Domini Internet, Rosa Bianca rimane Rosa Bianca

Domini Internet, Rosa Bianca rimane Rosa Bianca

La decisione del Tribunale di Roma lascia a bocca asciutta il movimento politico e riconosce le ragioni dell'associazione Rosa Bianca
La decisione del Tribunale di Roma lascia a bocca asciutta il movimento politico e riconosce le ragioni dell'associazione Rosa Bianca

Il neonato movimento politico Rosa Bianca intendeva utilizzare i domini “larosabianca.net” e “larosabianca.com” per promuovere online le proprie attività, una eventualità che però non è piaciuta all’Associazione culturale Rosa Bianca già attiva in rete sul dominio rosabianca.org .

L’Associazione ha dunque presentato un ricorso urgente e ha ottenuto una decisione del Tribunale di Roma che ha concordato sull’eccessiva “assonanza” dei nomi. Nella decisione si legge, tra l’altro:
“Come specificato nel ricorso si tratta di un’associazione di cultura e impegno politico, che prende il nome e l’ispirazione da un gruppo di studenti tedeschi che si opposero al regime nazista, e che fin dal 1978 opera con lo scopo di diffondere la cultura cattolico-progressista.
Lo stesso nome dunque non può essere usato da un altro e diverso movimento politico, differente per storia e orientamento politico, essendo quell’uso idoneo a creare confusione ed a ledere l’identità personale dell’associazione ricorrente (…)”

In una nota l’Associazione sottolinea come il Tribunale abbia considerato quei due domini “uso improprio”. Va detto che non appena la posizione del Tribunale è stata resa nota, entrambi i domini hanno iniziato a re-indirizzare gli utenti sul nuovo sito rosabiancaperlitalia.org .

Il Tribunale ha anche deciso che il movimento politico dovrà pagare 8mila euro di spese legali.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 19 mar 2008
Link copiato negli appunti