Cyberterrorismo per tutti

di A. Bottoni - Arrestati perché sospettati di stare ricostituendo le Brigate Rosse, si scopre che gli estremisti si dilettano di cifrature e hacking. O, per meglio dire, vorrebbero

Roma – La notizia è decisamente succulenta: le Brigate Rosse hanno un manuale di informatica per apprendisti terroristi. Ne stanno parlando in questi giorni tutti i principali organi di informazione.

Ovviamente, dalla lettura di questo documento (o di ciò che è stato possibile leggerne finora) ci si può fare un’idea della preparazione tecnica e della pericolosità di questi aspiranti terroristi: per cui, appena questo documento è stato reso pubblico, gli analisti si sono avventati su di esso con decisione.
Qui di seguito trovate le mie personalissime impressioni ed un minimo di spiegazioni tecniche. Per i dettagli vi consiglio di affidarvi a Wikipedia.

“Blocco Note” e TXT
Il manuale delle BR consiglia di redigere i documenti in formato di puro testo (“.txt”) e di farlo usando un programma come “Blocco Note” (NotePad nella versione inglese). Come noto, il formato “.txt” (che poi contiene nient’altro che testo nello storico e famoso formato “ASCII”) può contenere solo caratteri alfanumerici (niente immagini, niente tabelle, niente programmi). Notepad, da parte sua, è un programma di text editing molto spartano che viene fornito di serie con tutte le versioni di Windows e che può salvare i suoi file solo in formato “.txt” (ASCII).

Questo consiglio è dovuto al fatto che i normali programmi di word processing, come MS Word e OpenOffice Writer, usano (di default) un formato di documento molto più ricco (i vari “.doc” o “.odf”) e che può contenere vari tipi di informazioni. Tra queste informazioni possono apparire anche il nome ed il cognome dell’utente, più altre informazioni utili a rintracciarlo. Queste informazioni vengono acquisite da Windows e da MS Office al momento dell’installazione, e vengono conservate in appositi campi di ogni documento. Se l’utente si dimentica di rimuoverle, può essere facilmente rintracciato.

Si tratta quindi di un consiglio opportuno, ma lascia piuttosto perplessi il fatto che l’autore del manuale non consigli anche di fare attenzione alla stampante usata per trasferire il testo su carta. Molte moderne stampanti laser, infatti, imprimono in un angolo del documento una striscia quasi invisibile di puntini (o di strisce colorate) che identificano la stampante stessa e permettono di tracciarne la distribuzione dalla fabbrica che l’ha prodotta, fino al negozio che l’ha venduta al cliente finale (e da qui, grazie alla carta di credito usata per pagarla, fino all’identità dell’acquirente).

PGP e le sue chiavi
Il manuale consiglia di usare PGP ( Pretty Good Privacy ) per codificare i documenti e renderli illeggibili agli estranei:

“Vi stiamo spiegando come usare PGP in maniera assolutamente anonima e non per gli usi per cui è stato costruito. La cosa più opportuna è dare alla chiave il vostro nome di battaglia, per cui gli altri compagni sapranno a chi appartengono le vari chiavi che riceveranno”

Com’è noto, PGP è un programma che permette di cifrare qualunque tipo di file, ma che viene usato soprattutto per la posta elettronica. Il suo utilizzo più comune è all’interno di Mozilla Thunderbird, grazie ad un’estensione nota come EnigMail .

PGP è un programma molto famoso e molto apprezzato e quindi il consiglio può essere considerato opportuno. Lascia forse un po’ perplessi il fatto che si citi PGP, che è un programma proprietario a sorgente chiuso, e non il suo omologo a sorgente aperto GPG ( GNU Privacy Guard ). Da degli aspiranti terroristi ci sarebbe infatti da aspettarsi una certa diffidenza nei confronti dei programmi commerciali (che non possono essere esaminati per sapere cosa effettivamente facciano).

GPG e PGP forniscono prestazioni molto elevate, ritenute soddisfacenti da molti eserciti e da molti servizi segreti. Tuttavia, si tratta comunque di programmi di larghissimo uso, la cui conoscenza non dimostra una particolare competenza tecnica da parte dell’autore del manuale. Inoltre, sui programmi di questo tipo (“a chiave pubblica”) pende pur sempre il sospetto che siano facilmente decifrabili da parte di molti servizi segreti, grazie ad appositi supercomputer e/o grazie a tecniche di crittoanalisi sconosciute al grande pubblico. Per questa ragione, sarebbe stato lecito aspettarsi di leggere anche altri nomi in quella lista di consigli. In particolare non avrebbe sfigurato un cenno ai sistemi OTP ( One Time Pad ) basati sul cifrario di Vernam .

Anonimato, PGP e chiavi “di battaglia”
Il consiglio di usare come nome delle chiavi il proprio nome di battaglia è dovuto ad una caratteristica delle chiavi pubbliche usate da PGP. Per ovvie ragioni, le chiavi cifrate pubbliche usate da questi sistemi recano con sé il nome della persona a cui sono associate. Sarebbe a dir poco stupido inserire in queste chiavi il nome reale del terrorista. Sarebbe altrettanto pericoloso inserire un nome di fantasia generico, che potrebbe portare l’utente ad usare la chiave di un’altra persona. L’uso di un nome “parlante”, come il nickname del terrorista, può essere d’aiuto per evitare errori banali ma dalle conseguenze molto gravi.

In ogni caso, tutto l’anonimato che può essere ottenuto da PGP si riduce a questo, che non è poi nulla di realmente impressionante. Francamente, mi sarei aspettato di veder citate almeno alcune reti F2F ( Friend-To-Friend ) cifrate ed anonime, come ANTs P2P, MUTE, WASTE e altre. Molti di questi sistemi, infatti, permettono di creare reti impenetrabili e all’interno delle quali gli utenti restano completamente anonimi.

Chiavi sul PC
L’autore del manuale consiglia di non tenere le chiavi cifrate usate da PGP sullo stesso PC che ospita il programma:

“Tenere però le chiavi sul vostro pc è la più grossa puttanata che possiate fare: un informatico esperto vi entra dentro il pc e vi ruba le chiavi, ad esempio. Supponiamo che il compagno A si sia fatto fregare la chiave pubblica del compagno B: B potrebbe ricevere un messaggio che dice: “vediamoci nel tal posto alla tal ora”. B vede che il messaggio è cifrato correttamente e va all’appuntamento e si fa pigliare.”

Questo consiglio è molto opportuno perché in questo modo si evita che le chiavi cadano in mano ad un estraneo, nel caso in cui il computer venga rubato, confiscato o perduto. Si evita anche che le chiavi siano visibili ad eventuali hacker e ad eventuali virus installati sul PC.

Tuttavia, si tratta comunque di una precauzione insufficiente. Nel momento in cui si rende visibile la chiavetta USB (la “Flash Memory”) od il CD contenente la chiave cifrata al programma (PGP in questo caso), questa chiave diventa visibile anche ad eventuali virus e a eventuali hacker. L’unica soluzione a questo problema è l’uso di appositi “token” crittografici, come l’e-token di Aladdin. Questi dispositivi sono, di fatto, delle piccole Smart Card in formato “chiave USB”, protette da un’apposita password e praticamente impenetrabili, anche usando tecniche e strumenti di altissimo livello. Ovviamente, vanno conservati lontano dal PC.

Connessioni “altre”
L’autore, ovviamente, consiglia di non usare la propria connessione ADSL di casa per le attività legate al terrorismo:

“Qualche istruzione per non farsi tracciare in Rete: quando vi collegate a internet è come se giraste nudi in un palazzo di vetro. Occorre essere attenti. Ergo quando si usa internet operativamente occorre impiegare delle tecniche.”

“Mai usare la propria connessione privata a fini operativi (anche durante la fase di inchiesta), nemmeno la connessione di una casa di sicurezza che credete debitamente affittata sotto falso nome.”

Lascia perplessi il fatto che non consigli anche di non usare in nessun caso le connessioni wireless di terza generazione, cioè le cosiddette “chiavette” UMTS, GPRS, HSDPA etc, che sono così di moda. Queste chiavette, infatti, sono dei veri telefoni cellulari che inviano alla cella ricevente i propri numeri IMEI e che possono quindi essere facilmente tracciati e fatti risalire al loro proprietario.

Lascia anche perplessi il fatto che l’autore non consigli di fare attenzione all’uso degli “Internet café”. Anche usando documenti falsi per accedervi, infatti, è facilissimo essere rintracciati. Tutto ciò che avviene sui computer degli Internet café è registrato e l’identità dei clienti può essere scoperta con notevole facilità grazie alle tracce lasciate dai loro telefoni cellulari quando si collegano alle celle vicine. Inoltre, in molti Internet café e nelle loro vicinanze sono presenti delle telecamere di sorveglianza. Qualche gestore usa addirittura le webcam dei PC come strumento di controllo.

Mi sarei aspettato di leggere qualche consiglio su come collegarsi al modem/router WiFi/ADSL ( wardriving ) di qualche ignaro utente. Questa, infatti, è praticamente l’unica tecnica che permette di restare irrintracciabili.

Conclusioni
Francamente, questi aspiranti cyberterroristi non sembrano molto ferrati. Dalla lettura dei loro consigli è evidente che almeno uno di loro si è preso la briga di leggere qualche testo di sicurezza informatica, ma il livello di preparazione che traspare da essi è comunque piuttosto basso.

Tra le altre cose, sorprende il fatto che non si consigli di usare sistemi operativi e programmi Open Source, come Linux, BSD, Firefox, Thunderbird, OpenOffice e via dicendo. Solo questo tipo di programmi, infatti, può essere ispezionato (e viene effettivamente ispezionato) per escludere la presenza di programmi spia. Questo tipo di programmi, inoltre, è immensamente meno sensibile alle infezioni (virus, worm, trojan horse etc) ed alle intrusioni degli hacker. Per degli aspiranti terroristi, questo aspetto dovrebbe essere cruciale.

