Diritto d'autore, la parola alla Commissione Cultura

Dopo le proteste per l'introduzione del concetto di degradazione web delle opere, PI intervista Pietro Folena, presidente della Commissione Cultura, su diritto d'autore, libertà di panorama, codice Urbani e riforma SIAE

Roma – L’approvazione della modifica alla legge sul diritto d’autore firmata dalla Commissione Cultura nella sera del 21 dicembre scorso, ha suscitato un’ ondata di polemiche fra osservatori ed utenti della rete.

Il nuovo comma 1-bis , lo ricordiamo, prevede la possibilità di utilizzare liberamente sul web “immagini e musiche degradate” per “uso didattico e scientifico”, purché non ci sia scopo di lucro. Da un lato c’è chi saluta con favore la possibilità di pubblicare più o meno liberamente sul Web immagini coperte da copyright, dall’altro un gran numero di osservatori che già dalla mattina del 22 dicembre evidenziava, in varie forme, critiche al nuovo comma.

Altro oggetto del contendere è la riforma della SIAE, trasformata da ente di diritto pubblico ad ente di diritto privato tramite lo stesso disegno di legge s1861 , fatto che la metterebbe al riparo dalle azioni della magistratura amministrativa.

Per capire cosa ha ispirato questo contestato provvedimento, intervistiamo Pietro Folena , presidente della Commissione Cultura che lo ha elaborato.

Punto Informatico: Secondo quanto lei ha dichiarato , il comma 1-bis amplia le possibilità di libero utilizzo previste dal comma 1, “il quale limita la riproduzione alla citazione e al riassunto”. Eppure il comma 1 parla anche di “riproduzione”, e non fa menzione né alla qualità né alla parzialità. Non c’è il rischio, con questa novità, di depotenziare le già magre libertà concesse dall’art. 70?
Pietro Folena: No, l’articolo 70, comma 1, parla chiaro: “Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l’utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali.”
Significa che un’opera protetta da diritto d’autore (salvo ovviamente non sia sotto una particolare licenza) per intero (ad esempio una fotografia) non può essere in nessun caso pubblicata per alcun motivo. Si parla solo di riassunto, citazione o riproduzione di brani. Non dell’opera stessa. Capisce bene che nel caso di una foto di Oliviero Toscani, per fare un esempio, potrei pubblicare forse un particolare, in quanto “brano”, ma non certo la foto intera.
Purtroppo va detto che l’art. 70 concede pochi spazi e libertà rispetto alle esigenze attuali delle libere utilizzazioni. Aveva senso con la carta stampata, ma oggi con Internet è tutt’altra faccenda.

PI: Scendendo più nel merito del testo: perché si è scelto di utilizzare i termini “immagini e musiche” senza menzionare altre tipologie d’opere d’ingegno come il testo scritto, la cinematografia, e così via? Ad esempio: una trasmissione radiofonica contenente solo testo parlato (e non “musica”) non può essere liberamente riprodotta sulla Rete neppure in forma degradata. Non sarebbe stato meglio parlare più generalmente di “opere” (come lo stesso art. 70)?
PF: C’era il problema dei testi. Dare la possibilità di riprodurre un libro per intero, probabilmente non era una cosa fattibile. L’urgenza era rappresentata, per quanto riguarda i blog didattici, dai contenuti visivi e musicali. Per quanto riguarda i testi, il comma 1 dell’art.70 è probabilmente il miglior compromesso.
Riguardo il suo esempio, credo che sarebbe stato utile allargare ai suoni in generale, ma non c’è stato tempo e modo. È stato anzi già molto problematico riuscire ad ottenere un piccolo risultato come questo. Comunque si tratta solo di un piccolo passo, non pretendevamo di riformare le libere utilizzazioni ma solo di aprire una discussione e uno spazio di libertà. Purtroppo la discussione ha preso una piega viziata da un’interpretazione non attinente al testo reale. L’articolo va letto per intero.

PI: E sui tempi di approvazione del “Decreto attuativo” che indicherà, nello specifico, in cosa consistono i limiti a queste libertà, ha un’idea?
PF: Onestamente no. Questo dipende dal ministero.

PI: L’idea comune ad alcuni osservatori è che nonostante l’intento guardasse nella giusta direzione, a causa di vizi di forma si rischia ora di ottenere risultati opposti. Alla luce delle tante critiche, è prevedibile (e, nel caso, auspicabile) un riesame migliorativo del testo?
PF: Credo che non si avranno effetti negativi, poiché la norma è di facile interpretazione. Più che di vizi di forma forse si può parlare di portata troppo limitata. Ma questo era il massimo possibile all’interno di una legge che non riguarda in modo diretto il diritto d’autore ma solo la forma giuridica della SIAE.
Accetto le critiche costruttive però. E saranno preziose. Credo, ad esempio, che dovremo presto acquisire i materiali della Commissione Gambino e incominciare proprio dalle libere utilizzazioni che dovrebbero tornare anche ad avere questo nome, piuttosto che “eccezioni e limitazioni”.

PI: A proposito della Commissione Gambino. Alla luce del lavoro svolto, qual è il futuro della Libertà di panorama e del Codice Urbani nella già tormentata rete italiana?
PF: Credo che occorra stabilire maggiori spazi di libertà. I più ampi possibile: soprattutto in rete. Anche i detentori dei diritti devono capire che è giusto riconoscere queste libertà, e che in buona misura conviene persino a loro.

PI: E nello specifico dei due problemi?
PF: Riguardo alla libertà di panorama sono d’accordo, così come alla revisione del codice Urbani. Trovo ridicolo che Wikipedia non possa pubblicare l’immagine di un quadro rinascimentale custodito in un museo. Wikipedia e il web in generale sono un bene comune come il quadro stesso. Che lo Stato si opponga alla diffusione e alla fruizione di un bene comune è qualcosa che non posso accettare.
Credo che sia stato prezioso il lavoro svolto da varie associazioni e movimenti dentro la commissione Gambino.

PI: Torniamo alle polemiche. Nella stessa proposta di legge è contenuto un altro contestato provvedimento: la riforma della SIAE. Qual è il reale motivo che ha spinto il legislatore a trasformare da ente di diritto pubblico ad ente di diritto privato la Società?
PF: Come è noto i soldi della Siae non sono soldi pubblici, ma privati: degli autori e degli editori. L’anno scorso però il ministero dell’Economia, pur di fare cassa, tentò (senza riuscirci) di prendere risorse anche dal bilancio SIAE. Questa legge mette chiarezza su questo punto.
Faccio notare anche che un ordine del giorno della Commissione impegna il Governo a spingere la SIAE a cambiare le sue regole interne: in modo che gli autori siano più rappresentati degli editori.
Sono consapevole delle critiche alla SIAE stessa e dei limiti e storture di questo modello. Tuttavia una riforma del suo ruolo, alla luce anche della concorrenza europea, deve trovare posto in una riforma della legge sul diritto d’autore complessiva. Questa “leggina” serviva più che altro ad evitare che gli autori, oltre alle imposte, dovessero pure pagare un ulteriore prelievo “forzoso”.

a cura di Luca Spinelli

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • innaig86 scrive:
    Re: Che lamerone!
    - Scritto da: Abarai Renji
    Questa è discriminazione bella e buona.
    Tu mi fai pagare di più un prodotto in base a se
    ti sto simpatico o no praticamente. E'
    discriminazione.
    Te intacchi le mie finanze, anzi ci lucri di più
    non perchè ti stanno simpatici quelli di firefox
    ma ti stanno antipatici gli altri e devono
    pagare.falso, è uno sconto per chi usa firefox, non una maggiorazione per chi non lo usa.è diverso.molte siti online prevedono sconti per chi ha ottenuto dei coupon...che sono in numero limitato e non tutti possono avereè discriminazione anche questa secondo te?la maggior parte delle aziende applicano percentuali di sconto a volumi grandi di acquisto.chi compra poco è discriminato?
    • Abarai Renji scrive:
      Re: Che lamerone!
      ma non hai visto che l'ho postato in risposta dei deliri di certi utenti paladini dell' Open?Per la storia del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto. Te come lo vedi?
      • Severissimus scrive:
        Re: Che lamerone!
        Scusate se mi intrometto, ma a me sembra una pratica molto comune: non vi è mai capitato, ad esempio, di sentire un programma alla radio reclamizzare un centro commerciale, facendo presente che andando lì e dicendo di essere ascoltatori di quel programma si poteva ottenere uno sconto? È una normalissima partnership ampiamente diffusa in ambito commerciale.
  • Savio scrive:
    Panda o Volpe?
    Conosco bene molto animali dato che mi ha sempre affascinato la natura e tutte le sue specie in particolare i mammiferi. Non sapevo che il "panda rosso" fosse un altro nome per identificare il "panda minore" (che conosco bene). Comunque, secondo il mio punto di vista, quella del logo di Mozilla Firefox è una volpe a tutti gli effetti! Il nome è quello del panda rosso ma nel logo c'è una volpe! Il panda minore ha la coda più tondeggiante e a strisce bianche come fossero anelli che l'avvolgono, il muso più corto e macchie sul viso bianche... Nel logo vedo una volpe! Un muso lungo, un colore arancione più acceso di quello che si può attribuire ad un panda minore, una coda molto lunga e spigolosa senza alcuna striscia bianca e le orecchie sono lunghe e a punta a differenza del panda minore che invece le ha un po' pi corte e tondeggianti ma soprattutto bianche! In definitiva, il logo di Mozilla Firefox raffigura una volpe! :P
    • Mau scrive:
      Re: Panda o Volpe?
      Smettila di guardare SuperQuark, fa male sai... ;)http://it.wikipedia.org/wiki/Mozilla_Firefox
    • battagliacom scrive:
      Re: Panda o Volpe?
      allora te lo spiego in modo chiaro e tondo:ilfondfatore di firefox avevo deciso di chiamare la sua società firefox, cioè pando rosso. Però quando qualcuno decise di dare un logo a questo benedetto programma (nn mi ricordo chi)restò affascinato da un disegno giapponese che raffigurava una volpe rossa, cosi da quel dipinto giapponese disegno il logo senza importarsi che firefox significava panda rosso (che in verità è solo un diminutivo che danno gli inglesi, un po come noi chiamiamo gli uccelli passeri senza dare il loro nome scientifico.spero avrai capito! Fino a poco tempo ero ignorante come te in questo argomento!
      • Savio scrive:
        Re: Panda o Volpe?
        Infatti non ho mai detto che gli sviluppatori di Firefox avessero intenzione di usare una volpe come logo del loro prodotto. Ho semplicemente detto che quella che vedo nel logo è una volpe. La mia è solo una considerazione sul logo, poi possono pensarla tutti come vogliono, io dico solo che quella è una volpe!Io non ho letto nulla in giro sulle origini del logo, ho solo espresso una mia considerazione sul logo a chi invece diceva che fosse un panda minore solo perché era quella l'intenzione degli sviluppatori... Come se dicessero: "Quello è un panda rosso perché firefox significa "panda rosso" e quindi gli sviluppatori si sono ispirati a tale animale per il loro software!" Spero d'esser stato più chiaro riguardo il mio commento... :P
  • pietro castoldi scrive:
    panda rosso?
    nel sito che tu metti si vedi si un panda ma in altri siti io non ho visto un panda bensi una volpe...
  • Gonn scrive:
    Che lamerone!
    Un manager che ragiona in questi termini non potrà che estinguersi a breve.Oltretutto la sua mi sembra una scelta sleale, discriminante e miserabile (come quasi tutti i maniaci della volpe opensource), se non addirittura illegaleBye bye Tekfuck!
    • enneci scrive:
      Re: Che lamerone!
      - Scritto da: Gonn
      Un manager che ragiona in questi termini non
      potrà che estinguersi a
      breve.

      Oltretutto la sua mi sembra una scelta sleale,
      discriminante e miserabile (come quasi tutti i
      maniaci della volpe opensource), se non
      addirittura
      illegale

      Bye bye Tekfuck!Mavattelapijanterculo te e internet explorer...
    • www.aleksfa lcone.org scrive:
      Re: Che lamerone!
      - Scritto da: Gonn
      Un manager che ragiona in questi termini non
      potrà che estinguersi a breve.Da quando gli sconti fanno sparire i clienti?
      Oltretutto la sua mi sembra una scelta sleale,
      discriminante e miserabile In che modo? Anche al supermercato trovi prodotti abbinati ad altri con lo sconto, è sleale discriminante è miserabile? Cresci.
      (come quasi tutti i maniaci della volpe opensource)La tua è un'affermazione sleale, discriminante e miserabile. Oltre che senza valore.
      se non addirittura illegaleDa quando è illegale praticare sconti?Stai delirando.
      • Abarai Renji scrive:
        Re: Che lamerone!
        è come dire che a tutte le persone di colore si fa lo sconto e ai bianchi no (o viceversa).Lo sai che in italia non si può negare l'ingresso nei locali pubblici tranne che nei circoli dove possono entrare solo i soci?A me pare una cosa totalmente uguale.
        • Erasmus Jam scrive:
          Re: Che lamerone!
          - Scritto da: Abarai Renji
          è come dire che a tutte le persone di colore si
          fa lo sconto e ai bianchi no (o
          viceversa).
          Lo sai che in italia non si può negare l'ingresso
          nei locali pubblici tranne che nei circoli dove
          possono entrare solo i
          soci?
          A me pare una cosa totalmente uguale.E' un po' come certi siti della pubblica amministrazione che girano solo con IE grazie alle fantastiche estensioni proprietarie della Microsoft. Un esempio? I servizi online dell'INPS. Ma ce ne sono a dozzine. Ben venga il fanatismo pro-firefox. Un sito che gira su firefox quasi mai ha problemi con gli altri browser, mentre quella merda secca di IE taglia le gambe agli altri. Vergogna
          • Abarai Renji scrive:
            Re: Che lamerone!
            ma vergogna di che?E se uso opera?E se uso Safari?E se uso Netscape (pace all'anima sua)Inizia a essere civile e a pensare che i problemi del mondo sono più grandi che scegliere la volpe o un altro browser.Quante seghe mentali che vi fate...
          • cazzabubbol a scrive:
            Re: Che lamerone!
            ah tu sei il p1r L4 che e' riuscito a usare la comparazione iperbolica browser colore della pelle.e ancora posti?
          • www.aleksfa lcone.org scrive:
            Re: Che lamerone!
            - Scritto da: Abarai Renji
            ma vergogna di che?
            E se uso opera?
            E se uso Safari?
            E se uso Netscape (pace all'anima sua)Quel negozio non ti fa lo sconto.
            Inizia a essere civile e a pensare che i problemi
            del mondo sono più grandi che scegliere la volpe
            o un altro browser.
            Quante seghe mentali che vi fate...E cos'è il tuo intervento? Che cosa ti fa sbraitare in modo inurbano per uno sconto del 5% di un negozio australiano?Comunque non è una volpe. Informati.
        • www.aleksfa lcone.org scrive:
          Re: Che lamerone!
          - Scritto da: Abarai Renji
          è come dire che a tutte le persone di colore si
          fa lo sconto e ai bianchi no (o viceversa).E le pecore portano la cravatta.Il colore della pelle non la vendono al supermercato e nemmeno la scarichi dal sito. Ed il razzismo non è un'operazione commerciale. Vergognati, è un paragone offensivo.Si tratta di un abbinamento tra sconto ed un prodotto, tra l'altro gratuito. Se vuoi discutere, almeno fallo in modo sensato...
          Lo sai che in italia non si può negare l'ingresso
          nei locali pubblici tranne che nei circoli dove
          possono entrare solo i soci?Io lo so. E allora?
          A me pare una cosa totalmente uguale.Ridicolo. Rileggi quello che hai scritto, non puoi dire sul serio.
          • Abarai Renji scrive:
            Re: Che lamerone!
            si si guarda come vi rode il sedere quando vi toccano IL PANDA (contento ora)!Questa è discriminazione bella e buona.Tu mi fai pagare di più un prodotto in base a se ti sto simpatico o no praticamente. E' discriminazione.Te intacchi le mie finanze, anzi ci lucri di più non perchè ti stanno simpatici quelli di firefox ma ti stanno antipatici gli altri e devono pagare.Mavavavavavava. Vi piacciono le vostre illazioni rivolte a voi? Idealisti che non sanno ancora immettersi nella vita reale.Almeno a woodstook c'erano delle ragazze non in .jpg o in .avi!
    • Bastard Inside scrive:
      Re: Che lamerone!
      Rosic, ballmerboy, rosic! :p
  • Alberto Turelli scrive:
    Problema noto in VirtueMart
    Pare che il problema sia noto (e sia stato risolto) da tempo dagli sviluppatori dell'applicativo web utilizzato da Tekfix:http://virtuemart.net/index.php?option=com_content&task=view&id=251&Itemid=57
  • ilmassi scrive:
    bella iniziativa
    malgrado i problemi...
    • Tokh scrive:
      Re: bella iniziativa
      - Scritto da: ilmassi
      malgrado i problemi...è una iniziativa che mette in evidenza il fanatismo e la scorrettezza etica di tutto il nano-mondo open source
      • www.aleksfa lcone.org scrive:
        Re: bella iniziativa
        - Scritto da: Tokh
        è una iniziativa che mette in evidenza il
        fanatismo e la scorrettezza etica di tutto il
        nano-mondo open sourceE trovarsi un PC nuovo con una massa di software inutile già installato in versione di prova da pagare mostra la scorrettezza etica ed il fanatismo di chi?Libera la tua mente, pensa liberamente ed usa software libero.
        • enneci scrive:
          Re: bella iniziativa
          - Scritto da: www.aleksfa lcone.org
          - Scritto da: Tokh

          è una iniziativa che mette in evidenza il

          fanatismo e la scorrettezza etica di tutto il

          nano-mondo open source

          E trovarsi un PC nuovo con una massa di software
          inutile già installato in versione di prova da
          pagare mostra la scorrettezza etica ed il
          fanatismo di
          chi?

          Libera la tua mente, pensa liberamente ed usa
          software
          libero.NO!!!!!!!Usa software MicroZoft perchè senza i dementi come te non sarebbe dov'è ora...Certo che se sto qua faceva lo sconto per chi usa IE magari gradiva di più...
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: bella iniziativa
          contenuto non disponibile
          • www.aleksfa lcone.org scrive:
            Re: bella iniziativa
            - Scritto da: unaDuraLezione
            Chi pensa liberamente, sceglie liberamente che
            software usare.L'ho detto io.
            Chi non pensa libera,ente si autolimita la scelta
            come fai tu.1. non conosci le mie scelte2. non conosci me3. non conosci le alternative4. in cosa le mie scelte sarebbero limitate?Il discutere non è cosa per te.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: bella iniziativa
            contenuto non disponibile
  • PD PD scrive:
    link
    http://www.desmm.com/firefox-il-panda-ross-62.html
  • Sgueo scrive:
    Panda rosso?
    In sintesiAccade in Australia, dove un negozio online offre agli utenti che usano il panda rosso uno sconto su tutta la merce. Ma qualcosa s'inceppaPanda rosso? ma non è una volpe? hehe
    • Settelamett e scrive:
      Re: Panda rosso?
      no, è un panda.Informati bene
      • Rogowin scrive:
        Re: Panda rosso?
        Sì, il Firefox è una razza di panda, ma per me i creatori volevano semplicemente fare una volpe rossa...
        • Teddy Bear scrive:
          Re: Panda rosso?
          - Scritto da: Rogowin
          Sì, il Firefox è una razza di panda, ma per me i
          creatori volevano semplicemente fare una volpe
          rossa...Peccato che il logo assomiglia al 100% al panda rosso, e non ad una volpe generica.
          • Josafat scrive:
            Re: Panda rosso?
            Guardando il logo, a me pare proprio una volpe... guardate la coda, ma anche la forma del muso. Non credo proprio che i panda abbiano una coda così lunga.
          • www.aleksfa lcone.org scrive:
            Re: Panda rosso?
            - Scritto da: Josafat
            Guardando il logo, a me pare proprio una volpe...
            guardate la coda, ma anche la forma del muso. Non
            credo proprio che i panda abbiano una coda così
            lunga.Il panda rosso è molto diverso dal cugino più grande in tenuta bianconera, ed è esattamente come nel logo di Firefox (che è il nome inglese del panda rosso)
          • Policy scrive:
            Re: Panda rosso?
            Il creatore del logo ha detto che per fare il logo si è ispirato ad una volpe e non ad un panda rosso. Quindi entrambe le linee di pensiero sono esatte.
      • MeMedesimo scrive:
        Re: Panda rosso?
        - Scritto da: Settelamett e
        no, è un panda.
        Informati benefox= panda ?hanno cambiato l'inglese e non mi hanno informato?
        • www.aleksfa lcone.org scrive:
          Re: Panda rosso?

          fox= panda ?

          hanno cambiato l'inglese e non mi hanno informato?nofox=volpema firefox=panda rosso
          • MeMedesimo scrive:
            Re: Panda rosso?
            http://1nf0rm4t1c0.blogspot.com/2007/12/firefox-volpe-o-panda.htmlla bionda alla fine mha distratto. Cmq mi devo ricredere mozilla.org dice panda ^^
    • Severissimus scrive:
      Re: Panda rosso?
      Forse ne hai sentito parlare come "panda minore":http://it.wikipedia.org/wiki/Panda_minore
      • mariuccia scrive:
        Re: Panda rosso?
        - Scritto da: Severissimus
        Forse ne hai sentito parlare come "panda minore":
        http://it.wikipedia.org/wiki/Panda_minoreper favore non citare wikipedia IT ;) usa l'EN
    • policy scrive:
      Re: Panda rosso?
      - Scritto da: Sgueo
      In sintesi

      Panda rosso? ma non è una volpe? hehetutte le volte che si parla di firefox, ce n'è uno che chiede "Perché panda rosso?".... provare a informarsi?
      • Nostradamus scrive:
        Re: Panda rosso?
        E rispondere gentilmente e semplicemente come ha fatto Severissimus invece di fare i saccenti?
      • ginopilotin o scrive:
        Re: Panda rosso?
        Firefox tradotto letteralmente e' "volpe di fuoco". Che poi in italiano "firefox" sia il panda minore o panda rosso non e' che sminuisca la "fighezza" del nome firefox :)
        • www.aleksfa lcone.org scrive:
          Re: Panda rosso?
          - Scritto da: ginopilotin o
          Firefox tradotto letteralmente e' "volpe di
          fuoco". Letteralmente sarebbe la traduzione di fire fox. La parola firefox, invece indica proprio il panda minore, o panda rosso: è chiamato così proprio per la sua somiglianza estetica con una volpe.
          • pietro castoldi scrive:
            Re: Panda rosso?
            nel sito che tu indichi si vede si un panda rosso ma io in altri siti ho visto una volpe...
          • www.aleksfa lcone.org scrive:
            Re: Panda rosso?
            - Scritto da: pietro castoldi
            nel sito che tu indichi si vede si un panda rosso
            ma io in altri siti ho visto una volpe...Quale sito?
    • Dr. Moreau scrive:
      Re: Panda rosso?
      In realtà è un animale transgenico, ottenuto modificando una volpe con dei geni di panda. E c'è pure Iceweasel, che è un incrocio fra una donnola e un pinguino
    • Pippo scrive:
      Re: Panda rosso?
      Gli inglesi sono strani... fox=volpe e fire=fuoco, ma firefox=panda minore.Come pure cat=gatto e wild=selvaggio ma wildcat=puma,o melon=melone e water=acqua ma watermelon=cocomero......comunqe il logo di firefox è si un PANDA rosso, ma il disegno somiglia molto a una volpe proprio per sfruttare il GIOCO DI PAROLE tra firefox(panda) e fire fox(volpe infuocata)......perchè sapete, i giochi di parole non esistono solo in italiano...
Chiudi i commenti