iPhone pasteggia a carte di credito

Un'idea del fondatore di Twitter trasforma il melafonino in un terminale per accettare pagamenti. Bastano hardware, software e la banda magnetica della propria carta

Roma – Era stato presentato a dicembre da Jack Dorsey come la sua avventura imprenditoriale post-Twitter e ora Square è stato ufficialmente svelato dopo circa sei mesi di sviluppo. Si tratta in sostanza di un lettore di carte di credito applicabile ad iPhone attraverso il jack da 3,5 mm: la relativa applicazione per iPhone, iPad e iPod Touch è stata approvata recentemente su App Store e la controparte per Android sarebbe in arrivo.

Questa combinazione hardware-software potrebbe aiutare a superare l’ultimo ostacolo posto all’uso delle carte di credito, complesso al di fuori di strutture attrezzate. Ora basta invece registrare un proprio account su squareup.com per poter accettare pagamenti personali tramite la banda magnetica della carta di credito o il codice numerico presente sulla stessa. Ai due metodi di pagamento verrà applicato un aumento di 15 centesimi più il 2,75 per cento del valore della transazione qualora la carta venga “strisciata” e il 3,5 nel caso in cui si renda necessaria la digitazione dei numeri.

Attualmente Square starebbe riscuotendo una notevole fiducia tanto da attrarre finanziamenti da ogni angolo della Silicon Valley per un totale di 40 milioni di dollari provenienti, tra le altre, dalle tasche del co-founder di Twitter Biz Stone. Anche gli osservatori sembrano guardare positivamente al futuro del sistema tanto da definirlo “rivoluzionario”.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • DarkOne scrive:
    Dovrebbero fare qualcosa anche in italia
    Le condizioni contrattuali per chi sottoscrive un abbonamento oppure un piano ricaricabile con opzioni sono davvero ridicole ed incredibili.La cosa interessante è che, ovviamente, viene pubblicizzato solo il fatto il prezzo e quanti minuti o giga al mese ti viene conXXXXX. Se, invece, vai a leggere il dettaglio contrattuale (cosa che, credo, faccia nessuno) scopri che in realtà quel traffico è puro marketing millantatore.Prima di tutto ti accorgi che fanno pubblicità ingannevole, dato che nelle offerte che millantano tutto compreso (faccio il caso di h3g) non è compreso il canone del telefono.Oltre alle decine e decine di condizioni contrattuali fraudolente, si deve leggere questa sezione:"Per tutti i nuovi attivati a partire dal 29 marzo 2010, oltre alle Condizioni Generali di Contratto in vigore, si applicano le seguenti ulteriori limitazioni:- il volume complessivo di traffico (voce o SMS) mensile verso un singolo operatore, non 3, deve essere inferiore al 60% del traffico totale uscente;- il volume complessivo di traffico (voce o SMS) mensile verso il complesso degli operatori, non 3, deve essere inferiore all80% del traffico totale uscente;- il totale mensile dei minuti di Chiamate ricevute dal complesso degli operatori, non 3, deve essere superiore al 10% dei minuti totali di Chiamate effettuate nel mese;- il volume complessivo di traffico (voce o SMS) mensile effettuato e/o ricevuto in Roaming Nazionale deve essere inferiore al 70% del traffico totale uscente e/o entrante.Qualora dai sistemi di rete 3 non risultasse soddisfatta anche una sola delle condizioni sopra indicate, previa comunicazione al Cliente, 3 si riserva la possibilità di applicare le condizioni economiche previste dal Piano Tariffario TuaNove."Queste non sono condizioni contrattuali, sono delle vere e proprie frodi e non credo di esagerare con le parole. E lo fanno TUTTI gli operatori...e nessuno fa nulla.
Chiudi i commenti