Disservizi TLC, l'Autorità azzeri gli arretrati

Questione ancora calda quella delle bollette gonfiate da disservizi: ADUC chiede all'Authority TLC che il blocco selettivo possa avere effetti retroattivi

Roma – “L’ Authority TLC è arrivata tardi”. È questo il commento di ADUC in merito all’introduzione – dal 31 marzo, ma con obbligo da fine giugno – del blocco selettivo delle numerazioni secondo la norma del silenzio-assenso, e delle sanzioni ad Elsacom. L’associazione chiede all’Autorità di applicare una sanatoria anche agli utenti che – a tutt’oggi – si sono trovati bollette gonfiate da chiamate che non hanno potuto bloccare.

“L’Agcom poteva pensarci prima” dichiara il consigliere dell’associazione Domenico Murrone, che precisa: “Il decreto 145/2006 e le migliaia e migliaia di contestazioni erano più che sufficienti a intervenire in modo perentorio già due anni fa”. È datato infatti 2 marzo 2006 il Decreto Ministeriale n.145 Regolamento recante la disciplina dei servizi a sovrapprezzo , a cui Telecom Italia aveva peraltro dichiarato di voler ottemperare già lo scorso aprile . Il provvedimento, però, non ha mai trovato reale applicazione e si è giunti a febbraio 2008, con l’ intervento dell’Antitrust , che ha vietato a Telecom Italia di distaccare la linea agli utenti che contestavano il pagamento di telefonate satellitari di cui non si dichiaravano a conoscenza.

“L’Agcom – ha scritto ieri ADUC – solo ieri ha deciso che, per porre rimedio allo stillicidio di bollette gonfiate, da giugno tutti gli utenti che non abbiano manifestato una volontà contraria avranno automaticamente attivato il blocco selettivo delle chiamate per tutte le numerazioni da cui più spesso originano fenomeni truffaldini (satellitari, 899, ecc)”.

“Ma che ne sarà degli arretrati?” chiede l’associazione, accendendo un riflettore su quegli utenti difesi dall’Autorità Garante della Concorrenza del Mercato: Telecom Italia infatti non può distaccare la linea, ma rimane formalmente creditrice verso di loro per gli importi contestati.

“Davanti a Corecom e giudici di pace – prosegue ADUC – ci sono migliaia di utenti che aspettano i rimborsi o una definitiva liberatoria rispetto agli addebiti causati da numeri satellitari o 899. L’Autorità ha intenzione di intervenire, liberando la giustizia da tutti questi contenziosi? Oppure aspetterà altri due anni per trovare una soluzione?”

E l’associazione conclude formulando all’Authority un’ulteriore richiesta: “Anche i numeri che utilizzano i fornitori di loghi e suonerie (tipo 482xx) saranno disabilitati in automatico? Oppure continueremo a ricevere segnalazioni di genitori disperati per addebiti di decine di euro sui cellulari dei loro figli che hanno dai 9 ai 14 anni?”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Io il cellulare non ce l'ho.
    E io appartengo orgogliosamente a quello 0.001% di italiani che il cellulare non ce l'hanno, non lo vogliono e vivono felici.Nessuno che mi rompe le scatole anche al cesso.E un risparmio mensile quantificato in almeno un centinaio di euro.Le effettive chiamate di emergenza fatte col cellulare rappresentano solo lo 0.0001% del traffico telefonico.Tutto il resto e' aria fritta pagata cara!
    • Guido La Vespa scrive:
      Re: Io il cellulare non ce l'ho.
      mmmm... 100 euro...Dipende quanto lo cambi spesso e quanto lo usi.Io ho lo stesso cell da 5 anni.Spendo mediamente 15euro il mese (non lo uso per lavoro).
      • mio nome scrive:
        Re: Io il cellulare non ce l'ho.
        - Scritto da: Guido La Vespa
        Spendo mediamente 15euro il mese (non lo uso per
        lavoro).Io 20 euro l'anno (circa 30 considerando anche il costo dell'apparecchio), ma uso sempre il fisso quando possibile.Il problema è che oggi quasi nessuno ti chiama più al fisso anche se sei in casa.Assurdo!
  • Enjoy with Us scrive:
    Poi si lamentano di non arrivare a fine
    mese!Con una tariffa semiflat con 9 euro al mese, hai solo lo scatto alla risposta di 12 centesimi, con 19 euro hai una vera flat.Ma chi sono i pazzi che continuano a sproloquiare al cellulare? A spendere 50 - 100 euro al mese in ricariche?Poi si lamentano di non arrivare a fine mese, ci credo!!!
  • Alex Supertramp scrive:
    Due è megl' che one
    Per la verità sono tre anni che ci ripetono la stessa cosa.Ormai si è capito che paragonare l'Italia a Germania, Francia e Portogallo (sì, anche al Portogallo) è assolutamente inutile (e dire che qui abbiamo praticamente due telefonini a testa).http://menteindisordine.wordpress.com/
Chiudi i commenti