Alessandro Bottoni

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alessandro Augusto scrive:
    Come Dargli Torto !
    Come dargli torto ... bisognerebbe tornare ai veri giochi per bambini e ragazzi i giochi all'aria aperta ,i giochi in cui torni a casa la sera sXXXXX di fango , quelli in cui socializzi con gli altri in un giardinetto o un campetto sotto casa . quelli che fanno diventare PERSONE e non CONSUMATORI !!! Ma qui dire queste OVVIETA' sta diventanto un eresia, un dogma indistruttibile che sta distruggendo da dentro i nostri bambini e adolescenti rendendoli egoisti arroganti ed agressivi . Ragazzine che fanno sesso nei bagni delle scuole a 12 anni per soldi , ragazzini della stessa età che vanno in gruppo ad aggredire anziani e nullatenenti (i poveri diventano nemici da combattere e non PERSONE da aiutare) , quindicenni che danno fuoco ai barboni e che a 16 anni si drogano di tutto quel che possono infilarsi nel naso e in bocca e a 17 sono gia alcolizzati !
  • Pinco Pilota scrive:
    Quanti lucchetti qui su P.I.
    Da anni seguo P.I. ma non ho mai visto tante discussioni bloccate dal lucchetto.I troll ci sono sempre stati e le flame sono delle escalation di volgarità, tanto che alla fine, quando si arriva a mandarsi a quel paese o a insultare gli antenati altrui, arrivava GIUSTAMENTE il lucchetto.Ma ora qui si bloccano anche discussioni assolutamente garbate e serie. Non si può criticare il governo, seppure in maniera razionale e circostanziata, che subito scatta il lucchetto !!!Paura eh !?!?;)
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Quanti lucchetti qui su P.I.
      - Scritto da: Pinco Pilota
      Da anni seguo P.I. ma non ho mai visto tante
      discussioni bloccate dal
      lucchetto.
      I troll ci sono sempre stati e le flame sono
      delle escalation di volgarità, tanto che alla
      fine, quando si arriva a mandarsi a quel paese o
      a insultare gli antenati altrui, arrivava
      GIUSTAMENTE il
      lucchetto.
      Ma ora qui si bloccano anche discussioni
      assolutamente garbate e serie. Non si può
      criticare il governo, seppure in maniera
      razionale e circostanziata, che subito scatta il
      lucchetto
      !!!

      Paura eh !?!?
      ;)No, ti devo correggere:se critichi il governo ti censurano direttamente il messaggio senza se e senza ma.Se parli di politica in generale mettono il lucchetto.Ora dico io, se tu parli di un politico, come faccio a commentare sneza parlare di politica?
  • soulista scrive:
    Sono contro la censura, ma...
    Sono contro la censura ma una parte di me non riesce a non dar ragione a Chavez.
    • guast scrive:
      Re: Sono contro la censura, ma...
      Come ho già risposto a qualcun'altro Chavez ha criticato i videogiochi, ma non ha censurato niente.Quanto a censura il Venezuela è messo maglio dell'Italia
  • max scrive:
    Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
    Ecco quello che succede quando uno di sinistra va a l governo e non si ritrova quella pallosissima opposizione di destra. Viene fuori una dittatura dura e pura, non lontana da quella di CUBA, CINA, ex URSS.Le dittature de destra invece (ci sono state) sfociano sempre in una democrazia senza nessuna rivoluzione... per esempio Franco in Spagna e Pinochet in .Con questo non giustifico nessuna Dittatura, ne di destra ne di sinistra.... ma voglio solo fare notare quanto peggiore è quella di sinistra.Quindi gente di sinistra, votate liberamente il vostro partito del cuore, ma prima assicuratevi che la destra possa sopravvivere e fare una opposizione decente.... si sa il potere assoluto corrompe assolutamente.E gente di destra, non cessate di votare la destra se la sinistra diventa troppo forte.
    • Mr.Mechano scrive:
      Re: Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
      - Scritto da: max
      Ecco quello che succede quando uno di sinistra va
      a l governo e non si ritrova quella pallosissima
      opposizione di destra. Viene fuori una dittatura
      dura e pura, non lontana da quella di CUBA, CINA,
      ex URSS.E tu l'hai capito cosa succede quando uno di sinistra va al governo?Il Venezuela aveva una situazione dove la borghesia e i partiti di destra filo americani erano al governo. Il petrolio, una delle ultime riserve più grandi al mondo era depredato dalle multinazioni americane ed europee.I grandi latifondisti possedevano immense quantità di terra che spesso era lasciata incolta.E la popolazione viveva nella povertà.Con Chavez il petrolio è stato nazionalizzato ed ora i suoi proventi vengono incamerati ed usati dallo stato.Le terre ai latifondisti sono state espropriate divise in piccoli lotti e dati alle stesse persone che le lavoravano.I servizi essenziali privati, mal gestiti sono di nuovo statali e ci vengono investiti sopra i proventi del petrolio.Il Venezuela ha visto crescere la sua economia e il relativo benessere della sua gente allo stesso ritmo del prezzo del petrolio quando volava oltre i $100 al barile.Lo sai cosa ha fatto l'opposizione in Venezuela vero?In combutta con la CIA ha fatto un colpo di stato tentato di uccidere Chavez un presidente democraticamente elettro, e orchestrato perfino delle messe in scena con l'aiuto dei media per far passare Chavez per assassino del popolo con filmati di gente che sparava sulla folla inerme in cui si diceva che era stato lui ad ordinare quelle uccisioni.
    • guast scrive:
      Re: Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
      - Scritto da: max
      Ecco quello che succede quando uno di sinistra va
      a l governo e non si ritrova quella pallosissima
      opposizione di destra. Viene fuori una dittatura
      dura e pura, non lontana da quella di CUBA, CINA,
      ex
      URSS.

      Le dittature de destra invece (ci sono state)
      sfociano sempre in una democrazia senza nessuna
      rivoluzione... per esempio Franco in Spagna e
      Pinochet in
      .

      Con questo non giustifico nessuna Dittatura, ne
      di destra ne di sinistra.... ma voglio solo fare
      notare quanto peggiore è quella di
      sinistra.

      Quindi gente di sinistra, votate liberamente il
      vostro partito del cuore, ma prima assicuratevi
      che la destra possa sopravvivere e fare una
      opposizione decente.... si sa il potere assoluto
      corrompe
      assolutamente.

      E gente di destra, non cessate di votare la
      destra se la sinistra diventa troppo
      forte.Non ti è venuto il dubbio che URSS sia durata tanto perchè sotto lo Zar stavano anche peggio ?Che Il regime Cubano stia durando tanto perchè a Cuba stanno meglio di vicini come Haiti o Repubblica dominicana ?La tua è una serie di conclusioni basate solo su pregiudizi, dellla situazione fuori del cortile di casa tua non sai assolutamente niente
    • Valeren scrive:
      Re: Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
      - Scritto da: max
      Le dittature de destra invece (ci sono state)
      sfociano sempre in una democrazia senza nessuna
      rivoluzione... per esempio Franco in Spagna e
      Pinochet inTu hai dei grossi problemi con storia, educazione civica ed informazione in generale. Pinochet... Non ho parole, davvero.
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
      - Scritto da: max
      Ecco quello che succede quando uno di sinistra va
      a l governo e non si ritrova quella pallosissima
      opposizione di destra. Viene fuori una dittatura
      dura e pura, non lontana da quella di CUBA, CINA,
      ex
      URSS.
      In qualsiasi Paese dove l'opposizione è debole, si instaura una dittatura.Che c'entra la dx e la sx?
      Le dittature de destra invece (ci sono state)Ma va?
      sfociano sempre in una democrazia senza nessuna
      rivoluzione... per esempio Franco in Spagna e
      Pinochet in
      .Beh certo per gli argentini è stata una passeggiata di salute passare dalla dittatura di Pinochet alla fortissima democrazia dei gironi nostri...

      Con questo non giustifico nessuna Dittatura,No, dimostri solo ignoranza e malafede, in effetti.
      • Valeren scrive:
        Re: Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
        - Scritto da: dont feed the troll/dovella
        Beh certo per gli argentini è stata una
        passeggiata di salute passare dalla dittatura di
        Pinochet alla fortissima democrazia dei gironi
        nostri...Per gli argentini non so, di sicuro i cileni non si sono divertiti un granché :p
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
          - Scritto da: Valeren
          - Scritto da: dont feed the troll/dovella

          Beh certo per gli argentini è stata una

          passeggiata di salute passare dalla dittatura di

          Pinochet alla fortissima democrazia dei gironi

          nostri...
          Per gli argentini non so, di sicuro i
          cileni non si sono divertiti un granché
          :pOh XXXXX che topica colossale che ho preso.Chiedo venia.
          • Mr.Mechano scrive:
            Re: Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
            Non si contano le volte in cui gli USA hanno tentato di uccidere Chavez!Con Salvador Allende ci sono riusciti.
    • Pinco Pilota scrive:
      Re: Sinistra senza opposizione? Dittatura!!
      E non è forte l'attuale destra italiana che detiene il potere economico (banchieri, massoni, capitani d'impresa,...) il potere sui media (contano solo le TV, i giornali non li legge più nessuno mentre le TV le guardano anche i bambini), il potere "militare" (la mafia ha fondato ForzaItalia).Forse non lo sai ma in italia mafia, servizi segreti, estrema destra e massoneria sono sempre andati a braccetto (docomentati e lo vedrai). Immagino che di fronte a questa sproporzione di forze tra Dx e Sx sarai preoccupato per la democrazia, giusto ? Non temi in una deriva dittatoriale ? E non inciti la gente a votare a sinistra per scongiurarla ?Scommetto di no ! Domandati perchè e capirai quanto a volte è limitato il pensiero umano.
  • lellykelly scrive:
    Re: Chavez non è stupido
    anche robin hood era un fuori legge, ma il fine non giustifica mai i mezzi.il capitalismo ha portato più benefici che l'anarchia.tutte le colonie alla fine saranno in democrazia, e la non diversità tra uomini porterà i confini fuori dalla terra.
    • Mr.Mechano scrive:
      Re: Chavez non è stupido
      Il capitalismo? L'anarchia?Sai di cosa parli?Quella di Chavez è una democrazia, è stato eletto democraticamente tutte le volte e anche la recente modifica alla costituzione che ha fatto serve ancora a poter essere eletto democraticamente ma più di 2 legislature come era prima.Solo che la sua è una democrazia social-populista, ispirata dai moti rivoluzionari bolivariani...Chavez è un ex militare, ha buona cultura ed è riuscito a cacciare i precedenti governi filo-americani, e rinazionalizzando lo sfruttamento delle risorse ha cessato lo sfruttamento da parte delle multinazionali straniere e americane in particolare.Il Venezuela è un paese dove c'è la libera imprenditoria ma non quella finta come quella italiana dove abbiamo ferrovie, autostrade, energia, telecomunicazioni in mano a cartelli o monopoli.Chavez pur di creare un mostro come la nostra Trenitalia ha preferito rinazionalizzare l'infrastruttura.Lo stesso con le telecomunicazioni dove la rete è statale e i servizi sono appaltati e c'è la libera concorrenza.
      • baraka scrive:
        Re: Chavez non è stupido
        è stato eletto democraticamente, ma non significa che può fare tutto quello che vuole, come nel caso di Berlusconi che è stato eletto dal popolo ma non può farsi una legge per evitare i processi.Chavez non può impedire di giocare ai videogiochi perchè priva la libertà delle persone, le famiglie devono controllare i figli che giocano.
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Chavez non è stupido
      - Scritto da: lellykelly
      anche robin hood era un fuori legge, ma il fine
      non giustifica mai i
      mezzi.
      il capitalismo ha portato più benefici che
      l'anarchia.
      Ma che diavolo vuol dire "ilcapitalismo ha portato + benefici dell'anarchia"?Che le uniche alternative possibili sono o capitalismo o anarchia, che sono contrapposte e che, essendo state applicate entrambe possiamo "misurare" cosa sia peggio o meglio?No, perchè se è così mi duole informarti che:- capitalismo è l'anarchia per i soli ricchi- l'anarchia in quanto tale non è stata mai veramente sperimentata (è d'altronde una utopia politica, mentre il capitalismo è un sistema economico)- come si misurano i benefici e i danni di un sistema economico contrapposto a una utopia politica? Beh se lo facciamo in base alla "ricchezza"...gioco forza è ovvio che un sistema eocnomico parta avvantaggiato...
    • Orwell scrive:
      Re: Chavez non è stupido
      - Scritto da: lellykelly
      il capitalismo ha portato più benefici che
      l'anarchia.Il capitalismo è una cosa, lo sfruttamento un'altra. A me sembra che in Venezuela le grandi multinazionali abbiano applicato più la seconda, tanto più che se fosse vero quello che dici la popolazione venezuelana ne avrebbe tratto benefificio e non si troverebbe nella situazione attuale.
    • MeX scrive:
      Re: Chavez non è stupido

      il capitalismo ha portato più benefici che
      l'anarchia.a noi certamente, ma tutti quelli sfruttati dal nostro sistema?
  • Sandro kensan scrive:
    Chavez ha ragione
    Secondo me Chavez ha ragione. Io come tutti noi viviamo immersi nella cultura occidentale filoamericana però non tutti sono messi così. Noi siamo bianchi (in maggioranza) e siamo occidentali come i valori che vengono dalla TV, dai giornali, dal cinema, dalle riviste, dall'Internet italiano, da tutti i centri di potere, dai video giochi, dai cartoni animati (che però vengono dal Giappone e quindi spesso censurati e scelti).Insomma quasi nulla che non rispetti dei canoni precisi arriva alle nostre menti e se arriva per qualche motivo è accompagnato da una occhiata di rimprovero o comunque di non approvazione.Invece in altre parti del mondo i valori e i punti di vista sono diversi, penso ai valori/cultura orientali (cartoni animati giapponesi), a quelli americani che si differenziano in parte da quelli europei, a quelli africani, a quelli sud americani, a quelli cinesi, ecc.La domanda è se è bene o male essere troppo immersi nella nostra cultura non facendo filtrare le ragioni degli altri. Secondo me è un male ma so che secondo la maggioranza è un bene.Essendo collegata al "bene" la nostra cultura allora troviamo positivo che inondi anche le altre culture che sono diverse dalle nostre. Troviamo positivo che la nostra civiltà (quella americana e di riflesso anche quella italiana) trovi posto in tutti i paesi del mondo mentre chi cerca di difendersi lo bolliamo in modo negativo.Io non concordo e da piccolo tifavo per gli indiani.[OT] Un piccolo particolare che ho letto è che la tv italiana da spesso notizie di cronaca e una ricerca ha rilevato che i consumatori di questo tipo di tv ha un grado di paura verso l'esterno sensibilmente maggiore di chi non la guarda. Questo per dire che ciò che facciamo, compriamo, guardiamo ci forma, ci da forma.
    • Mr.Mechano scrive:
      Re: Chavez ha ragione
      La cultura occidentale nei videogiochi e nei cartoni animati è intrisa di individualismo, proveniente dalle religioni giudaiche che pongono dio al di fuori dell'uomo e generano differenze.Superman, Spiderman, Batman e tutti gli eroi occidentali sono soli o solitari, e sono al centro dell'attenzione, da soli sono invincibili e auto-referenziali. Quando hanno dei collaboratori o amici, questi sono quasi sempre dei coadiutori, sottoposti e non essenziali (vedi Robin per Batman)Il bambino che si ispira a loro sviluppa anch'egli auto-referenziazione e si distingue dagli altri sviluppando un super-io.Il problema è che l'umano non è un super eroe e quando si rende conto di non essere invincibile, sempre al centro dell'attenzione e infallibile, sopraggiunge frustrazione e nichilismo che può sfociare in violenza o depressione se lasciato a se stesso senza l'aiuto di correzioni provenienti dallo stare con gli altri o dagli insegnamenti dei genitori.Quando dio è al di fuori di te, non vedi nel prossimo un individuo da rispettare perché anche lui di pari dignità e perché anch'egli parte di una coscienza unica. Al contrario......La cultura orientale è intrisa di taoismo e scintoismo, religioni che pongono dio dentro l'uomo e lo stesso buddhismo pur essendo anch'essa una religione basata su una figura che rappresenta l'adorazione del sole (come il cristianesimo d'altronde), ha preso una piega più spiritualista e di ricerca dentro se stessi della componente divina.I manga e le opere letterarie esaltano il sacrificio per gli altri proprio perché intrisi di scintoismo. E gli eroi non sono quasi mai unici ed auto-referenziali, ma sono sempre dei gruppi, delle squadre che collaborano alla pari o hanno poteri distinti ma che servono nel loro insieme a completare una entità più forte capace di combattere il male.È ovvio ricordare che nei secoli di dominazioni e guerre, quelli più bui e pieni di guerre sono stati sempre quelli in cui è prevalso l'individualismo o una cultura che l'ha promosso.E salvo rari periodi l'oriente ha visto molte meno guerre e funestare la sua storia millenaria.Purtroppo nell'ultimo secolo letterature e personaggi orientali hanno avuto parecchi influssi occidentali e individualisti, per cui manga puri e ispirati alle origini scintoiste dei loro autori, sono molto rari, ed anzi spesso annacquati da una necessità di raggiungere mercati più vasti tra cui anche quelli occidentali.Per cui eroi auto-referenziali e individualisti sono anche nella letteratura orientale per bambini.Ma noi ci conosciamo Kensan?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 gennaio 2010 17.46-----------------------------------------------------------
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Chavez ha ragione
        - Scritto da: Mr.Mechanocut.concordo abbastanza.
        ...La cultura orientale è intrisa di taoismo e
        scintoismo, religioni che pongono dio dentro
        l'uomo e lo stesso buddhismo pur essendo
        anch'essa una religione basata su una figura che
        rappresenta l'adorazione del sole (come il
        cristianesimo d'altronde),Da quello che so io il buddhismo è incentrato sulla persona e non sull'adorazione di entità esterne, poi so che in vari paesi asiatici ha diverse declinazioni di tipo votivo.

        Ma noi ci conosciamo Kensan?Penso di no.
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Chavez ha ragione


          Ma noi ci conosciamo Kensan?

          Penso di no.Che fine ha fatto mechano?
          • Mr.Mechano scrive:
            Re: Chavez ha ragione
            Sono lo stesso Mechano a cui ti riferisci...Ho cambiato nick con la nuova piattaforma forum di PI per alcuni problemi...
          • Sandro kensan scrive:
            Re: Chavez ha ragione
            - Scritto da: Mr.Mechano
            Sono lo stesso Mechano a cui ti riferisci...

            Ho cambiato nick con la nuova piattaforma forum
            di PI per alcuni
            problemi...Ciao, allora ci conosciamo :)
        • soulista scrive:
          Re: Chavez ha ragione
          - Scritto da: Sandro kensan
          - Scritto da: Mr.Mechano
          cut.

          concordo abbastanza.


          ...La cultura orientale è intrisa di taoismo e

          scintoismo, religioni che pongono dio dentro

          l'uomo e lo stesso buddhismo pur essendo

          anch'essa una religione basata su una figura che

          rappresenta l'adorazione del sole (come il

          cristianesimo d'altronde),

          Da quello che so io il buddhismo è incentrato
          sulla persona e non sull'adorazione di entità
          esterne,Da quello che so io il buddhista adora tutto ciò che lo circonda, piuttosto non crede in un creatore.
          • Mr.Mechano scrive:
            Re: Chavez ha ragione
            Lo spiritualismo moderno introdotto da nuovi teologi che si rifanno alla scuola di Copenaghen della fisica quantistica, pongono nuovamente dio dentro l'uomo ma fanno di più.L'uomo è una specie di "creatore su procura". Proprio così, l'atto di osservare, i microtubuli nel cervello, l'immaginazione e i desideri, estraggono dallo sciame quantico delle infinite possibilità che esistono tutte allo stesso momento e in ogni luogo, rendendo reale il mondo in cui viviamo.L'uomo è un costruttore di realtà, anche con il semplice atto di osservare.E tutto ciò che desidera e visualizza intensamente, si realizza o almeno ci prova, perché egli ha una componente divina al suo interno. E il suo agire e desiderare crea gli eventi, le possibilità e le situazioni della sua vita.Un esempio è il fatto che un esperimento ha dimostrato come siamo tutti collegati......Se desideri intensamente un determinato lavoro e ti visualizzi con l'immaginazione molto spesso mentre stai lavorando in quel settore, e mandi il tuo curriculum ad aziende di quel settore, il tuo desiderare e visualizzare aumenterà le probabilità che il selettore del personale venga attratto dal tuo curriculum piuttosto che quelli di altre persone senza aspettative o che hanno un natteggiamento pessimista e negativo nei confronti della possibilità di trovare quel tipo di lavoro.E anche gli animali hanno questo potere, pensa che pulcini e coniglietti neonati sono perfino in grado di piegare al proprio volere le leggi della termodinamica e delle probabilità...Religione e perfino molte scienze vanno totalmente riscritte...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 gennaio 2010 14.19-----------------------------------------------------------
      • MeX scrive:
        Re: Chavez ha ragione
        ottimo post.É sempre bene riuscire a capire chi siamo, e saper raggiungere l'obiettivitá rendendosi conto di quanto siamo influenzati da cose che "diamo per scontate"
    • DarkOne scrive:
      Re: Chavez ha ragione
      - Scritto da: Sandro kensan
      Secondo me Chavez ha ragione.
      ....
      La domanda è se è bene o male essere troppo
      immersi nella nostra cultura non facendo filtrare
      le ragioni degli altri. Secondo me è un male ma
      so che secondo la maggioranza è un
      bene.Le cose sono due: o non ho capito una mazza di quello che vuoi dire, oppure ti contraddici da solo.Prima dici che chavez ha ragione, immagino ti riferisca al filtrare le informazioni e i videogiochi che lui reputa inopportuni, poi dici che chiudersi nel proprio mondo è un male...allora?Secondo me l'approccio di chavez è tipico del dittatore che non vuole gente intelligente. Una società non deve avere barriere di nessun tipo, sopratutto all'informazione. E questa non è detta che debba venire sempre da un telegiornare, può venire da un libro, da un videogame, da un film...Elementi di cultura eterogenea DEVONO essere presenti ovunque, quindi io dico ASSOLUTAMENTE NO ad ogni tipo di censura o privazione. Altrimenti finiamo come pechino...
      • guast scrive:
        Re: Chavez ha ragione

        Secondo me l'approccio di chavez è tipico del
        dittatore che non vuole gente intelligente. Una
        società non deve avere barriere di nessun tipo,
        sopratutto all'informazione. E questa non è detta
        che debba venire sempre da un telegiornare, può
        venire da un libro, da un videogame, da un
        film...
        Elementi di cultura eterogenea DEVONO essere
        presenti ovunque, quindi io dico ASSOLUTAMENTE NO
        ad ogni tipo di censura o privazione. Altrimenti
        finiamo come
        pechino...Guarda che lui ha criticato i videogiochi, non li ha censurati.Certo con la propaganda cerca di consolidare il suo potere, ma quanto a censura il Venezuela è messo meglio dell'Italia. La Cina è molto lontana
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: Chavez ha ragione
        - Scritto da: DarkOne
        Elementi di cultura eterogenea DEVONO essere
        presenti ovunque, quindi io dico ASSOLUTAMENTE NO
        ad ogni tipo di censura o privazione. Altrimenti
        finiamo come
        pechino...Una cosa è sostenere, giustamente, che elementi di cultura eterogenea devono essere presenti ovunque, lo condivido, altra è lasciare che una certa cultura diventi egemone.Prendiamo l'Italia dove abbia supinamente lasciato che una certa visione del mondo mutuata dalla cinematografia e dalla tv statunitense inquinasse senza limiti la nostra cultura.Il nostro Paese, una volta considerato una Nazione di gente per bene ed allegra, aperta agli scambi economici e culturali, ricca di arte e di cultura è diventato un Paese di ignoranti, egoisti, individualisti, materialisti, razzisti, gretti e pure violenti.Anni di serie TV in cui "al poliziotto buono viene conXXXXX di andare fuori legge al fine di servivre una giustizia + grande", non solo ha generato i vari Spaccarotella, PLacanica e tanti altri "sceriffi", ma soprattutto ha lasciaot che la gente non se ne indignasse +.Anni di film guerreschi in cui il buono è sempre l'occidentale buono, bianco e ricco, ci ha lasciato credere che le varie guerre imperiali occidentali fossere GIUSTE e portatrici di DEMOCRAZIA (mentre la gente povera muore e i soliti riccastri si arricchiscono).Se Chavez si oppone a queste distorsioni culturali, non gli si puo' che dare ragione.
        • sovietbear scrive:
          Re: Chavez ha ragione
          quotazzo su tutto- Scritto da: dont feed the troll/dovella
          - Scritto da: DarkOne


          Elementi di cultura eterogenea DEVONO essere

          presenti ovunque, quindi io dico ASSOLUTAMENTE
          NO

          ad ogni tipo di censura o privazione. Altrimenti

          finiamo come

          pechino...

          Una cosa è sostenere, giustamente, che elementi
          di cultura eterogenea devono essere presenti
          ovunque, lo condivido, altra è lasciare che una
          certa cultura diventi
          egemone.

          Prendiamo l'Italia dove abbia supinamente
          lasciato che una certa visione del mondo mutuata
          dalla cinematografia e dalla tv statunitense
          inquinasse senza limiti la nostra
          cultura.
          Il nostro Paese, una volta considerato una
          Nazione di gente per bene ed allegra, aperta agli
          scambi economici e culturali, ricca di arte e di
          cultura è diventato un Paese di ignoranti,
          egoisti, individualisti, materialisti, razzisti,
          gretti e pure
          violenti.
          Anni di serie TV in cui "al poliziotto buono
          viene conXXXXX di andare fuori legge al fine di
          servivre una giustizia + grande", non solo ha
          generato i vari Spaccarotella, PLacanica e tanti
          altri "sceriffi", ma soprattutto ha lasciaot che
          la gente non se ne indignasse
          +.
          Anni di film guerreschi in cui il buono è sempre
          l'occidentale buono, bianco e ricco, ci ha
          lasciato credere che le varie guerre imperiali
          occidentali fossere GIUSTE e portatrici di
          DEMOCRAZIA (mentre la gente povera muore e i
          soliti riccastri si
          arricchiscono).

          Se Chavez si oppone a queste distorsioni
          culturali, non gli si puo' che dare
          ragione.
      • Undertaker scrive:
        Re: Chavez ha ragione
        - Scritto da: DarkOne
        Secondo me l'approccio di chavez è tipico del
        dittatore che non vuole gente intelligente. Una
        società non deve avere barriere di nessun tipo,
        sopratutto all'informazione. E questa non è detta
        che debba venire sempre da un telegiornare, può
        venire da un libro, da un videogame, da un
        film...esatto, straquoto.Questa é la semplice veritá, liberata dalle fumose XXXXXXXte del fuoricorso di filosofia "Mr.Mechano"
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Chavez ha ragione
          - Scritto da: Undertaker
          - Scritto da: DarkOne

          Secondo me l'approccio di chavez è tipico del

          dittatore che non vuole gente intelligente. Una

          società non deve avere barriere di nessun tipo,

          sopratutto all'informazione. E questa non è
          detta

          che debba venire sempre da un telegiornare, può

          venire da un libro, da un videogame, da un

          film...

