DSi XL pronta a sbarcare in USA

Anticipando di poco l'uscita sui mercati europei, l'ultima revisione della vendutissima console portatile di Nintendo arriverà nei negozi nordamericani questo week end

Roma – Nintendo ha annunciato che la sua nuova console portatile DSi XL, introdotta in Giappone lo scorso novembre, debutterà negli Stati Uniti il prossimo 28 febbraio. Questo lancio dovrebbe anticipare di un paio di settimane quello europeo, che rimane fissato per il 5 marzo.

DSi e DSi XL Negli USA il nuovo modello di Nintendo DS verrà venduto al prezzo di 190 dollari, 20 in più rispetto al prezzo di lancio della DSi standard e 10 dollari in meno della cugina da salotto, la Wii. In Europa, dove la nuova DS può già essere preordinata su numerosi negozi online, il prezzo di listino sarà di 180 euro.

La DSi XL mantiene le caratteristiche principali della DSi, quali il doppio schermo, la doppia fotocamera, il supporto all’audio virtual surround e il DSi Shop, ma la dimensione dei due display passa dai precedenti 3,25 pollici agli attuali 4,2 pollici (10,7 centimetri). Se si fa il confronto con i primi due modelli di DS, che avevano un display da 3 pollici, la differenza diventa ancor più marcata. Per motivi di compatibilità, però, la risoluzione dello schermo rimane di 256 x 192 pixel.

Nintendo afferma che gli schermi maggiorati favoriscono l’uso della sua console da taschino come uno strumento con cui fare “esperienze sociali”, quali scattare, modificare e condividere foto, chattare, navigare su Internet, consultare dizionari multilingua ecc.

Schermi con diagonale più generosa consentiranno inoltre a Nintendo di veicolare su DSi XL una selezione di ebook interattivi, alcuni dedicati ai più giovani altri ad un pubblico più maturo. La prima collezione di libri elettronici per DSi XL porterà il nome di 100 Classic Books , e per 20 dollari offrirà le sempreverdi opere di autori come Melville, Twain, Stevenson e Shakespeare.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • harvey scrive:
    Continueranno fino a quando
    la gente smetterà di comprare, poi si troverà un accordoE' sempre il solito problema, chi ha potere non fa nulla. Se i consumatori cominciassero a scioperare nell'acquisto di musica e film, non ti preoccupare che queste leggi verrebbero subito ritirate
Chiudi i commenti