Domini .tel, ICANN monetizza ancora il web

Sono nuovi, sono freschi, sono ufficiali. E sono sostanzialmente inutili: i nuovi domini di primo livello assomigliano a un social network mignon

Roma – Gettate alle ortiche Facebook, cancellate le pagine personali su MySpace, lasciate perdere LinkedIn: ICANN ha approvato i domini .tel , una nuova denominazione di servizi e portali web che in realtà nasconde una sorta di portale sociale che idealmente vorrebbe raccogliere le informazioni di contatto di un utente o di un’azienda alla stessa stregua di un elenco di abbonati al telefono . Inutile, si dice online, ma con il timbro dell’ufficialità di ICANN.

I domini.tel nascono dall’accordo tra ICANN e la start-up Telnic , a cui viene sostanzialmente appaltata la gestione di una pagina web al momento dell’acquisto del corrispondente dominio.tel. Al contrario di un nome di dominio tradizionale, infatti, le pagine.tel sono popolate direttamente da una società privata anche se vengono regolarmente acquistate dai registrar che gestiscono la commercializzazione degli altri top level domain .

Su una pagina.tel è possibile stipare le informazioni di contatto che più si preferisce inclusi e-mail, siti web personali, aziende, indirizzi, keyword e quant’altro, tutte informazioni indicizzabili dai motori di ricerca ma da cui è possibile sottrarre una serie di dati riservati a cui solo i conoscenti con un account Telnic possono accedere. Un paio di esempi chiarificatori di quel che si va descrivendo sono la pagina.tel di Justin Hayward , direttore delle comunicazioni della società londinese, e quella della stessa Telnic .

Attualmente la vendita dei domini è aperta solo ai detentori di trademark , che potranno far propria una pagina.tel al costo di circa 350 dollari per 3 anni, mentre dal prossimo marzo tutti potranno comprare.tel a destra e a manca per prezzi tra i 10 e i 20 dollari annuali. Sia come sia, il nuovo “prodotto” di dominio esemplifica meglio di mille parole come ICANN intenda procedere verso quella liberalizzazione dell’identificazione di aziende e persone sul web già annunciata e decisa mesi addietro .

Tutto sta ora a valutare a cosa servano in sostanza questi nuovi domini e a chi giovi veramente tutto ciò. Secondo il giudizio (severo) di TechCrunch , i.tel non fanno altro che scimmiottare un qualsiasi portale di social networking proponendo tra l’altro un numero limitato di funzioni che lo renderebbero il servizio più inutile della storia di Internet , nessun consiglio di amministrazione sano di mente vorrebbe di propria volontà acquistare un dominio.tel, ma tutti li compreranno per evitare quei fenomeni di hijacking di brand famosi che tante volte in passato hanno conquistato le cronache non necessariamente informatiche.

L’unica, vera furbata qui l’ha fatta ICANN , continua TC, che ha ammantato di ufficialità l’ennesimo servizio superfluo del web guadagnandoci gli emolumenti della semisconosciuta Telnic.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pilerus scrive:
    Ma Perchè ???
    Come mai avete tolto il link a http://www.niggermania.com/raptorman/shocking/electric.htm che mostrava, anche se in un contesto diverso, quanto si rischia a rubare il rame.Dove vivo io in Sardegna fanno gli assalti alle cabine elettriche delle località di villeggiatura che durante l'inverno sono incustodite....normalmente il lavoro è svolto da zingari e ogni tanto qualcuno ci lascia le penne.Anche se il sito che ospita le foto è xenofobo quella foto è un diritto all'informazione libera....
  • Wolfgang scrive:
    Ladro di rame : le foto
    http://www.niggermania.com/raptorman/shocking/electric.htm
  • soulista scrive:
    Soluzione...
    Per arginare questo terribile fenomeno propongo somministrazioni di dosi di rame controllate e gratuite da parte del servizio sanitario nazionale per i tossicodipendenti da questa sostanza...
  • anonimo scrive:
    L'inutilità del rame
    In genere maggiore è la domanda maggiore è il valore di una cosa. Negli ultimi anni il rame non si usa solo per i cavi elettrici ma per tutti i tubi possibili ed immaginabili.Le tubazioni in ferro durano di più, si intasano più facilmente questo è l'unico difetto, ma si è detto che vanno abbandonate perchè "fanno ruggine" e non sono ecologiche, in più sono difficili da sagomare mentre il rame è più duttile. Che poi l'ossido di ferro non sia letale mentre l'ossido di rame (e certi tubi di scarsa qualità si ossidano con il passaggio dell'acqua molto in fretta) chissenefrega.C'erano i tubi di plastica, riciclabili quanto quelli in ferro od in rame (anche la plastica la si fonde), praticamente eterni, più sicuri ed igienici ma pare che non siano "ecologici" e poi costavano meno, e si sa che si deve poter lucrare in percentuale anche sui materiali.Risultato? Il peso del rame contenuto in un edificio è decuplicato rispetto al passato.Tipico esempio dell'idiozia collettiva che ci affligge.
  • Ciccio scrive:
    F1: L'HONDA SI RITIRA DAL CAMPIONATO
    Ormai su PI si pubblica di tutto, almeno su una F1 un po' di software e hardware ci sono.F1: L'HONDA SI RITIRA DAL CAMPIONATO MONDIALEo ha annunciato il numero uno di Honda Motors, Takeo Fukui, confermando le indiscrezioni sul disimpegno della casa nipponica......
  • z f k scrive:
    acqua calda?
    sono un paio d'anni che anche qui da noi il furto del rame va alla grande.I piu' colpiti sono i cantieri, mi pare in particolare quelli delle ferrovie: cavi e piattine posati il giorno prima strappati via (coi danni conseguenti) durante la notte.Per il resto, di solito sono extracomunitari e i soliti zingari, li si riconosce dai focherelli accesi per staccare l'isolamento dai cavi.Ma c'e' pure una discreta percentuale di "onesti" cittadini, che trovi in corriera con la matassina di cavo dal lavoro o sfasciano caldaie e frighi presso i centri ecologici (con fuga di cfc, btw).And so long... E' un fenomeno discretamente diffuso.Cmq, sarebbe il momento di rivalutare l'alluminio, almeno in certi contesti; fatti due conti, magari i costi dovuti alla minore conduttivita' sono cmq inferiori al costo del rame e dei danni.CYA
  • Undertaker scrive:
    Ecco le foto di un furto
    Foto reali di un furto di rame andato MOLTO male..http://tinyurl.com/6mmaed
    • 01234 scrive:
      Re: Ecco le foto di un furto
      by the way sito di razzisti di m***a
    • Utente Censurato scrive:
      Re: Ecco le foto di un furto
      Per la redazione: potreste gentilmente spiegare su quali basi effettuate la censura di molti post? State diventando veramente scandalosi. Scrivo su PI di media un commento ogni 2-3 settimane ma non ricordo l'ultima volta che sono riuscito a scrivere un reply che sia durato piu' di un paio d'ore - e non sono tra le fila dei troll, tutt'altro.I commenti che seguivano e che sono spariti in questo caso erano:Commento 1: "by the way, sito di razzisti di m*"Commento 2: "Quoto. Pero' certo che e' impressionante :"Ora, sarebbe quantomeno *illuminante* da parte vostra spiegare in quale modo i commenti di cui sopra fossero meritevoli di censura. Personalmente non vedo quali abominevoli flames avrebbero potuto scatenare. Ma se ce lo spiegate magari la prossima volta impareremo a non commettere gli stessi errori.
  • Den Lord Troll scrive:
    tremate
    le uniche banane che presentano lamine di rame nella buccia saranno spolpate in modo che il mondo ne possa beneficiare e vivere finalmente in pace....
Chiudi i commenti