ENISA: HTML5 non è sicuro

L'agenzia per la cyber-sicurezza europea mette in guarda il W3C dai rischi connessi con le nuove specifiche della lingua franca del World Wide Web

Roma – Tra i commenti e i pareri messi in calce all’ultima bozza delle specifiche di HTML5, il World Wide Web Consortium (W3C) dovrà tenere conto anche dell’analisi di 61 pagine messa insieme da ENISA (European Network and Information Security Agency) sui rischi derivanti dall’utilizzo di alcune delle caratteristiche del nuovo standard web.

ENISA ha preso in considerazione 13 specifiche di HTML5 e dice di aver individuato ben 51 diversi “problemi di sicurezza”, derivanti dal loro utilizzo poco accorto o dallo sfruttamento da parte di malintenzionati.

Uno dei problemi evidenziati dall’agenzia europea è quello concernente il “form tampering”, vale a dire un potenziale attacco che sfrutta la capacità di HTML5 di renderizzare un pulsante per la conferma dell’immissione dei dati in un form in qualunque parte dello schermo .

La funzionalità ha alcuni vantaggi per gli sviluppatori, dice ENISA, ma i cyber-criminali potrebbero manomettere il codice della pagina web per spingere l’utente a premere il pulsante sbagliato con tutte le conseguenze che la cosa comporta.

È importante, sottolinea Giles Hogben di ENISA, che “per la prima volta” si guardi alle specifiche HTML dal punto di vista della sicurezza, perché la diffusione estesa dei browser web non fa che corroborare l’importanza “cruciale” delle tecnologie web e quindi l’accento che va posto su implementazioni a prova di hacking e cybercrime.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sandro scrive:
    Piuttosto...
    ...io mi chiedo se sarà possibile giocare in lan come facevo con il 2.Comunque non la trovo 'sta gran piaga che sia necessaria la connessione permanente. In pratica è diventato un gioco completamente online, con tutti i pregi e i difetti del caso: connessioni lente, ping, manutenzioni di server, etc.etc. anche quando vuoi girare da solo. Probabilmente infastidisce più questo aspetto.
  • NetPlayer scrive:
    Ha ragione la blizzard
    Premesso che la blizzard è una delle poche software house che sforna titoli che valgono il prezzo di acquisto, sono d'accordo con loro.Al giorno d'oggi tutti hanno una connessione internet, quelli rimasti senza sono oramai una piccola % di cui si può fare a meno(a livello di commercio). Dieci anni fa era normale usare un pc non connesso a internet, al giorno d'oggi se non abbiamo la connessione spesso non sappiamo neanche che fare(facebook, forum, internet,skype, msn, etc).Io posseggo una connessione internet e voglio giocare a diablo quindi che me frega a me se il mio salvataggio sta in locale o all'altro capo del pianeta?Inoltre mi piacerebbe anche(visto che lo pago) poter giocare in maniera tranquilla e divertirmi senza che arrivi il 12enne di turno che il personaggio hyperhakkato che disintegra tutto mandando a farsi benedire la mia partita.Perchè ricordiamoci che su diablo 1 e 2, i pg hakkati erano una piaga totale per l'esperienza multiplayer. E soprattutto blizzard ha dimostrato negli anni che avere giochi online "puliti" da cheat rende sia a loro(tanti utenti) sia all'utente(alle 6 partita a Need for speed online in cui la macchina di fianco a me si teleporta quitto e passo ad altro).
    • NetPlayer scrive:
      Re: Ha ragione la blizzard
      Quanto sarebbe durato wow senza controlli severi? che entravi col tuo personaggio e ti trovavi varia player hakkati che shottavano facendo n-milioni di danni a colpo saltellando in giro per le città?Se poi vogliamo dire che quando d'estate andata all'alpeggio della nonna in val di san petrolaso a mare e li non c'è internet... ah beh... si può anche sopravvivere ed è contenta pure la nonna di non vedere il nipote 24h a fissare uno schermo.
      • Luke scrive:
        Re: Ha ragione la blizzard
        Allora come è stato detto sopra bastava dividere la carriera online da quella single player, personaggi distinti punto. Vuoi giocare in multi? ti cresci il personaggio in multi, vuoi giocare in single? te lo fai single. Mi pareva semplice... più semplice che obbligare la gente a restare sempre connessa, pensa poi a chi ha tariffe a tempo con le varie chiavette...
        • NetPlayer scrive:
          Re: Ha ragione la blizzard
          Sicuro fosse più semplice?E più semplice fare le cose in un modo o in n modi diversi, e far funzionare un singolo modo o n modi diversi?Vuoi giocare a diablo 3? ti connetti o ti attacchi, niente di più semplice della blizzard tanto lo so io, lo sai tu e lo sanno anche loro che sarà un sucXXXXX mondiale .
          • Luke scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Non sono n-modi sono 2, perfettamente identici solo che i personaggi stanno dentro 2 cartelle (ovviamente semplificando): quelli che sono usabili in single e quelli usabili in multi, insomma un modo per non usare sta benedetta connessione la potrebbero anche trovare...Ovvio lo sappiamo sarà un sucXXXXX mondiale come tutti i giochi blizzard, che, diamoli atto, i giochi li sa fare.
          • massimo scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Tra parentesi... non vorrei ricordare male... ma questo non era il sistema che già usavano in Diablo 2?
          • krane scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            - Scritto da: massimo
            Tra parentesi... non vorrei ricordare male... ma
            questo non era il sistema che già usavano in
            Diablo 2?Leggendo in rete qua e la': " N.B.PER GIOCARE NON SERVE ALCUNA CURA, BASTA LASCIARE IL CD MONTATO O NEL LETTORE "Ma potrei sbagliare...
          • NetPlayer scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Diablo 2 non funzionava così, i salvataggi erano sul pc locale.Infatti c'erano programmini che ti permettevano di "modificare" da fuori il tuo personaggio dandogli livelli infiniti, armi e quant'altro.Poi sto personaggio lo usavi per andare online, uccidevi tutti, rubavi oggetti etc.
          • massimo scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Uhm... io mi ricordavo che i personaggi online erano diversi da quello offline...a meno che il server non permetta di usare quelli locali...comunque è un po' che non ci gioco, potrei ricordare male
          • massimo scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Scusami... io parlavo dei personaggi online e offline separati.
          • NetPlayer scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Il fatto è che non erano separati, i salvataggi dei pg da multiplayer risiedevano in locale.
          • massimo scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Ah! Beh nel 3 bastava continuare su questa linea e salvare quelli online nei server... ma si sà che stranamente le idee semplici non vengono mai prese in considerazione :s
          • NetPlayer scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Scusami eh ma sei online da stamattina, sarà cosi problematico rimanere online anche per diablo 3? mah...
          • NetPlayer scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            Non voglio giocare connesso, disse l'utente che postava su un forum su internet :D
          • massimo scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            1) sono affari miei quando mi connetto2) sono in ufficio... mi connetto su pi nei momenti di tregua3) non tutti hanno la connessione a internet... 4) io ho un portatile... e magari mi metto a giochicchiare quando sono in treno ad un gioco single player... ho voglia di giocare a d3 (che ho pagato quindi ci gioco quando mi pare) in single player... perchè non posso a causa della connessione?5) io internet lo lascio usare all'applicazione se essa mi offre un servizio tramite internet(dalla navigazione agli mmorpg) e non per permettere ad essa di controllarmi
          • kyle scrive:
            Re: Ha ragione la blizzard
            no. Stai pensando a Diablo 1.Diablo 2 aveva personaggi salvati in locale che venivano usati per il sigleplayer e per i pochi server multiplayer che li ammettevano(patria dei cheater).La maggior parte del multiplayer però avveniva(avviene?) su server che *non* ammettono personaggi "locali", ma solo personaggi salvati sul server stesso, a prova di editor.Il sistema funzionava bene, e poteva tranquillamente essere usato anche in D3...ma la mania del DRM lesivo a quanto pare ha contagiato anche Blizzard :S
  • VittorioM scrive:
    stanno inziando a farla fuori dal vasino
    credo che salterò diablo III, queste cose non mi piacciono. Insomma non tutti sono interessati al gioco in multiplayer. Anche in starcraft2, l'ho comprato e in un anno ho fatto 15 partite online poi basta, non sono interessato. Eppure la campagna single-player l'ho mangiata in un niente e conosco altra gente che non intende pagare un gioco 60, ad un anno dalla sua uscita, solo perché ha una enorme componente multiplayer a cui non sono interessati, come me vogliono solo giocare la campagna single-player.
    • prova123 scrive:
      Re: stanno inziando a farla fuori dal vasino
      Certo, in multiplayer non si sviluppa l'IA del computer che è molto complicata. In questo modo sfruttano l'intelligenza del giocatore ed i 60 euri ... c'è qualcosa che non quadra ... :D
      • Sgabbio scrive:
        Re: stanno inziando a farla fuori dal vasino
        SCII è speculazione pure, hanno diviso il gioco in episodio, hanno messo un controllo assurdo sui mod.... hanno tolto il supporto alla lan...
  • machecaz scrive:
    peccato
    ho visto le varie anteprime e video del gameplay, sembrava il gioco della vita. Peccato lo lascerò sullo scaffale, quello dei negozi che lo venderanno però.ho visto le varie anteprime e video del gameplay, sembrava il gioco della vita. Peccato lo lascerò sullo scaffale, quello dei negozi che lo venderanno però.
  • lul scrive:
    imho
    diventerà il gioco dei cinesi
  • trullo scrive:
    li tassassero a sangue
    il tutto per permettere agli utenti di rivendere e comprare oggetti trovati ingame (sia single che multiplayer), io spero solo che la GDF/tremonti si interessi un po' su come tassare blizzard e chi vende questi oggetti -_-
    • nome e cognome scrive:
      Re: li tassassero a sangue
      la legge già c'è, e che mancano i controlli ed è poco conosciuta quindi tutti se ne sbattono le cosidette.
    • Commerciant e digitale scrive:
      Re: li tassassero a sangue
      - Scritto da: trullo
      il tutto per permettere agli utenti di rivendere
      e comprare oggetti trovati ingame (sia single che
      multiplayer), io spero solo che la GDF/tremonti
      si interessi un po' su come tassare blizzard e
      chi vende questi oggetti
      -_-Perchè altrimenti lo fanno siti di terze parti come in passato.Non piace nemmeno a me, ma effettivamente se poi avviene comunque non hanno tutti i torti.Però tassarli.... cadiamo nel ridicolo.Già vedo le nuove voci nel 740:Redditi diversi: SPADA BRUTALE
      • massimo scrive:
        Re: li tassassero a sangue
        - Scritto da: Commerciant e digitale
        Redditi diversi: SPADA BRUTALE(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) Comunque trullo non ha tutti i torti...
  • Guybrush scrive:
    Do ut des
    nel caso di WoW non ha senso giocare disconnessi, dato che si tratta di applicazione client server ed e' per questo che Blizzard ha definito i sistemi DRM una perdita di tempo.Con diablo III deve avvenire la stessa cosa o sara' un boomerang terrificante.Vuoi stare sui server blizzard? Ottimo, sei garantito contro i cheater, hai delle regole certe e una loro applicazione rigorosissima. Questo e' un valore, aggiunto alla licenza del gioco e che di fatto rappresenta un vero vantaggio per l'utente onesto.Devo pero' avere la possibilita' di non giocare nei server blizzard, di starmene tranquillo sul mio PC a spassarmela stand alone senza avere altri giocatori che mi strapazzano i sacrosantissimi.In quest'ultimo caso si tratta di un boomerang.FaZZi i caTTi tuoi, se sto a MACOMER la connessione non ce l'ho, ma vorrei giocare lo stesso.Idem se risiedo a nord di Roma, tra Cesano e Formello e, di fatto, mi costringi ad usare una versione pirata.GT
    • massimo scrive:
      Re: Do ut des
      - Scritto da: Guybrush
      nel caso di WoW non ha senso giocare disconnessi,
      dato che si tratta di applicazione client server
      ed e' per questo che Blizzard ha definito i
      sistemi DRM una perdita di
      tempo.

      Con diablo III deve avvenire la stessa cosa o
      sara' un boomerang
      terrificante.
      Vuoi stare sui server blizzard? Ottimo, sei
      garantito contro i cheater, hai delle regole
      certe e una loro applicazione rigorosissima.
      Questo e' un valore, aggiunto alla licenza del
      gioco e che di fatto rappresenta un vero
      vantaggio per l'utente
      onesto.

      Devo pero' avere la possibilita' di non giocare
      nei server blizzard, di starmene tranquillo sul
      mio PC a spassarmela stand alone senza avere
      altri giocatori che mi strapazzano i
      sacrosantissimi.

      In quest'ultimo caso si tratta di un boomerang.
      FaZZi i caTTi tuoi, se sto a MACOMER la
      connessione non ce l'ho, ma vorrei giocare lo
      stesso.
      Idem se risiedo a nord di Roma, tra Cesano e
      Formello e, di fatto, mi costringi ad usare una
      versione
      pirata.

      GTTi quoto in tutto e per tutto :)
    • Uno a caso scrive:
      Re: Do ut des
      A Macomer ho fatto il CAR.Bei tempi :-)E belle f**** le sarde. <-- mi sono autocensurato ;-)
    • ces scrive:
      Re: Do ut des
      - Scritto da: Guybrush
      nel caso di WoW non ha senso giocare disconnessi,
      dato che si tratta di applicazione client server
      ed e' per questo che Blizzard ha definito i
      sistemi DRM una perdita di
      tempo.

      Con diablo III deve avvenire la stessa cosa o
      sara' un boomerang
      terrificante.
      Vuoi stare sui server blizzard? Ottimo, sei
      garantito contro i cheater, hai delle regole
      certe e una loro applicazione rigorosissima.
      Questo e' un valore, aggiunto alla licenza del
      gioco e che di fatto rappresenta un vero
      vantaggio per l'utente
      onesto.

      Devo pero' avere la possibilita' di non giocare
      nei server blizzard, di starmene tranquillo sul
      mio PC a spassarmela stand alone senza avere
      altri giocatori che mi strapazzano i
      sacrosantissimi.

      In quest'ultimo caso si tratta di un boomerang.
      FaZZi i caTTi tuoi, se sto a MACOMER la
      connessione non ce l'ho, ma vorrei giocare lo
      stesso.
      Idem se risiedo a nord di Roma, tra Cesano e
      Formello e, di fatto, mi costringi ad usare una
      versione
      pirata.

      GTImmagina come sto messo io che sono fra quelli a cui non frega niente del multiplayer :
      • axl scrive:
        Re: Do ut des
        vabbeh o signur.. si prenderà la crack e bona.. con il gioco originale ;)in questo caso il passo è d'obbligo
        • krane scrive:
          Re: Do ut des
          - Scritto da: axl
          vabbeh o signur.. si prenderà la crack e bona..
          con il gioco originale
          ;)
          in questo caso il passo è d'obbligoScherzi ? Li offenderesti nell'animo ed infrangeresti la licenza che ti hanno venduto; prendi il crack e il gioco pirata cosi' non infrangi la licenza visto che non te la sei fatta vendere.
          • ces scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: axl

            vabbeh o signur.. si prenderà la crack e
            bona..

            con il gioco originale

            ;)

            in questo caso il passo è d'obbligo

            Scherzi ? Li offenderesti nell'animo ed
            infrangeresti la licenza che ti hanno venduto;
            prendi il crack e il gioco pirata cosi' non
            infrangi la licenza visto che non te la sei fatta
            vendere.Azz...sia mai che il signor Blizzard si offenda :)
        • prova123 scrive:
          Re: Do ut des
          Si è corretto. Però bisogna essere fortunati a trovare il solo crack. Altrimenti ti devi scaricare tutto per qualche mega utile :D
    • attonito scrive:
      Re: Do ut des
      - Scritto da: Guybrush
      nel caso di WoW non ha senso giocare disconnessi,
      dato che si tratta di applicazione client server
      ed e' per questo che Blizzard ha definito i
      sistemi DRM una perdita di
      tempo.

      Con diablo III deve avvenire la stessa cosa o
      sara' un boomerang
      terrificante.
      Vuoi stare sui server blizzard? Ottimo, sei
      garantito contro i cheater, hai delle regole
      certe e una loro applicazione rigorosissima.
      Questo e' un valore, aggiunto alla licenza del
      gioco e che di fatto rappresenta un vero
      vantaggio per l'utente
      onesto.

      Devo pero' avere la possibilita' di non giocare
      nei server blizzard, di starmene tranquillo sul
      mio PC a spassarmela stand alone senza avere
      altri giocatori che mi strapazzano i
      sacrosantissimi.

      In quest'ultimo caso si tratta di un boomerang.
      FaZZi i caTTi tuoi, se sto a MACOMER la
      connessione non ce l'ho, ma vorrei giocare lo
      stesso.
      Idem se risiedo a nord di Roma, tra Cesano e
      Formello e, di fatto, mi costringi ad usare una
      versione
      pirata.

      GTCompra un altro titolo e sfancula ubisoft, mica esistono solo loro....
      • panda rossa scrive:
        Re: Do ut des
        - Scritto da: attonito
        Compra un altro titolo e sfancula ubisoft, mica
        esistono solo
        loro....Non e' cosi' semplice.Mica parliamo di birra, che uno puo' cambiare marca.Parliamo di una serie di software.Non si puo' sostituire Diablo con PES o GTA
        • Fininsvest scrive:
          Re: Do ut des
          quoto l'unico modo per rimediare alle loro caxxate è la pirateria :D
        • attonito scrive:
          Re: Do ut des
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: attonito

          Compra un altro titolo e sfancula ubisoft,
          mica

          esistono solo

          loro....

          Non e' cosi' semplice.
          Mica parliamo di birra, che uno puo' cambiare
          marca.
          Parliamo di una serie di software.
          Non si puo' sostituire Diablo con PES o GTACerto che si. Se non si impara a pagare di persona - rinunciando - allora e' troppo comodo, ti pare? Io combatto la mia battaglia NON comprando e NON piratando: aspetto 4-5 anni e compro i giochi al sulermercato a 8.99E e se ancorea hanno necessita di connessione permanente o che, non compro del tutto. Ci perdono loro, non io. Il fatto di dire "ah devo ASSOLUTAMENTE giocare il gioco X" e' un bisogno indotto: se pensi in quekl modo hai gia' perso e loro hanno gia' vinto PRIMA ancora di combattere, ricordatelo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: attonito
            Certo che si. Se non si impara a pagare di
            persona - rinunciando - allora e' troppo comodo,
            ti pare?No, non mi pare proprio.
            Io combatto la mia battaglia NON
            comprando e NON piratando: aspetto 4-5 anni e
            compro i giochi al sulermercato a 8.99E Questo non e' combattere, questo e' fuggire!
            e se
            ancorea hanno necessita di connessione permanente
            o che, non compro del tutto. Ci perdono loro, non
            io. No. Tu sicuramente ci hai perso, rinunciando ad un game, del quale avevi giocato tutta la serie dal primo episodio al penultimo.Loro non ci hanno perso. Per male che gli va guadagneranno di meno, ma non ci perdono proprio.
            Il fatto di dire "ah devo ASSOLUTAMENTE
            giocare il gioco X" e' un bisogno indotto: se
            pensi in quekl modo hai gia' perso e loro hanno
            gia' vinto PRIMA ancora di combattere,
            ricordatelo.Ti sbagli.Il bisogno indotto e' "Io devo ASSOLUTAMENTE giocare ad X ADESSO!".Se puoi rinunciare all'ASSOLUTAMENTE e all'ADESSO allora non c'e' proprio niente di indotto.
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: attonito


            Certo che si. Se non si impara a pagare di

            persona - rinunciando - allora e' troppo
            comodo,

            ti pare?

            No, non mi pare proprio.


            Io combatto la mia battaglia NON

            comprando e NON piratando: aspetto 4-5 anni e

            compro i giochi al sulermercato a 8.99E

            Questo non e' combattere, questo e' fuggire!Ok, la tua proposta?

            e se

            ancorea hanno necessita di connessione
            permanente

            o che, non compro del tutto. Ci perdono
            loro,
            non

            io.

            No. Tu sicuramente ci hai perso, rinunciando ad
            un game, del quale avevi giocato tutta la serie
            dal primo episodio al penultimo.io ci perdo solo se vivo come una mancanza l'assenza di quel gioco sul miop pc. MA dato che io dico "nun me po fregaddemeno", allora NON ci perdo.
            Loro non ci hanno perso.
            Per male che gli va guadagneranno di meno, ma non
            ci perdono
            proprio.


            Il fatto di dire "ah devo ASSOLUTAMENTE

            giocare il gioco X" e' un bisogno indotto: se

            pensi in quekl modo hai gia' perso e loro
            hanno

            gia' vinto PRIMA ancora di combattere,

            ricordatelo.

            Ti sbagli.
            Il bisogno indotto e' "Io devo ASSOLUTAMENTE
            giocare ad X ADESSO!".
            Se puoi rinunciare all'ASSOLUTAMENTE e all'ADESSO
            allora non c'e' proprio niente di indotto.io posso rinunciare a giocarlo ADESSO (come detto prima) o a rinuciare a giocarlo DEL TUTTO senza per questo sentirmi "inferiore" "perdente" o che altro. Io sono il Cliente, *IO* decido *SE* e *QUANDO* comprare. Tutto il resto sono fuffole.Peccato che chi pensa come me sia la minoranza, da qui lo strapotere dei venditori.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Do ut des
            bhe dopo le uscita di ubisoft, si stanno svegliando
          • panda rossa scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: attonito
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: attonito




            Certo che si. Se non si impara a pagare
            di


            persona - rinunciando - allora e' troppo

            comodo,


            ti pare?



            No, non mi pare proprio.




            Io combatto la mia battaglia NON


            comprando e NON piratando: aspetto 4-5
            anni
            e


            compro i giochi al sulermercato a 8.99E



            Questo non e' combattere, questo e' fuggire!

            Ok, la tua proposta?Craccare e diffondere il crack, in modo da rendere la gente libera di decidere se giocare, non giocare, giocare senza pagare, giocare comprando comunque l'originale al prezzo che ritengono giusto.

            No. Tu sicuramente ci hai perso, rinunciando
            ad

            un game, del quale avevi giocato tutta la
            serie

            dal primo episodio al penultimo.

            io ci perdo solo se vivo come una mancanza
            l'assenza di quel gioco sul miop pc. MA dato che
            io dico "nun me po fregaddemeno", allora NON ci
            perdo.Quindi non ti rendi conto del problema.Sarebbe come aver letto i primi 6 libri di harry potter, e poi, siccome il settimo ed ultimo decidessero di non tradurlo in italiano, tu dicessi "non me po fregaddemeno".
            io posso rinunciare a giocarlo ADESSO (come detto
            prima) o a rinuciare a giocarlo DEL TUTTO senza
            per questo sentirmi "inferiore" "perdente" o che
            altro.Perche' a te di quel game non frega, non ti ci sei appassionato e quindi non puoi capire.
            Io sono il Cliente, *IO* decido *SE* e *QUANDO*
            comprare. Tutto il resto sono
            fuffole.
            Peccato che chi pensa come me sia la minoranza,
            da qui lo strapotere dei
            venditori.Qui non si parla di comprare o non comprare.Si tratta di poter fruire dopo aver comprato.
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: attonito

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: attonito






            Certo che si. Se non si impara a
            pagare

            di



            persona - rinunciando - allora e'
            troppo


            comodo,



            ti pare?





            No, non mi pare proprio.






            Io combatto la mia battaglia NON



            comprando e NON piratando: aspetto
            4-5

            anni

            e



            compro i giochi al sulermercato a
            8.99E






            Questo non e' combattere, questo e'
            fuggire!



            Ok, la tua proposta?

            Craccare e diffondere il crack, in modo da
            rendere la gente libera di decidere se giocare,
            non giocare, giocare senza pagare, giocare
            comprando comunque l'originale al prezzo che
            ritengono
            giusto.



            No. Tu sicuramente ci hai perso,
            rinunciando

            ad


            un game, del quale avevi giocato tutta
            la

            serie


            dal primo episodio al penultimo.



            io ci perdo solo se vivo come una mancanza

            l'assenza di quel gioco sul miop pc. MA dato
            che

            io dico "nun me po fregaddemeno", allora NON
            ci

            perdo.

            Quindi non ti rendi conto del problema.
            Sarebbe come aver letto i primi 6 libri di harry
            potter, e poi, siccome il settimo ed ultimo
            decidessero di non tradurlo in italiano, tu
            dicessi "non me po
            fregaddemeno".me ne rendo conto benissimo, del problema: ho giocato tutta la serie Gothic (1, 2, 3, 3-FG) ma dato che Arcania Gothic 4 E' UNA XXXXXTA IMMANE l'ho saltato. Ho perso un episodio della serie? "nunmepofregaddemeno".


            io posso rinunciare a giocarlo ADESSO (come
            detto

            prima) o a rinuciare a giocarlo DEL TUTTO
            senza

            per questo sentirmi "inferiore" "perdente" o
            che

            altro.

            Perche' a te di quel game non frega, non ti ci
            sei appassionato e quindi non puoi
            capire.vedi sopra.

            Io sono il Cliente, *IO* decido *SE* e
            *QUANDO*

            comprare. Tutto il resto sono

            fuffole.

            Peccato che chi pensa come me sia la
            minoranza,

            da qui lo strapotere dei

            venditori.

            Qui non si parla di comprare o non comprare.
            Si tratta di poter fruire dopo aver comprato.che e' un altro discorso. Il non comprare del tutto e' una presa di posizione netta nei confronti del venditore: "tu venditore combini XXXXXte? e io non compro, fine".
          • anony scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: attonito
            Il non comprare del tutto e' una presa di
            posizione netta nei confronti del venditore: "tu
            venditore combini XXXXXte? e io non compro,
            fine".il problema è che, come tu stesso hai ammesso, è solo una minoranza a pensarla così. quindi, finché sarai soltanto tu (e pochi altri) ad attuare questa politica, non sortirà alcun effetto concreto.tanto vale che lasci perdere... non sarà certo il rifiuto di un singolo a comprare, che cambierà la situazione.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Do ut des

            io ci perdo solo se vivo come una mancanza
            l'assenza di quel gioco sul miop pc. MA dato che
            io dico "nun me po fregaddemeno", allora NON ci
            perdo.Se non te ne importa, il tuo boicottaggio è del tutto inutile. Non stai boicottando, semplicemente non sei cliente.Sarebbe come dire: mi impegno a boicottare il mercato delle pelli di foca: ma se io non ho mai comprato articoli in pelle di foca, decidere di boicottare non cambia nulla: non sono un cliente, quindi i venditori manco lo sanno che cosa ho deciso.
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: uno qualsiasi

            io ci perdo solo se vivo come una mancanza

            l'assenza di quel gioco sul miop pc. MA dato
            che

            io dico "nun me po fregaddemeno", allora NON
            ci

            perdo.

            Se non te ne importa, il tuo boicottaggio è del
            tutto inutile. Non stai boicottando,
            semplicemente non sei
            cliente.

            Sarebbe come dire: mi impegno a boicottare il
            mercato delle pelli di foca: ma se io non ho mai
            comprato articoli in pelle di foca, decidere di
            boicottare non cambia nulla: non sono un cliente,
            quindi i venditori manco lo sanno che cosa ho
            deciso.non e' il mio caso. Ero cliente di jowood, deepsilver, nvidia, sony e altri.ora non lo sono piu' a causa delle loro politiche commerciali.
          • Quaraquaqua scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: attonito
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: attonito




            Certo che si. Se non si impara a pagare
            di


            persona - rinunciando - allora e' troppo

            comodo,


            ti pare?



            No, non mi pare proprio.




            Io combatto la mia battaglia NON


            comprando e NON piratando: aspetto 4-5
            anni
            e


            compro i giochi al sulermercato a 8.99E



            Questo non e' combattere, questo e' fuggire!

            Ok, la tua proposta?Scusate se mi imbuco...ecco la mia proposta...crakki e giochi, quando esce a 8 euro 2 o 3 anni dopo, lo compri, così hai la coscienza a posto. ;)
          • Guybrush scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: Quaraquaqua, Panda Rossa, Attonito, e tutti gli altri presenti nel Thread tranne sgabbio ;-)[...]Ma che bel thread signori, avete tutti ottime argomentazioni e mi sento un po' in colpa per non aver approfondito meglio la questione del crack.Il crack si rende necessario in cui:1) Hai il gioco originale e non hai a disposizione una connessione2) La connessione serve solo per l'autenticazione della copia.E' importante.Da un lustro almeno non esistono piu' crack privi di malware.Nella migliore delle ipotesi i crack vengono diffusi solo per carpire codici di gioco validi.Nella peggiore il computer diventa uno zombie.Se non si dispone di una connessione, di nessun genere il crack non puo' fare grossi danni, a patto di non connettere il computer fino alla successiva formattazione.Attendere la versione budget del gioco, con la speranza di non dover avere piu' bisogno della connessione continua è una buona idea e rappresenta la cara vecchia strategia del "siediti lungo il fiume e aspetta".Funziona, richiede pazienza e grande integrità morale.Non e' alla portata di tutti.Craccare senza comprare il gioco è moralmente sbagliato.Ed e' anche un illecito penale (acXXXXX abusivo a sistema telematico).Sostituire il gioco con un altro puo' non essere una buona idea: hack 'n slash come Diablo III non crescono sugli alberi.Non giocare: ecco, questa puo' sembrare una fuga, ma se la si accompagna con una bella lettera (cartacea e scritta a PENNA) in cui ci si rammarica per la scelta e si comunica la propria non disponibilita' a cedere la propria connessione (neanche mezzo bit/s) per questo scopo, e che i soldi che avresti volentieri speso per il gioco li spenderai per un gioco concorrente, diverso si, ma privo degli inutili sistemi di protezione scelti... ecco, queste sono cose che fanno effetto, specie se una copia elettronica della lettera comincia a circolare tra forum e account di FB.Fai arrivare il messaggio che DRM = molte copie vendute in meno.Insomma il nemico va colpito con tutti i mezzi disponibili.L'ultimo mi piace assai perché assomiglia un po' alle mattonate tirate contro Nintendo e mi piace pensare che siano state anche quelle a far calare il prezzo dela 3DS.Baci & AbbracciGT
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: Quaraquaqua, Panda Rossa, Attonito,
            e tutti gli altri presenti nel Thread tranne
            sgabbio
            ;-)
            [...]

            Ma che bel thread signori, avete tutti ottime
            argomentazioni e mi sento un po' in colpa per non
            aver approfondito meglio la questione del
            crack.

            Il crack si rende necessario in cui:
            1) Hai il gioco originale e non hai a
            disposizione una
            connessione
            2) La connessione serve solo per l'autenticazione
            della
            copia.

            E' importante.vero, sottoscrivo al 100%
            Da un lustro almeno non esistono piu' crack privi
            di malware.
            Nella migliore delle ipotesi i crack vengono
            diffusi solo per carpire codici di gioco
            validi.
            Nella peggiore il computer diventa uno zombie.

            Se non si dispone di una connessione, di nessun
            genere il crack non puo' fare grossi danni, a
            patto di non connettere il computer fino alla
            successiva formattazione.hai capito tutto.PC (o disco rigido) dedicato al gioco e pc RIGOROSAMENTE sconnesso dalla rete: lo faccio a prescindere da che tipo di giochi sono installati.
            Attendere la versione budget del gioco, con la
            speranza di non dover avere piu' bisogno della
            connessione continua è una buona idea e
            rappresenta la cara vecchia strategia del
            "siediti lungo il fiume e aspetta".eccomi, sono io :)
            Funziona, richiede pazienza e grande integrità
            morale.
            Non e' alla portata di tutti.eh, lo so, lo so.
            Craccare senza comprare il gioco è moralmente
            sbagliato.
            Ed e' anche un illecito penale (acXXXXX abusivo a
            sistema telematico).

            Sostituire il gioco con un altro puo' non essere
            una buona idea: hack 'n slash come Diablo III non
            crescono sugli alberi.trattasi di unica alternativa moralmente e legalmente ineccepibile: ancora 4-5 anni ed uscira' "0 A.D." :-)
            Non giocare: ecco, questa puo' sembrare una fuga,
            ma se la si accompagna con una bella lettera
            (cartacea e scritta a PENNA) in cui ci si
            rammarica per la scelta e si comunica la propria
            non disponibilita' a cedere la propria
            connessione (neanche mezzo bit/s) per questo
            scopo, e che i soldi che avresti volentieri speso
            per il gioco li spenderai per un gioco
            concorrente, diverso si, ma privo degli inutili
            sistemi di protezione scelti... ecco, queste sono
            cose che fanno effetto, specie se una copia
            elettronica della lettera comincia a circolare
            tra forum e account di FB.eh si... ne ammazza piu' la penna che la spada.
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Con i byte di connessione spesi a commentare questa notizia avreste giocando un mese a diablo 3.Non capisco sta difesa estrame dalla "connessione", pare che ve la rubino...Se commentate qua, avete internet.Se avete internet avete la connessione.Se avete la connessione potete giocare tranquillamente a dibalo 3.Non vedo il problema.
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Con i byte di connessione spesi a commentare
            questa notizia avreste giocando un mese a diablo
            3.
            Non capisco sta difesa estrame dalla
            "connessione", pare che ve la
            rubino...

            Se commentate qua, avete internet.
            Se avete internet avete la connessione.
            Se avete la connessione potete giocare
            tranquillamente a dibalo
            3.
            Non vedo il problema.se non lo vedi e' perche lo hai: quanto meno di logica.Magari in ufficio/biblioteca/netcafe non ti fanno giocare a diabol3,che ne dici?
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Ma dai non tirare fuori argomenti sepolti.Gli internet cafè stanno morendo ovunque e dimmi te se adesso le biblioteche hanno pc performati per videogiochi.Stai XXXXXXndo fuori dal vaso.
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Ma dai non tirare fuori argomenti sepolti.

            Gli internet cafè stanno morendo ovunque e dimmi
            te se adesso le biblioteche hanno pc performati
            per
            videogiochi.

            Stai XXXXXXndo fuori dal vaso.a casa ho un pc performantte ma non ho internet. PErche dovreei spendere 20E al mese (120e/anno) SOLO per giocare 2 o 3 titoli da 40E l'uno? spenderei in un anno piu di connessione che di giochi, mi sembra assurdo.
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Sei semplicemente fuori mercato.E' come pretendere che venga sviluppato diablo 3 per XXXX mega drive perchè io c'ho quello e non intendo cambiare.Da qualche anno il mercato dei videogiochi si sta spostato su player pesantemente connessi.Ti vuoi adeguare? non ti vuoi adeguare? scelta libera.Ma d'altronde la tecnologia va avanti e una software house se vede che il trend "online" la fa guadagnare segue quello.
          • panda rossa scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Con i byte di connessione spesi a commentare
            questa notizia avreste giocando un mese a diablo
            3.
            Non capisco sta difesa estrame dalla
            "connessione", pare che ve la
            rubino...

            Se commentate qua, avete internet.
            Se avete internet avete la connessione.
            Se avete la connessione potete giocare
            tranquillamente a dibalo
            3.

            Non vedo il problema.Il problema e', almeno nel mio caso, che la connessione che utilizzo per commentare su PI me la offre gentilmente l'azienda, mentre il tempo che generalmente dedico al gaming sono le sere d'estate in vacanza in localita' amena dove la connessione non c'e'.Lo vedi il problema adesso?
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Ok è un tuo problema, ma secondo te la blizzard che conta di vendere 10 milione di copie di un gioco gli interessa davvero se un (anche 10.000 persone) non potranno giocare al loro giochino il località "sa il XXXXX".La blizzard è una societàLa società vuole i soldiIl giocatore offline ti fa guadagnare solo con l'acquistoIl giocatore online spende nel tempo.La blizzard non è mica una onlus.
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Ok è un tuo problema, ma secondo te la blizzard
            che conta di vendere 10 milione di copie di un
            gioco gli interessa davvero se un (anche 10.000
            persone) non potranno giocare al loro giochino il
            località "sa il XXXXX".Se 999 persone dicono "bevo litri di cocacola e mangio chili di hamburgher: costano poco, li trovo ovunque, sono buoni e mi piacciono" e uno solo dice "io vivo sano coltivando il mio orto e mangiando vegetariano", chi ha ragione?L'essere nel "giusto" non e' un fatto di maggioranza.
            La blizzard è una società
            La società vuole i soldi
            Il giocatore offline ti fa guadagnare solo con
            l'acquisto
            Il giocatore online spende nel tempo.


            La blizzard non è mica una onlus.la blizzard fa ovviamente i suoi conti e sceglie un certo tipo di apporccio alla vendita: puo' liberamente farlo, e' ovvio.io faccio i miei conti e scelgo un certo tipo di approccio agli acquisti: posso liberamente farlo, e' ovvio.Pero chissa come mai per te la loro e' una cosa naturale, mentre io sono un XXXXX.
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Tu non sei XXXXX, semplicemente non c'è motivo di fare crociate anti blizzard su scelte di marketing aziendale che sono sconosciute ai più.Se diablo 3 ti interessa acquisterai il servizio come blizzard lo eroga altrimenti non giocherai a diablo 3. La blizzard nei suoi obiettivi aziendali non ha certo la "felicità" dell'utente, ha solo il fatturato.
          • Guybrush scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Tu non sei XXXXX, semplicemente non c'è motivo di
            fare crociate anti blizzard su scelte di
            marketing aziendale che sono sconosciute ai
            più.

            Se diablo 3 ti interessa acquisterai il servizio
            come blizzard lo eroga altrimenti non giocherai a
            diablo 3.


            La blizzard nei suoi obiettivi aziendali non ha
            certo la "felicità" dell'utente, ha solo il
            fatturato.Trattandosi di intrattenimento ha la "felicità dell'utente" nello statuto societario e posso aggiungere che WoW e' un buon servizio.Detesto i DRM e non comprero' DIII proprio per questo motivo.Forse con la versione budget, tra 2-3 anni, se non ci saranno grossi sistemi anti-copia messi su potro' dedicargli una macchina virtuale.Se no, addio anche a Diablo.GT
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Tu non sei XXXXX, semplicemente non c'è motivo di
            fare crociate anti blizzard su scelte di
            marketing aziendale che sono sconosciute ai
            più.concordo e sottoscrivo, ma aggiungo tre parole alla fine della tua frase: "per il momento"
            Se diablo 3 ti interessa acquisterai il servizio
            come blizzard lo eroga altrimenti non giocherai a
            diablo 3.non e' esettamente cosi': diablo3 ( ma in generale qualunque prodotto/servizio X) mi puo' interessare ma io non permetto che tale interesse prevalichi principi (i miei) che ritengo piu' importanti.tutto qui.
            La blizzard nei suoi obiettivi aziendali non ha
            certo la "felicità" dell'utente, ha solo il
            fatturato.Mi sembra che stiamo dicendo la stessa cosa ma con "sapori" differenti.
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Ma è chiaro che se una cosa va contro i tuoi principi tendi a non acquistarla che ragionamento è.Il fatto è che se lo piazzano sto sistema DRM significa che gli serve se poi questo gli costa x utenti sono fatti loro.Ma vedendo la "produttività" e il "fatturato" blizzard i loro conti se li fanno fare bene.
          • Guybrush scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Ma è chiaro che se una cosa va contro i tuoi
            principi tendi a non acquistarla che ragionamento
            è.

            Il fatto è che se lo piazzano sto sistema DRM
            significa che gli serve se poi questo gli costa x
            utenti sono fatti
            loro.Finora hanno detto esattamente il contrario.
            Ma vedendo la "produttività" e il "fatturato"
            blizzard i loro conti se li fanno fare
            bene.Lo spero per loro, in ogni caso non mi avranno come cliente.GT
          • anony scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            La blizzard nei suoi obiettivi aziendali non ha
            certo la "felicità" dell'utente, ha solo il
            fatturato.beh, oddio... il gioco deve poter soddisfare come minimo la maggioranza degli utenti.se, per qualche motivo, ne viene fuori che la maggior parte dei giocatori è "insoddisfatta" o "infelice"... beh allora è meglio che la blizzard faccia marcia indietro.perché un utente insoddisfatto è molto meno propenso a tirar fuori i dindi (specie se li ha già tirati fuori una volta, e ne è rimasto "scottato").
          • ziovax scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            La blizzard non è mica una onlus.Nemmeno io.
          • panda rossa scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: Guybrush
            Non giocare: ecco, questa puo' sembrare una fuga,
            ma se la si accompagna con una bella lettera
            (cartacea e scritta a PENNA) in cui ci si
            rammarica per la scelta e si comunica la propria
            non disponibilita' a cedere la propria
            connessione (neanche mezzo bit/s) per questo
            scopo, e che i soldi che avresti volentieri speso
            per il gioco li spenderai per un gioco
            concorrente, diverso si, ma privo degli inutili
            sistemi di protezione scelti... ecco, queste sono
            cose che fanno effetto, specie se una copia
            elettronica della lettera comincia a circolare
            tra forum e account di
            FB.Questa e' una idea interessante, ma ha il difetto intrinseco di doverci mettere nome e cognome, perche' i dinosauri dello scorso millennio sono ancora ancorati al concetto che senza un autore, un messaggio non ha credibilita'. E se poi il messaggio fosse fastidioso, anziche' col messaggio se la prendono con l'autore.In ogni caso, a parte l'ovile, quali potrebbero essere i forum dove si potrebbe postare un messaggio del genere?
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            ahahaha vorrei lavorare al centro assistenza blizzard solo per vedere le risate al momento dell'aperture di tale lettera.
          • Guybrush scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Guybrush[...]
            Questa e' una idea interessante, ma ha il difetto
            intrinseco di doverci mettere nome e cognome,
            perche' i dinosauri dello scorso millennio sono
            ancora ancorati al concetto che senza un autore,
            un messaggio non ha credibilita'. E se poi il
            messaggio fosse fastidioso, anziche' col
            messaggio se la prendono con
            l'autore.Anche quando ho tirato un mattone alla Nintendo ci ho messo la faccia (e 10$ per mattone e spese di spedizione), oltre alla faccia ho smesso di spendere soldi in giochi targati N, hardware targato N e gadget vari.Totale: 340 euro risparmiati quest'anno.Denaro che e' stato devoluto per l'acquisto di un pacchetto "quasi tutto incluso" per 18 gg di safari in Tanzania.
            In ogni caso, a parte l'ovile, quali potrebbero
            essere i forum dove si potrebbe postare un
            messaggio del
            genere?It.comp.giochie sotto-news coinvolti, per esempio.nextgame.itgameradar.ithwupgrade.ittomshw.itecceteramagari se pubblichi la missiva elettronica evita di mettere visibile la firma, ma solo per evitare che altri se ne apporfittino.Le risate in casa Blizzard ci saranno per la prima lettera, per la seconda qualche sorriso, noia e fastidio per le successive 999, ma dalla n°1000 equivalgono a 60.000 euro di mancati guadagni ogni 1000 lettere ricevute e quando diventano 10.000... be', fai tu il conto.Nota: nel caso della missiva cartacea vale dire 1 lettera = (1 copia non venduta + 1 cliente arrabbiato)GT
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des

            Nota: nel caso della missiva cartacea vale dire 1
            lettera = (1 copia non venduta + 1 cliente
            arrabbiato)

            GTil problema e' che le pecore non sanno scrivere, eggia' gia'....
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            La blizzard fattura solo con wow 6 milione di euro al giorno, capisci che i tuoi 60.000 li spendono solo per la carta igienica aziendale.
          • Guybrush scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            La blizzard fattura solo con wow 6 milione di
            euro al giorno, capisci che i tuoi 60.000 li
            spendono solo per la carta igienica
            aziendale.Devi confrontare il dato con le vendite di diablo III.Se vendi 5.000.000 di copie le 1000 non vendute non si sentono molto.Se le lettere sono 10.000 le cose cominciano ad apparire diverse.A 60 euro a copia vuol dire che su un fatturato complessivo di 300.000.000 ti ritrovi con 600.000 euro di meno.Vale a dire il 20% in meno.Dire che hai venduto il 20% in meno di quanto avresti potuto di fronte all'assemblea degli azionisti equivale a cambiare lavoro.GT
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Scusami eh ma:5 milioni di copie x 60 = 300 milioni di euro10 mila copie x 60 = 600.000 mila euroil 20% di 300 milioni di euro è 60 milioni di euro non 600.000 euro.I 10.000 che non acquistano sono lo 0,25% del fatturato "previsto" , ipotizzando 10 milioni di copie scendi a meno di 0,15%nulla....
          • ziovax scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: Guybrush
            Dire che hai venduto il 20% in meno di quanto
            avresti potuto di fronte all'assemblea degli
            azionisti equivale a cambiare
            lavoro.

            GTGià... peccato che gli diranno che è colpa della pirateria.
      • lul scrive:
        Re: Do ut des
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: Guybrush

        nel caso di WoW non ha senso giocare
        disconnessi,

        dato che si tratta di applicazione client
        server

        ed e' per questo che Blizzard ha definito i

        sistemi DRM una perdita di

        tempo.



        Con diablo III deve avvenire la stessa cosa o

        sara' un boomerang

        terrificante.

        Vuoi stare sui server blizzard? Ottimo, sei

        garantito contro i cheater, hai delle regole

        certe e una loro applicazione rigorosissima.

        Questo e' un valore, aggiunto alla licenza
        del

        gioco e che di fatto rappresenta un vero

        vantaggio per l'utente

        onesto.



        Devo pero' avere la possibilita' di non
        giocare

        nei server blizzard, di starmene tranquillo
        sul

        mio PC a spassarmela stand alone senza avere

        altri giocatori che mi strapazzano i

        sacrosantissimi.



        In quest'ultimo caso si tratta di un
        boomerang.

        FaZZi i caTTi tuoi, se sto a MACOMER la

        connessione non ce l'ho, ma vorrei giocare lo

        stesso.

        Idem se risiedo a nord di Roma, tra Cesano e

        Formello e, di fatto, mi costringi ad usare
        una

        versione

        pirata.



        GT

        Compra un altro titolo e sfancula ubisoft, mica
        esistono solo
        loro....blizzard..non è cosi semplice, attualmente sono loro che fanno i giochi migliori, con l'assistenza migliore, con le community migliori, tutto ciò che gira intorno ai titoli blizzard è decisamente superiore agli standard dei classici giochi
        • attonito scrive:
          Re: Do ut des


          Compra un altro titolo e sfancula ubisoft,
          mica

          esistono solo

          loro....

          blizzard..
          non è cosi semplice, attualmente sono loro che
          fanno i giochi migliori, con l'assistenza
          migliore, con le community migliori, tutto ciò
          che gira intorno ai titoli blizzard è decisamente
          superiore agli standard dei classici
          giochiRispettare i propri principi non e' mai a "costo zero", lo sai?
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Scusa ma i tuoi principi ti vietano di :1)Fare un acquisto legale di un prodotto che ti interessa(diablo 3)2)Usare internetMi sembrano ben strani principi, ripeto oramai ci si lamenta di ogni cosa, anche quando doveva uscire starcraft 2 tutti a dire , vogliamo il gioco offline, vogliamo il gioco offline, poi l'hanno messo e praticamente nessuno lo usa... anche se uno si vuole fare la campagna va online che così spara anche due chiacchere con amici o se gli viene voglia di fare una custom è gia li.Eddai... non facciamo polemica su tutto...Paghiamo x euro al mese per una connessione di cui sfruttiamo si e no il 15%... e ci incavoliamos e un gioco ne chiede 1%
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Scusa ma i tuoi principi ti vietano di :
            1)Fare un acquisto legale di un prodotto che ti
            interessa(diablo3)No. i miei principi mi vietano di comprare qualcosa che io non giudico essere acquistabile secondo i miei parametri. (es: produttoche che tiene per le palle il clinete tipo sony o tipo i giochi che IMPONGONO la connessione per registrarsi, oppure chi vende prodotti scandenti, come jowood, etc)
            2)Usare internet

            Mi sembrano ben strani principi, ripeto oramai ci
            si lamenta di ogni cosa, anche quando doveva
            uscire starcraft 2 tutti a dire , vogliamo il
            gioco offline, vogliamo il gioco offline, poi
            l'hanno messo e praticamente nessuno lo usa...
            anche se uno si vuole fare la campagna va online
            che così spara anche due chiacchere con amici o
            se gli viene voglia di fare una custom è gia
            li.


            Eddai... non facciamo polemica su tutto...

            Paghiamo x euro al mese per una connessione di
            cui sfruttiamo si e no il 15%... e ci
            incavoliamos e un gioco ne chiede 1%tu sei il perfetto cliente di questa gente: e non lo dico in termini positivi. ma come si dice, contneto tu, contenti tutti.
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Tu probabilmente invece sai poco come funziona il commercio.All'utente medio che si compra la PS3 non gliene fotte niente del firmware,di collegare la ps3 col pc via satellite e altre cavolate del genere.Prende e gioca e bona.E anzi all'utonto che è il 95% dell'utente medio di PS3 gli devi FISICAMENTE impedire di fare cavolate.Hai idea di quanta gente scassa le palle alla sony/nintendo etc perchè gli si impalla la console seguendo guide varie all'hacking prese da internet?
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Vorrei farti poi notare che per coerenza non dovresti neanche possedere un cellulare, visto che ti OBBLIGANO ad avere una connessione attiva con un operatore telefonica.Oppure dovresti tornare al modem perchè vuoi la connessione solo QUANDO la vuoi tu quindi l'adsl flat è un imposizione.Visto che poi la registrazione oramai è presente pure sui siti di hellokitty dovresti proprio smettere di usare internet.Anzi neanche avere una mail di posta perchè ti OBBLIGANO a registrarti e dare dei dati e sceglie un nick, ma come si permettono?
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Vorrei farti poi notare che per coerenza non
            dovresti neanche possedere un cellulare, visto
            che ti OBBLIGANO ad avere una connessione attiva
            con un operatore telefonica.Ti confondi tra cio che e' necessario per il funzionamento base di un servizio (telefonia cellulare) e quello che e' imposto per scelta del fornitore (giochi con connessione obbligatoria permanente)
            Visto che poi la registrazione oramai è presente
            pure sui siti di hellokitty dovresti proprio
            smettere di usare internet.io spero PI imponga prima o poi la registrazione, cosi avro un otttimo motivo per non postare piu qui.
            Anzi neanche avere una mail di posta perchè ti
            OBBLIGANO a registrarti e dare dei dati e sceglie
            un nick, ma come si permettono?chi ti dice io abbia un account di mail?
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Non c'è confusione.Una società offre un servizio, e determina come erogarlo.Il cliente può decidere se acquistare o no il servizio.La tim offre n servizi di telefonia e per ognuno determina come erogarlo. Tu hai scelto il servizio che desideravi tra quelli esposti.La stessa cosa fa la blizzard, lei ti offre un servizio e determina come erogarlo, e tu cliente decidi se questo servizio ti serve o meno.
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Non c'è confusione.

            Una società offre un servizio, e determina come
            erogarlo.

            Il cliente può decidere se acquistare o no il
            servizio.

            La tim offre n servizi di telefonia e per ognuno
            determina come erogarlo. Tu hai scelto il
            servizio che desideravi tra quelli
            esposti.

