Eee Box diventa dual-core, passa a Vista

Asus si appresta a lanciare un nuovo modello che spinge ulteriormente sulle performance grafiche e, tra i primi della sua categoria, porta in dote il giovane Atom dual-core. La sfida all'AspireRevo è lanciata
Asus si appresta a lanciare un nuovo modello che spinge ulteriormente sulle performance grafiche e, tra i primi della sua categoria, porta in dote il giovane Atom dual-core. La sfida all'AspireRevo è lanciata

Asus si appresta a lanciare sul mercato un nuovo modello di Eee Box, il B208 , che per molti versi rivaleggerà con l’imminente AspireRevo di Acer: come quest’ultimo, il B208 supporterà il video Full HD e la tecnologia grafica DirectX 10 di Windows Vista.

Il B208 rappresenta una sorta di aggiornamento verso l’alto del B206 , il primo tra gli Eee Box ad aver abbracciato una scheda grafica di tipo discreto, l’ATI Radeon HD 3450. Anche il B208 include una GPU di AMD, ma in questo caso si tratta del più recente modello ATI Radeon HD 4530 , capace di migliorare soprattutto le performance in campo videoludico.

Ma la più importante differenza tra i due modelli di Eee Box è data dal processore: il B208 utilizza infatti l’ Atom 330 dual-core , che rispetto all’N270 montato sul B206 dovrebbe fornire – con le applicazioni multi-threaded – un significativo aumento di performance. Purtroppo ciò si paga con un consumo più elevato : il thermal design power dell’Atom 330 è infatti di 8 watt contro i 2,5 watt dell’N270. Il maggior assorbimento energetico, unito ad un costo più alto, è ciò che fino ad oggi ha frenato la diffusione del giovane Atom dual-core tra i nettop e, a maggior ragione, tra i netbook.

Nonostante l’adozione di una CPU con un thermal design watt più elevato e di una GPU più potente, consumi e livello di rumorosità dichiarati da Asus per il nuovo nettop sono allineati a quelli dei precedenti modelli: si parla di circa 20 watt di assorbimento energetico e di 26 decibel di emissioni acustiche .

Ciò che distingue il B208 dai suoi predecessori è inoltre la possibilità di ordinarlo con hard disk di capienza superiore a 160 GB , e per la precisione con tagli di 250 o 320 GB, e l’ integrazione di 2 GB di RAM . Quest’ultima caratteristica ben si sposa con la scelta, da parte di Asus, di far girare sul B208 Windows Vista Home Basic : il neonato nettop taiwanese sarà così uno dei primissimi PC Atom-based a ripudiare l’onnipresente Windows XP Home Edition in favore del più recente – ma anche più avido di risorse – successore. È molto probabile che già entro la fine dell’anno Asus migrerà i propri Eee Box a Windows 7, un sistema operativo che promette di coniugare la leggerezza di Windows XP con le capacità multimediali di Vista.

Anche nel B208 sarà presente l’interfaccia media center Eee Cinema, capace di riprodurre tutti i principali formati audio, video e d’immagine. Le restanti specifiche tecniche del nuovo Eee Box non si discostano da quelle del B206: adattatore di rete Gigabit Ethernet, moduli wireless 802.11n e Bluetooth 2.0, lettore di memory card SD/MMC, codec audio Realtek ALC662 Azalia, 4 porte USB, una porta HDMI e un’uscita audio. Il tutto in circa un chilogrammo di peso .

Prezzo e data di lancio del B208 non sono ancora noti, ma secondo le indiscrezioni il nuovo nettop di Asus dovrebbe raggiungere i negozi a breve distanza dal lancio inglese dell’Acer AspireRevo , previsto per maggio. Meno facile tentare di pronosticare il costo del device: se ci si basa sul prezzo di listino del B206, pari a 379 euro IVA inclusa, e si considera gli upgrade hardware di cui ha beneficiato il B208 nonché l’adozione di Vista al posto di XP, è assai probabile che il nuovo sistema non costerà meno di 450 euro.

Per quanto riguarda gli ambiti di utilizzo del B208, si possono fare all’incirca le stesse considerazioni fatte per il predecessore: oltre che come PC silent, l’unità si pone come alternativa ai tipici media box HD da salotto, rispetto ai quali costerà però significativamente di più. Rispetto al B206, il nuovo nettop offre anche una maggiore potenza di elaborazione della grafica 3D, ma difficilmente potrà soddisfare gli appassionati di videogame: questi sistemi hanno certamente più opportunità di attrarre i casual gamer, tanto è vero che Acer ha dotato il proprio AspireRevo di un telecomando in stile Nintendo Wiimote. Asus aveva mostrato qualcosa di simile lo scorso anno, e il B208 sembrerebbe l’occasione buona per trasformare quel prototipo in un prodotto commerciale.

Alessandro Del Rosso

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti