, sorridendo, le abbassala cintola dei jeans di un paio di dita, provando di conoscer la moda.Se qualcuno si limita a scuotere la testa davanti alla malizia dello spot,drappelli di mamme, ha scritto ieri il quotidiano Washington Post, hannomarciato sui negozi della catena Wet Seal e Hotkiss per restituire lemagliette per bambine in età prescolare tagliate come top e con scritte come«Play-boy« (con caratteri similia quelli della testata della rivista per soli adulti) o «Hottie»(supercalda).La colpa, osservano gli esperti, è però solo a metà dei pubblicitari delsettore. Per il resto bisogna puntare l'indice contro la star più ammiratadagli adolescenti: Britney Spears. E' lei, la super imitata lolita del pop,aispirare le generazioni in erba, assieme agli altri personaggi delfirmamento pop. E, per arginare il problema, i dirigenti scolasticipromettono regolamenti severi per l'abbigliamento de gli alunni.---------------------Il mio commento.Devo intanto dire che l'idea generale di una possibilita' provocatorianell'abbigliamento di una persona, adolescente o no, mi sembra un temavincolato a troppe variabili, sociali, culturali, personali, storiche, ecc.Per cui non alimenterebbe una discussione produttiva.Un aspetto piu' interessante dei fatti che ho riportato mi sembra quellodella censura. Ho l'impressione che un dio cominci ad essere presente, epure troppo. Il suo "grande occhio" e' posizionato non da qualche parte, mae' frammentato in mille, centomila occhi di esseri umani versati per lacensura, che in piu' detengono un certo potere in radio e tv, giornali,economia, cultura, politica. Da queste "zone" privilegiate di monitoraggiodella societa', ognuno di questi occhi puo' agevolmente captare qualsivoglia"menomazione" rispetto all'integrita' ascetica del dio censorio, e dunquereagirvi.Se penso ai film con Gloria Guida negli anni '70, mi viene da piangere: conLeone presidente, la Dc acchiappatutto, la morte di Pasolini, le BrigateRosse, l'alba dello Statuto dei lavoratori, e un papa come Paolo VI,ricordare la contemporanea e libera nudita' di quell'attricetta regina dellemie estasi adolescenziali, rappresenta un'idiosincrasia inspiegata. Macome -mi viene da pensare - nell'epoca "buia" si andava avanti a pornografiapopolare, e adesso una maglietta attillata addosso a un'adolescente trovaspazio sui giornali del mondo?!? Che e' successo, mi sono perso qualcosa?Devo disseppellire l'odiato modo di dire "stavamo meglio quando stavamopeggio"? Da quando in qua l'evoluzione implica oscurantismo?Sono sinceramente preoccupato. Giacche' mi pare che si sia affermata unamoralita' appiattita, manichea e decontestualizzata; una sorta di sovrano"decalogo" dei comportamenti, che implica la lavagna dei buoni e dei cattivicome nella scuola di un tempo. Una moralita' costruita non sui fatti veri,non sulle esperienze reali, non sul principio di efficenza, ma una moralita'artificiale, teorica, figlia di un autoritarismo immotivato, emotivo edirrazionale.Nuova linfa trarranno, dall'episodio che ho qui riportato, i varicomitatuncoli italiani pro-modigeratezza-finta per alimentare la propriaforza "eroica" e il loro incredibile potere sulla sensibilita' popolare. Miaspetto da un momento all'altro un decreto legge su Come-Si-Deve (vestire,mangiare, salutare, camminare, copulare); a quel punto, dove potro'emigrare? E perche' dovrei emigrare io e non "loro"?
  • Anonimo scrive:
    http://www.onnivora.net/pedo
    Lo speciale di Onnivora. Il problema non è la pedofilia ma, come sempre, il capitalismo!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono veramente colpito...
    hamilton? la necessità di una crociata? ma stiamo scherzando? avete perso un po' il contatto con la realtà, ho una vaga idea.Io ero inkazzato, adesso lo sono anche di più, visto che giriamo intorno ad un problema molto serio, giriamo intorno ad uno che forse è uno dei peggiori incubi esistenti.Parliamo di Hamilton e delle foto delle ragazzine nude? Ma avete idea di che cosa voglia dire una foto di un adulto che stupra un bambino? avete la minima idea di cosa possa essere un video che termina con la morte dell'oggetto di questi desideri?ma fatemi il piacere!a tali letture "alate" contrapporrei due bei libri da leggiucchiare, da assimilare, il primo è un qualsiasi manuale di neuropsichiatria infantile (anche se io caldeggio Bolleo, il padre della n.p.i.) e magari, giusto per condire il tutto, "Il tempo di uccidere" del commerciale Grisham, giusto per entrare nel cuore di un padre che vede la propria figlioletta violentata.Meglio smettere qui, perché a me sti abatini rivestiti da pseudocultura e pseudopsicologia mi fanno voltare solo lo stomaco.Scusate la franchezza, NON fraternamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono veramente colpito...
      - Scritto da: uno + inkazzato di prima
      hamilton? la necessità di una crociata? ma
      stiamo scherzando? avete perso un po' il
      contatto con la realtà, ho una vaga idea.
      Io ero inkazzato, adesso lo sono anche di
      più, visto che giriamo intorno ad un
      problema molto serio, giriamo intorno ad uno
      che forse è uno dei peggiori incubi
      esistenti.
      Parliamo di Hamilton e delle foto delle
      ragazzine nude? Ma avete idea di che cosa
      voglia dire una foto di un adulto che stupra
      un bambino? avete la minima idea di cosa
      possa essere un video che termina con la
      morte dell'oggetto di questi desideri?
      ma fatemi il piacere!
      a tali letture "alate" contrapporrei due bei
      libri da leggiucchiare, da assimilare, il
      primo è un qualsiasi manuale di
      neuropsichiatria infantile (anche se io
      caldeggio Bolleo, il padre della n.p.i.) e
      magari, giusto per condire il tutto, "Il
      tempo di uccidere" del commerciale Grisham,
      giusto per entrare nel cuore di un padre che
      vede la propria figlioletta violentata.
      Meglio smettere qui, perché a me sti abatini
      rivestiti da pseudocultura e
      pseudopsicologia mi fanno voltare solo lo
      stomaco.
      Scusate la franchezza, NON fraternamente.per me sei solo un fascista del kazzo e uno di quelli che si infervorano e cercano di farsi belli con cause su cui già tutti sono d'accordo. bel coraggio davvero
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono veramente colpito...
      Forse ha ragione Cosmo....ma tu leggi con attenzione cio' che si scrive, oppure il sangue ti annebbia vista ed intelletto....?? Tu stai proprio facendo di tutt'erba un fascio.Io non affermo di essere un esperto di psicologia dell'eta' evolutiva, ne'di essere una voce autorevole nel campo culturale, semplicemente sono una persona,e come tale ho il diritto di dire cose, come lo hai tu. Di pedofilia non si puo' parlare, non si puo' esprimere la minima riserva, che subito si viene additati, e le reazioni come le tue sono proprio quelle che mi spaventano, ma anche quelle che mi fanno inkazzare. Forse se si provasse a discuterne di piu' si riuscirebbe anche a capirne di piu', ma in questo presente non si puo' fare.E non confondiamo ancora una volta la pedofilia, con i crimini violenti pedofili. Io non giustifico niente, semplicemente cerco di capire, perche' ho tanti dubbi nel mio animo, e soprattutto tanti ricordi di quando ero bambino, e certe cose le desideravo. Malato...?? Od uno dei tanti...???Certo che se fosse per te, niente processi ed una esecuzione esemplare....ma e' vero...io sono l'esempio della pseudo-cultura e della pseudo-psicologia, tu invece sei l'essenza della cultura, l'arroganza della cultura....ma sara' poi vero?? La presunzione e' un gran brutto difetto.....Amichevolmente ma senza il minimo rispetto.- Scritto da: uno + inkazzato di prima
      hamilton? la necessità di una crociata? ma
      stiamo scherzando? avete perso un po' il
      contatto con la realtà, ho una vaga idea.
      Io ero inkazzato, adesso lo sono anche di
      più, visto che giriamo intorno ad un
      problema molto serio, giriamo intorno ad uno
      che forse è uno dei peggiori incubi
      esistenti.
      Parliamo di Hamilton e delle foto delle
      ragazzine nude? Ma avete idea di che cosa
      voglia dire una foto di un adulto che stupra
      un bambino? avete la minima idea di cosa
      possa essere un video che termina con la
      morte dell'oggetto di questi desideri?
      ma fatemi il piacere!
      a tali letture "alate" contrapporrei due bei
      libri da leggiucchiare, da assimilare, il
      primo è un qualsiasi manuale di
      neuropsichiatria infantile (anche se io
      caldeggio Bolleo, il padre della n.p.i.) e
      magari, giusto per condire il tutto, "Il
      tempo di uccidere" del commerciale Grisham,
      giusto per entrare nel cuore di un padre che
      vede la propria figlioletta violentata.
