Da Redmond un... regalo per il web

Il nuovo softwarillo messo a punto da Ray Ozzie verrà diffuso da Microsoft sotto Creative Commons: gratuito, potrà essere modificato a patto che le modifiche vengano condivise. Si chiama Live Clipboard
Il nuovo softwarillo messo a punto da Ray Ozzie verrà diffuso da Microsoft sotto Creative Commons: gratuito, potrà essere modificato a patto che le modifiche vengano condivise. Si chiama Live Clipboard


San Diego (USA) – Il suo nome è Live Clipboard e più ancora delle sue caratteristiche ad aver catalizzato l’attenzione di alcuni osservatori è il fatto che a proporlo sia Microsoft, che sia un software distribuito in copyleft sotto licenza Creative Commons e che possa essere liberamente utilizzato e modificato, a patto di render pubbliche e condividere le modifiche.

A presentare questo strumento che ha sollevato un certo interesse alla conferenza 0’Reilly Emerging Technology è stato Ray Ozzie, celeberrimo sviluppatore da tempo in Microsoft ed ideatore del progetto. Ha spiegato che Live Clipboard è “un modo semplice e comodo per copiare e condividere contenuti” tra applicazioni e siti web, o all’interno degli stessi, con un clic.

Per comprendere di cosa si tratti un esempio è stato postato dallo stesso Ozzie sul suo blog: come si può vedere il “giochino” permette di duplicare e spostare contenuti con gli strumenti già noti a tutti per copiare, incollare, tagliare o spostare.

Ma c’è di più. Come si è visto nella presentazione-demo di San Diego, l’adozione di Live Clipboard permette di eseguire queste operazioni anche quando i dati siano particolarmente complessi, magari integranti un’immagine o altro ancora, e anche quando ad essere interessati sono siti web e/o applicazioni residenti su PC. L’idea, sfruttando tecnologie standard e JavaScript, è dunque quella di dare al concetto di clipboard , gli “appunti”, una funzionalità dinamica, per la rappresentazione, inserimento e duplicazione in luoghi diversi da quelli di origine.

“Consente – ha spiegato Ozzie – di copiare informazioni strutturate da un luogo all’altro in un modo semplice”.

Ai siti interessati, ha sottolineato Ozzie, non serve molto per implementare la nuova funzionalità: l’idea è che la diffusione massiccia di Live Clipboard possa consentire ad una grande varietà di servizi online, e di software, di interagire in modo nuovo, mettendo nelle mani degli utenti un potente strumento di organizzazione personale.

Una descrizione tecnica del funzionamento di Live Clipboard è a disposizione di chiunque voglia saperne di più o, appunto, procedere all’integrazione del “giochino” sulle proprie pagine.

“È un piccolo regalo per il Web”, ha concluso Ozzie.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 03 2006
Link copiato negli appunti