EA taglia, Panasonic pure

Due attori di prima grandezza dei rispettivi palcoscenici devono operare scelte difficili. Soprattutto per i lavoratori che finiscono a casa. E c'è preoccupazione per il prosieguo del 2009

Roma – All’inizio sembrava che non fosse poi una situazione così complicata, ma le cose sono andate peggiorando con il passare dei mesi. E alla fine, a Electronic Arts non è rimasto che guardare in faccia alla realtà e operare dei tagli drastici : che spostano in avanti la data di uscita di titoli molto attesi, e soprattutto che spediscono a casa una fetta importante dei suoi dipendenti.

A novembre EA si dichiarava tranquilla, e prospettava al massimo sessanta licenziamenti: una mossa da giocare in anticipo per risparmiare qualche soldino e tenere in ordine le cose in azienda, niente di più. Ma poi le vendite non devono essere andate così bene a natale , visto che i risultati presentati per il trimestre chiusosi il 31 dicembre hanno fatto registrare una crescita pressoché piatta del fatturato e gettato le basi per una gestione molto complessa dei conti nel prossimo futuro.

Nel complesso, le entrate del produttore di videogame si sono assestate su 1,74 miliardi di dollari (1,35 miliardi di euro). Un valore quasi identico allo scorso anno: fatti i dovuti conti, tutto questo si trasforma in una perdita di 641 milioni di dollari nel trimestre, pari a 2 dollari ad azione, e le cose non andranno meglio alla fine dell’anno fiscale. Per allora si prevede di chiudere con un fatturato di 4,1 miliardi di dollari (3,2 miliardi di euro) e un dividendo negativo di 35 centesimi ad azione: entrambi valori ben al di sotto delle stime degli analisti.

Non resta dunque che procedere ad una massiccia ristrutturazione aziendale, che manderà a casa 1.100 dipendenti garantendo un risparmio di circa 65-75 milioni di dollari grazie alla chiusura di 12 diverse strutture – e causerà lo slittamento nell’uscita di titoli come The Sims 3 . EA ha fatto anche sapere che, in futuro, porrà maggiore attenzione allo sviluppo di titoli per la console Nintendo Wii.

Non è andata molto bene neppure a Panasonic , che dopo il cambio di nome ora deve affrontare uno dei peggiori bilanci della propria storia: a pesare sulle casse del gigante giapponese il calo della domanda dovuto alla crisi economica mondiale. Solo nell’ultimo trimestre la perdita registrata è stata di 710 milioni di dollari (552 milioni di euro), ma con una proiezione del passivo per la chiusura dell’anno fiscale di 4,25 miliardi di dollari (3,3 miliardi di euro). Nel totale, in ogni caso, vanno anche conteggiate le spese sostenute per l’acquisizione nel 2008 di Sanyo.

