Da XP a Vista con pochi clic

A prometterlo è Microsoft, che sta sviluppando un add-on gratuito in grado di aiutare gli utenti a trasportare da Windows XP a Vista non solo dati e impostazioni, ma anche le applicazioni

Redmond (USA) – Il migliore amico di chi in futuro si troverà a migrare da Windows XP a Windows Vista si chiama Windows Easy Transfer Companion . Si tratta di un add-on gratuito che, estendendo la funzionalità Easy Transfer integrata in Windows Vista, permetterà di trasferire su un PC con Vista le applicazioni utilizzate sotto Windows XP.

Il software si trova attualmente ancora in fase di testing e verrà rilasciato sotto forma di beta pubblica più o meno in concomitanza con il lancio di Windows Vista, atteso per l’inizio del 2007.

Grazie alla possibilità di migrare verso Vista le applicazioni installate sotto Windows XP , gli utenti che acquisteranno un PC con Windows pre-installato non saranno costretti, come spesso succede, a reinstallare tutti i propri software.

Tra le cose che Windows Easy Transfer è in grado di migrare da Windows XP al suo successore vi sono e-mail, documenti, segnalibri, foto, musica, e le principali impostazioni di Windows (screensaver, sfondi, icone del desktop, layout della barra dei task, ecc.). Con Companion si aggiungono anche i programmi, di cui viene copiata non solo la cartella d’installazione, ma anche le eventuali voci di registro.

Il trasferimento dei dati può avvenire attraverso una normale connessione di rete oppure attraverso un apposito cavo USB, chiamato Easy Transfer Cable , che verrà venduto da Microsoft attraverso i negozi specializzati. Va detto che in commercio esistono già cavi USB “intelligenti” capaci di far comunicare due PC, ma al momento non è dato sapere se Easy Transfer Cable li supporterà.

Come tutti i tool di questo genere, non bisogna illudersi che Windows Easy Transfer sia infallibile : il passaggio di impostazioni e programmi da una versione di Windows ad un’altra è sempre un processo disseminato di insidie e ostacoli: la migrazione perfetta non l’ha ancora inventata nessuno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma nessuno dice questo..
    Non mi ha voluto dire come lo ha saputo ma un mio conoscente dell'università di Bologna un giorno era a casa mia ed ha visto che stavo spataccando con il comp aperto (perchè la scheda video era bollente) allorchè mi ha semplicemente detto se avevo un gomma come le Brooklin, ha iniziato a masticare un po, poi è sceso giu in giardino e con il coltellino svizzero ha preso un po di resina di dall' albero, è tornato su.. ha spalmato un po di resina sulla gpu a poi messo la Brooklin e poi rispalmato un po di resina... ero atterrito... lo fermato piu volte dicendogli che mi avrebbe ripagato la scheda se mi si bruciava... mi ha detto di non preoccuparmi e che poi lo avrei ringraziato!Fatto il tutto accendo e mi metto a giocare a FarCry... LA GPU ERA FREDDA!!!Anche dopo ore ed ore!Non mi ha spiegato il motivo per cui questo strano insieme di elementi funziona ma mi ha solamente che sa che è da piu di un anno che stanno studiando (non lui, ma all'università dove va lui) gli effetti dissipatori di alcuni "materiali".Bè non ci ho messo troppi giorni a provarlo sul mio p4 2.800... d'estate toccava i 60 65 gradi... dopo "l'intevento" solo 5!!!!!!!Naturalmente l'ho detto a tutti quelli che conoscevo ma non chi me lo avesse detto ;-)Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma nessuno dice questo..
      Dunque io sapevo che un annetto fa' si era studiato il raffreddamento a metallo liquido.Ma la latenza termica avrebbe fuso comunque il chip e non se ne fece piu' nulla.Lo stesso progettista poco dopo tiro' fuori un raffreddamento basato su qualche principio "elettromagnetico".Se trovo il link lo pasto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma nessuno dice questo..
        - Scritto da:
        Dunque io sapevo che un annetto fa' si era
        studiato il raffreddamento a metallo liquido.Ma
        la latenza termica avrebbe fuso comunque il chip
        e non se ne fece piu' nulla.Lo stesso progettista
        poco dopo tiro' fuori un raffreddamento basato su
        qualche principio "elettromagnetico".Se trovo il
        link lo
        pasto.Eccomi con il link.Due precisazioni sul mio post precendente.Anziche' "latenza termica",il termine corretto e' "l'inerzia termica" che determina l'inutilizzabilita' di questo tipo di raffreddamento nei chip.Secondo, il principio elettromagnetico e' inesatto infatti il magnetismo non e' contemplato.Vi rimando alla tecnologia:http://www.nanocoolers.com/technology_thin.php
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma nessuno dice questo..
      Ma sicuro. Come no. Trascurando le proprieta' miracolose del materiale, non si puo' trascurare la superficie di dissipazione ridicola associata ad una mancanza di circolazione forzata dell'aria.Insomma: ma non farmi ridere.
    • avvelenato scrive:
      Re: Ma nessuno dice questo..
      - Scritto da:
      Non mi ha voluto dire come lo ha saputo ma un mio
      conoscente dell'università di Bologna un giorno
      era a casa mia ed ha visto che stavo spataccando
      con il comp aperto (perchè la scheda video era
      bollente) allorchè mi ha semplicemente detto se
      avevo un gomma come le Brooklin, ha iniziato a
      masticare un po, poi è sceso giu in giardino e
      con il coltellino svizzero ha preso un po di
      resina di dall' albero, è tornato su.. ha
      spalmato un po di resina sulla gpu a poi messo la
      Brooklin e poi rispalmato un po di resina... ero
      atterrito... lo fermato piu volte dicendogli che
      mi avrebbe ripagato la scheda se mi si
      bruciava... mi ha detto di non preoccuparmi e che
      poi lo avrei
      ringraziato!
      Fatto il tutto accendo e mi metto a giocare a
      FarCry... LA GPU ERA
      FREDDA!!!
      Anche dopo ore ed ore!
      Non mi ha spiegato il motivo per cui questo
      strano insieme di elementi funziona ma mi ha
      solamente che sa che è da piu di un anno che
      stanno studiando (non lui, ma all'università dove
      va lui) gli effetti dissipatori di alcuni
      "materiali".

