Cyberdesk, un Alien da collo

Per fiondarsi nell'universo di eXistenZ ci sono tre modi: infilarsi nella testa di David Cronenberg , rassegnarsi all'acquisto del film oppure tentare un deturnamento aggressivo indossando Cyberdesk . E' il concept di un dispositiv

Per fiondarsi nell’universo di eXistenZ ci sono tre modi: infilarsi nella testa di David Cronenberg , rassegnarsi all’acquisto del film oppure tentare un deturnamento aggressivo indossando Cyberdesk .

E’ il concept di un dispositivo informatico dotato di proiettore laser capace di sparare immagini direttamente in retina. Le ventose a scendere sul davanti sono invece l’equivalente di mouse e tastiera, per consentire all’utente di vedere senza monitor e gestire informazioni sfiorando tentacoli dall’apparenza gelatinosa.

Il cervello di Cyberdesk si posiziona subito sotto il cervelletto dell’utente che viene così dotato di una superumanità che per troppo tempo si è pensato fosse esclusivo appannaggio del cinema.

Sì, è vero, tristemente si tratta ancora solo di un concept. Ma sarà presto sul mercato, sempreché vi siano ancora industriali capaci di cogliere al volo un’occasione.

[ KhronDesign ]

[via SlypperyBrick ]

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lo Ziorso punto com scrive:
    lo sapevate che.....
    la russia è alleata con i cinesi fanno pure le esercitazioni militari a forze congiunte e Putin ormai minaccia apertamente gli usa perche i soldi usa che prima ricevevano come aiuti non gli servono piu perche gli stipendi dei soldati russi li paga la cina con i guadagni che fa con le esportazioni di merci in europa
    • Garibaldi la sa lunga scrive:
      Re: lo sapevate che.....
      La Russia NON è alleata con i cinesi. Se è per questo anche gli americani e i francesi hanno fatto esercitazioni congiunte. Per piacere non facciamo paranoia basandoci sulla lettura di Diabolik.
      • Sky scrive:
        Re: lo sapevate che.....
        Però Russia e Cina hanno molti interessi in comune: i Russi apprezzano sicuramente un mercato vasto come la Cina per le proprie merci (*) e la Cina, affamata di energia, apprezza certamente petrolio e gas russo.Non so se facciano esercitazioni congiunte (visto che storicamente non è che si vedano di buon occhio) ma di certo non si sputano in faccia, anzi. (*) oltre a tutto ho "come l'impressione" che i prodotti russi trovino miglior accoglimento in Cina che negli USA. ;)
  • Ricky scrive:
    Ancora....
    Prima o poi EVOLVEREMO...!Qui si gioca con i soldatini mentre il Mondo crepa.E' vero che le guerre hanno aiutato la ricerca,molte delle soluzioni di morte hanno poi trovato riscontro nella vita comune per PRESERVARE invece che ELIMINARE.Ma e' mai possibile che si debba sempre procedere cosi' stupidamente?Evitare le guerre ed impegnarsi SOLO sul fronte del miglioramento della vita non e' proprio possibile?Lo so', penserete che pecco di ingenuita'...le guerre servono ai potentati e quindi ci sareanno sempre,troppi interessi in gioco ESCLUSO quello della VITA!Ma chissenefrega...tanto siamo sempre di piu' con sempre meno risorse,le guerre SERVONO A PRESERVARE...Siamo ancora distanti dalla consapevolezza...
    • Sky scrive:
      Re: Ancora....
      Le tue parole sono ben comprensibili, quanto meno le motivazioni che le generano, però... beh... è vero che pecchi di ingenuità, perdonami se lo dico: quello in atto, a livello mondiale, è un braccio di ferro "tra coloro che possono permetterselo", quindi USA e Cina. Già ex-URSS non se lo può più permettere (l'Unione Sovietica, di fatto, non esiste più e ciò che ne è rimasto non ha "potere" se non nel mercato nero e nella mafia, ma non alla luce del sole).L'UE sta (molto) faticosamente tentando di arrivare alla massa critica per essere tra quelli "che possono". Ovviamente veniamo contrastati dagli USA (e da taaaaaanti anni) che vedono noi (e l'Euro) come un grosso pericolo... anche perchè, di contro, la Cina ci vede come un'occasione per crescere (e, mi pare, per noi la cosa è reciproca), un mercato.Tutti belli i discorsi "per la vita" e "per un futuro migliore", però si scontrano con la prosaicità di certi comportamenti da "chi ha il cannone più grosso ha ragione". Comportamenti che non mi trovano d'accordo, lo voglio dire, ma questo (mio e nostro) disaccordo di certo non sposta la questione di un millimetro: quando in campo entrano "le forze in gioco" il gioco è per forza di cose "di forza", bene o male che sia (e mi scuso per il gioco di parole).Alla mia disapprovazione generale per comportamenti del genere posso solo unire lo sconforto nel vedere come gli USA considerino "giusto" il fatto di tenere sotto il tacco del loro stivale il collo degli altri e "sbagliato" il fatto che altri stiano costruendo tacchi per i propri stivali, quanto meno per togliere il collo dalla scomoda posizione, se non proprio per invertire le posizioni.Posizione comprensibile, quella USA, ma di certo NON condivisibile da me (europeo) e/o dal 99% delle restanti nazioni (salvo alleati storici (ed interessati) come Israele et similia).Spero solo che, per non perdere la supremazia economica (e tecnologica), non si arrivi a combattere un('altr)a guerra: alla fine le guerre le combattono "i poveri" (americani, europei, ecc.) per gli interessi dei "ricchi" (americani, europei, ecc.). Forse se fossi "ricco" non parlerei così... forse. Ma dato che sono "povero" ne parlo eccome. :-D
    • Sono arrabbiato scrive:
      Re: Ancora....
      Si ma... fai le domande e ti rispondi da solo?L'hai detto tu stesso, nella terra c'è sempre più gente e le risorse di conseguenza diminuiscono, evidentemente qualcuno deve morire.
  • Sky scrive:
    Ovviamente...
    Quando si tratta di superiorità USA (altrimenti chiamata "equilibrio") quella va bene no?Se invece quella è in bilico... allora non va più bene.Ma andiamo...
  • VE LO DICO IO scrive:
    AHUAHAHAU
    La terza guerra mondiale si avvicina... e tra poco noi (noi come popolo) ci ritroveremo in mezzo ad una strada.. sempre se la maggior parte di noi riuscirà a sopravvivere... questo è ovvio...Poi non dite che non vi avevo avvisato.... ;)Continuate a dormire... buonanotte.
  • tipo scrive:
    aria terra? casomai terra-aria
    come da oggetto.. :-)
    • enneci scrive:
      Re: aria terra? casomai terra-aria
      - Scritto da: tipo
      come da oggetto.. :-)A dire il vero è un missile atmosfera-spazio.
    • Romoaldo Allemagna scrive:
      Re: aria terra? casomai terra-aria
      magari rea un satellite che doveva ancora essere lanciato! 8D
    • Vongola di Piltdown scrive:
      Re: aria terra? casomai terra-aria
      - Scritto da: tipo
      come da oggetto.. :-)No, no, aria-terra: tipico pragmatismo cinese, siccome la Cina è sovrappopolata e i missili costano, ancorano il missile a terra a punta in giù, mettono un cinese in sovrannumero estratto a sorte sopra gli ugelli, accendono i motori e lo sparano verso il bersaglio. Una bocca in meno da sfamare, missione compiuta e il missile si rifornisce e si riutilizza. (idea) O) :p
  • Sono io scrive:
    Shashoujian
    Sono atti di forza in un clima di crescente sfiducia tra USA e Cina. Gli Stati Uniti temono la minaccia posta dal risvolto militare del programma spaziale cinese, cioè lo sviluppo di capacità di sabotaggio/distruzione dei loro assets spaziali (satelliti militari e civili, come noto l'architrave di tanti settori economici e, non ultimo, la chiave di volta della potenza bellica statunitense) ispirato al concetto strategico cinese di "shashoujian". La Cina, da parte sua, nega tale proposito e sostiene con la Russia in sede ONU un trattato che proibisca il dispiegamento di armi nello spazio (quanto vogliono alcuni militari americani per rafforzare la sicurezza degli assets statunitensi) ma la Casa Bianca si è rifiutata di firmarlo perché non crede alla reale volontà cinese in questo senso, e teme che Pechino procederà in ogni caso con i suoi piani di shashoujian sotto la copertura fornita da tale trattato, il quale non va a proibire l'impiego in funzione anti-satellite di armi basate a terra: laser ad alta potenza (già avvenuto l'accecamento di un satellite americano da parte di un raggio laser "sparato" dal territorio cinese), vettori per il lancio in orbita di satelliti che possono essere impiegati anche per il lancio di veicoli killer (il caso del test asat cinese dell'11 gennaio 2007). Insomma, la Cina sta prendendo il suo posto nello spazio, anche militarmente, e gli USA si stanno agitando: tanto per mettere le cose in chiaro, non escludono come misura estrema di "negare l'accesso allo spazio agli altri, se necessario" se questi costituiscono una minaccia alle loro attività. Sullo sfondo, il possibile ruolo che lo spazio (cioè i tentativi cinesi di sabotaggio/distruzione delle capacità satellitari americane) può giocare nell'eventuale scontro militare con la Cina nello stretto di Taiwan. ("I Signori dello spazio", http://guerranellospazio.googlepages.com/)
    • Sky scrive:
      Re: Shashoujian
      Ecco, per l'appunto, "atti di forza" mi pare adeguato.Non capisco come gli USA possano pretendere di essere gli unici ai quali è lecito (auto-riconosciuti tali) fare atti di forza.Vero è che "sarebbe meglio" andare, tutti, verso una pacificazione globale... ma pretendere il monopolio dell'uso della forza mi pare abbastanza indecente.Alla fine posso capire che perdere la supremazia militare (quella è) dia fastidio... ma sarà meglio che ci si adeguino, se non si vuol veramente arrivare alla 3.za G.M... e se ci arriveremo sarà solo perchè loro, gli USA, l'avranno voluta "per non perdere la supremazia" (ottima giustificazione davvero) non, come al solito, "per salvarci tutti" come blaterano da 60 anni.
    • Garibaldi la sa lunga scrive:
      Re: Shashoujian
      Io invece credo che questi siano giochetti, come aver "dipinto" da parte cinese un satellite americano tempo addietro. Nessuno vuole fare la terza guerra mondiale. Queste sono solo farneticazioni dettata da assoluta ignoranza delle più elementari leggi economiche. Finché gli usa sono il principale partner economico in cina, e finché il maggiore investitore di valuta americana è la cina, state sicuri che non ci sarà nulle più di qualche scaramuccia diplomatica. Se pensate che qualche anno fa neppure l'aver bombardato l'ambasciata cinese in croazia ha portato a più di qualche protesta formale e a qualche manifestazione xenofoba in cina, abbastanza limitata per altro, cosa volete che cambi qualche giochetto del genere (spero non siano le ultime parole famose ...) :pVeramente non avete idea del numero improponibile di fattori che legano gli usa alla cina in maniera ormai inestricabile. Taiwan peraltro NON sarà mai attacata dalla cina. Gli imprenditori di taiwan sono stati i primi a reinvestire in cina, a riportare lo spirito della vecchia cina pre-mao, a cominciare dalla medicina cinese, azzerata con la rivoluzione culturale, fino alla calligrafia. Tantissime sono le famiglie che hanno parenti a taiwan, hong kong, america, australia o europa. Non posseggo statistiche, ma credo siano più o meno tutti o quasi! Se solo poi i cittadini cinesi, che si stanno appena riprendendo da un cinquantennio di chiusura, avessero il vago sentore di guerra, farebbero lo scalpo in mezzo secondo ai propri governanti. Come hanno fatto tante altre volte.E' inutile farsi tante pippe mentali elucubrando su un possibile conflitto usa-cina. E' verosimile tanto quanto Genzano invada Roma (le ultime parole famose 2).
      • Sky scrive:
        Re: Shashoujian
        Ecco... mi auguro ardentemente che tu abbia tutte le ragioni di questo mondo (ed i tuoi argomenti mi sembrano anche sensati).Quel che vedo io, però, "sa di guerra fredda" quanto meno: la guerra economica tra UE ed USA è una realtà (due elementi: il dilagare, da noi, di piattaforme informatiche diverse da quella Microsoft e le ripetute batoste mollate alla stessa da Bruxelles), l'apprezzamento della UE in mercati come la Cina, forse per una maggior neutralità, mi pare altrettanto evidente.In tante nazioni la valuta di riferimento per le transazioni finanziarie non è più il dollaro ma l'euro...In Cina la piattaforma informatica "approvata" (magari con marginale presenza residua Microsoft) è Red Flag Linux...(e questo, agli USA, non può far piacere)Il tentativo, nemmeno mascherato, di allineare la nostra legislazione sul copyright a quella statunitense in modo da poter brevettare i procedimenti e non solo i prodotti (tentativo sventato, a volte per un soffio, ma sul quale l'attenzione UE è altissima ancora oggi) che, se fosse andato a buon fine, avrebbe significato l'immediata rottamazione dell'industria IT UE (grazie all'immediata guerra legale "su tutto" che ne sarebbe uscita: USA e Giappone erano già alle porte del Patent Office UE per brevettare pure l'aria che respiriamo)...Già il solo fatto che gli USA siano costretti a far la voce grossa per ricordare che i più forti sono loro (vero o falso che sia) mi pare indicativo.Ripeto: sono l'ultimo a volere un conflitto, ma la battaglia (fortunatamente solo sul lato economico, per ora) è già in corso. :-|
  • kattle87 scrive:
    A quando la guerra mondiale con clave?
    come da topic, citando Einstein....
    • USD scrive:
      Re: A quando la guerra mondiale con clave?
      a mai, non credo che sopravviveremmo ad una eventuale guerra atomica! bè semmai gireremmo tutti per lande desolate desertiche, tipo i punkettoni dei cartoni di Kenshiro ;)!
      • MESCAL. scrive:
        Re: A quando la guerra mondiale con clave?

        bè semmai gireremmo tutti per lande desolate
        desertiche, tipo i punkettoni dei cartoni di
        Kenshiro
        ;)!oppure tipo MAD MAX !!!:)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: A quando la guerra mondiale con clave?
        contenuto non disponibile
    • ciaspolo scrive:
      Re: A quando la guerra mondiale con clave?
      - Scritto da: kattle87
      come da topic, citando Einstein....2012!.... :|
    • Guybrush scrive:
      Re: A quando la guerra mondiale con clave?
      - Scritto da: kattle87
      come da topic, citando Einstein....Ovvio: dopo la Terza, no?GT
Chiudi i commenti