DARPA, protesi con tatto

L'agenzia statunitense parla di rivoluzione nell'ambito delle protesi artificiali, ora in grado di fornire sensazioni reali grazie alla connessione diretta tra cervello e macchina

Roma – Dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) statunitense arriva la notizia della realizzazione di un nuovo tipo di innesto protesico, una mano artificiale capace di ripristinare (almeno in parte) le sensazioni “fisiche” del tocco a un uomo con la spina dorsale spezzata.

Protesi DARPA

Il “cyborg” 28enne ha avuto la possibilità di toccare (letteralmente) con mano il nuovo risultato nell’ambito delle protesi robotiche, tornando a “sentire” le dita artificiali dopo più di un decennio di paralisi in seguito al danneggiamento della spina dorsale.

Gli esperti di DARPA hanno raggiunto l’obiettivo “completando il circuito” tra mano sintetica e cervello del paziente, connettendo la circuiteria della protesi alla corteccia motoria per il controllo dell’arto e alla corteccia sensoriale per ripristinare le sensazioni tattili.

I risultati dell’esperimento, basati a loro volta su un lavoro di ricerca nel campo delle protesi avanzate da tempo finanziato da DARPA, ha permesso al paziente di sentire quando la pressione veniva applicata a una delle dita artificiali. La prova del nove è arrivata quando i ricercatori hanno provato a ingannare il paziente, toccando due dita invece di una: anche in questo caso, l’uomo ha sperimentato sensazioni tattili su entrambe le dita.

DARPA sottolinea l’importante progresso raggiunto grazie agli investimenti effettuati nelle neurotecnologie, e descrive le protesi con feedback tattile come in grado di aprire nuove opportunità nell’ambito della restituzione di funzionalità (trans)umane alle persone colpite da paralisi e altre disabilità agli arti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Michele Bianchi scrive:
    Sullo Sfondo..
    "un risultato ottenuto a spese delle app che lavorano sullo sfondo" ..andiamo.. google translator serlvaggio non si può leggere.
  • Funz scrive:
    Ma l'utente...
    ...appena si accorge che le fondamentali notifiche di Facebook non gli arrivano più finché non accende lo schermo, provvede a disinstallare l'(in)utile programma, e al diavolo la batteria ché tanto ci vuole sempre qualcosa di cui lagnarsi signoramia...
Chiudi i commenti