Cifre che comunque rimangono importanti e che costringono Panasonic a tagliare almeno 15mila posti di lavoro , metà dei quali in Giappone. Ad essere interessate saranno soprattutto alcune fabbriche nel paese del Sol Levante, che da sole varranno la metà dei tagli promessi. Paradossalmente, alla ex-Matsushita è andata peggio che a Sony : quest’ultima, sebbene avesse annunciato nei giorni scorsi un calo del 95 per cento nel fatturato rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, per la fine dell’anno fiscale si augura di riuscire a contenere le perdite un filo sotto i 3 miliardi di dollari . Sarà la prima volta in 14 anni che Sony farà registrare un bilancio in rosso.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Edomello scrive:
    Deluso
    Ignaro di tutto, mi sono messo a ritoccare un video che avevo fatto un paio d'anni fa, inserendo delle canzoni di quello che allora era il mio gruppo preferito (tra l'altro le citavo anche nel video), e mi sono visto rimuovere l'audio perché non avevo i diritti per utilizzarlo, rendendolo pressoché inutile.La stima che avevo nel portale è colata a picco, e francamente mi è passata anche la voglia di upparci video..
  • dan scrive:
    cambiare
    non esiste solo youtubema di similari ce ne sono a centinaiabasta cercare
  • Sgabbio scrive:
    Nessuno parla della EMI ?
    Strano che nessuno ne abbia parlato ma la EMI, usava l'arma della violazione del Copyright (che puo causare la cencellazione dell'accunt), per eliminare tutte le prese in giro dedicate ai Dari.Moltissimi hanno subito questa censura con tanto di lettera minatoria.Veramente curioso che nessuno abbia detto niente :D
  • foca scrive:
    YouTubeGoogle sono solo uno dei tanti..
    Ci sono altri portali video di riferimento. una volta subita la censura, e' sufficente spostarsi su questi altri.e non verra' mai il momento in cui "tutti saranno censurati", perche' e' cosi' la rete ... si diffondono piu' in fretta i portali che guadagnano dal far mettere i video online mentre le minacce e le tecnologie della warner bros saranno sempre le stesse.YT/Google vengono presi di mira perche' monopolisti dei video, quindi per un mero rapporto sforzo/effetto, conviene alla warnerbros far cosi'. ma e' solo una scalpellinata ad un iceberg, nulla piu'.forza!
  • Marco Ravich scrive:
    Eppure basterebbe...
    ...supportare le Creative Comons !http://www.creativecommons.it/
  • pchan scrive:
    la colpa è di Mosconi
    è colpa sua se i suoi filmati sono così visti su youtube?
  • paolo scrive:
    che schifo
    questi porci della Warner meriterebbero un boicottaggio di massa, sono scesi in tutti i settori persino nella musica classica, fai un clip usi Beethoven e ti viene dopo qualche settimana il messaggino della Warner, la cosa migliore sarebbe usare musica indipendente sia pop rock che classica oppure usare la "loro" musica senza specificare l'artista e il brano.
  • Funz scrive:
    Basta copyright
    Diritti limitati a 10 anni, poi tutto rimane patrimonio di tutti.E le major spero falliscano prima possibile.
    • chojin scrive:
      Re: Basta copyright
      - Scritto da: Funz
      Diritti limitati a 10 anni, poi tutto rimane
      patrimonio di
      tutti.
      E le major spero falliscano prima possibile.Direi di no. Se tu avessi prodotto qualcosa di tuo investendoci tempo e risorse non diresti di certo di volerlo regalare al mondo... E' solo necessario che le leggi sul copyright impediscano totalmente le cause civili e penali contro cittadini che non usano copie a scopo di lucro. Anche perchè i costi in termini di tasse e risorse di polizia e magistratura per uno stato sono ingenti per il supporto a questi pazzi manager che pretenderebbero di ingabbiare intere famiglie.
      • beebox scrive:
        Re: Basta copyright
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: Funz

        Diritti limitati a 10 anni, poi tutto rimane

        patrimonio di

        tutti.

        E le major spero falliscano prima possibile.

        Direi di no. Se tu avessi prodotto qualcosa di
        tuo investendoci tempo e risorse non diresti di
        certo di volerlo regalare al mondo...Il (c) non è un diritto divino, né perpetuo, ma un monopolio *limitato nel tempo* su un'opera originale. Quell'opera, per quanto originale possa essere, pesca sempre il 99% dei suoi contenuti dal public domain, a cominciare dalla lingua in cui è scritta e dalle note con cui è suonata. Quindi 5, max. 10 anni, sono più che sufficienti per dare all'artista il tempo di monetizzare. Dopodiché per cortesia si levi dalle p@lle e rilasci nuovamente ciò che già in partenza era in massima parte non suo. Invece vorrebbero campare di rendita per ogni scoreggina che hanno prodotto nella loro vita. Eh no. Se il (c) fosse equivalente ad un diritto di proprietà non occorrerebbero leggi ad-hoc ma basterebbero quelle che sanciscono la proprietà dei beni materiali (che è quello a cui puntano major e soci).
        E' solo necessario che le leggi sul copyright
        impediscano totalmente le cause civili e penali
        contro cittadini che non usano copie a scopo di
        lucro.Questo come minimo, concordo.
    • lucapas scrive:
      Re: Basta copyright
      Per me 2 anni sono più che sufficienti! Un falegname che costruisce una sedia, bella che voglia essere, non è che può far pagare un tot ad ogni seduta! Ne deve fare un'altra e un'altra ancora.La "legge" è uguale per tutti o no?
  • Antonio Macchi scrive:
    ha ragione beppe grillo
    se alla festa di compleanno di tuo figlio cantate "tanti auguri a te", e quelli della warner ti sentono, ti becchi una condanna.perche' il pezzo e' delle sorelle Hill... ma una delle due e' morta nel 1946... + 70 fa 2016cambiate canzone, o cercate di non farvi beccare
    • Il Trattore scrive:
      Re: ha ragione beppe grillo
      L'hanno cantata anche in italiano?
      • Bool scrive:
        Re: ha ragione beppe grillo
        In un album Elio e le Storie Tese (EELST) la Cortellesi canta con Elio una stupenda "Al Mercato di Bonn", dove si narra un'assurda storia per la quale la canzone "Tanti auguri a te" è stata composta da Beethoven.Canzone registrata, inserita nell'album, poi scoprono che le due sorelle inglesi detengono i diritti del pezzo. Le signore non concedono il permesso (niente "courtesy of...") e il pezzo viene eliminato.Lo trovate qui:http://www.youtube.com/watch?v=5LUh4NFjvtQBuon ascolto
    • Cell scrive:
      Re: ha ragione beppe grillo
      - Scritto da: Antonio Macchi
      se alla festa di compleanno di tuo figlio cantate
      "tanti auguri a te", e quelli della warner ti
      sentono, ti becchi una
      condanna.

      perche' il pezzo e' delle sorelle Hill... ma una
      delle due e' morta nel 1946... + 70 fa
      2016

      cambiate canzone, o cercate di non farvi beccareOppure li circondiamo (molto) minacciosi, in modo che debbano andare in giro sempre scortati. In Inghilterra, gli operai inglesi li hanno assunti così, no?
  • chojin scrive:
    Youtube prende per i fondelli la gente
    Se le persone non mandassero le proprie registrazioni casalinghe dei programmi tv di fatto non avrebbe senso di esistere. E poichè a chi li manda cancellano l'account ed accusano di pirateria manco fosse un criminale e ci guadagnasse qualcosa... che senso ha perder tempo con Youtube? Uno si fa un account, manda spezzoni di trasmissioni tv e loro prendono e rimuovono accusandolo di aver violato il copyright. Mentre altre migliaia di account magari hanno lo stesso video e non li rimuovono allo stesso tempo.. non si sa perchè... La regola o vale per tutti o per nessuno. Che uno è un cattivo "pirata" e gli altri sono angioletti? Quindi o moltissimi account sono messi in piedi dai dipendenti stessi, cosa molto probabile, o la cosa non ha alcun senso. Da ridere poi gli account dei network quali la Rai per l'Italia.. aprono i canali su Youtube.. mettono copie in qualità pietosa e poi denunciano i fan di una trasmissione che mettono i propri spezzoni dei programmi. Ma che i fan ci guadagnano qualcosa? Stanno lucrando i fan? No! Ed allora perchè diavolo si accaniscono contro i loro stessi telespettatori che gli garantiscono la pagnotta? Che mentalità dittatoriale da grande fratello. E' pura follia. Boicottare questi servizi è oramai l'unico modo per fargli capire che hanno rotto. La corda si è spezzata. Uno non può perder tempo con loro per settimane a farsi un account e poi venire accusato di chissà quali nefandezze e reati e vedersi tutti il lavoro cancellato. Lavoro su cui gli unici a guadagnarci come pubblicità sono i produttori stessi, cosa che non vogliono o fanno finta di non capire. Che XXXXXXXXX.
  • Dti Revenge scrive:
    Indecente
    Questo sistema è indecente! Anche se mi avete cancellato la traccia audio continuerò a ricaricare il video.WMG andrai al tappeto!!
  • Sgabbio scrive:
    funziona cosi Youtube.
    E' quel luogo che basta essere in 5 per segnalare un video, che questo venga rimosso senza verificare se effetivamente viola qualche regola.Ma dopo che hhanno masso su un sistema per levare l'audio direttamente dal video, non so più cosa pensare. Forse sarebbe l'ora di migrare verso altri portali.
    • emmeesse scrive:
      Re: funziona cosi Youtube.
      altri portali?svilupparne uno conhttp://osiris.kodeware.net/sarebbe fattibile?Portale serverless e fan@ulo major?
      • chojin scrive:
        Re: funziona cosi Youtube.
        - Scritto da: emmeesse
        altri portali?

        svilupparne uno con

        http://osiris.kodeware.net/

        sarebbe fattibile?

        Portale serverless e fan@ulo major?Ed i video dove te li metti, su un PC casalingo? Decine di migliaia di Terabyte di storage servono per archiviare i dati, centinaia di CPU in cluster sono necessari per gestire utenti, connessioni e conversioni dei flussi multimediali. Il codice dell'interfaccia ed il database sono la cosa paradossalmente meno importante e meno costosa, il costo di questi servizi sta nella enorme banda consumata dagli utenti e nelle ingenti risorse hardware delle macchine su cui il sistema deve girare.
        • Lallo scrive:
          Re: funziona cosi Youtube.
          - Scritto da: chojin
          - Scritto da: emmeesse

          altri portali?



          svilupparne uno con



          http://osiris.kodeware.net/



          sarebbe fattibile?



          Portale serverless e fan@ulo major?

          Ed i video dove te li metti, su un PC casalingo?
          Decine di migliaia di Terabyte di storage servono
          per archiviare i dati, centinaia di CPU in
          cluster sono necessari per gestire utenti,
          connessioni e conversioni dei flussi
          multimediali.Stai parlando di p2p? Secondo me si potrebbe fare... anche se non ho presente bene come funziona quell'osiris

          Il codice dell'interfaccia ed il database sono la
          cosa paradossalmente meno importante e meno
          costosa, il costo di questi servizi sta nella
          enorme banda consumata dagli utenti e nelle
          ingenti risorse hardware delle macchine su cui il
          sistema deve
          girare.Un servizio p2p potrebbe risolvere questi problemi. Invece di tenere sull'HDD centinaia di DivX di film scaricati, ci terresti i tuoi video da uploadare.
          • Bool scrive:
            Re: funziona cosi Youtube.
            La tecnologia dello streaming P2P esiste, l'ho vista funzionare e non è malaccio.Tu mandi il video a 10 persone, ognuna di quelle 10 lo mandano ad altri 10 e così via.Tra l'altro (udite udite...) E' SCADUTO IL COPYRIGHT SU QUELLA TECNOLOGIA!!! Eh eh eh...
      • Sgabbio scrive:
        Re: funziona cosi Youtube.
        - Scritto da: emmeesse
        altri portali?

        svilupparne uno con

        http://osiris.kodeware.net/

        sarebbe fattibile?

        Portale serverless e fan@ulo major?Senza offesa, ma cosi sarebbe una sconfita, cerca di rintanarsi su sistemi simili, quando ci sono portali video tecnicamente superiore a youtube e senza i limiti idioti impostati dei 10 minuti (eccetto per gli utenti registrati prima del 2007 che impostando l'accunt su direct possono mettere video più lunghi).Youtube ormai è infatuato dalle beghe del copyright, bisogna andare altrove.
  • Daniel Jackson scrive:
    Gente senza rispetto
    E non parlo della EFF.
    • vrms scrive:
      Re: Gente senza rispetto
      - Scritto da: Daniel Jackson
      E non parlo della EFF.Possono chiamarlo integralista quanto gli pare, ma Stallman ha ragione da vendere quando nega il permesso alla pubblicazione su Youtube delle sue interviste.
Chiudi i commenti