Dottrina Sarkozy, la Nuova Zelanda ci riprova

La revisione della norma è in corso. Attesa agli antipodi

Roma – La scure deve calare sugli utenti che scaricano illegalmente. La Nuova Zelanda ci riprova, annunciando che tornerà alla carica, nel mese di luglio, con il controverso Copyright Act. Un periodo di tre settimane per vagliare una nuova scrittura della legge che mirava a scollegare dalla rete tutti gli utenti che si fossero dimostrati recidivi nel violare la proprietà intellettuale .

Al Ministero per lo Sviluppo Economico c’è un’atmosfera in vivace fermento. Funzionari ed esperti di diritto e Internet sono già al lavoro per riformulare i punti più controversi della norma, in modo da presentarla il prossimo mese ai detentori dei diritti e agli ISP.
Una decisione dal forte odore di rivalsa, dopo le forti mobilitazioni da parte dei netizens neozelandesi. Contestazioni appoggiate anche da provider come Telstra Clear che non se la sono affatto sentita di negare agli utenti un diritto fondamentale come quello di navigare, come recentemente sancito in Francia.

Il Primo Ministro era già intervenuto per calmare gli animi: la sezione 92A della legge non sarebbe entrata in vigore così come scritta. Nessuna clausola da “tre colpi” prima di staccare il pirata dalla rete intera. Il portavoce del ministero Simon Power assicura che la questione sarà attentamente vagliata. Probabilmente per evitare di fare la stessa fine della dottrina Sarkozy e della sua HADOPI, bocciata recentemente perché ritenuta non conforme ai dettami del Consiglio Costituzionale.

L’idea francese, tuttavia, piace ancora alla Nuova Zelanda che cercherà di arrivare ad accordi molto difficili. Il governo non spiega effettivamente se la questione dei “tre colpi” verrà risolta né come si possa mettere d’accordo ISP, proprietari di contenuti ed utenti.
L’obiettivo è di portare la revisione di legge al Parlamento entro settembre o al più ottobre. (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CSOE scrive:
    Adesso speriamo in MySql
    Sarebbe l'ora di farne un prodotto completo closed.
    • Alessandro scrive:
      Re: Adesso speriamo in MySql
      - Scritto da: CSOE
      Sarebbe l'ora di farne un prodotto completo
      closed.Si farà, si farà ...confluira più o meno rapidamente in Oracle XE ...Alessandro
      • attonito scrive:
        Re: Adesso speriamo in MySql
        - Scritto da: Alessandro
        - Scritto da: CSOE

        Sarebbe l'ora di farne un prodotto completo

        closed.

        Si farà, si farà ...
        confluira più o meno rapidamente in Oracle XE ...

        Alessandrono, lo faranno dirare ancora un po' peggiorandolo sempre piu' ad ogni versione, fino a quando, esasperati, gli utenti caleranno le brache e caccieranno quei 30-40mila euro per un "oracol" 10.x.y Enterprise Edition o come si chiama.
        • nome e cognome scrive:
          Re: Adesso speriamo in MySql

          no, lo faranno dirare ancora un po' peggiorandolo
          sempre piu' ad ogni versione, fino a quando,
          esasperati, gli utenti caleranno le brache e
          caccieranno quei 30-40mila euro per un "oracol"
          10.x.y Enterprise Edition o come si
          chiama.30-40 mila? Lol... aggiungi uno o due zeri a seconda del numero di utenti e cpu.
    • pabloski scrive:
      Re: Adesso speriamo in MySql
      quanto ti pagano per sparare queste XXXXXXX?no sul serio, se la paga è buona vengo a lavorare pure io
    • Pruffolo scrive:
      Re: Adesso speriamo in MySql
      Si guarda io ho appena comprato una Dacia e non funziona un c., sai perché? Perché le centraline sono tutte open source, però al - domani mi compro un adattatore seriale e riflasho tutto, così guadagno 60 CV.Ah, pure con il frullatore mi è capitato. Quando ci metto dentro le noci per fare i pesto mi da sempre un errore "kernel panic".
    • LtWorf scrive:
      Re: Adesso speriamo in MySql
      Come se potessero...
  • diodo scrive:
    Da correggere
    Il progetto Rock prometteva un proXXXXXre con 16 core ognuno dei quali capace di elaborare 16 thread (e non 2) per un totale di 256 proXXXXXri virtuali.
    • Alessandro Del Rosso scrive:
      Re: Da correggere
      I thread in esecuzione simultaneamente possono essere soltanto 2. Trovi un approfondimento qui:http://news.cnet.com/8301-10784_3-6152908-7.html
    • Alessandro scrive:
      Re: Da correggere
      - Scritto da: diodo
      Il progetto Rock prometteva un proXXXXXre con 16
      core ognuno dei quali capace di elaborare 16
      thread (e non 2) per un totale di 256 proXXXXXri
      virtuali.Si, ma avendo due ALU i thread simultaneamentein esecuzione sarebbero stati solo due.L'avevo letto su arstechnica dovrei andare a cercareper postarti il link ...CiaoAlessandro
  • BSD_like scrive:
    IBM RS/6000 Power6
    "Rock avrebbe dovuto competere testa a testa con i Power6 di IBM e le nuove generazioni di Intel Xeon"Ma che cavolo scrivete??????Và bene SUN Sparc/Rock che competa o tenti di competere con i Power6 ma .... Intel Xeon?!?!?!?!AHAHAHAHAHAHAHÈ come paragonare una Ferrari (il Power) con la 500 FIAT (lo Xeon).Ma lo sapete che i Power sono le cpus general pourpouse più potenti e performanti attualmente esistenti??? E staccano nettamente l'altra robaccia Intel (e purtroppo HP) Itanium.E si parla di Power6; l'arrivo sul mercato di Power7 adesso in fase di studio/test porta i distacchi dalla robaccia CISC Intel/AMD ancora più pesanti.Un simile paragone, nemmeno era da pensare!!!
    • Soio scrive:
      Re: IBM RS/6000 Power6
      Da tempo le CPU intel, di fatto, non sono più CISC...
      • Becero scrive:
        Re: IBM RS/6000 Power6
        - Scritto da: Soio
        Da tempo le CPU intel, di fatto, non sono più
        CISC...Non sono neanche RISC, a intel la sola parola fa venire l'orticaria, gli brucia ancora il fiasco di i860. Ultimamente faceva eccezione solo per gli XScale, su architettura ARM, ma ha ceduto tutto tranne le sottofamiglie di XScale IOP e IXP.
    • Trunk scrive:
      Re: IBM RS/6000 Power6
      - Scritto da: BSD_like
      "Rock avrebbe dovuto competere testa a testa con
      i Power6 di IBM e le nuove generazioni di Intel
      Xeon"...
      Un simile paragone, nemmeno era da pensare!!!Hmmm...da questi dati http://www.spec.org/cpu2006/results/cpu2006.htmlsi leggeIBM System p 570 con 1 core a 4.7 GHz raggiunge 21.6 di IBM System x 3350 caon 2 core attivi a (Intel Xeon E3120 3 GHz) raggiunge 26.3.Cercando di fare un confronto diretto, se dividi per due (lo Xeon ha due core contr uno )viene 13.15 ovvero:Power6: 21.7@4.7 GHz=4.6 per GHzXeon: 13.15@3.0 GHz=4.4 per GHzpoi sarebbe ad vedere lo score/watt che oggi è quello che preme di più.
    • nome e cognome scrive:
      Re: IBM RS/6000 Power6

      Un simile paragone, nemmeno era da pensare!!!E' arrivato l'espertone...
      • crosty scrive:
        Re: IBM RS/6000 Power6
        - Scritto da: nome e cognome

        Un simile paragone, nemmeno era da pensare!!!

        E' arrivato l'espertone...è arrivato il bimbominkia
  • attonito scrive:
    Nel momento in cui si scrive l'azienda..
    e quindi che scrivi a fare?
    • belze scrive:
      Re: Nel momento in cui si scrive l'azienda..
      scrive per far scendere il valore delle azioni di oracle&sun?
      • Federico scrive:
        Re: Nel momento in cui si scrive l'azienda..
        Di solito mi piace insultare PI in tutti i modi possibili, però cerco anche di essere un minimo imparziale: secondo te è PI che vuole far scendere Oracle in borsa? Non sarà piuttosto qualche concorrente, che ha fatto mettere in giro voci ad hoc? Mi dispiace dirtelo, ma il capitalismo moderno crollerebbe se le multinazionali non potessero usare questi trucchetti apparentemente infantili. E io sarei felice. Ma temo che non accadrà presto.
        • SonoIO scrive:
          Re: Nel momento in cui si scrive l'azienda..
          - Scritto da: Federico
          Non sarà piuttosto
          qualche concorrente, che ha fatto mettere in giro
          voci ad hoc? Mi dispiace dirtelo, ma il
          capitalismo moderno crollerebbe se le
          multinazionali non potessero usare questi
          trucchetti apparentemente infantili. Perché?
          E io sarei
          felice. Ma temo che non accadrà
          presto.Studente o statale? :-)
    • Federico scrive:
      Re: Nel momento in cui si scrive l'azienda..
      Se i telegiornali avessero aspettato un comunicato stampa di Bush per avvisarci della seconda guerra del golfo... non ne avremmo mai saputo nulla.
      • crosty scrive:
        Re: Nel momento in cui si scrive l'azienda..
        - Scritto da: Federico
        Se i telegiornali avessero aspettato un
        comunicato stampa di Bush per avvisarci della
        seconda guerra del golfo... non ne avremmo mai
        saputo
        nulla.pensi che se innvece avessero preannunciato l'avvento di un calabrone con du testicoli come due ova sode l'avremmo saputo?
Chiudi i commenti