Dead Trigger, pirati contro zombie

La società di produzione Madfinger Games regala lo sparatutto su dispositivi Android. Troppo elevato il tasso di download illegali. L'app resterà a pagamento su iOS. Torna alla ribalta il problema della pirateria sull'OS di Google

Roma – Un numero “incredibilmente alto” di download illegali, che ha costretto i vertici di Madfinger Games a rinunciare all’obolo di 0,99 dollari per l’acquisto dello sparatutto zombie Dead Trigger tra i meandri del Google Play Store. Tutti gli utenti della piattaforma Android potranno scaricare gratuitamente l’app videoludica .

“Il livello di pirateria è gigantesco – si legge in un comunicato pubblicato su Facebook da Madfinger Games – anche se Dead Trigger costa nemmeno un dollaro. Abbiamo dunque deciso di distribuirlo gratuitamente”. E sarà un’eccezione per i soli utenti Android, mentre i gamer iOS continueranno a dover pagare i 99 centesimi per il download del gioco .

In sostanza, la casa di produzione videoludica conterà sui soli profitti derivanti dagli acquisti in-app . Madfinger Games è solo l’ultima di una lunga serie di aziende che hanno denunciato gli elevati tassi di pirateria sul sistema operativo mobile di Google.

Si ricorda, ad esempio, il caso di Sports Interactive con il suo Football Manager Handheld , vittima di un rapporto di 9 a 1 tra download non autorizzati e app effettivamente vendute su Android . C’è chi ha infatti sottolineato come le applicazioni pirata proliferino molto più facilmente sull’OS di Google che su quello di Apple.

Stando ad un sondaggio pubblicato da Yankee Group e Skyhook Wireless, il 27 per cento degli sviluppatori Android crede che la pirateria rappresenti un “problema enorme” per la diffusione delle applicazioni. L’ultima versione 4.1 – nome in codice Jelly Bean – dovrebbe risultare più sicura.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti