Darwin libero, è il cuore di MacOS X

Apple ha rilasciato il codice di Darwin, il cuore open source su cui poggia l'imminente MacOS X, e con esso la possibilità di far girare server QuickTime su piattaforme Intel


Los Angeles (USA) – Seguendo quella filosofia che ha portato alla grande diffusione di Linux, Apple ieri ha ufficialmente rilasciato il cuore di MacOS X, Darwin 1.0, come software open source. Con questa mossa l’azienda di Cupertino spera di rendere ancor più interessante, per gli utenti, l’adozione del suo imminente OS.

Naturalmente Darwin è solo la parte più interna di MacOS X, quello che in gergo si chiama “kernel”, ma già con questa porzione di codice per il mondo delle piattaforme WinIntel si apre la possibilità di far girare la versione server di QuickTime, il pluripremiato software per lo streaming audio/video finora presente sui PC solo come player o plug-in.

Apple, che intende rilasciare MacOS X entro la fine dell’estate, ha tenuto a ringraziare tutti gli sviluppatori indipendenti che hanno contribuito a rendere Darwin più stabile e sicuro. E chissà che questa stessa comunità, un giorno, non possa dar vita ad un nuovo sistema operativo open source basato proprio sul kernel del MacOS X.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti