Ed ecco l'anonymizer per iTunes Plus

Si chiama Privatunes e arriva dalla Francia. Strumento per la privacy o grimaldello in mano ai pirati? Gli autori si difendono. Apple gradirà?

Roma – Privatunes è una piccola applicazione, gratuita e ridistribuibile senza finalità commerciali, che consente di rimuovere nome, cognome ed indirizzo email dai brani DRM-free acquistati su iTunes Plus .

Il programma, dal peso di poco più di un megabyte, è stato sviluppato grazie alla collaborazione di due community transalpine: Matoumba , risorsa pensata per la lettura delle news via feed, e Ratiatum , sito dedicato alla vendita e download di software.

Le due realtà si sono trovate d’accordo su un punto: includere nome e cognome dell’acquirente tra le informazioni racchiuse nei file audio sarebbe una seria violazione della privacy . Privatunes ci mette una pezza: permette di creare una copia di quanto acquistato e di rimuovere ogni riferimento all’acquirente.

Sul dominio dedicato all’applicazione, vengono elencate le cinque ragioni per cui varrebbe la pena di usare Privatunes:

– l’acquirente non è un bambino, non ha bisogno del nome sulle proprie cose
– l’acquisto non implica che un giorno non si possa decidere di rivendere le canzoni
– privacy
– cosa succede se un familiare condivide quel file via P2P, anche involontariamente?
– il rapporto venditore-acquirente dovrebbe significare “fiducia”

Lo strumento viene dunque presentato non solo come un mezzo per salvaguardare la privacy, ma anche come la garanzia di sopravvivenza per un possibile mercato dell’usato dei file digitali . Alla stregua di quanto già accade con i dischi ed i CD, Ratiatum spiega che la possibilità di cedere i propri file usati sarebbe vanificata dal “marchio a fuoco” delle generalità del primo acquirente.

Secondo gli autori, dunque, se la vendita prefigura “il trasferimento senza alcuna riserva di un bene materiale o immateriale che sia (secondo la definizione legale)”, allora il proprietario ha diritto di disporne come crede. E il semplice furto di un CD o di un PC potrebbe causare l’arrivo dei propri file marchiati sul P2P : cosa accadrebbe in questo caso?

Alle polemiche seguite al rilascio del programma, Ratiatum risponde ancora sulle proprie pagine: in nessun modo chi ha creato Privatunes intende sostenere la pirateria , bensì garantire a chi acquista un brano la possibilità di rimuovere liberamente i propri dati. D’altra parte, chi se non coloro che acquistano musica su iTunes potrebbero essere interessati? E perché, in “uno slancio di generosità”, dovrebbero donare al resto del mondo quello che hanno pagato?

Al momento Privatunes è disponibile solo per piattaforma Windows: chi l’ha provato sostiene non sia velocissimo . L’attuale release 0.9 consente di modificare un solo file alla volta e di farne al contempo una copia di backup. Già annunciata una nuova versione, capace di girare anche su Mac e Linux, che potrà gestire più file contemporaneamente e più in fretta.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    Ma che roba è ?
    http://www.time.com/time/photoessays/2006/inside_google/3.htmlUn difetto di prospettiva o quella piscina è una vasca da bagno ?
    • Bello Fresco scrive:
      Re: Ma che roba è ?

      Un difetto di prospettiva o quella piscina è una
      vasca da bagno ?E' piccola ma l'acqua scorre come in un fiume per permetterti di nuotare.Il tapis roulant del nuoto.
  • blah blah scrive:
    cavolata..
    Io ci sono stato a Googleplex, e conosco persone che ci lavorano.. lavorano sodo, ma quello che ti rende l'azienda e' effettivamente tanto.. molto di piu' di tante altre aziende.. ci metterei la firma per lavorare a google..
  • blah blah scrive:
    boh
    (nolove)
  • NORDEST scrive:
    schiavismo
    io un modo di fare come quello di google lo chiamo schiavisticopenso che nemmeno in cina siano arrivati a quei metodi lie poi i furbi danno il pasto gratis e illimitato (e la gente si ammala presto di colesterolo trigliceridi pressione alta e non arriva a reclamare i contributi) ma in cambio riducono gli stipendi, tipico da schiavistiecco, per legge la gente sarebbe giusto avesse un solo lavoro di 8 ore con tutti i controlli medici sanitari e che gli consente di campare non da povero, poi se uno vuole puo fare altro ma non come li obbligatoriamente dopo le 8 ore, si lavora oltre solo per prendersi l'alfa romeo mentre con 8 ore si ci prende una fiat
    • fulmine scrive:
      Re: schiavismo
      - Scritto da: NORDEST
      io un modo di fare come quello di google lo
      chiamo schiavisticoNon ho mai visto navi di Google fare razzia lungo le coste della Silicon Valley, incatenare programmatori e obbligarli a lavorare per loro :)
      e poi i furbi danno il pasto gratis e illimitato
      (e la gente si ammala presto di colesterolo
      trigliceridi pressione alta e non arriva a
      reclamare i contributi) ma in cambio riducono gli
      stipendi, tipico da
      schiavistiUno schiavo con pasti illimitati e uno stipendio non l'ho mai visto. Da che galassia provieni :) ?
      ecco, per legge la gente sarebbe giusto avesse un
      solo lavoro di 8 ore8 ore ? Ma dove vivi, in Lazzaronelandia :) ?
      poi se uno vuole puo fare altro ma non
      come li obbligatoriamente dopo le 8 ore, si
      lavora oltre solo per prendersi l'alfa romeo
      mentre con 8 ore si ci prende una
      fiatLo senti ? E' l'urlo di sofferenza della lingua italiana, da te torturata :) !
      • NORDEST scrive:
        Re: schiavismo
        dalle mie parti la gente viene ogni giorno minacciata di licenziamento se non si fanno straordinari, o ci sono ditte che o gli regali un ora al giorno o dicono che altrimenti prendono un extracomunitario che non si lamenta come un italiano. questo il lo chiamo schiavismo8 ore al giorno quando hai 20 anni sono poco, a 50 anni sono il massimo che uno fa con un normale rendimento lavorativo senza rimetterci in salutepoi da quel che ho capito se uno non legge la mail fino a mezzanotte lo mandano via in quanto assumono un altro che la legge fino alle 3 di notte, questo lo chiami lavoro o schiavismo?a bello poi che una ditta ti riduce lo stipendio per venderti prodotti magari tossici (come il troppo mangiare) che lei stessa produce, questo come lo definisci?io sono sempre stato pagato e basta, poi se a uno che lavora in goolge fa schifo il mangiare americano mica lo rimborsano? no l'azienda si intasca lo stesso il suo buono pasto e lui va fuori a pagarsi un buon piatto, penso italiano, e questo per arrivare alla pensione, forse
        • fulmine scrive:
          Re: schiavismo
          - Scritto da: NORDEST
          dalle mie parti la gente viene ogni giorno
          minacciata di licenziamento se non si fanno
          straordinari, o ci sono ditte che o gli regali un
          ora al giorno o dicono che altrimenti prendono un
          extracomunitario che non si lamenta come un
          italiano. questo il lo chiamo
          schiavismoE Google fa cosi' ? Non credo proprio. Anzi, Google ti "regala" 1 giorno alla settimana per un tuo progetto personale !!
          8 ore al giorno quando hai 20 anni sono poco, a
          50 anni sono il massimo che uno fa con un normale
          rendimento lavorativo senza rimetterci in
          saluteQuestione di abitudine. A 46 anni io faccio ancora le mie 42-45 ore alla settimana senza sforzo alcuno.
          poi da quel che ho capito se uno non legge la
          mail fino a mezzanotte lo mandano via in quanto
          assumono un altro che la legge fino alle 3 di
          notte, questo lo chiami lavoro o
          schiavismo?E questa dove diavolo l'hai letta :D ?!?
          a bello poi che una ditta ti riduce lo stipendio
          per venderti prodotti magari tossici (come il
          troppo mangiare) che lei stessa produce, questo
          come lo
          definisci?Google non ti riduce lo stipendio.Il cibo è tossico solo se preso in abbondanti quantità (Come l'acqua e l'ossigeno).Google non produce cibo.
          io sono sempre stato pagato e basta, poi se a uno
          che lavora in goolge fa schifo il mangiare
          americano mica lo rimborsano?E dove l'hai letto che a Google preparano solo il mangiare americano ? Ci sono anche buffet di insalata per i vegetariani, pasta, carne, ...
          no l'azienda si
          intasca lo stesso il suo buono pasto e lui va
          fuori a pagarsi un buon piatto, penso italiano, e
          questo per arrivare alla pensione,
          forseLui va fuori e viene investito da un'automobile mentre attraversa la strada ! Vedi, Google ti salva anche la vita offrendoti un pasto :D !!
          • Andrea scrive:
            Re: schiavismo
            Fulmine,se a 46 anni, piuttosto che gustare la tua vita o, ancor meglio, la tua famiglia, lavori 45 ore ogni santa settimana sei semplicemente un pirla...complimenti per l'idiozia espressa nei tuoi interventi...grazie!
  • Alberto Omonimo scrive:
    Sapete cosa mi ricorda ?
    verso la fine degli anni 90 c'eraqui in Italia una societa' che faceva siti webe che la chiamavano "la ditta che non dorme mai"beh funzionava piu' o meno nello stesso modoma si e' dissolta come neve al sole con la crisidel dotcom ed ora non esiste piu'ciaoAlberto
    • pecos scrive:
      Re: Sapete cosa mi ricorda ?