      Bè non ci ho messo troppi giorni a provarlo sul
      mio p4 2.800... d'estate toccava i 60 65 gradi...
      dopo "l'intevento" solo
      5!!!!!!!

      Naturalmente l'ho detto a tutti quelli che
      conoscevo ma non chi me lo avesse detto
      ;-)

      Ciao.Io invece ci spruzzo un po' di alcol denaturato sul dissipatore.Evaporando, lo raffredda. Inoltre lo pulisce.Devo trovare un sistema che spruzzi automaticamente ogni tot secondi, perché mi sono rotto i ciglioni di stare lì con lo spruzzino.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma nessuno dice questo..

        Io invece ci spruzzo un po' di alcol denaturato
        sul
        dissipatore.
        Evaporando, lo raffredda. Inoltre lo pulisce.
        Devo trovare un sistema che spruzzi
        automaticamente ogni tot secondi, perché mi sono
        rotto i ciglioni di stare lì con lo
        spruzzino.a occhio e croce vedo tre/quattro soluzioni:- prendi un iBook G4- un microcontrollore che attiva una valvola- controlli la valvola tramite la porta parallela ed un po' di elettronica (una resistenza ed un transistor)- una bottiglietta in PET, ci fai un forellino piccolo piccolo e funziona, con del nastro adesivo o girandola blocchi il tuttoPS: un sistema tra questi é semplice ed economico!PS2:puoi usare lo stesso sistema per innaffiare le piante se stai via una settimana
        • avvelenato scrive:
          Re: Ma nessuno dice questo..
          - Scritto da:


          Io invece ci spruzzo un po' di alcol denaturato

          sul

          dissipatore.

          Evaporando, lo raffredda. Inoltre lo pulisce.

          Devo trovare un sistema che spruzzi

          automaticamente ogni tot secondi, perché mi sono

          rotto i ciglioni di stare lì con lo

          spruzzino.

          a occhio e croce vedo tre/quattro soluzioni:

          - prendi un iBook G4

          - un microcontrollore che attiva una valvola

          - controlli la valvola tramite la porta parallela
          ed un po' di elettronica (una resistenza ed un
          transistor)

          - una bottiglietta in PET, ci fai un forellino
          piccolo piccolo e funziona, con del nastro
          adesivo o girandola blocchi il
          tutto

          PS: un sistema tra questi é semplice ed economico!

          PS2:
          puoi usare lo stesso sistema per innaffiare le
          piante se stai via una
          settimanaCarina, eh?E pensare che l'ho sparata giusto per dire una cazzata :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma nessuno dice questo..
        Io consumo un pranzo abbondante a base di fagioli e/o lenticchie e/o porri. Apro il case e mi siedo vicino.
    • AdessoBasta scrive:
      Re: Ma nessuno dice questo..
      Non mi hai detto se poi, sopra l'ultimo strato di resina ci hai rimesso anche il dissipatore e se le brooklyn devono essere per forza alla menta rinfrescante o vanno bene anche al limone!?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma nessuno dice questo..
      LA GPU ERA FREDDA ...Si perche' quel pastrokkio aveva isolato terminacamente il chip dal dissipatore, tutto il calore restava sotto il pastrocchio e non veniva piu' trasmesso al dissipatore, chip che probabilmente avra' scandato fino a fondersi immagino :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma nessuno dice questo..
      - Scritto da:
      Naturalmente l'ho detto a tutti quelli che
      conoscevo ma non chi me lo avesse detto
      ;-)A tutte le marmotte che incartano la cioccolata?
    • Domokun scrive:
      Re: Ma nessuno dice questo..
      mamma mia che cazzata!quasi ai livelli della cipolla col gatorade che carica l'ipod...
  • alexjenn scrive:
    E i Power Mac raffreddati ad acqua?
    I Power Mac G5 con raffreddamento ad acqua (usciti 2 anni fa) hanno un sistema di raffreddamento tipo quello del laboratorio di Zurigo, con capacit´refrigerante di 1000 W/cm2.Quindi non mi sembra che ci sia niente di nuovo in tutto cio'.
    • Anonimo scrive:
      Re: E i Power Mac raffreddati ad acqua?
      - Scritto da: alexjenn
      I Power Mac G5 con raffreddamento ad acqua
      (usciti 2 anni fa) hanno un sistema di
      raffreddamento tipo quello del laboratorio di
      Zurigo, con capacit´refrigerante di 1000
      W/cm2.

      Quindi non mi sembra che ci sia niente di nuovo
      in tutto
      cio'.Occhio che era acqua ma glicole etilenico,credo dico CREDO per problemi di corrosione.
  • Anonimo scrive:
    piastra di cottura?
    una piastra da cottura consuma altro che 100 Wma chi le scrive ste cose???
    • Anonimo scrive:
      Re: piastra di cottura?
      100W/cm2quanti cm2 è una piastra di cottura...fai 2 conti e vedrai che nn sbagliano di molto...- Scritto da:
      una piastra da cottura consuma altro che 100 W
      ma chi le scrive ste cose???
  • Anonimo scrive:
    La Tecnologia di Big Blue
    Bene! Dire che e' splendida e promettente,forse non rende completamente giustizia agli avanzatissimi laboratori di ricerca IBM.Tuttavia vale la pena di ricordare che una tecnologia e' altrettanto valida quando riesce a migliorare il lavoro di tutti i giorni.Il nostro lavoro.Allora...su IBM...forza, regalaci PowerPC con il suo dissipatore supermegafigaccione!Ti pregoooo! :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: La Tecnologia di Big Blue
      - Scritto da:
      Bene! Dire che e' splendida e promettente,forse
      non rende completamente giustizia agli
      avanzatissimi laboratori di ricerca
      IBM.
      Tuttavia vale la pena di ricordare che una
      tecnologia e' altrettanto valida quando riesce a
      migliorare il lavoro di tutti i giorni.Il nostro
      lavoro.Allora...su IBM...forza, regalaci PowerPC
      con il suo dissipatore supermegafigaccione!Ti
      pregoooo!
      :'(benvenga, bisogna lavorare su tutti i settori, ma già che c'erano potevano realizzare delle nanoturbine mosse dall'acqua, un alitata ed il tutto si mette in moto :@
    • Anonimo scrive:
      Re: La Tecnologia di Big Blue
      - Scritto da:
      Bene! Dire che e' splendida e promettente,forse
      non rende completamente giustizia agli
      avanzatissimi laboratori di ricerca
      IBM.
      Tuttavia vale la pena di ricordare che una
      tecnologia e' altrettanto valida quando riesce a
      migliorare il lavoro di tutti i giorni.Il nostro
      lavoro.Allora...su IBM...forza, regalaci PowerPC
      con il suo dissipatore supermegafigaccione!Ti
      pregoooo!
      :'(hanno bisogno del megadissipatore perché hanno ripreso la corsa ai GHz con il POWER6 da 4-5 GHz..... (rotfl)
      • avvelenato scrive:
        Re: La Tecnologia di Big Blue
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Bene! Dire che e' splendida e promettente,forse

        non rende completamente giustizia agli

        avanzatissimi laboratori di ricerca

        IBM.

