Dreamworks, la terza dimensione dei brutti film

Il CEO della major contro i film 3D posticci. Bisogna concentrarsi sul progresso e sull'arte, non semplicemente mungere la terza dimensione
Il CEO della major contro i film 3D posticci. Bisogna concentrarsi sul progresso e sull'arte, non semplicemente mungere la terza dimensione

Il CEO di Dreamworks Jeffrey Katzenberg non è affatto convinto dei film 3D.

Proprio il vertice del produttore di Shrek e di film in 3D come Dragon Trainer critica questo tipo di visione: gli studi cinematografici, dice Katzenberg, preferiscono arraffare pochi soldi e subito, piuttosto che migliorare lo stato dell’arte della tecnologia o concentrarsi sull’offrire un film che effettivamente aggiunga qualcosa.

Un esempio di questa pratica è la conversione al 3D all’ultimo momento di Clash of the Titans , secondo Katzenberg “il momento più basso” della tecnologia.

Naturalmente i film in 3D di Dreamworks, secondo l’oste il suo CEO, sarebbero l’eccezione alla regola, ma questa è un’altra questione.

In ogni caso sono vari i modi in cui potrebbe essere migliorato il 3D: uno, per esempio, come accenna Katzenberg, è che i produttori evitino di farne un elemento posticcio a qualsiasi nuova uscita, un’altra piccola cosa potrebbe essere la collaborazione con le sale per evitare le proiezioni siano troppo scure.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti