EFF denuncia il database prenditutto di Washington

EFF denuncia il database prenditutto di Washington

L'associazione ha denunciato la polizia federale: troppe le cose non dette sull'Investigative Data Warehouse, un gigantesco database governativo per facilitare ricerche di ogni tipo sui cittadini
L'associazione ha denunciato la polizia federale: troppe le cose non dette sull'Investigative Data Warehouse, un gigantesco database governativo per facilitare ricerche di ogni tipo sui cittadini

San Francisco (USA) – EFF , l’importante associazione di San Francisco che si batte per difendere i diritti digitali, ha denunciato la polizia federale americana, FBI : il governo di Washington non avrebbe rilasciato alcun dettaglio sull’iniziativa Investigative Data Warehouse (IDW), un nuovo sistema informatico per eseguire indagini di massa attraverso la comparazione incrociata di numerosi archivi.

Costato oltre 170 milioni di dollari , IDW è stato presentato alla stampa locale a cinque anni di distanza dal tragico 11 Settembre 2001 come “l’ammodernamento definitivo degli archivi investigativi statunitensi”. Il sistema, sviluppato da Chiliad , sfrutta complessi algoritmi di ricerca per investigare sui contenuti di oltre 600 milioni di archivi : la base dati utilizzata da IDW è stata creata grazie al supporto delle informazioni in possesso di CIA , National Security Agency e Department of Homeland Security , gli organi degli Stati Uniti che si occupano di spionaggio e prevenzione antiterrorismo.

Il progetto, secondo le pochissime informazioni finora rese pubbliche e secondo il parere di Paul McOwen di Chiliad, sembra un tool antiterrorismo basato sui principi del Total Information Awareness , un’iniziativa lanciata dall’amministrazione statunitense per eseguire controlli a tappeto sui contenuti delle comunicazioni telefoniche, telematiche e cellulari. Un’iniziativa cancellata dal Congresso ma mai morta del tutto .

IDW può essere utilizzato per eseguire ricerche su qualsiasi tipo di archivio in possesso dello stato americano: “Fino ad oggi una ricerca comparata su 50 database di un gruppo di mille nominativi”, ha detto McOwen, “richiedeva circa 32mila ore di lavoro”. Adesso, grazie ad IDW, “basta mezz’ora ed il gioco è fatto”, ha aggiunto il CEO di Chiliad.

Data la scarsa quantità di dettagli disponibili sull’iniziativa, i portavoce di EFF sostengono che il Dipartimento di Giustizia , responsabile delle attività FBI, abbia violato le normative sulla trasparenza delle iniziative pubbliche. “Questo è un progetto d’intercettazione e sorveglianza”, si legge in una nota rilasciata dall’associazione, “sviluppato per intercettare le comunicazioni personali”.

I rapporti e le registrazioni delle telefonate di un individuo, così come i registri delle attività online, potrebbero effettivamente essere inseriti all’interno di IDW ed “analizzati in un secondo momento per eseguire indagini d’ogni tipo”, ha detto Marcia Hofmann di EFF. La pratica delle intercettazioni di massa , per altro, sembra già essere al centro della dottrina antiterrorismo dell’amministrazione Bush.

“Questo IDW è l’ennesimo assalto alla privacy individuale”, ha detto Hofmann, “ed il Dipartimento di Giustizia sta commettendo un grave errore perché non rilascia dettagli su un progetto d’importanza cruciale”. È la stessa struttura del progetto IDW a destare preoccupazioni: un unico sistema capace di accedere ad una quantità immensa di dati sensibili è strutturalmente insicuro .

Cosa accadrebbe se IDW venisse utilizzato da utenti maliziosi, cracker, o persino organizzazioni terroristiche? Molto probabilmente un disastro. L’ultimo rapporto del governo statunitense sulla sicurezza informatica degli uffici federali parla di “situazione critica”: tutti i 19 organi del governo federale statunitense hanno registrato perdite di dati a causa di assalti esterni o problemi legati ad altre cause.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 10 2006
Link copiato negli appunti