Cortex A32, chip ARM per la IoT

ARM ha presentato un nuovo chip per le applicazioni embedded, un dispositivo contraddistinto da consumi estremamente ridotti pur essendo basato su una microarchitettura moderna

Roma – Il nuovo chip ARM si chiama Cortex-A32 , sistema “ultra-efficiente” che il designer britannico ha progettato per espandere l’offerta del proprio portafoglio tecnologico in ambito Internet delle Cose (IoT) e altre applicazioni di classe embedded.

Basato su microarchitettura ARMv8 a 32-bit, Cortex-A32 viene infatti indicato come il SoC ideale per i gadget indossabili, la succitata IoT e il settore embedded, le board di sviluppo “barebone” come Raspberry Pi e tutte le altre applicazioni in cui risparmiare energia è un requisito molto più importante della potenza computazionale.

Pur non potendo giovare dei vantaggi dell’indirizzamento dei dati a 64-bit, Cortex-A32 riesce in ogni modo a essere più performante rispetto ai chip Cortex-A5 e Cortex-A7; sul fronte dei consumi, ARM stima un 25 per cento di efficienza in più rispetto alla precedente architettura grazie ai progressi architetturali e non solo.

Cortex-A32 può tra le altre cose avvantaggiarsi delle istruzioni specifiche dell’architettura ARMv8 per velocizzare i calcoli in ambito crittografico, ed è ovviamente votato alla scalabilità come gli altri design di processore di ARM: un SoC con singolo core di CPU Cortex-A32 a 100 MHz consuma un minimo di 4mW di corrente elettrica, stima la corporation, mentre un chip quad-core con clock a 1GHz può consumare meno di 75mW per core.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Elrond scrive:
    Microsoft? Ma anche no!
    Sto bene così, grazie.Anzi, da qualche giorno io vivo pure Google-less con l'aiuto dei (sempre siano) benedetti cantinari:http://forum.xda-developers.com/android/apps-games/app-microg-gmscore-floss-play-services-t3217616Eh sì, senza rinunciare *a nulla*.
    • diogene il cane scrive:
      Re: Microsoft? Ma anche no!
      quindi e' possibile ottenere una rom totalmente google free, senza necessita di account google ecc?replicant?
      • Elrond scrive:
        Re: Microsoft? Ma anche no!
        - Scritto da: diogene il cane
        quindi e' possibile ottenere una rom totalmente
        google free, senza necessita di account google
        ecc?
        replicant?Per me l'importante era togliere di mezzo Google Play Services pur mantenendo Google Play, per ricevere gli updatedes delle applicazioni che ho comprato. Per il resto, anche se a quanto pare funzionerebbero ugualmente con il framework FLOSS, non uso nessuan altra app di Google sul telefono.La batteria ringrazia e la privacy pure.Non credo che esista Replicant per il mio telefono, non ho controllato. Per il momento ho su una CM13 che ha disponibili aggiornamenti quotidiani.Comunque aspetta un po', che adesso arriva lo strenuo difensore del closed a nominare la proverbiale shura Maria, la casalinga di Voghera.
      • ... scrive:
        Re: Microsoft? Ma anche no!
        - Scritto da: diogene il cane
        quindi e' possibile ottenere una rom totalmente
        google free, senza necessita di account google
        ecc?
        replicant?ovvio.oppure ti ricompili da solo android escludendo la googleXXXXX... ti sbatti un po ma di fai il tuo android su misura.
Chiudi i commenti