      verso la fine degli anni 90 c'era
      qui in Italia una societa' che faceva siti web
      e che la chiamavano "la ditta che non dorme mai"
      beh funzionava piu' o meno nello stesso modo
      ma si e' dissolta come neve al sole con la crisi
      del dotcom ed ora non esiste piu'ehm... In realtà esiste ancora: http://www.e-tree.com/index.php
  • YellowT scrive:
    in Italia non sarebbe possibile.
    provate ad andare da un sindacalista a spiegargli che il vostro dipendente fa più di 8 ore, o che viene pagato in base ai risultati e non ala presenza sul posto di lavoro.Ci sarebbe una manifestazione di piazza per i poveri dipendenti google...
    • AranBanjo scrive:
      Re: in Italia non sarebbe possibile.
      Concordo.A parte il fatto che 99% dei datori di lavoro italiani penserebbero che offrire cibo e divertimenti ai dipendenti sia dannoso per il rendimento. Molti pensano ancora che il lavoro siano le 8-9 ore seduti ad una scrivania. Io ho sempre pensato che sarebbe meglio andare per progetti. Hai un tot di tempo per completarne uno, e se lo finisci prima è tutto tempo che ti resta per fare altro.
      • Barbarossa scrive:
        Re: in Italia non sarebbe possibile.
        ha ha ha ha ha ha ha :P. scherzi a parte, quella è l'eccezione nell ambito dei contratti a progetto. se ne hai qualcuno di questo tipo, complimenti a tè e al tuo capo :P.il buon 90% è "stai 8-9 ore davanti alla scrivania, hai tot tempo per completare un progetto generico al massimo,che rinnovo di volta in volta,e ti pago mensilmente: ti assumo ma non ti pago le ferie ne le malattie." per mia esperienza, di fatto ci sono anche piccolissime realtà vivibili, con gente motivata e senza capi kapo, e dove ci si impegna alla grande(senza però arrivare minimamente al modello descritto nel articolo : ). ma senza grosse aziende con questa stessa filosofia(o anche un minimo di tendenza), la cosa non ha molta rilevanza statistica. :|
    • aiscrim scrive:
      Re: in Italia non sarebbe possibile.
      In Italia esistono parecchie aziende informatiche, se non la quasi totalità, in cui si lavora ben più di 8 ore, senza però tutti i benefit del Googleplex, ovviamente. In Italia non sarebbe possibile perchè non esistono imprenditori lungimiranti, ma solo gente che cerca di arraffare e sfruttare il più possibile.
  • MG55 scrive:
    Ci sono dipendenti famosi
    Se volete saperne di più sulla vita in Google, ci sono dipendenti famosi da interpellare, come i Pythonisti Alex Martelli (anche lui, al PyCon Uno a Firenze il 9-10 giugno, ha parlato degli spazi condivisi, dicendo che pure Brin, Page e Schmidt hanno un ufficio unico insieme a una quarta persona) e Guido Van Rossum, il creatore di Python, a Google da fine 2005, che secondo Martelli può occuparsi di Python per il 50% del suo tempo (anche perché Google usa Python).
    • fulmine scrive:
      Re: Ci sono dipendenti famosi
      - Scritto da: MG55
      anche perché Google usa Python.E Ruby e Java e C++ e ... un po di tutto, praticamente solo su piattaforme Linux :)
      • Linux scrive:
        Re: Ci sono dipendenti famosi
        Si infatti il 90% dei programmi freeware che fanno sono per windows
        • fulmine scrive:
          Re: Ci sono dipendenti famosi
          - Scritto da: Linux
          Si infatti il 90% dei programmi freeware che
          fanno sono per
          windowsMa non raccontare balle :) !
          • ciao belli scrive:
            Re: Ci sono dipendenti famosi
            - Scritto da: fulmine
            - Scritto da: Linux

            Si infatti il 90% dei programmi freeware che

            fanno sono per

            windows

            Ma non raccontare balle :) !ma no!?guarda 3 new più su...(dove parlano della conversione di un sw di wizozz a linux )visual studio piace a molti!Ed anche i milioni di librerie disponibili
  • anonimo01 scrive:
    magari ci fosse qualcosa...
    magari ci fosse qualcosa in italia che fornisce anche solo di un 10mo dei servizi che da googlez ai suoi dipendenti, magari :'(
  • Stefano scrive:
    Magari!
    Avessimo noi aziende che trattano gli sviluppatori così......
Chiudi i commenti