Dating online, i rischi della condivisione precoce

Kaspersky evidenzia gli aspetti pericolosi del dating telematico, un'attività in cui gli utenti si fidano troppo dei profili virtuali mettendo "a nudo" le proprie informazioni personali. E contro il revenge porn si muove anche Facebook

Roma – Una nuova indagine di Kaspersky Lab prende in considerazione i servizi di dating online , un’attività sempre più popolare e per questo nel mirino di cyber-criminali e truffatori a caccia di dati personali o materiale grafico da impiegare nelle pratiche di revenge porn .

L’ultimo studio della security enterprise moscovita arriva a poca distanza da un’ analisi dei rischi di sicurezza presenti all’interno del codice delle app e dei server Web, e si focalizza piuttosto sulla tendenza degli utenti a “lasciarsi andare” senza tenere in debita considerazione un fatto problematico: all’altro capo dello schermo potrebbe esserci un cyber-criminale, invece dell’anima gemella.

Chi sceglie di usare i siti di incontri online tende a condividere dati personali con eccessiva facilità , dice Kaspersky , con un utente su dieci (13 per cento) che ha ammesso la condivisione solo dopo pochi minuti o “al massimo ore” con la speranza di avviare una conversazione.


In Italia, invece, la percentuale di chi si lascia andare con tanta facilità è sensibilmente inferiore (il 5 per cento) e si preferisce piuttosto attendere alcune settimane (14 per cento) prima di condividere informazioni personali. A livello globale, il 25 per cento degli utenti dicono di aver usato il nome completo e addirittura foto osé , mentre in Italia si parla di un 10 per cento di utenza con nome reale e del 4 per cento con foto esplicite pubblicate.

Quel che è certo è che gli utenti del dating online sono esposti a un maggior numero di rischi di sicurezza rispetto ad altre tipologie di netizen, dice Kaspersky, e nel caso si parla del 41 per cento di vittime di incidenti come la violazione di dispositivi e account o l’infezione da ransomware. Chi non sa usare questo genere di servizi è invece soggetto a rischi decisamente inferiori (20 per cento).


Per chi è interessato a usare o sperimentare il dating online, Kaspersky consiglia di “usare le protezioni” – incluso ovviamente il software antivirale prodotto dalla corporation. Per quanto riguarda il revenge porn, infine, almeno su Facebook potrebbe presto essere attiva una nuova funzionalità di confronto degli hash pensata per bloccare sul nascere la condivisione di foto compromettenti.

L’opzione è al momento in fase di test in collaborazione con le autorità australiane , e ironicamente prevede che sia l’utente stesso a spedire al social network le foto che intende proteggere dalla condivisione selvaggia . Le immagini non verranno archiviate ma serviranno solo per il calcolo degli hash di cui sopra, rassicura Facebook.

Alfonso Maruccia

Fonte immagini: 1 , 2

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    intel a letto con AMD...
    non ci sono piu certezze.contrapposizione DC-PCI? sparitacontrapposizione Occidente-Blocco Sovietico? sparitaconvertibilita' banconota-oro? sparitanon ci son piu valori, non ci sono piu certezze.adesso manca solo Trump che fa lingua-in-bocca con kimcomecavolosichiama ed e' finita.
  • Becchino scrive:
    RIP tablet
    Attenti scemi pagliacci questo rappresenta la pietra tombale dei tablet
    • 123 stella scrive:
      Re: RIP tablet
      [yt]Twsl_kAt8Zo[/yt]
    • mura scrive:
      Re: RIP tablet
      - Scritto da: Becchino
      Attenti scemi pagliacci questo rappresenta la
      pietra tombale dei
      tabletCerto perchè ora che c'è questo meraviglioso chippettino super figo tutti gli utenti non troppo avezzi all'informatico corrono a buttare i loro tablet per comprare portatili da gamer. Se ne sei convinto tu.
      • Mago scrive:
        Re: RIP tablet
        Guarda che non c'e' bisogno di correre eh, i tablet si buttano da soli, hanno una obsolescenza che coincide con la garanzia, anche i macachi se ne sono accorti della scarsa utilita' e sono ritornati a comprare pc, il chip intel da al dispositivo una longevita' e una utilita' che un tablet non avra' mai
        • ma per favore scrive:
          Re: RIP tablet
          - Scritto da: Mago
          Guarda che non c'e' bisogno di correre eh, i
          tablet si buttano da soli, hanno una obsolescenza
          che coincide con la garanzia, anche i macachi se
          ne sono accorti della scarsa utilita' e sono
          ritornati a comprare pcCerto certo, perché i tablet sono l'alternativa al PC, infatti hanno proprio le stesse dimensioni, la stessa potenza di calcolo, etc. Notoriamente la gente infatti si porta in giro il PC mentre va a fare la spesa, e in ufficio programmatori e grafici lavorano sui tablet.Ma sparisci.
          • Mago scrive:
            Re: RIP tablet
            impara a leggere http://www.robertosconocchini.it/discipline-italiano/1925-un-metodo-per-imparare-a-leggere-e-scrivere-in-modo-semplice-e-veloce-qleggo-anchioq.htmlquesto e' per la comprensione del testohttp://www.trainingcognitivo.it/strategie-per-migliorare-la-comprensione-del-testo/
          • ... scrive:
            Re: RIP tablet
            No.TU hai scritto "anche i macachi se ne sono accorti della scarsa utilita' e sono ritornati a comprare pc".Ora, i casi sono due: o tu credi veramente che il tablet sia un'alternativa al PC e viceversa, nel qual caso sei un demente, oppure scrivi alla XXXXX di cane.In ogni caso io ho ragione e tu hai torto, e linkare siti alla XXXXX di cane non nasconde questa (per te) triste verità.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: RIP tablet
            A dire il vero, il marketing dei tablet di apple, parlava di un "era post pc".
          • ... scrive:
            Re: RIP tablet
            Il marketing non fa testo. I marchettari non capiscono un XXXXX, non hanno mai capito un XXXXX, e oltre a non capire un XXXXX, dicono balle pure quando capiscono. Nessuno con un briciolo di cervello ha mai pensato che i tablet sostituissero i personal computer.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: RIP tablet
            - Scritto da: ...
            Il marketing non fa testo. I marchettari non
            capiscono un XXXXX, non hanno mai capito un
            XXXXX, e oltre a non capire un XXXXX, dicono
            balle pure quando capiscono. Nessuno con un
            briciolo di cervello ha mai pensato che i tablet
            sostituissero i personal
            computer.Pochi, molti erano convinti che uno smartphone o un tablet potessero sostituire un pc per tutto.
          • ... scrive:
            Re: RIP tablet
            Ma dove? Mai sentito nessuno affermare una cosa del genere.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: RIP tablet
            Io qualche utente Apple che sosteneva la cosa me lo ricordo ...
          • ... scrive:
            Re: RIP tablet
            - Scritto da: Joe Tornado
            Io qualche utente Apple che sosteneva la cosa me
            lo ricordo
            ...Qualche bimboXXXXXXX che sostiene la XXXXXXX lo troverai sempre, ma credo che nessuna persona che abbia professionalmente mai usato un personal computer potesse sostenere la tesi che un tablet fosse un sostituto. Il target e l'utilizzo è completamente diverso. Poi magari chi faceva del computer un utilizzo solamente occasionale qualche minuto al giorno per leggersi facebook o il sito del corriere può utilizzare anche un tablet, ma come sostituto "globale" del PC è improponibile.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: RIP tablet
            Assolutamente d'accordo. Io li trovo passabili per fruire di qualche contenuto, assolutamente poco pratici per produrne.
          • ... scrive:
            Re: RIP tablet
            Infatti. Non riesco a pensare ad alcun lavoro professionale "serio" che sia possibile fare con un tablet (magari esiste qualcosa, ma la stragrande maggioranza no, dalla programmazione alla fotografia al video-making alla grafica...)
          • chiedere lecito scrive:
            Re: RIP tablet
            - Scritto da: ma per favore
            Notoriamente la gente infatti si porta in giro il
            PC mentre va a fare la spesa, e in ufficioci sono veramente dei mentecatti che vanno a fare la spesa col tablet in mano? (newbie)
          • ... scrive:
            Re: RIP tablet
            Non in mano, nella borsetta o nella borsa dell'ufficio, e non è detto certo che lo usino mentre fanno la spesa, magari semplicemente se lo portano dietro per usarlo altrove. Ma capisco che per un bimbominkia come te queste cose siano sconosciute.
          • allievo scrive:
            Re: RIP tablet
            - Scritto da: ...
            Non in mano, nella borsetta o nella borsa
            dell'ufficio, e non è detto certo che lo usino
            mentre fanno la spesa, magari semplicemente se lo
            portano dietro per usarlo altrove. Ma capisco che
            per un bimbominkia come te queste cose siano
            sconosciute. le donne se lo portano in giro nella pochette,i maschi nel taschino della giacca ahhahahaah"se lo portano in giro per usarlo altrove" aahahahahahahahahahahahse lo portano in giro per fare zavorra, per aumentare la massa muscolare delle gambe ahahahaLe tue perle di saggezza sono inarrivabili maestro
      • ... scrive:
        Re: RIP tablet
        Il tuo avatar sembra un XXXXXspino con il prurito al gomito.
Chiudi i commenti