          esatto, straquoto.Invece in paesi "democratici" come l'Italia si sviluppano un sacco di intelligenze.
          Questa é la semplice veritáLa semplice verità è che è + facile guardare le pagliuzze negli occhi degli altri.
        • guast scrive:
          Re: Chavez ha ragione

          esatto, straquoto.
          Questa é la semplice veritá, Come fa una censura che non esiste ma attribuita a Chavez dalle vostre seghe mentali ad essere la verità ?Tutt'al più quello che ha scritto si può applicatre all'Italia
      • Mr.Mechano scrive:
        Re: Chavez ha ragione
        Chavez è uno dei presidenti più moderni che ci sono al mondo.Ha capito i vantaggi del software libero e lo ha introdotto nel suo paese.Finanzia lo sviluppo di software liberi per la Pubblica Amministrazione e perfino di videogiochi liberi ed educativi:[yt]bLac6EdmFCE[/yt]Compreso il Computador Bolivariano assemblato in Venezuela e con sopra una distro Linux creata in Venezuela.In Italia sanno fare lo stesso?In USA hanno mai fatto qualcosa di simile?[yt]c8bRKoi4riU[/yt]
  • lellykelly scrive:
    è un veleno il totalitarismo
    e tutte le sue finte varianti colorate
    • Jenny La teRnista scrive:
      Re: è un veleno il totalitarismo
      - Scritto da: lellykelly
      e tutte le sue finte varianti colorateè un falso senso di libertà quello di considerare il nostro punto di vista "non-totalitario".è solo un altro totalitarismo, ad esempio, quello che tollera la violenza e non tollera il sesso, come dicevo. Tollera qualcosa che distrugge, ma non qualcosa che dà piacere, o, per chi è interessato, che addirittura CREA UNA VITA
  • Undertaker scrive:
    Importi le Bratz !
    Se Chavez non vuole le Barbie (casalinga bionda)puó sempre importare le bambole "Bratz" (prostitute XXXXXidi)Qui un link anche a chi le ha ideate (l'avreste mai detto ?)http://www.jewishjournal.com/images/iranianamericanjews_images/Isaac_with_Jade_&_Cloe_at_Face-707207.JPG
    • Babbo Natale scrive:
      Re: Importi le Bratz !
      - Scritto da: Undertaker
      Se Chavez non vuole le Barbie (casalinga bionda)

      puó sempre importare le bambole "Bratz"
      (prostitute
      XXXXXidi)

      Qui un link anche a chi le ha ideate (l'avreste
      mai detto
      ?)

      http://www.jewishjournal.com/images/iranianamericaLe Rozen Maiden sono più fascinose e meno XXXXXXX (troll3)
    • iRoby scrive:
      Re: Importi le Bratz !
      Gli USA sono per il 50% o più di colore ormai. La barbie è troppo caucasica anche se ci hanno aggiunto amici di ogni etnia...Il tizio che le ha inventate è il classico genio che ha cavalcato le statistiche e i tempi.
    • gotah scrive:
      Re: Importi le Bratz !
      HAHAHAHHA prostitute XXXXXidi! :D geniale huahauhauha- Scritto da: Undertaker
      Se Chavez non vuole le Barbie (casalinga bionda)

      puó sempre importare le bambole "Bratz"
      (prostitute
      XXXXXidi)

      Qui un link anche a chi le ha ideate (l'avreste
      mai detto
      ?)

      http://www.jewishjournal.com/images/iranianamerica
  • jenny la tennista scrive:
    è vero.
    non posso che dargli ragione.la distruzione è concessa e promossa, mentre il sesso, ovvero ciò che da piacere e non distrugge nulla, è vietato, allontanato, coperto dal "pudore".quando la XXXXXgrafia smetterà di essere considerata tale, e vedere della violenza sarà visto come XXXXXgrafico, saremo su un pianeta migliore.non posso credere che un XXXXXXX sia vietato e vedere cadaveri e gente spappolata non lo sia.QUESTO è perverso.
    • Oh yes scrive:
      Re: è vero.
      Società sessuofoba che si vergogna della vita e promuove la morte.
    • DarkOne scrive:
      Re: è vero.
      - Scritto da: jenny la tennista
      non posso che dargli ragione.
      la distruzione è concessa e promossa, mentre il
      sesso, ovvero ciò che da piacere e non distrugge
      nulla, è vietato, allontanato, coperto dal
      "pudore".
      quando la XXXXXgrafia smetterà di essere
      considerata tale, e vedere della violenza sarà
      visto come XXXXXgrafico, saremo su un pianeta
      migliore.
      non posso credere che un XXXXXXX sia vietato e
      vedere cadaveri e gente spappolata non lo
      sia.

      QUESTO è perverso.Interessantissimo punto di vista. Condivido, ma non il fatto che la violenza nei videogame (o film) debba fare la fine del sesso: è una valvola di sfogo come lo è la palestra, jogging, boxe, ecc.
      • roberto rossi scrive:
        Re: è vero.
        - Scritto da: DarkOne
        - Scritto da: jenny la tennista

        non posso che dargli ragione.

        la distruzione è concessa e promossa, mentre il

        sesso, ovvero ciò che da piacere e non distrugge

        nulla, è vietato, allontanato, coperto dal

        "pudore".

        quando la XXXXXgrafia smetterà di essere

        considerata tale, e vedere della violenza sarà

        visto come XXXXXgrafico, saremo su un pianeta

        migliore.

        non posso credere che un XXXXXXX sia vietato e

        vedere cadaveri e gente spappolata non lo

        sia.



        QUESTO è perverso.

        Interessantissimo punto di vista. Condivido, ma
        non il fatto che la violenza nei videogame (o
        film) debba fare la fine del sesso: è una valvola
        di sfogo come lo è la palestra, jogging, boxe,
        ecc.Ma la vecchia scontata palestra, jogging, boxe, ecc. nn saranno meglio x cervello e mente che i videogiochi?C'è anche il rischio di stare meglio e di scambiarsi opinioni con le PERSONE.Roberto
      • Orwell scrive:
        Re: è vero.
        - Scritto da: DarkOne

        Interessantissimo punto di vista. Condivido, ma
        non il fatto che la violenza nei videogame (o
        film) debba fare la fine del sesso: è una valvola
        di sfogo come lo è la palestra, jogging, boxe,
        ecc.E' una valvola di sfogo per chi ha una maturità mentale in grado di distinguere il bene dal male; purtroppo per un ragazzino non è così.
        • Jenny La teRnista scrive:
          Re: è vero.
          - Scritto da: Orwell
          - Scritto da: DarkOne




          Interessantissimo punto di vista. Condivido, ma

          non il fatto che la violenza nei videogame (o

          film) debba fare la fine del sesso: è una
          valvola

          di sfogo come lo è la palestra, jogging, boxe,

          ecc.

          E' una valvola di sfogo per chi ha una maturità
          mentale in grado di distinguere il bene dal male;
          purtroppo per un ragazzino non è
          così.inoltre davvero, non è lontano il giorno in cui con il controllo remoto di qualche macchinario sembrerà di giocare mentre invece starai facendo fuori esseri umani.meglio beccare qualche sganassone e vedere cosa succede quando sei tu che ammazzi, davanti a te.avere contatto con il vero avversario e vedere se proprio doveva esserlo.
          • Alessandro Augusto scrive:
            Re: è vero.

            inoltre davvero, non è lontano il giorno in cui
            con il controllo remoto di qualche macchinario
            sembrerà di giocare mentre invece starai facendo
            fuori esseri umani.No non è lontano è il presente ! .... Buona visione ... http://www.youtube.com/watch?v=zJ3L2WMkvy0
      • Jenny La teRnista scrive:
        Re: è vero.
        - Scritto da: DarkOne
        - Scritto da: jenny la tennista

        non posso che dargli ragione.

        la distruzione è concessa e promossa, mentre il

        sesso, ovvero ciò che da piacere e non distrugge

        nulla, è vietato, allontanato, coperto dal

        "pudore".

        quando la XXXXXgrafia smetterà di essere

        considerata tale, e vedere della violenza sarà

        visto come XXXXXgrafico, saremo su un pianeta

        migliore.

        non posso credere che un XXXXXXX sia vietato e

        vedere cadaveri e gente spappolata non lo

        sia.



        QUESTO è perverso.

        Interessantissimo punto di vista. Condivido, ma
        non il fatto che la violenza nei videogame (o
        film) debba fare la fine del sesso: è una valvola
        di sfogo come lo è la palestra, jogging, boxe,
        ecc.un limite deve esistere.se fai un giochino dove spari agli ebrei ... se fai un giochino per Iraniani vestiti col cafetano dove spari solo a gente vestita da occidentali ...capisci?valvola di sfogo... sarà meglio darsi alla boxe allora, no?o un'arte marziale (a contatto fisico però, non quella danza che è oggi il kung fu o quella smosceria che è il sanda) che ti dà disciplina ma che ti fa sfogare.
  • Babbo Natale scrive:
    Prima di massacrare Chavez...
    Provate voi a esser messi dentro a un videogioco (con nome, cognome, e faccia) creato dal paese più potente del mondo che è anche vostro nemico, come elemento da sopprimere.Che Chavez non sappia una mazza di videogiochi mi pare palese, che sbagli a generalizzare, pure. Ma certamente non sta delirando a vanvera: molti videogiochi sono spazzatura pura, e inevitabilmente come ogni altra cosa, influenzano chi ne fruisce.Se un ragazzino americano cresce ammazzando talebani alla PlayStation non impazzirà di colpo sparando in strada (se lo fa, è matto di suo), ma si arruolerà più alla leggera, andando in Medio Oriente a uccidere sul serio, dopo che il videogioco (e non solo quello) ha demonizzato i musulmani/terroristi per anni e anni indottrinandolo. Lo stesso col Venezuela, e giustamente Chavez se la fa sotto.Per avvalorare la tesi: perché in Italia le teenager di questi tempi si vestono da XXXXXXX? Accendete la tele.
    • zaadum scrive:
      Re: Prima di massacrare Chavez...
      - Scritto da: Babbo Natale
      Provate voi a esser messi dentro a un videogioco
      (con nome, cognome, e faccia) creato dal paese
      più potente del mondo che è anche vostro nemico,
      come elemento da
      sopprimere.

      Che Chavez non sappia una mazza di videogiochi mi
      pare palese, che sbagli a generalizzare, pure. Ma
      certamente non sta delirando a vanvera: molti
      videogiochi sono spazzatura pura, e
      inevitabilmente come ogni altra cosa, influenzano
      chi ne
      fruisce.

      Se un ragazzino americano cresce ammazzando
      talebani alla PlayStation non impazzirà di colpo
      sparando in strada (se lo fa, è matto di suo), ma
      si arruolerà più alla leggera, andando in Medio
      Oriente a uccidere sul serio, dopo che il
      videogioco (e non solo quello) ha demonizzato i
      musulmani/terroristi per anni e anni
      indottrinandolo. Lo stesso col Venezuela, e
      giustamente Chavez se la fa
      sotto.

      Per avvalorare la tesi: perché in Italia le
      teenager di questi tempi si vestono da XXXXXXX?
      Accendete la
      tele.Tutto condivisibile... anche per quel che riguarda l' Italia!(capperi sono nato con un paio d'anni in anticipo...forse di più)Mi chiedo però, ragionando in questi termini, perchè non si sviluppano più simulatori di volo e di battaglia navale come i vecchi Jane's o DIDTroppo difficili per questa generazione mediocre!?
      • ruppolo scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...
        - Scritto da: zaadum
        Mi chiedo però, ragionando in questi termini,
        perchè non si sviluppano più simulatori di volo e
        di battaglia navale come i vecchi Jane's o
        DID

        Troppo difficili per questa generazione mediocre!?"battaglia"...?O non hai ragionato abbastanza su "questi termini", oppure non sei nato abbastanza in anticipo...
        • zaadum scrive:
          Re: Prima di massacrare Chavez...


          "battaglia"...?
          "Jane's Fleet Command"preferisci così, ti dice qualcosa?chi poteva capire ha capito...
          O non hai ragionato abbastanza su "questi
          termini", oppure non sei nato abbastanza in
          anticipo...sei andato a lezione da Montale?sul serio, non ho capito!
          • Valeren scrive:
            Re: Prima di massacrare Chavez...
            - Scritto da: zaadum
            sei andato a lezione da Montale?LOL! Questa la riciclo :D
      • Steve Mobs scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...
        Mi chiedo però, ragionando in questi termini, perchè non si sviluppano più simulatori di volo e di battaglia navale come i vecchi Jane's o DID Perchè non è un mercato che rende.Poi il fatto che i videogiochi istigano alla violenza, mi lascia molto perplesso. Tante ricerche pro e contro, pero' una cosa è sicura: è un anti-stress.
        • zaadum scrive:
          Re: Prima di massacrare Chavez...


          Poi il fatto che i videogiochi istigano alla
          violenza, mi lascia molto perplesso. Tante
          ricerche pro e contro, pero' una cosa è sicura: è
          un
          anti-stress.hai ragione, non volevo giudicare gli spara tutto....infatti la ps3 l' ho presa quasi subito--I simulatori non hanno mercato perchè, come altri titoli, implicano un impegno che li rende meno "antistress"prima di iniziare a godere del realismo o di quanto si riesce a fare durante una ipotetica missione ci si deve applicare
          • Cryon scrive:
            Re: Prima di massacrare Chavez...

            I simulatori non hanno mercato perchè, come altri
            titoli, implicano un impegno che li rende meno
            "antistress"

            prima di iniziare a godere del realismo o di
            quanto si riesce a fare durante una ipotetica
            missione ci si deve
            applicarea me piacevano più gli strategici.. ci ho giocato per giorni interi anche ma ora come ora ho sempre meno tempo ed anche giocare ad un titolo come Risen che sicuramente è meno impegnativo lo trovo difficile.. avere solo 30 minuti circa per giocare fa ricadere la scelta del gioco su qualcosa di poco impegnativo e di facile continuatività.. uno sparatutto per esempio :)
        • Mr.Mechano scrive:
          Re: Prima di massacrare Chavez...
          Abbiamo una generazione di stressati, che ci vogliono tutti questi anti-stress? :)
      • MeX scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...
        EF 2000 :D ah che ricordi!Restando sul complottismo direi perché ai tempi era piú utile arruolare piloti che soldati da guerriglia ;)
        • zaadum scrive:
          Re: Prima di massacrare Chavez...
          F22 Raptor, F/A18, USAF, Falcon 4.0estati intere... e non solo!
          • MeX scrive:
            Re: Prima di massacrare Chavez...
            io avevo pure dato il primo esame con i piloti virutali italiani :)Ma poi ho desistito... era troppo :)
    • HAL scrive:
      Re: Prima di massacrare Chavez...
      Hitler ha convinto decine di milioni di persone a seguirlo e ad ucciderne a milioni senza videogiochi. E allora perché non parliamo della violenza e del sesso che si vedono ogni giorno in tv, al cinema, nei giornali? Troppo comodo attaccare il videogioco, si facciano le stesse campagne denigratorie contro anche gli altri mezzi audiovisivi eppoi ne parliamo.La mia idea è che se uno non ci sta con la testa, trova sempre una molla che gli fa scattare la pazzia: chi si ricorda degli studenti vestiti alla Matrix che volevano fare una strage a scuola? Vogliamo demonizzare anche quel film?
      • Valeren scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...
        L'hanno già demonizzato, come tanti altri.Censurano i cartoni animati...Questa è clamorosa, ad esempio: http://www.rolonoazoro.com/index2.php?id=CensuraFox.htm
        • HAL scrive:
          Re: Prima di massacrare Chavez...
          Ci manca solo di censurare Pollon. Sai, per quella polverina bianca che "sembra talco ma non è, serve a darti l'allegria!". Da bambino guardavo Pollon quasi tutti i giorni, eppure non ho ancora iniziato a drogarmi.
      • zaadum scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...
        - Scritto da: HAL
        Hitler ha convinto decine di milioni di persone a
        seguirlo e ad ucciderne a milioni senza
        videogiochi. E allora perché non parliamo della
        violenza e del sesso che si vedono ogni giorno in
        tv, al cinema, nei giornali? Troppo comodo
        attaccare il videogioco, si facciano le stesse
        campagne denigratorie contro anche gli altri
        mezzi audiovisivi eppoi ne
        parliamo.
        La mia idea è che se uno non ci sta con la testa,
        trova sempre una molla che gli fa scattare la
        pazzia: chi si ricorda degli studenti vestiti
        alla Matrix che volevano fare una strage a
        scuola? Vogliamo demonizzare anche quel
        film?Michael Moore non l' ha fatto...nessuno parlavi di Columbine!
    • DarkOne scrive:
      Re: Prima di massacrare Chavez...
      - Scritto da: Babbo Natale
      Provate voi a esser messi dentro a un videogioco
      (con nome, cognome, e faccia) creato dal paese
      più potente del mondo che è anche vostro nemico,
      come elemento da
      sopprimere.

      Che Chavez non sappia una mazza di videogiochi mi
      pare palese, che sbagli a generalizzare, pure. Ma
      certamente non sta delirando a vanvera: molti
      videogiochi sono spazzatura pura, e
      inevitabilmente come ogni altra cosa, influenzano
      chi ne
      fruisce.

      Se un ragazzino americano cresce ammazzando
      talebani alla PlayStation non impazzirà di colpo
      sparando in strada (se lo fa, è matto di suo), ma
      si arruolerà più alla leggera, andando in Medio
      Oriente a uccidere sul serio, dopo che il
      videogioco (e non solo quello) ha demonizzato i
      musulmani/terroristi per anni e anni
      indottrinandolo. Lo stesso col Venezuela, e
      giustamente Chavez se la fa
      sotto.

      Per avvalorare la tesi: perché in Italia le
      teenager di questi tempi si vestono da XXXXXXX?
      Accendete la
      tele.Quindi secondo te la soluzione quale sarebbe?Torniamo all'età della pietra, senza programmi TV, senza console, senza PC, perchè sennò la gente viene influenzata...?
      • guast scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...


        Quindi secondo te la soluzione quale sarebbe?
        Torniamo all'età della pietra, senza programmi
        TV, senza console, senza PC, perchè sennò la
        gente viene
        influenzata...?Basterebbe non partire subito con commenti che lo definiscono pazzo o lunatico. Alla fine gli fanno solo un favore
      • Aza scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...
        - Scritto da: DarkOne
        - Scritto da: Babbo Natale

        Provate voi a esser messi dentro a un videogioco

        (con nome, cognome, e faccia) creato dal paese

        più potente del mondo che è anche vostro nemico,

        come elemento da

        sopprimere.



        Che Chavez non sappia una mazza di videogiochi
        mi

        pare palese, che sbagli a generalizzare, pure.
        Ma

        certamente non sta delirando a vanvera: molti

        videogiochi sono spazzatura pura, e

        inevitabilmente come ogni altra cosa,
        influenzano

        chi ne

        fruisce.



        Se un ragazzino americano cresce ammazzando

        talebani alla PlayStation non impazzirà di colpo

        sparando in strada (se lo fa, è matto di suo),
        ma

        si arruolerà più alla leggera, andando in Medio

        Oriente a uccidere sul serio, dopo che il

        videogioco (e non solo quello) ha demonizzato i

        musulmani/terroristi per anni e anni

        indottrinandolo. Lo stesso col Venezuela, e

        giustamente Chavez se la fa

        sotto.



        Per avvalorare la tesi: perché in Italia le

        teenager di questi tempi si vestono da XXXXXXX?

        Accendete la

        tele.

        Quindi secondo te la soluzione quale sarebbe?
        Torniamo all'età della pietra, senza programmi
        TV, senza console, senza PC, perchè sennò la
        gente viene
        influenzata...?Questa è l'unica alternativa che ti viene in mente? complimenti per l'elasticità della tua mente!
        • Valeren scrive:
          Re: Prima di massacrare Chavez...
          L'alternativa sono i Teletubbies.Ed in quel caso io imbraccerei le armi in secondi.
        • DarkOne scrive:
          Re: Prima di massacrare Chavez...
          - Scritto da: Aza
          Questa è l'unica alternativa che ti viene in
          mente? complimenti per l'elasticità della tua
          mente!Illuminaci, o sommo vate.
      • lellykelly scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...
        una tv di stato è più che sufficente. ti dice quello che a te serve per vivere nella felicità.tutto il resto è antipatriottico e va eliminato.
      • iRoby scrive:
        Re: Prima di massacrare Chavez...
        Ma no!Come dice Chavez, che siano più educativi. In fondo vanno a persone con un'emotività ed una coscienza in crescita.Quello che c'è in commercio sono davvero porcherie!
    • Jenny La teRnista scrive:
      Re: Prima di massacrare Chavez...
      - Scritto da: Babbo Natale
      Provate voi a esser messi dentro a un videogioco
      (con nome, cognome, e faccia) creato dal paese
      più potente del mondo che è anche vostro nemico,
      come elemento da
      sopprimere.in effetti è un limite che è stato oltrepassato.basterebbe metterci la faccia intercambiabile con dentro tutti i presidenti del mondo.allora si vedrebbe fino a dove arriva la "libertà" e dove diventa "sicurezza nazionale".[...]
      Se un ragazzino americano cresce ammazzando
      talebani alla PlayStation non impazzirà di colpo
      sparando in strada (se lo fa, è matto di suo), ma
      si arruolerà più alla leggera, andando in Medio
      Oriente a uccidere sul serio, dopo che il
      videogioco (e non solo quello) ha demonizzato i
      musulmani/terroristi per anni e anni
      indottrinandolo. specialmente se può sparargli da molto lontano, senza vedere ciò che ha fatto davvero ad un altro essere umano.
      Per avvalorare la tesi: perché in Italia le
      teenager di questi tempi si vestono da XXXXXXX?
      Accendete la
      tele.a quel punto il pudore dovrebbe essere: sei scorza? allora non fare la XXXXXXX, non hai mercato.pancini nudi ok (diarrea? imodium!) panciONI nudi... BLEAH!!!!
    • Alessandro Augusto scrive:
      Re: Prima di massacrare Chavez...

      Se i ragazzini venezuelani giocano con questi
      giochi identificandosi con i soldati americani
      quando crescono è più difficile allinearli al
      regime.Quale dei due ?
      I soldati americani devono essere presentati come
      cattivi e nemici, ecco perchè se la prende tanto.Quindi dalla tua affermazione si potrebbe dire che non si discosta molto da quello che fanno qualche chilometro piu a nord con i soldati che NON sono americani ... presentati come cattivi e nemici ....
  • guast scrive:
    Almeno non ..
    Almeno non rompe i marroni con la storia del terrorismo.Certo ultimamente Obama non se lo fila e gli manca un nemico per dire che è sempre sotto minaccia. Però prendersela con i videogiochi è una maniera abbastanza innocua per far vedere che gli americani sono sempre cattivi (ma lo saprà che i produttori delle console sono giapponesi ?). D'altra parte quegli idioti degli americani gli hanno fatto un bel favore mettendolo in un videogioco.
    • petrestov scrive:
      Re: Almeno non ..
      - Scritto da: guast
      Almeno non rompe i marroni con la storia del
      terrorismo.
      Certo ultimamente Obama non se lo fila e gli
      manca un nemico per dire che è sempre sotto
      minaccia. Però prendersela con i videogiochi è
      una maniera abbastanza innocua per far vedere che
      gli americani sono sempre cattivi (ma lo saprà
      che i produttori delle console sono giapponesi
      ?). D'altra parte quegli idioti degli americani
      gli hanno fatto un bel favore mettendolo in un
      videogioco.è il bue che dice cornuto all'asino. è scritto a caratteri cubitali nella storia venezuelana che il suo primo tentativo di salire al potere fu con un golpe militare.cose del genere, dette da lui, fanno solo ridere.
      • GGG scrive:
        Re: Almeno non ..
        - Scritto da: petrestov
        è il bue che dice cornuto all'asino. è scritto a
        caratteri cubitali nella storia venezuelana che
        il suo primo tentativo di salire al potere fu con
        un golpe
        militare.

        cose del genere, dette da lui, fanno solo ridere.Peraltro Chavez avrebbe cose più importanti di cui occuparsi:http://www.nytimes.com/aponline/2010/01/09/world/AP-LT-Venezuela-Electricity.html
      • guast scrive:
        Re: Almeno non ..

        è il bue che dice cornuto all'asino. è scritto a
        caratteri cubitali nella storia venezuelana che
        il suo primo tentativo di salire al potere fu con
        un golpe
        militare.Tutti i regimi hanno bisogno di compattare la gente contro un nemico comune, non importa se sia un nemico vero o no. Probabilmente sa benissimo di essere il bue che dice cornuto all'asino

        cose del genere, dette da lui, fanno solo ridere.Perchè non ti sei chiesto come funzionano certi meccanismi.
    • Alessandro Augusto scrive:
      Re: Almeno non ..
      infatti non penso che il suo discorso sia da prendere come un attacco AGLI AMERICANI , ma piu che altro ad un sistema che estranea le persone soprattutto i bambini che si devono formare una cultura un pensiero critico e una capacità di socializzare che da noi sta scomparendo . Il vero potere dittatoriale non vuole menti critiche e colte capaci di pensare con la propria testa ma vuoe persone che CREDANO di pensare con la propria testa ma in realtà sono capaci di vedere un solo sistema possibile per organizzare la vita . Come dice Agosti : la cosa piu terribile dell'attuale sistema è di pensare che sia l'unico sistema ! Ciao ciao
  • MeX scrive:
    TESI COMPLOTTISTICA...
    ok... é complottismo puro al limite del (troll) ma... avete notato come prima della guerrra in IRAQ durante e dopo siano IMPENNATI i numeri di titoli di guerra? simoluziani vere e proprio di guerriglia... non é che gli USA li usano per poter poi reclutare piú facilmente?
    • Steve Mobs scrive:
      Re: TESI COMPLOTTISTICA...
      Credo sia piu' legato al fatto che il mercato dei giochi (specialmente su pc) si sta riducendo e concentrando su meno cose.PC = FPS, Call of Duty, etc...
    • HAL scrive:
      Re: TESI COMPLOTTISTICA...
      Sei così disinformato (o troppo giovane, non lo so) da non sapere che già prima della Desert Storm 2 di VG di guerra c'è n'era in abbondanza.
      • MeX scrive:
        Re: TESI COMPLOTTISTICA...
        non lo metto in dubbio peró é innegabile come il PC sia stato monopolizzato da tali giochi
      • free for all scrive:
        Re: TESI COMPLOTTISTICA...
        - Scritto da: HAL
        Sei così disinformato (o troppo giovane, non lo
        so) da non sapere che già prima della Desert
        Storm 2 di VG di guerra c'è n'era in
        abbondanza...sei cosi' tanto disinformato o talmente tanto giovane da non sapere che prima dei giochini spara-spara-ammazza-ammazza c'erano dei videogames veramente tranquilli e non per questo meno coinvolgenti, erano giochini sia da ragionare profondamente, che da coordinazione spinale occhio mano, ma erano talmente tranquilli da sfiorare e sfondare il limite dell'educational.
    • Funz scrive:
      Re: TESI COMPLOTTISTICA...
      - Scritto da: MeX
      ok... é complottismo puro al limite del (troll)
      ma... avete notato come prima della guerrra in
      IRAQ durante e dopo siano IMPENNATI i numeri di
      titoli di guerra? ci sono statistiche?Forse si è semplicemente allargato il mercato, io ho sempre giocato a Commando, Airborne Ranger e similari fin dai tempi del C64 e dei coin-op :)
      • MeX scrive:
        Re: TESI COMPLOTTISTICA...
        si ma senza andare cosí lontano il numero di giochi di guerra erano moooolto piú limitati confronto a platform, avventure grafiche, simulatori e puzzles
    • p4bl0 scrive:
      Re: TESI COMPLOTTISTICA...
      - Scritto da: MeX
      ok... é complottismo puro al limite del (troll)non completamente
      ma... avete notato come prima della guerrra in
      IRAQ durante e dopo siano IMPENNATI i numeri di
      titoli di guerra? simoluziani vere e proprio di
      guerriglia... non é che gli USA li usano per
      poter poi reclutare piú
      facilmente?ovviamente non tutti. la maggior parte sono entertaining e sono fatti per vendere. probabilmente scelgono i giochi di guerra perché sanno che a comprarlo saranno in moltima di sicuro alcuni sono esplicitamente strumenti di reclutamento (anche se nati con altri propositi), tipo America's Army (distribuito gratuitamente proprio per raggiungere platee più vaste)http://www.americasarmy.com/
    • advange scrive:
      Re: TESI COMPLOTTISTICA...
      Di videogiochi non me ne intendo, ma non faccio difficoltà a pensare che hai ragione.Qualcuno si ricorda i kombattini? Pupazzetti-militari venduti quando iniziò la prima desert storm (20 anni fa).
    • Babbo Natale scrive:
      Re: TESI COMPLOTTISTICA...
      - Scritto da: MeX
      ok... é complottismo puro al limite del (troll)
      ma... avete notato come prima della guerrra in
      IRAQ durante e dopo siano IMPENNATI i numeri di
      titoli di guerra? simoluziani vere e proprio di
      guerriglia... non é che gli USA li usano per
      poter poi reclutare piú
      facilmente?Mica è assurdo, lessi pure da qualche parte che facevano allenare i militari in Medio Oriente coi videogiochi.
    • frk scrive:
      Re: TESI COMPLOTTISTICA...
      - Scritto da: MeX
      ok... é complottismo puro al limite del (troll)
      ma... avete notato come prima della guerrra in
      IRAQ durante e dopo siano IMPENNATI i numeri di
      titoli di guerra? simoluziani vere e proprio di
      guerriglia... non é che gli USA li usano per
      poter poi reclutare piú
      facilmente?Beh, potrebbe essere l'opposto... visto che si parla tanto di guerre, si fanno + videogiochi di guerra. La gente compra quello che vede in televisione.Mi aspetto a breve un fiorire di giochi manageriali per gestire emergenze tipo Haiti...
      • MeX scrive:
        Re: TESI COMPLOTTISTICA...
        mmm se guardi le date di uscita dei giochi principali come siamo messi come date? (chiedo perché non sono esperto in materia)
  • Eretico scrive:
    Delirio
    Come da titolo !Invece di preoccuparsi di queste XXXXXXXte, si preoccupasse dei veri problemi,e non sono pochi, che affliggono quel paese magari iniziando proprio da lui.
    • tux scrive:
      Re: Delirio
      chavez è l'unico che sta provando a risolverli, finalmente ha dato la sanità pubblica ai poveri e sta facendo pagare il petrolio ai porci yankee :D
    • lellykelly scrive:
      Re: Delirio
      se una cosa non la puoi controllare e distoglie le masse dall'adularti, va bandita
    • free for all scrive:
      Re: Delirio
      - Scritto da: Eretico
      Come da titolo !
      Invece di preoccuparsi di queste XXXXXXXte, si
      preoccupasse dei veri problemi,e non sono pochi,
      che affliggono quel paese magari iniziando
      proprio da
      lui.I problemi sono altri.. ma molti derivano dal normalizzare ed incentivare la violenza- su questo non ci piove- chavez ha ragione quasi su tutto il discorso, a parte i nazionalismi; quasi tutti i giochini spara-spara-ammazza-ammazza cosiddetti innocui in realta' deformano le giovani menti degli under 12 che poi sono i principali fruitori.
      • ales gor scrive:
        Re: Delirio
        infatti, il problema è che le nuove generazioni sono così fuori dalla realtà che poi, quando diventeranno elettori elettrici non penseranno che la guerra sia una cosa negativa, ma la vivranno come una cosa normale.Oggi del resto tutte le cavolate di molti capi di governo ci sembrano normale e nessuno osa criticare.é tutto fatto per lavare il cervello. chavez ha ragione, cerca di rendere immuni i cittadini da questi giochini psicologici.Aimè tanta gente nei commenti non si rende conto di tutto cio', l'ignoranza ha preso il largo....non si leggono piu libri, si vede tv sempre piu scadente e non si studia nemmeno...mi dispiace per chi non riesce a vedere certe cose.Anche il bandire pistole giocattolo è una cosa perfettamente normale, dovrebbero farlo tutti i paesi,,,ma poi chi andrà a fare il militare credendo di fare una cosa normale e giusta?Viviamo nell'ignoranza piu totale...e i commenti a questo articolo lo dimostrano....che mondo di cioccolata
      • Eretico scrive:
        Re: Delirio
        - Scritto da: free for all
        - Scritto da: Eretico

        Come da titolo !

        Invece di preoccuparsi di queste XXXXXXXte, si

        preoccupasse dei veri problemi,e non sono pochi,

        che affliggono quel paese magari iniziando

        proprio da

        lui.

        I problemi sono altri.. ma molti derivano dal
        normalizzare ed incentivare la violenza- su
        questo non ci piove- chavez ha ragione quasi su
        tutto il discorso, a parte i nazionalismi; quasi
        tutti i giochini spara-spara-ammazza-ammazza
        cosiddetti innocui in realta' deformano le
        giovani menti degli under 12 che poi sono i
        principali
        fruitori.Si infatti. Io giocavo alla guerra tutto il giorno, leggevo Super Eroica e R.A.F e oggi sono in giro armato come rambo e sparo in testa a chiunque osi contraddirmi. Ma per favore. (rotfl)Deformano le menti. Si ok. Se uno dopo aver giocato ad un giochino di guerra prende il fucile e ammazza chiunque passi davanti la finestra di camera sua il problema forse non è del giochino eh ? Tu cosa dici ?Quanti giocano e quanti, dopo aver smesso di giocare scatanano una guerra o vanno in giro a sparare alla gente così tanto per farsi due risate ? Certo qualche XXXXXXXXX c'è sempre. Allora facciamo cosi. Chiudiamo le discotete. Chiudiamo internet. Chuidiamo le autostrade. Anzi smettiamo di produrre macchine, moto, motorini, biciclette e andiamo tutti a piedi.Chavez è un dittatore. Punto. E mi sa che è il suo di cervello ad avere qualche problema.
        • Alessandro Augusto scrive:
          Re: Delirio
          "oggi sono in giro armato come rambo e sparo in testa a chiunque osi contraddirmi. Ma per favore" Tu pensi che un discorso individuale come il tuo possa essere applicato alle masse ? Mai sentito parlare di gente che si spara per un posteggio o una precedenza ? Pensi davvero che sia sbagliato dire ad una NAZIONE di appasionarsi ad altro piuttosto che alle armi o alla guerra ??? Se questa frase l'avesse detta qualsiasi altro personaggio che la propaganda ti ha incultato essere il buono e democratico Occidentale TU saresti daccordo con lui. "Chavez è un dittatore .Punto. "Perchè te lo dice il TG ? ? ? ...... infatti un dittatore è risaputo essere contrario alle guerre e alla violenza ...
      • baraka scrive:
        Re: Delirio
        Mi sono dovuto ricredere su Chavez, non perchè sono un appassionato di videogiochi, ma dalle varie notizie ho capito che è la dimostrazione che il potere corrompe e da alla testa, adesso si crede il padrone del Venezuela, ha fatto alcune cose positive come la sanità pubblica, ma visto che si riempie sempre la bocca con parole come la libertà, che sia coerente, sembra quasi Berlusconi.
  • Valeren scrive:
    Gli serve un analista
    OK la Barbie che proprio venezuelana non pare.Ma dire che i giochi di guerra istigano all'acquisto di armi è talmente idiota che nemmeno il MOIGE arriverebbe a dirlo.Poi la Nintendo istiga a "l'egoismo, l'individualismo"?La Wii? Non ho mai visto nulla di più sociale legato al videoludico!
    • nintendo scrive:
      Re: Gli serve un analista
      Probabilmente si riferiva al Gameboy nelle sue varie forme.Ho visto flotte di bambini e ragazzini che senza dirsi una parola stavano tutti con lo sguardo fisso sulla propria console portatile. In quel caso di social direi che c'è veramente poco.Detto questo sono dell'idea che quasi sempre non è il mezzo che sia sbagliato, ma il modo in cui viene utilizzato/abusato.(avere un DS o una PSP da tirare fuori mentre si aspetta il solito treno in ritardo è un conto, passare il sabato pomeriggio giocando solo a quello è tutta un'altra cosa)
      • matik scrive:
        Re: Gli serve un analista

        Ho visto flotte di bambini e ragazzini che senza
        dirsi una parola stavano tutti con lo sguardo
        fisso sulla propria console portatile. In quel
        (avere un DS o una PSP da tirare fuori mentre si
        aspetta il solito treno in ritardo è un conto,
        passare il sabato pomeriggio giocando solo a
        quello è tutta un'altra
        cosa)infatti il problema è quello. Conosco mamme disperate perché il figlio di 4 o 5 anni è ormai videgioco-dipendente!
        • Valeren scrive:
          Re: Gli serve un analista
          Toglierglielo...?
          • lellykelly scrive:
            Re: Gli serve un analista
            non dare premi ad ogni capriccio che fa?il "NO" non esiste più, e gli schiaffi sono "violenza infantile"...i bambini e gli animali domestici ricevono lo stesso affetto e la stessa educazione ormai.
          • Valeren scrive:
            Re: Gli serve un analista
            No, il mio gatto è molto più educato di qualunque nanetto veda in giro!
          • markit scrive:
            Re: Gli serve un analista
            Il problema è l'effetto "rete" o "domino" o non ricordo come si chiami. Se tutti ce l'hanno, e tu lo togli a tuo figlio, si sentirà isolato, emarginato, impossibilitato a relazionarsi poi con gli altri (che non parlano altro che di calcio, videogiochi, etc.).Per i (pochi?) genitori ancora sani di mente è sempre più difficile educare i propri figli.
          • bLax scrive:
            Re: Gli serve un analista
            - Scritto da: markit
            Il problema è l'effetto "rete" o "domino" o non
            ricordo come si chiami. Se tutti ce l'hanno, e tu
            lo togli a tuo figlio, si sentirà isolato,
            emarginato, impossibilitato a relazionarsi poi
            con gli altri (che non parlano altro che di
            calcio, videogiochi,
            etc.).
            Per i (pochi?) genitori ancora sani di mente è
            sempre più difficile educare i propri
            figli.quoto in pieno...pochi anni fa ho saputo che mia cuginetta in lacrime voleva un cell....ebbene perchè era stata ad un compleanno ed è rimasta "isolata" mentre tutti spippolavano sul cellulare....età 9 anni....tragico direi....Chavez, da un lato fà bene a proteggere il suo paese (beh anche quegli XXXXXXXXX che usano la sua faccia per creare un personaggio negativo nel veideogioco...mi son sempre chiesto se prima o poi tutti questi videogiochi occidento-cetrici e guerrafondai non sfociassero prima o poi in qualche magagna...) però da qui a dire che se uno gioca col fucile di legno poi diventa un assasino o compratore di armi in futuro mi pare esageratino....insomma la vertà sta sempre in mezzo
        • ninjaverde scrive:
          Re: Gli serve un analista

          infatti il problema è quello. Conosco mamme
          disperate perché il figlio di 4 o 5 anni è ormai
          videgioco-dipendente!(4 o 5 anni?) Mamme riXXXXXXXXte. :@Sarebbero da mandare da uno psichiatra (lo spicologo forse non basta)....
Chiudi i commenti