Ebook, l'ultima pace del cartello

Macmillan è l'ultimo editore ad accordarsi con il DoJ, accusata di aver mantenuto artificiosamente elevato il prezzo dei libri in formato elettronico. Subito sconti per favorire i lettori

Roma – Tra gli editori coinvolti con Apple nel presunto cartello per mantenere artificiosamente alto il prezzo degli ebook, Macmillan è l’ultimo a sottoscrivere un accordo con i vertici del Dipartimento di Giustizia (DoJ) statunitense. In una lettera indirizzata agli autori, il CEO John Sargent ha ammesso di non voler rischiare il pagamento di una multa potenzialmente elevata in caso di esito negativo nello scontro legale voluto da Cupertino per l’annullamento degli stessi accordi stabiliti tra gli editori e le autorità statunitensi.

A differenza di quelli annunciati da Hachette e Penguin, i termini del settlement tra Macmillan e il DoJ prevedono l’immediata distribuzione degli ebook a prezzi scontati, anche in assenza di nuovi accordi contrattuali tra l’editore scozzese e i vari retailer . In cambio, la società controllata dal Georg von Holtzbrinck Publishing Group usufruirà di uno sconto nei due anni in cui gli stessi editori del cartello non potranno evitare promozioni e sconti su piattaforme digitali come quella di Amazon.

In sostanza , i due anni imposti a Macmillan hanno già avuto inizio alla metà dello scorso dicembre, quando veniva annunciato il penultimo accordo tra il DoJ e Penguin. Una strategia chiaramente dettata dalla necessità di riprendere il controllo sugli sconti in prossimità delle festività natalizie del 2014 .

A questo punto, Apple è rimasta da sola a combattere contro le autorità statunitensi per la difesa dei suoi accordi editoriali.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lalla63 scrive:
    explorer critico dal 6 al 10 su w8
    Explorer 10 su windows 8 sarà anche mooooolto più sicuro del 6 su windows xp, ma come mai allora condivide lo stesso livello di criticità e le patch per le stesse vulnerabilità ??? non è che sotto il cofano riverniciato giri sempre lo stesso motore strafuso ??
  • cancellare scrive:
    Nel mentre, Adobe
    "Nel mentre, Adobe corregge due falle zero day già attivamente sfruttate"No ma, continuate ad usare quelle XXXXXte eh, mi raccomando.
    • dalek scrive:
      Re: Nel mentre, Adobe
      sempre che vi lamentaterigrazia che è gratisgli aggiornamenti del mac sono a pagamentomai sentito che mac offre update a meno di 10 megaanzi offre solo quelli da 500 mega, quindi a pagamentose microsoft farà lo stesso, nessuno aggiornerà windowsalmeno avremo gratis tanti virus nel pc
      • TheOriginalFanboy scrive:
        Re: Nel mentre, Adobe
        - Scritto da: dalek
        sempre che vi lamentate

        rigrazia che è gratis

        gli aggiornamenti del mac sono a pagamento

        mai sentito che mac offre update a meno di 10 mega

        anzi offre solo quelli da 500 mega, quindi a
        pagamento

        se microsoft farà lo stesso, nessuno aggiornerà
        windows

        almeno avremo gratis tanti virus nel pccomplimenti!!siamo solo al 12 febbraio ma hai già vinto il premio 2013 per la maggior quantità di XXXXXXX in un unico post.dovresti esserne fiero
Chiudi i commenti