        Tuttavia vale la pena di ricordare che una

        tecnologia e' altrettanto valida quando riesce a

        migliorare il lavoro di tutti i giorni.Il nostro

        lavoro.Allora...su IBM...forza, regalaci PowerPC

        con il suo dissipatore supermegafigaccione!Ti

        pregoooo!

        :'(

        hanno bisogno del megadissipatore perché hanno
        ripreso la corsa ai GHz con il POWER6 da 4-5
        GHz.....
        (rotfl)A te che ti frega, scusa?All'utente dovrebbe solo fregare il rapporto tra tco e potenza computazionale.
        • Anonimo scrive:
          Aggiungi MTBF
          - Scritto da: avvelenato

          A te che ti frega, scusa?
          All'utente dovrebbe solo fregare il rapporto tra
          tco e potenza
          computazionale.Se nel TCO aggiungi i costi legati all'MTBF (Mean Time Between Failure - http://en.wikipedia.org/wiki/MTBF prima che qualcuno lo chieda) soprattutto per chi ha costi se manca la continuità di servizio, allora dico che hai sostanzialmente ragione.Certo che dissipare meglio non è la strada più ecosostenibile: il consumo "ridotto" è solo quello dei raffreddamenti attivi, che in realtà tenderà a rimanere il medesimo attuale, sfruttando il margine risparmiato per trasferirlo alla CPU.Abbattere il consumo iniziale riduce due problemi in un solo intervento. Potendo scegliere... :)
          • avvelenato scrive:
            Re: Aggiungi MTBF
            - Scritto da:

            - Scritto da: avvelenato



            A te che ti frega, scusa?

            All'utente dovrebbe solo fregare il rapporto tra

            tco e potenza

            computazionale.

            Se nel TCO aggiungi i costi legati all'MTBF (Mean
            Time Between Failure -
            http://en.wikipedia.org/wiki/MTBF prima che
            qualcuno lo chieda) soprattutto per chi ha costi
            se manca la continuità di servizio, allora dico
            che hai sostanzialmente
            ragione.
            Infatti il mtbf era sottointeso, e tutto il discorso affidabilità in genere, voglio dire, il downtime può essere seccante per alcuni, ma per altri può invece costare parecchi soldi. Questo va ad incidere nel tco in maniera differente a seconda del proprio business.
            Certo che dissipare meglio non è la strada più
            ecosostenibile: il consumo "ridotto" è solo
            quello dei raffreddamenti attivi, che in realtà
            tenderà a rimanere il medesimo attuale,
            sfruttando il margine risparmiato per trasferirlo
            alla
            CPU.
            Dipende.Quando in una server farm spendi 10M$ di elettricità per alimentazione e altrettanti per la dissipazione e la climatizzazione, spenderne 7M$ per le ultime ti può anche fare piacere.Ed è anche un vantaggio ecologico.Poi ovvio che non stiamo parlando di gigetto che vuole giocare a quake 5, anche perché la direzione nel campo consumer mi sembra proprio quella di ridurre i consumi a parità o incremento di prestazioni, cosa tutt'altro che impossibile, come l'architettura core 2 duo ha dimostrato.
            Abbattere il consumo iniziale riduce due problemi
            in un solo intervento. Potendo scegliere...
            :)Appunto, potendo... :)
        • Anonimo scrive:
          Re: La Tecnologia di Big Blue
          - Scritto da: avvelenato

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          Bene! Dire che e' splendida e
          promettente,forse


          non rende completamente giustizia agli


          avanzatissimi laboratori di ricerca


          IBM.


          Tuttavia vale la pena di ricordare che una


          tecnologia e' altrettanto valida quando
          riesce
          a


          migliorare il lavoro di tutti i giorni.Il
          nostro


          lavoro.Allora...su IBM...forza, regalaci
          PowerPC


          con il suo dissipatore supermegafigaccione!Ti


          pregoooo!


          :'(



          hanno bisogno del megadissipatore perché hanno

          ripreso la corsa ai GHz con il POWER6 da 4-5

          GHz.....

          (rotfl)


          A te che ti frega, scusa?
          All'utente dovrebbe solo fregare il rapporto tra
          tco e potenza
          computazionale.A me interessa un processore potente e che costi in modo ragionevole, non voglio una stufetta perché non voglio aumentare l'entropia!
          • Anonimo scrive:
            Re: La Tecnologia di Big Blue
            - Scritto da:

            - Scritto da: avvelenato



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Bene! Dire che e' splendida e

            promettente,forse



            non rende completamente giustizia agli



            avanzatissimi laboratori di ricerca



            IBM.



            Tuttavia vale la pena di ricordare che una



            tecnologia e' altrettanto valida quando

            riesce

            a



            migliorare il lavoro di tutti i giorni.Il

            nostro



            lavoro.Allora...su IBM...forza, regalaci

            PowerPC



            con il suo dissipatore
            supermegafigaccione!Ti



            pregoooo!



            :'(





            hanno bisogno del megadissipatore perché hanno


            ripreso la corsa ai GHz con il POWER6 da 4-5


            GHz.....


            (rotfl)





            A te che ti frega, scusa?

            All'utente dovrebbe solo fregare il rapporto tra

            tco e potenza

            computazionale.

            A me interessa un processore potente e che costi
            in modo ragionevole, non voglio una stufetta
            perché non voglio aumentare
            l'entropia!Clockalo a -4Ghz. :D
  • Anonimo scrive:
    6.000 gradi
    I chip del futuro potranno raggiungere densità di potenza anche superiori, creando temperature di superficie prossime a quelle del sole quando non raffreddati (circa 6.000 gradi centigradi). LOL. Questa mi pare follia pura (rotfl), gia ora ci si lamenta del consumo eccessivo delle cpu, ed i produttori fanno di tutto per ridurli (quello che ancora non hanno capito i produttori delle gpu invece ). Mi chiedo se tra 10 anni non dovremo fare un contratto enel a parte solo per alimentare il nostro pc da gioco :ph34r: .
    • Anonimo scrive:
      Re: 6.000 gradi
      no, tra 10 anni l'enel non esisterà piu'... :-o
    • Anonimo scrive:
      Re: 6.000 gradi
      Se consideriamo che la temperatura del sole e' di qualche milioni di gradi, mi sa che bisogna stupirsi dell'articolo piu' che altro...
      • Anonimo scrive:
        Re: 6.000 gradi
        - Scritto da:
        Se consideriamo che la temperatura del sole e' di
        qualche milioni di gradi, mi sa che bisogna
        stupirsi dell'articolo piu' che
        altro...guarda che si parla della temperatura di superfice, non quella totale!
        • Anonimo scrive:
          Re: 6.000 gradi
          Cos'è la temperatura totale??? :D
          • Anonimo scrive:
            Re: 6.000 gradi
            - Scritto da:
            Cos'è la temperatura totale??? :D15 milioni di gradi
          • Anonimo scrive:
            Re: 6.000 gradi
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Cos'è la temperatura totale??? :D

            15 milioni di gradiLOL... risponde anche :)
        • Anonimo scrive:
          Re: 6.000 gradi
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Se consideriamo che la temperatura del sole e'
          di

          qualche milioni di gradi, mi sa che bisogna

          stupirsi dell'articolo piu' che

          altro...


          guarda che si parla della temperatura di
          superfice, non quella
          totale!Temperatura totale? E cosa sarebbe???Forse, giusto per salvarti in corner, forse intendevi dire la temperatura del nucleo...
          • Anonimo scrive:
            Re: 6.000 gradi
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            Se consideriamo che la temperatura del sole e'

            di


            qualche milioni di gradi, mi sa che bisogna


            stupirsi dell'articolo piu' che


            altro...





            guarda che si parla della temperatura di

            superfice, non quella

            totale!

            Temperatura totale? E cosa sarebbe???

            Forse, giusto per salvarti in corner, forse
            intendevi dire la temperatura del
            nucleo...si, ma visto che qui non sanno leggere, scrivevo come se lo leggesse un idiota
          • Anonimo scrive:
            Re: 6.000 gradi
            cos'è il nuculo? ha a che fare con l'energia nuculare?--Homer S.
          • Anonimo scrive:
            Re: 6.000 gradi
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            Se consideriamo che la temperatura del sole
            e'


            di



            qualche milioni di gradi, mi sa che bisogna



            stupirsi dell'articolo piu' che



            altro...








            guarda che si parla della temperatura di


            superfice, non quella


            totale!



            Temperatura totale? E cosa sarebbe???



            Forse, giusto per salvarti in corner, forse

            intendevi dire la temperatura del

            nucleo...

            si, ma visto che qui non sanno leggere, scrivevo
            come se lo leggesse un
            idiotaComunque è risaputo che il nucleo del sole è più freddo della superficie
          • Anonimo scrive:
            Re: 6.000 gradi
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:




            Se consideriamo che la temperatura del
            sole

            e'



            di




            qualche milioni di gradi, mi sa che
            bisogna




            stupirsi dell'articolo piu' che




            altro...











            guarda che si parla della temperatura di



            superfice, non quella



            totale!





            Temperatura totale? E cosa sarebbe???





            Forse, giusto per salvarti in corner, forse


            intendevi dire la temperatura del


            nucleo...



            si, ma visto che qui non sanno leggere, scrivevo

            come se lo leggesse un

            idiota

            Comunque è risaputo che il nucleo del sole è più
            freddo della
            superficieIl nucleo del Sole è metallico, il Sole è artificiale. Vi sono varie immagini che mostrano gigantesce strutture artificiali anomale sul Sole... Al solito quelli che si bevono le idiozie ufficiali dicono subito che sono artefatti delle immagini e cavolate del genere.. peccato la realtà non sia quella, se uno sapesse un minimo di elaborazione digitale delle immagini si accorgerebbe che si tratta di dettagli reali e non artefatti o altro di inventato.http://english.pravda.ru/society/anomal/23-02-2006/76409-UFO-0http://www.tmgnow.com/repository/solar/anomaly.htmlhttp://www.tmgnow.com/repository/solar/anomaly2.html[img]http://www.tmgnow.com/IMAGES/EIT12_6_99.jpg[/img][img]http://www.tmgnow.com/IMAGES/SXT-4-22-99.gif[/img]
          • Anonimo scrive:
            Re: 6.000 gradi
            FANTASTICO!!!Mi mancavano i complotti su quello che c'e' veramente sul Sole... :|Hai altro??Grazie
        • Anonimo scrive:
          Re: 6.000 gradi
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Se consideriamo che la temperatura del sole e'
          di

          qualche milioni di gradi, mi sa che bisogna

          stupirsi dell'articolo piu' che

          altro...


          guarda che si parla della temperatura di
          superfice, non quella
          totale!Perchè il Sole secondo te ha solo 6.000 gradi di temperatura sulla corona ?
      • Anonimo scrive:
        Re: 6.000 gradi
        - Scritto da:
        Se consideriamo che la temperatura del sole e' di
        qualche milioni di gradi, mi sa che bisogna
        stupirsi dell'articolo piu' che
        altro...che differenza vuoi che facciano tre o quattro zeri in piu' o in meno...(ghost)
        • Anonimo scrive:
          Re: 6.000 gradi
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Se consideriamo che la temperatura del sole e'
          di

          qualche milioni di gradi, mi sa che bisogna

          stupirsi dell'articolo piu' che

          altro...

          che differenza vuoi che facciano tre o quattro
          zeri in piu' o in
          meno...(ghost) E' la temperatura superficiale!!!!!!http://it.wikipedia.org/wiki/Soleleggetevi a destra la collonna dei dati fisici alla voce TEMPERATURA SUPERFICIALE
      • Gusbertone scrive:
        Re: 6.000 gradi
        lasciamo perdere che è meglio, la cultura scientifica della redazione di PI è scandalosa, quei 6000K sono da intendere secondo chissà quale definizione elaborata, e questi la usano per fare un paragone con un oggetto "mondano" grosso come una unghia... ma soprattutto, molto utile come unità di misura per dare un senso della magnitudo della grandezza: tutti noi abbiamo messo il culo vicino al sole una volta nella vitacolleghiamo il cervello ogni tanto
        • Anonimo scrive:
          Per favore, aiutatemi a capire
          - Scritto da: Gusbertone
          lasciamo perdere che è meglio, la cultura
          scientifica della redazione di PI è scandalosa,
          quei 6000K sono da intendere secondo chissà quale
          definizione elaborata, e questi la usano per fare
          un paragone con un oggetto "mondano" grosso come
          una unghia... ma soprattutto, molto utile come
          unità di misura per dare un senso della magnitudo
          della grandezza: tutti noi abbiamo messo il culo
          vicino al sole una volta nella
          vita

          colleghiamo il cervello ogni tantoForse mi sfugge qualcosa, ma non mi risultano materiali che resistano (nel senso di mantenere l'integrità meccanica) alla temperatura di 6000 gradi Kelvin. Probabilmente i miei studi di fisica si sono troppo arrugginiti nei decenni passati: qualcuno mi aiuta a capire il senso di quei 6000 gradi?Grazie in anticipo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per favore, aiutatemi a capire

            Probabilmente i miei studi di fisica si sono
            troppo arrugginiti nei decenni passati: qualcuno
            mi aiuta a capire il senso di quei 6000
            gradi?

            Grazie in anticipo.forse che emettono tanto calore che se fossero materiali indistruttibili arriverebbero a quelle temperature.Comunque a 6000 gradi non dovrebbero esistere molti materiali in grado di rimanere allo stato solido.
          • avvelenato scrive:
            Re: Per favore, aiutatemi a capire
            - Scritto da:

            - Scritto da: Gusbertone

            lasciamo perdere che è meglio, la cultura

            scientifica della redazione di PI è scandalosa,

            quei 6000K sono da intendere secondo chissà
            quale

            definizione elaborata, e questi la usano per
            fare

            un paragone con un oggetto "mondano" grosso come

            una unghia... ma soprattutto, molto utile come

            unità di misura per dare un senso della
            magnitudo

            della grandezza: tutti noi abbiamo messo il culo

            vicino al sole una volta nella

            vita



            colleghiamo il cervello ogni tanto

            Forse mi sfugge qualcosa, ma non mi risultano
            materiali che resistano (nel senso di mantenere
            l'integrità meccanica) alla temperatura di 6000
            gradi Kelvin.


            Probabilmente i miei studi di fisica si sono
            troppo arrugginiti nei decenni passati: qualcuno
            mi aiuta a capire il senso di quei 6000
            gradi?

            Grazie in anticipo.L'impressione che ne ricavo è che quel 6000k° sia solo il frutto di un calcolo teorico dati la potenza da dissipare, la superficie dissipante e la conducibilità termica.In pratica un numero messo lì tanto per impressionare e per far capire il problema.In realtà il silicio del processore si sarebbe fuso ben prima. Sarebbe stato molto più utile secondo me dire quanti secondi, o frazioni di secondo, il processore sarebbe resistito senza dissipazione.Da considerare anche che sono in studio nuove tecnologie produttive atte a sostituire il silicio come elemento semiconduttore con altri, come ad esempio la moissanite, la cui resistenza al calore rispetto al silicio dovrebbe essere migliore grazie ad una conducibilità termica più efficiente.
    • Anonimo scrive:
      Re: 6.000 gradi
      - Scritto da:
      I chip del futuro potranno raggiungere
      densità di potenza anche superiori, creando
      temperature di superficie prossime a quelle
      del sole quando non raffreddati (circa 6.000
      gradi centigradi). Mi capitava di lasciare il pc acceso a scaricare quando andavo al lavoro; tornando a casa una volta mi sono trovato la ventola staccata, si era rotto il gancetto di plastica che la teneva, conseguentemente CPU e piastra madre brasate.Se fosse successo con una cpu dalle caratteristiche descritte nell'articolo non avrei piu' trovato neanche il condominio :|
    • Anonimo scrive:
      Re: 6.000 gradi
      - Scritto da:
      I chip del futuro potranno raggiungere densità
      di potenza anche superiori, creando temperature
      di superficie prossime a quelle del sole quando
      non raffreddati (circa 6.000 gradi
      centigradi). Allora li produrrà la Sun. (anonimo)
      • avvelenato scrive:
        Re: 6.000 gradi
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        I chip del futuro potranno raggiungere
        densità

        di potenza anche superiori, creando temperature

        di superficie prossime a quelle del sole quando

        non raffreddati (circa 6.000 gradi

        centigradi).

        Allora li produrrà la Sun. (anonimo)Lol (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: 6.000 gradi

        Allora li produrrà la Sun. (anonimo)NON MALE! :$
    • Anonimo scrive:
      Re: il sole HA 6000 gradi in superficie!
      l'ho studiato alle scuole medie voi no???????Non avete mai fatto geografia astronomica? Capisco che siate una manica di troll ignoranti ma avrete visto qualche volta chi vuol essere milionario o fatto due parole crociate :D LOL LOL LOL
Chiudi i commenti