iPhone pasteggia a carte di credito

Un'idea del fondatore di Twitter trasforma il melafonino in un terminale per accettare pagamenti. Bastano hardware, software e la banda magnetica della propria carta
Un'idea del fondatore di Twitter trasforma il melafonino in un terminale per accettare pagamenti. Bastano hardware, software e la banda magnetica della propria carta

Era stato presentato a dicembre da Jack Dorsey come la sua avventura imprenditoriale post-Twitter e ora Square è stato ufficialmente svelato dopo circa sei mesi di sviluppo. Si tratta in sostanza di un lettore di carte di credito applicabile ad iPhone attraverso il jack da 3,5 mm: la relativa applicazione per iPhone, iPad e iPod Touch è stata approvata recentemente su App Store e la controparte per Android sarebbe in arrivo.

Questa combinazione hardware-software potrebbe aiutare a superare l’ultimo ostacolo posto all’uso delle carte di credito, complesso al di fuori di strutture attrezzate. Ora basta invece registrare un proprio account su squareup.com per poter accettare pagamenti personali tramite la banda magnetica della carta di credito o il codice numerico presente sulla stessa. Ai due metodi di pagamento verrà applicato un aumento di 15 centesimi più il 2,75 per cento del valore della transazione qualora la carta venga “strisciata” e il 3,5 nel caso in cui si renda necessaria la digitazione dei numeri.

Attualmente Square starebbe riscuotendo una notevole fiducia tanto da attrarre finanziamenti da ogni angolo della Silicon Valley per un totale di 40 milioni di dollari provenienti, tra le altre, dalle tasche del co-founder di Twitter Biz Stone. Anche gli osservatori sembrano guardare positivamente al futuro del sistema tanto da definirlo “rivoluzionario”.

Giorgio Pontico

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 05 2010
Link copiato negli appunti