Dal primo luglio cambia l'e-commerce

Gli europei che comprano negli USA troveranno le offerte meno convenienti, o comunque simili a quelle dei negozi e degli operatori europei. Colpa della VAT, introdotta dal primo luglio per tutti gli acquisti europei


Roma – I consumatori del Vecchio Continente che svolgono in rete i propri acquisti, dal primo luglio potrebbero trovare meno conveniente rivolgersi a rivenditori e negozi online che si trovano al di fuori dell’Unione Europea, negli USA in particolare. A partire da quella data, infatti, tutte le vendite digitali ad acquirenti europei saranno sottoposte ad IVA.

A volerlo è la direttiva europea sull’e-commerce che pone così fine ad una disparità che fino ad oggi ha caratterizzato le offerte europee da quelle di oltreoceano. L’imposta, che varia tra il 15 e un 25 per cento, “colpirà” anche la vendita di servizi, come gli abbonamenti a servizi di hosting, ma anche gli accessi al download di musica o altri contenuti a pagamento.

Ad essere soggetta ad IVA sarà anche qualsiasi transazione derivante dalle aste online che si concludano con un acquisto da parte di un soggetto dell’Unione Europea.

A cantar vittoria sono naturalmente le imprese europee che da sempre hanno a che fare con l’IVA e che da sempre lamentano tale disparità che va a vantaggio delle offerte dei concorrenti americani. Non saranno invece felici quei consumatori europei che fino ad oggi hanno scelto negozi statunitensi perché in molti casi offrivano migliori condizioni economiche che, dal primo luglio, potrebbero non essere più tali.

A prepararsi sono tutti i maggiori seller a stelle e strisce. Amazon ha dichiarato che a breve comunicherà le nuove condizioni a tutti i suoi clienti europei, AOL ha aperto una sede ufficiale in Lussemburgo per risparmiare sulle tasse, mentre eBay in Italia e in Francia ha intenzione di accollarsi l’imposta per conto dei propri utenti. Non potrà invece farlo nei ricchi mercati britannico e tedesco.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uccio2 scrive:
    Re: embe?

    se hanno registrato una spesa in 2 parti del
    mondo in breve tempo ti chiamano per
    accertamenti.Ciò che dici mi sembra poco attendibile, del resto da casa mia posso comprarmi una bottighia si champagne a Parigi e dopo due minuti una confezione da 24 di wurstel a Basilea, il tutto utilizzando il pagamento on line. Non ti pare?? (win)
    Fra le quali c'è stata la mia.. chiamare
    chiedendo info sul una spesa... 2 giorni
    dopo mi hanno detto non c'è stato nessun
    problema ma le ripaghiamo la spesa.. (bel
    modo per dire che mi hanno clonato al
    scheda).Non sei stato molto chiaro, se ti va mi puoi spiegare meglio che sono incuriosito??Ciao a prestoUccio
  • uccio2 scrive:
    Re: embe?

    se hanno registrato una spesa in 2 parti del
    mondo in breve tempo ti chiamano per
    accertamenti.Ciò che dici mi sembra poco attendibile, del resto da casa mia posso comprarmi una bottighia si champagne a Parigi e dopo due minuti una confezione da 24 di wurstel a Basilea, il tutto utilizzando il pagamento on line. Non ti pare?? (win)
    Fra le quali c'è stata la mia.. chiamare
    chiedendo info sul una spesa... 2 giorni
    dopo mi hanno detto non c'è stato nessun
    problema ma le ripaghiamo la spesa.. (bel
    modo per dire che mi hanno clonato al
    scheda).Non sei stato molto chiaro, se ti va mi puoi spiegare meglio che sono incuriosito??Ciao a prestoUccio
  • Anonimo scrive:
    Re: embe?
    se hanno registrato una spesa in 2 parti del mondo in breve tempo ti chiamano per accertamenti.Hanno sempre procedure standard per intuire una possibile clonazione.Fra le quali c'è stata la mia.. chiamare chiedendo info sul una spesa... 2 giorni dopo mi hanno detto non c'è stato nessun problema ma le ripaghiamo la spesa.. (bel modo per dire che mi hanno clonato al scheda).
  • Anonimo scrive:
    Re: embe?
    - Scritto da: Akiro

    1) Non è la prima volta

    per Carta Si è la prima volta... almeno, a
    quanto si sa...dici bene, a quanto si sa.NON ESISTE UN SISTEMA SICURO AL 100%basta solo non dimenticarselo mai.
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno bucato anche cucina.it !!!!
    Amore, Il problema qui non è il S.O, ma il php-nuke. Avevano bucato anche il mio sito quando ci tenevo su il nuke.Mi sa che dovranno migliorarlo ancora un bel po', anche se devo dire che è già un ottimo strumento.Saluds
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno bucato anche cucina.it !!!!
    Sistema operativo Linux ?!?Linux Apache-AdvancedExtranetServer/1.3.23 (Mandrake Linux/4.1mdk) mod_ssl/2.8.7 OpenSSL/0.9.6c PHP/4.1.2 2-Jun-2003 151.8.34.30 IUnet
  • lupo1970 scrive:
    Hanno bucato anche cucina.it !!!!
    Nel momento in cui posto compaiono ancora le firme...www.cucina.itCome faremo a sopravvivere in questo modno crudele?
  • uccio2 scrive:
    Re: embe?
    Stamattina m'ha telefonato CartaSi per avvisarmi che mi è stata clonata lacarta. Mi hanno detto che è stato fatto un tentativo d'acquisto di $10 ieri.Ma come hanno fatto, sia a clonarmi la carta che a stabilire che non ero io che la stavo usando?Sta di fatto che mi è stata bloccata e me ne spediranno un'altra.Sono sia inc...ato che incuriosito!!!
  • Akiro scrive:
    Re: embe?

    1) Non è la prima voltaper Carta Si è la prima volta... almeno, a quanto si sa...
  • Anonimo scrive:
    Re: embe?
    - Scritto da: Anonimo
    1) Non è la prima volta[CUT]
    4) dove sarebbe la notizia?.......... o la
    novità? [CUT]Facciamo un'ipotesi. Nel 2010 e' stato costruito un gruppo di grattacieli a NY esattamente dove sorgevano le Twin Towers (il progetto e' gia' stato approvato). Il nipote di Bin Laden organizza un attentato e con un paio di Boing li butta giu' nel settembre del 2011 con migliaia di morti. Allora tu dici "Beh, dove sta la notizia? Tutto gia' visto e risaputo, no?"Salutoni da Greenu :-P
  • Anonimo scrive:
    embe?
    1) Non è la prima volta2) Le banche e gli "operatori di mercato" visa etc... lo sanno benissimo e preferiscono adottare politiche di "risk management" (chissà perchè chiamano così il fatto di fare una assicurazione) .3) Non è (tutto sommato) neanche così strano per nessuno (dei cosiddetti addetti ai lavori).... quindi4) dove sarebbe la notizia?.......... o la novità? qualcuno ha bisogno per caso di buttare sassi nello stagno?... faccia pure ma dica direttamente il vero scopo.... basta con questi mezzucci!
  • Anonimo scrive:
    Notizia sensazionale?
    Non ho capito i toni da "per fortuna che ci sono i cybercop" altrimenti....come faremmo?Con cadenza quasi quotidiana.... ci sono migliaia (non dico decine ma migliaia) di tentativi (alcuni vanno a buon fine altri meno)...di frode da quella zona...Di questo nessuno ne parla.....Se il tipo ha fregato per 200.000 dollari.... ce ne sono altri 1.000 che si fregano molto di piu'....Il brutto di tutto questo e' che non sono gli utenti a rimetterci ma chi spedisce la merce..... che, magari dopo 4 mesi, si vede stornare l'importo senza che possa fare niente...Questo e' quanto....e Banche e Operatori (Visa Mastercard etc etc) fanno orecchie da mercante....
  • Akiro scrive:
    porco zio!
    Carta SI!O_O'
Chiudi i commenti