Cortana su iOS, inizia il test

Microsoft ha messo a disposizione dei primi volontari dell'ecosistema Apple il proprio assistente digitale. La beta pubblica per Android è accessibile da mesi
Microsoft ha messo a disposizione dei primi volontari dell'ecosistema Apple il proprio assistente digitale. La beta pubblica per Android è accessibile da mesi

Microsoft lo aveva anticipato nei mesi scorsi: l’assistente digitale Cortana sarebbe stato disponibile anche per le piattaforme mobile concorrenti, entrando in competizione diretta con Siri e Google Now. I test per iOS hanno ora preso il via .

Nel mese di agosto la sperimentazione è stata avviata per piattaforme Android, e alcuni degli utenti che ne hanno fatto richiesta a seguito dell’ annuncio di Microsoft hanno iniziato a ricevere la build per il sistema operativo mobile di Apple.

“La tua vita non si limita ad un solo dispositivo – spiegava Microsoft nell’annuncio del programma di test all’inizio del mese di novembre – e nemmeno il tuo assistente digitale”. L’obiettivo di Redmond è probabilmente quello di sottoporre l’app iOS di Cortana ad un pubblico che abbia contemporaneamente esperienza di Windows 10, così da ottenere un feedback trasversale: oltre ad offrire le funzioni ordinarie degli assistenti digitali, incentrate sulle ricerche online e sul dispositivo formulate attraverso linguaggio naturale, Cortana per iOS dispiega appieno le proprie funzioni in combinazione con Windows, con ricerche su diversi device e sui servizi cloud, l’invio di email e la sincronizzazione di promemoria sulle diverse piattaforme.

Cortana, nella sua incarnazione per iOS, naturalmente non mette a disposizione degli utenti tutte le funzioni proposte per piattaforme Microsoft: non è possibile evocarla con il comando vocale “Hey Cortana”, né è possibile far interagire l’assistente digitale direttamente con le impostazioni del dispositivo e con applicazioni terze, anche se Microsoft ha messo in campo delle soluzioni macchinose per superare questo limite, come nel caso della composizione di messaggi testuali.

Ad essere coinvolto nel test è per ora un numero di utenti non noto, ma certamente inferiore ai 2mila, in quanto la sperimentazione è gestita attraverso il programma TestFlight di Apple, che pone questa soglia insieme al limite temporale di 60 giorni.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 11 2015
Link copiato negli appunti