Crittografia XChaCha20 di NordPass: cos’è?

Crittografia XChaCha20 di NordPass: cos’è?

Perché NordPass utilizza la crittografia XChaCha20 invece di quella AES-256? Come funziona l'architettura? Vediamolo in questo articolo.
Perché NordPass utilizza la crittografia XChaCha20 invece di quella AES-256? Come funziona l'architettura? Vediamolo in questo articolo.

NordPass è un password manager il cui scopo è di tenere al sicuro password, dati delle carte di credito e informazioni personali in un unico luogo. Lo fa grazie alla crittografia XChaCha20.

Questo servizio è utile anche a chi necessita di condividere password di lavoro, dati di pagamento aziendali o credenziali di accesso alle reti Wi-Fi.

Inoltre, acquistando NordPass Business in questa pagina, il prezzo verrà scontato del 43%, ottenendo anche in cambio una prova gratuita di 30 giorni.

Crittografia XChaCha20 di NordPass: cos’è e come funziona

crittografia XChaCha20

L’algoritmo di crittografia XChaCha20 di NordPass è considerato il futuro dei sistemi crittografati. Viene usato da Google e Cloudflare per garantire agli utenti connessioni sicure e rapide.

Questo algoritmo può supportare due diverse tipologie di lunghezze di chiavi, tra cui la più forte è la crittografia a 256 bit. NordPass lo utilizza per criptare il vault delle password di un utente.

Anche se la maggior parte dei password manager ha optato per la crittografia AES-256 per proteggere dati e chiavi di accesso dei loro utenti, NordPass si è rivolto a questo algoritmo diverso. Perché?

Secondo NordPass, la crittografia AES, nonostante sia sicura e veloce, ha iniziato a mostrare alcune crepe che potrebbero in futuro mettere a rischio i dati sensibili degli utenti.

Se queste crepe dovessero risultare insanabili, la maggior parte dei servizi di password manager dovrà nuovamente optare per i vecchi algoritmi di crittografia.

Per evitare che NordPass sia costretto a fare altrettanto, ha pensato quindi di usare questo algoritmo per i seguenti motivi:

  • rispetto all’AES-256, l’implementazione è molto più veloce, soprattutto sulle piattaforme che non dispongono di hardware AES;
  • non necessita di supporto hardware;
  • durante l’implementazione, grazie alla sua semplicità gli errori umani e tecnici vengono facilmente evitati.

Ormai, tutte le piattaforme mobili stanno man mano optando per questo algoritmo. Ciò vuol dire che in un futuro non molto lontano verrà riconosciuto a livello mondiale.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 22 dic 2022
Link copiato negli appunti