Dorsey riprende le redini di Twitter

Aveva lasciato le sue mansioni da CEO della società nel 2008. Ora uno dei fondatori torna al comando dell'azienda: per tentare di dare la svolta finale in vista della consacrazione

Roma – Il co-fondatore di Twitter, Jack Dorsey, ha annunciato di tornare all’interno della società nel ruolo di presidente esecutivo. L’annuncio definitivo, a prescindere dalle indiscrezioni che circolavano da settimane riportando la notizia, è stato fatto lunedi dallo stesso Dorsey attraverso un messaggio postato sul suo account, nel quale ha dichiarato di essere “entusiasta” di tornare a lavorare per Twitter.

Anche prima dell’annuncio ufficiale – stando a quanto dichiarato a ‘ Associated Press in una recente intervista – Dorsey stava facendo sempre più frequenti visite nell’azienda per apprendere e scambiare idee con i dipendenti della società in merito al software e il servizio.

Dorsey,che aveva fondato Twitter nel marzo del 2006 con Biz Stone ed Evan Williams, aveva abbandonato il suo ruolo alla fine del 2008 , sostituito dapprima da Evan Williams e successivamente da Dick Costolo nell’ottobre del 2010. A seguito delle dimissioni di Williams, Dorsey aveva ripreso una collaborazione settimanale con il popolare servizio a metà tra blog e social network. Dopo aver lasciato Twitter, Dorsey ha fondato Square , una startup che si occupa di gestire sistemi di pagamento online per bancomat e carte di credito, nella quale continuerà ad avere il ruolo di amministratore delegato.

Un portavoce di Twitter ha dichiarato , attraverso una mail di risposta ad una richiesta di AFP, che l’ex CEO di Twitter assumerà un ruolo continuativo e quotidiano per guidare lo sviluppo del prodotti della società. “Non solo Twitter sta sperimentando una crescita record – ha proseguito il portavoce – ma abbiamo anche bisogno di una nuova infrastruttura capace di accompagnarci in questa crescita e che ci permetta di lanciare servizi che renderanno Twitter più immediato, semplice e sempre presente”.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aleph2 scrive:
    Case discografiche senza fondo
    Al solito le case discografiche si rivelano senza fondo.Pare che il punto della contesa sia che le case discografiche vogliano che uno paghi una licenza per ogni device distinto dal quale ascolta.Come se per ascoltare lo stesso disco dovessi comprare un CD per il salotto e uno per la camera da letto. O come se non potesi portarmi i CD in macchina o in montagna con me.Per non dire: Sony quando ha aderito alla DLNA pensava che gli utenti avrebbero dovuto pagare un licenza per ogni device che attaccano alla rete di casa che può fare streaming?Questo dimostra solo quanto sono vecchi...
  • Pippo Muraglia scrive:
    funky music
    :@(atari)(c64)(nolove)(troll) p)(idea)(geek)(ghost)
  • ruppolo scrive:
    "il dispositivo Android"
    Direi che più di ogni altro possa fregiarsi del titolo "terminale" e dipendente da tutti fuorché dal proprietario.Ah, ma è open source (rotfl)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: "il dispositivo Android"
      - Scritto da: ruppolo
      Direi che più di ogni altro possa fregiarsi del
      titolo "terminale" e dipendente da tutti fuorché
      dal
      proprietario.Come l'iphone

      Ah, ma è open source (rotfl)E ti permette di uscire dalla gabbia, mentre l'iphone non lo permette.P.S. : se sei intelligente, c'è una obiezione che potresti fare e che mi metterebbe in difficoltà....
      • ruppolo scrive:
        Re: "il dispositivo Android"
        - Scritto da: uno qualsiasi
        - Scritto da: ruppolo

        Direi che più di ogni altro possa fregiarsi del

        titolo "terminale" e dipendente da tutti fuorché

        dal

        proprietario.

        Come l'iphoneVero, ma "è scritto sull'etichetta".

        Ah, ma è open source (rotfl)

        E ti permette di uscire dalla gabbia, mentre
        l'iphone non lo
        permette.Col cavolo.Per uscire dalla gabbia devi scassinarli entrambi.Ma se io ho scelto di stare nella gabbia non ho motivo di scassinarla.Ben diverso invece è credere di stare all'aperto e ritrovarsi invece in una gabbia più stretta delle altre.
        P.S. : se sei intelligente, c'è una obiezione che
        potresti fare e che mi metterebbe in
        difficoltà....Una sola? :D
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: "il dispositivo Android"

          Col cavolo.
          Per uscire dalla gabbia devi scassinarli entrambi.
          Ma se io ho scelto di stare nella gabbia non ho
          motivo di
          scassinarla.
          Ben diverso invece è credere di stare all'aperto
          e ritrovarsi invece in una gabbia più stretta
          delle altre.Adesso ho capito: tu ti sei chiuso in una gabbia, ma credi di essere libero perchè ritieni di essere fuori dalla gabbia, e che tutto il resto del mondo sia dentro.



          P.S. : se sei intelligente, c'è una obiezione
          che

          potresti fare e che mi metterebbe in

          difficoltà....

          Una sola? :DNon hai trovato nemmeno quella.Una volta eri più abile.
Chiudi i commenti