E' un telefono? No, è una cimice

Costa meno di un impianto di sorveglianza e può dare risultati soddisfacenti: è un telefono che ascolta ciò che avviene in un ambiente e lo spiffera al suo proprietario

Roma – Il suo aspetto è quello di un comunissimo (e forse anche un po’ vetusto) apparecchio telefonico. In realtà si tratta di una “cimice” travestita da telefono, adatta per essere integrata in un sistema di sorveglianza ambientale.

Il suo nome è TeleSpy Motion Detecting Phone ed è in vendita al prezzo di 84,99 dollari (65 euro circa) sul sito Smarthome (al momento, non risulta disponibile a magazzino).

L'insetto Grazie al sensore di movimento e al microfono nascosti dal guscio telefonico, consente di monitorare 24 ore al giorno eventuali intrusioni.

“Se qualcuno entra in casa tua – si legge nella presentazione dell’apparecchio – il telefono ti chiamerà a qualunque numero tu abbia specificato e ti consentirà di ascoltare l’ambiente sorvegliato per 30 secondi, un tempo sufficiente per capire se l’intruso è un amico o un nemico”.

Nessuno, ovviamente, vieta ad un utente di utilizzare questo telefono per sapere che cosa la gente dice alle proprie spalle. Ma questo non è sorvegliare, è origliare, e fa venire i peli sui palmi delle mani.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • davideDiBar i scrive:
    l'ennesima distro inutile
    sempre più distrosempre più caossempre più dispersione di risorsesempre meno utenti linux
    • Ettore scrive:
      Re: l'ennesima distro inutile
      I punti 2 e 4 sono palesemente falsi
      • ... scrive:
        Re: l'ennesima distro inutile
        Dipende dai punti di vista: sicuramente non sono falsi da quello di una software house non disposta ad aprire il proprio sedere alla follia di stallman
        • pantof scrive:
          Re: l'ennesima distro inutile
          guarda che il software nasce open souce e solo dopo le societa' hanno fiutato l'affare e hanno chiuso i sorgenti stallman e arrivato molto dopoio nn capisco nel mercato delle auto ogni marca ha una 10 di modelli diversi e ci sono una ventina di marche diverse tutto questo lo chiamate caos? a me sembra liberta' di scelta
    • Ken Shiro scrive:
      Re: l'ennesima distro inutile
      io non so se avete capito una cosa fondamentale, che possono esistere anche 2837465384756346 distro, ma la cosa importante è che queste distro sono tutte compatibili fra loro perchè Linux (che è il nome del Kernel) è uno solo, il desktop o firefox ecc... sono programmi che fanno svolgere al kernel determinate operazioni, nient'altro, inoltre in una recente intervista Torvalds ha detto che da ora in poi si concentreranno ad apportare migliorie al Kernel e correggere problemi in modo tale da favorire lo sviluppo di applicazioni senza stravolgere tutto ad una nuova versione del kernel, questo significa che se un programma è stato scritto quando esisteva il kernel 2.6.18, questo funzionerà anche sul kernel 2.6.80 senza toccare i sorgenti, ed è un bel passo in avanti rispetto a prima.Ciao ;)
      • ... scrive:
        Re: l'ennesima distro inutile
        Non basta il kernel. Ci sono anche tutte le librerie. Dal momento che i maintainer delle varie distribuzioni non si prendono la patata bollente di garantire la compatibilità con tutto e tutti lo fai te al loro posto ?
    • Roberto Di scrive:
      Re: l'ennesima distro inutile
      - Scritto da: davideDiBar i
      sempre più distro
      sempre più caos
      sempre più dispersione di risorse
      sempre meno utenti linuxNe sei sicuro?
    • ale cava scrive:
      Re: l'ennesima distro inutile
      Perchè non ti informi prima di parlare? http://distrowatch.com/weekly.php?issue=20070827#stats leggi fino alla fine e vedi che forse la realtà è l'esatto contrario di quello che dici tu. Ultimamente i commenti agli articoli sono sempre pieni di persone che parlano contro GNU/Linux ma vivono nell'ignoranza informatica più totale....
    • R.M.S. scrive:
      Re: l'ennesima distro inutile
      Nuove distro mi possono anche stare bene.Tuttavia non c'è motivo alcuno perché queste debbano venire insozzate da driver e da altri programmi proprietari.
    • George scrive:
      Re: l'ennesima distro inutile
      - Scritto da: davideDiBar i
      sempre più distro
      sempre più caos
      sempre più dispersione di risorse
      sempre meno utenti linuxe sempre più troll
  • Pejone scrive:
    Se ne sentiva la mancanza
    Di una distro simil Ubuntu che include (cito dal testo) driver e applicazioni proprietari Un bel passo indietro...
    • ... scrive:
      Re: Se ne sentiva la mancanza
      Un bel passo in avanti invece. Se non ti piacciono i driver proprietari fai il piacere di scriverne te di open e di qualità uguale (anche senza accesso alle specifiche del hw)
      • ??? scrive:
        Re: Se ne sentiva la mancanza
        Guarda, scrivere driver migliori di quelli Ati non deve essere così infattibile :D:D:D
        • George scrive:
          Re: Se ne sentiva la mancanza
          - Scritto da: ???
          Guarda, scrivere driver migliori di quelli Ati
          non deve essere così infattibile
          :D:D:Dattendiamo di vedere cosa sai fare....bah
        • ... scrive:
          Re: Se ne sentiva la mancanza
          Non mi riferisco solo ad Ati ma di tutti i produttori esistenti. Visto che la cantate tanto che un utente linux vuole sfruttare a fondo il proprio computer fate il piacere di fornirgli i migliori driver del mondo anche costo di compiere miracoli a raffica altrimenti accettate "l'intrusione" di materiale proprietario.
    • Roberto Di scrive:
      Re: Se ne sentiva la mancanza
      - Scritto da: Pejone
      Di una distro simil Ubuntu che include (cito dal
      testo) driver e applicazioni
      proprietari

      Un bel passo indietro...Perché?PS: uso Debian
      • Asparago scrive:
        Re: Se ne sentiva la mancanza
        Appare chiaro che trattasi dell'ennesimo tentativo di inquinare qualcosa di bello (Ubuntu) con materiale proprietario.
  • ciko scrive:
    Re: mepis
    in realta' Linspire pacchettizzera' CNR per ubuntu, niente di piu'...Il package manager di Ubuntu dovrebbe rimanere lo stesso
  • pippo scrive:
    Sempre piu' pasticci in casa linux
    ci mancava solo una ennesima distro...questa volta sfruttante appieno il lavoro open, ma sponsorizzata da una sociat' amica di ms.... chi ci capisce qualcosa e' bravo...un conto e' suse e opensuse....redhat e fedora...ma questa? Da dove vengono quelli di linspire? Pochi affari? Ubuntu e' piu' trendy?
    • Fabrizio scrive:
      Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
      sempre a criticare: "le distro sono troppe". Chi si lamenta di questo problema non usa linux e non vuole usarlo quindi non sputi nel piatto dove mangiano gli altri.Poi la distro c'è da anni se non ricordo male (potrei dire una cavolata grossa) è quella che ha rilevato il codice di corel linux
      • iced scrive:
        Re: Sempre piu' pasticci in casa linux

        Poi la distro c'è da anni se non ricordo male
        (potrei dire una cavolata grossa) è quella che ha
        rilevato il codice di corel
        linuxNo, Linspire è quella che si chiamava Lindows (come riportato in altro commento).La distro Corel adesso è Xandros.
    • Ageing drummer boy scrive:
      Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
      - Scritto da: pippo
      ci mancava solo una ennesima distro...questa
      volta sfruttante appieno il lavoro open, ma
      sponsorizzata da una sociat' amica di ms.... chi
      ci capisce qualcosa e'
      bravo...

      un conto e' suse e opensuse....redhat e
      fedora...ma questa? Da dove vengono quelli di
      linspire? Pochi affari? Ubuntu e' piu'
      trendy?Beh, se tu non conosci Linspire, ex Lindows (anni ha dovuto cambiare nome dopo che una causa intentata da MS ha costretto l'azienda e il prodotto a cambiare nome, perché Windows non è un nome generico... e certo, mica vuol dire "finestra"! Le finestre le ha inventate Bill Gates, così come Internet... vabbò)...Comunque, se tu non conosci Linspire, informati prima di postare, così fai una figura migliore.A meno che non sei uno dei soliti troll che parla tanto per parlare, e meno cose sa più post produce.
      • Nemo scrive:
        Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
        Ma se le finestre le ha inventate bill gates, allora gli U2 fanno pubblicità occulta a Microsoft con la canzone Window In The Sky?
        • capoccione scrive:
          Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
          - Scritto da: Nemo
          Ma se le finestre le ha inventate bill gates,
          allora gli U2 fanno pubblicità occulta a
          Microsoft con la canzone Window In The
          Sky?Window != Window s Ora commercializzo un SO che si chiama "the", poi voglio vedere tutto gli anglosassoni :@ !
      • Anziano scrive:
        Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
        - Scritto da: Ageing drummer boy

        Beh, se tu non conosci Linspire, ex Lindows (anni
        ha dovuto cambiare nome dopo che una causa
        intentata da MS ha costretto l'azienda e il
        prodotto a cambiare nome, perché Windows non è un
        nome generico... e certo, mica vuol dire
        "finestra"! Le finestre le ha inventate Bill
        Gates, così come Internet... vabbò)...Se ricordo bene Linspire non ha perso la causa: a un certo punto M$ gli ha fatto un'offerta milionaria per chiudere la questione e Linspire ha semplicemente accettato... perciò non ha "dovuto" ma ha "voluto" cambiare nome.Perciò stai tranquillo che nessun giudice dirà mai che il nome "finestra" è brevettabile!
      • ciko scrive:
        Re: Sempre piu' pasticci in casa linux

        ... ha costretto l'azienda e il
        prodotto a cambiare nome, perché Windows non è un
        nome generico... in realta' la causa non si e' mai fatta, e Lindows ha cambiato nome in cambio di molte licenze su brevetti e formati made in Redmond. Sospetto che il nome era stato scelto apposta per ottenere qualcosa in cambio...Robertson e' sempre stato un vecchio volpone...
      • Teo scrive:
        Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
        Il desktop a finestra lo ha inventato se non sbaglio la apple e prima ancora di windows c'era l'amiga con il workbench
    • allhoa scrive:
      Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
      Quando si scrive tanto per scrivere.... escono i post come i tuoi; il senso di quello che dici è quello di parlare male di linux sempre e comunque, senza neanche pensare che cosa significa "casa linux", cioè nulla.
    • Roberto scrive:
      Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
      Ma sta zitto!Il futuro è Linux...Ormai se non ne conosci un po' di amministrazione non trovi più lavoro come sistemista.E bisogna conoscere PHP ed un paio di framework e CMS opensource quanto o meglio di .NET.Le banche ci stanno migrando. Le P.A. ci stanno migrando. E Ubuntu è ormai il punto di riferimento per il desktop facile.Tanto è vero che i geek si stanno spostando su Gentoo o si tengono stretta la Slacky ed aggiungono un *BSD alle loro competenze e passioni.Dove lavoro adesso l'80% usiamo Linux, i server sono tutti Linux, e Windows lo ha solo qualcuno per scelta propria e la segretaria imbranata.L'Italia è in ritardo ma come un diesel piano piano si sta avviando... E tu che stai qua a scrivere idiozie facendo la figura del cretino? Vai a studiare Linux va'... Che domani dovrai averci sempre più a che fare.
    • Roberto scrive:
      Re: Sempre piu' pasticci in casa linux
      Ciao furbacchione!Vai a studiare Linux invece di scrivere stupidaggini in giro per i forum perché ormai più del 50% dei mestieri nel mondo dell'IT lo richiedono.Ed in futuro sarà sempre più diffuso, e quindi peggio per quelli come te.
Chiudi i commenti