Cosa considerare nella scelta di un servizio di Hosting?

Cosa considerare nella scelta di un servizio di Hosting?

Come scegliere l'Hosting giusto? Meglio quello condiviso, quello semi dedicato o dedicato? Scopriamolo subito in questo articolo.
Come scegliere l'Hosting giusto? Meglio quello condiviso, quello semi dedicato o dedicato? Scopriamolo subito in questo articolo.

Quando si pubblica un sito Web, bisogna sempre considerare la scelta di un buon Hosting, essenziale per la gestione dell'intero sito. Proprio per questo motivo, prima di procedere con l'acquisto sarà necessario capire effettivamente a cosa si va incontro e per quale motivo compiere una scelta piuttosto che un'altra. Oggi cercheremo quindi di fare il punto della situazione, illustrando le maggiori differenze tra le tipologie di Hosting. In più non mancherà anche un consiglio sull'effettiva scelta da fare, che ricadrà su A2 Hosting, il quale offre oggi uno sconto del 72% sui prezzi di listino.

Quali sono le differenze tra Web Hosting e come scegliere quello migliore

Partiamo subito con una rapida introduzione ai servizi di Hosting. Immaginiamo che il proprio sito web sia una casa in affitto e che per abitarci bisognerà contattare un'agenzia che si occupi di tutte le pratiche necessarie. Nel nostro caso, il servizio di Hosting è proprio l'agenzia che si occuperà di fare ciò. In più, i servizi più avanzati offrono anche funzionalità aggiuntive, come ad esempio degli strumenti per gestire al meglio WordPress e le VPS, cosa che A2 Hosting farà senza alcun problema.

Hosting

Prima di procedere con l'acquisto però, comunque necessario per avviare il proprio sito web, bisognerà effettivamente capire quale tipologia di Hosting acquistare, in quanto ne esistono di tre tipi: condiviso, semi dedicato e dedicato.

Qualora si tratti di un primo approccio al mondo del Web, quello condiviso andrà più che bene, in quanto più economico e principalmente dedicato ai siti più piccoli e con traffico basilare. Nel caso di blog più affermati, piccole e medie imprese o comunque di siti Web con traffico più elevato, bisognerà invece optare per quello semi dedicato, più costoso ma in grado di gestire meglio il traffico in entrata.

Infine, per accertarsi di possedere il massimo delle performance, qualunque sia il traffico in entrata, sarà necessario acquistare un Hosting dedicato, necessario per evitare crash improvvisi e rallentamenti. Ripetiamo però ancora una volta che quest'ultimo sarà principalmente deviato a siti Web dal traffico davvero elevato, perciò decisamente da evitare come primo approccio.

Per chiarezza, concludiamo dicendo che per “condiviso” si intende che lo stesso Hosting viene appunto utilizzato da più siti Web contemporaneamente (ovviamente senza il rischio che interferiscano tra loro), mentre quello “dedicato” ne garantirà uno completamente personale.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.
12 01 2022
Link copiato negli appunti