      Meglio smettere qui, perché a me sti abatini
      rivestiti da pseudocultura e
      pseudopsicologia mi fanno voltare solo lo
      stomaco.
      Scusate la franchezza, NON fraternamente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono veramente colpito...
        mah, forse non sono il solo ad avere problemi di comprensione di quanto si scrive...avete per caso notato che questa alzata di scudi per la tolleranza, questa strenua difesa di chi ha qualche problema (qualche?) di natura psicologica è del tutto fuori tema rispetto all'articolo di P.I.?infatti, riassumendo per i meno attenti, detto articolo faceva cenno alla possibilità di operare una delazione nei confronti delle forze dell'ordine contro SITI DI PEDOPORNOGRAFIA, non verso singole persone afflitte da problemi di natura psichiatrica!e invece no! tutti quanti a difendere chissà cosa (forse se stessi? ma non voglio essere né maligno né cattivo, non è nella mia natura), quando invece il messaggio forte e chiaro era quello di incastrare della gentaglia che mette in rete delle fotografie, dei filmati, spesso a pagamento.mah, tutta questa confusione non giova a nessuno, e solleva molti dubbi.sarà vero che il non voler censurare la rete va al di là di quello che è il rispetto umano tanto invocato in difesa di chi il rispetto non lo adotta nemmeno nei confronti di creature così indifese?oddio no, non voglio essere chiamato fascista, oppure stupido, oppure chissà cosa, ma tutta questa tolleranza, tra l'altro fuori tema del forum, a me suscita solo disgusto.avrò sbagliato ancora? e se avrò sbagliato ancora l'errore è davvero nei miei pensieri e nei concetti che scrivo? mah!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sono veramente colpito...
    - Scritto da: uno inkazzato
    ma piantiamola di fare gli pseudo-psicologi,
    queste persone vanno sicuramente controllate
    e possibilmente consegnate alle forze
    dell'ordine.......ma provate un attimo a
    pensare ad un adulto che cerca di avere un
    rapporto sessuale con un bimbo che voi
    conoscete, immaginatevi la scena e cercate
    di scrollarvi di dosso tutto questa finta e
    pericolosa tolleranza!
    non è possibile pensare che un tale tipo di
    sessualità sia da comprendere, dal momento
    che una delle due parti in causa non ha
    nessun modo di scegliere o di difendersi!
    io sono contro la violenza, questo è
    assodato, ma allo stato attuale non riesco a
    pensare a qualcosa di più violento di
    costringere un bambino ad avere rapporti
    sessuali con un adulto! allora ben venga
    qualche violenza e coercizione contro chi
    questa violenza vuole usare, se non altro si
    tratta di persone adulte, che hanno
    sicuramente più difese e discernimento!
    Basta con questa psicologia da bar sport!In realtà, rileggendo quello che ho scritto *non* trovo alcun tentativo, da parte mia, di fare della pseudo-psicologia...quello che affermi è comprensibilissimo, ma, francamente, non ha alcuna attinenza con quello che ho scritto; ti invito a rileggere il mio msg e a rifletterci sopra con più calmafraternamentecosmo
  • Anonimo scrive:
    TELEFONO ARCOBALENO
    SITO DI TELEFONO ARCOBALENO (NASCE NEL 1996)http://www.telarcobaleno.comè da 5 anni che pervengono segnalazioni e non solo.
    • Anonimo scrive:
      Re: TELEFONO ARCOBALENO
      - Scritto da: don Fortunato Di Noto
      SITO DI TELEFONO ARCOBALENO (NASCE NEL 1996)
      http://www.telarcobaleno.com
      è da 5 anni che pervengono segnalazioni e
      non solo.caro cosmo statti attento che i Crociati te sbattono in galera!
      • Anonimo scrive:
        Re: TELEFONO ARCOBALENO
        - Scritto da: free mumia abu jamal e free cosmo!
        caro cosmo statti attento che i Crociati te
        sbattono in galera!Grazie, starò attento.8-))Accomunarmi a Mumia mi fa un grande onore che, evidentemente, *non* merito........FraternamenteCosmo
  • Anonimo scrive:
    forza spioni................
    fate le vs. vendette con la loro benedizione....evviva la catità.........
  • Anonimo scrive:
    Su davide.it segnalazioni a raffica
    Sul sito di davide.it (l'accesso protetto ad Internet per i minori) è attivo un form per l'inserimento di indirizzi di siti violenti, pedofili o pornografici.Due milioni e mezzo di indirizzi sono già stati registrati e sono a disposizione della magistratura.
Chiudi i commenti