Copyright, torrentisti sparpagliati

Un giudice di Washington ha obbligato lo U.S. Copyright Group a perseguire i netizen in base all'effettiva area di residenza. Sfumato il tentativo di avviare un'azione legale contro un unico blocco di 4500 utenti

Roma – Sarà una lista decisamente meno corposa quella che potrà essere presentata in aula dai legali dello U.S. Copyright Group . Circa il 97 per cento delle migliaia di utenti denunciati per violazione del diritto d’autore a mezzo P2P dovrà infatti essere rimosso dal banco degli imputati.

A stabilirlo è stato un giudice di Washington, che ha di fatto stroncato le agguerrite intenzioni della società legale Dunlap, Grubb & Weaver . Il braccio armato dello U.S. Copyright Group aveva deciso di trascinare in aula circa 4500 netizen , tutti responsabili di aver scaricato illegalmente copie di film indipendenti come Far Cry e Grey Man .

Tonnellate di indirizzi IP, raccolte dai signori statunitensi del copyright per una massiva azione legale da svolgersi presso una corte del District of Columbia. Proprio il giudice di Washington ha però bocciato i piani della società legale statunitense, dal momento che solo 140 utenti sarebbero effettivamente residenti nell’area indicata nella causa .

In sostanza , più di 4300 torrentisti non potranno essere processati secondo i parametri giurisdizionali locali. Il giudice ha dunque obbligato i legali dello U.S. Copyright Group ad agire a seconda delle aree di provenienza degli indirizzi IP , di fatto limitando la causa di Washington a 140 utenti.

C’è chi ha subito sottolineato come la decisione del giudice statunitense rischi di mandare in fumo i piani dei detentori dei diritti. Intraprendere diverse azioni legali in diverse aree di residenza rappresenterebbe una strategia troppo dispendiosa. Far causa a 140 utenti alla volta porterebbe ad un dissanguamento economico.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno qualsiasi scrive:
    Ottimo!
    Murdoch ha avuto quello che si merita. E anche gli utenti tanto stupidi da pagare per la musica hanno avuto ciò che meritavano, se ho ben capito (e ora sono lì a chiedersi quanto durerà la musica acquistata).I giornali a pagamento di murdoch faranno la stessa fine... e prima o poi, anche itunes!
  • Pako scrive:
    shazam
    nemmeno è citato nell'articolo!avete saltato un pezzo?
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: shazam
      ma leggerlo tutto il pezzo? ;)Pare che gli utenti registrati a Sky Songs nel corso di un intero anno siano stati contati in sole 10mila unità. Solo una piccola frazione dei 100 milioni di utenti finora registratisi a Shazam, l'ormai popolare piattaforma mobile per il riconoscimento dei brani. Negli ultimi sei mesi del 2010 le nuove registrazioni al servizio sarebbero ammontate a 25 milioni in circa 200 paesi del mondo.
  • antonio scrive:
    ah ah [cit]
    http://www.stefanoguglielmo.it/images/Ahah.jpg
Chiudi i commenti