            La stessa cosa fa la blizzard, lei ti offre un
            servizio e determina come erogarlo, e tu cliente
            decidi se questo servizio ti serve o
            meno.Posso telefonare cun un telefono cellulare senza che la cella piu vicina sappia dove io sono? no, e' TECNICAMENTE impossibile.Posso giocare al gioco X senza dover essere COSTRETTO a registrarmi da qualche parte o ad avere una connissione internet perennemente ativa durante il gioco? si, si e' sempre fatto fino a qualche anno fa: ma adesso blizzard e altri obblicano a farlo.La prima 'e una NECESSITA TECNICA, la seconta una IMPOSIZIONE UNILATERALE ( e io alla seconda dico "no" ho detto no a Risen2 e contrinuero a dire no a tutti quelli che faranno lo stesso, e mi premuniro' altresi di comunicarglielo? conta nulla? conta per me e questo basta.)
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Sei sicuro che sia una necessità tecnica o perchè qualcuno all'inizio ha deciso così?
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Sei sicuro che sia una necessità tecnica o perchè
            qualcuno all'inizio ha deciso così?Non sono un tecnico ma mi viene difficile pensare ad un sistema di fonia mobile senza aver il territorio cosparso di stazioni ricetrasmittenti.Se tu pensi ci sia una alternativa che comporti costi e praticita' d'uso analoghe o migliori, ti invito ad illustrarla.
          • krane scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Sei sicuro che sia una necessità tecnica o
            perchè qualcuno all'inizio ha deciso così?Ma prendi in giro o sei veramente cosi' lamer ?
          • krane scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Scusa ma i tuoi principi ti vietano di :
            1)Fare un acquisto legale di un prodotto che ti
            interessa(diablo
            3)
            2)Usare internet
            Mi sembrano ben strani principi, ripeto oramai ci
            si lamenta di ogni cosa, anche quando doveva
            uscire starcraft 2 tutti a dire , vogliamo il
            gioco offline, vogliamo il gioco offline, poi
            l'hanno messo e praticamente nessuno lo usa...
            anche se uno si vuole fare la campagna va online
            che così spara anche due chiacchere con amici o
            se gli viene voglia di fare una custom è gia
            li.Ma come fai ad affermare una cosa del genere ? Io online non ci vado ! Quando gioco ho la rete staccata la maggior parte delle volte per evitare che windows e programmi mi rompano con gli aggiornamenti.
            Eddai... non facciamo polemica su tutto...
            Paghiamo x euro al mese per una connessione di
            cui sfruttiamo si e no il 15%... e ci
            incavoliamos e un gioco ne chiede 1%
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Si ma chi sei tu? uno su un milione stacca la rete per giocare.Anzi mi sembra un assurdità bella e buona, io gico, faccio alt tab, controllo msn/fb/mail, gioco etcSecondo te quanti cavolo di utenti "seriamente" si mettono a staccare cavi/wifi ogni volta che aprono un gioco.Mah
          • panda rossa scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Si ma chi sei tu? uno su un milione stacca la
            rete per giocare.Illustraci le modalita' che hai adottato per questo profondo ed esaustivo sondaggio.
            Anzi mi sembra un assurdità bella e buona, io
            gico, faccio alt tab, controllo msn/fb/mail,
            gioco
            etcTu non sei il mondo.
            Secondo te quanti cavolo di utenti "seriamente"
            si mettono a staccare cavi/wifi ogni volta che
            aprono un
            gioco.Quelli capaci, disattivano la rete con un solo click.Tu evidentemente hai bisogno di staccare i cavi e spegnere l'access point.
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Tra studio e lavoro sono 15 anni che sono nel campo dell'informatica ed è la prima volta che sento di persone che spengono/accendono la connessione internet(si suppone FLAT al giorno d'oggi) a seconda del programma che aprono.Se stiamo parlando di connessioni a "tempo" ok ci sta, se gioco mi stacco, ma oramai sono una minoranza e con le minoranze si fanno pochi soldi.E la mia % ha senso perchè non mi viene ne logico ne altro che io sono li davanti al pc guardando facebook e dico dai mi faccio una partita a PES, disabilito la connessione e faccio doppio click sull'icona...Mah
          • panda rossa scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer

            E la mia % ha senso perchè non mi viene ne logico
            ne altro che io sono li davanti al pc <b
            guardando </b

            <b
            facebook </b
            e dico dai mi faccio una partita a PES,
            disabilito la connessione e faccio doppio click
            sull'icona...Ok, a te non viene logico, e quasi nessuno di questo forum avra' dubbi in proposito.E' tutto chiaro adesso.
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Scusami eh adesso, ho capito che tu cerchi giustamente di portare la ragione della tua parte per vincere questa "battaglia" forumesca.Ma se hai una flat adsl se apri word stacchi la connessione?
          • attonito scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Scusami eh adesso, ho capito che tu cerchi
            giustamente di portare la ragione della tua parte
            per vincere questa "battaglia"
            forumesca.

            Ma se hai una flat adsl se apri word stacchi la
            connessione?panda non usa word, al limite libre/openoffice, koffice o kalibra...
          • Guybrush scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Scusami eh adesso, ho capito che tu cerchi
            giustamente di portare la ragione della tua parte
            per vincere questa "battaglia"
            forumesca.

            Ma se hai una flat adsl se apri word stacchi la
            connessione?Personalmente avvio una macchina virtuale che proprio NON ha la scheda di rete configurata.Visti i chiari di luna ormai quello e' l'unico vero sistema (oltre a staccare il cavo, ma e' scomodo) per evitare che una app si connetta a mia insaputa.Host linux, vm windows, ovviamente.E lavoro sul campo dal 1983, data del mio primo programmino:10 "forza Juve";20 goto 10GT
          • Izio scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: NetPlayer




            E la mia % ha senso perchè non mi viene ne
            logico

            ne altro che io sono li davanti al pc
            <b
            guardando </b



            <b
            facebook </b
            e dico dai
            mi faccio una partita a
            PES,

            disabilito la connessione e faccio doppio
            click

            sull'icona...

            Ok, a te non viene logico, e quasi nessuno di
            questo forum avra' dubbi in
            proposito.

            E' tutto chiaro adesso.Effettivamente è come dici tu.Curioso che nessuno abbia ancora tirato fuori la metafora del dito e della luna, perché secondo me applicata a questo tipo ci starebbe proprio bene.
          • krane scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Si ma chi sei tu? uno su un milione stacca la
            rete per giocare.
            Anzi mi sembra un assurdità bella e buona, io
            gico, faccio alt tab, controllo msn/fb/mail,
            gioco etcIo no, windows lo uso solo ed esclusivamente per i giochi, del resto diversi giochi si emozionano per l'alt tab.Per tutto il resto uso linux.
            Secondo te quanti cavolo di utenti "seriamente"
            si mettono a staccare cavi/wifi ogni volta che
            aprono un gioco.
            MahStaccare cavi ??? (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Era per enfatizzare lo "stacco" della connessione.Sei un utente multi SO sai quanti ce ne sono? troppo pochi affinchè siano di una qualche importanza nel marketing di vendita
          • krane scrive:
            Re: Do ut des
            - Scritto da: NetPlayer
            Era per enfatizzare lo "stacco" della connessione.
            Sei un utente multi SO sai quanti ce ne sono?
            troppo pochi affinchè siano di una qualche
            importanza nel marketing di venditaMi mostri le fonti delle tue statistiche ?
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            http://www.w3counter.com/globalstats.php
          • krane scrive:
            Re: Do ut des
            E dov'e' la percentuale di utenti dual boot ?
          • NetPlayer scrive:
            Re: Do ut des
            Se ti fai due conti... ci arrivi!
  • liquid S. scrive:
    speriamo..
    tanto i "trucchetti" li trovano sempre..ma speriamo che il nuovo capitolo sia migliore del precedente..personalmente l'ho trovato troppo ripetitivo e noioso
    • lul scrive:
      Re: speriamo..
      - Scritto da: liquid S.
      tanto i "trucchetti" li trovano sempre..ma
      speriamo che il nuovo capitolo sia migliore del
      precedente..personalmente l'ho trovato troppo
      ripetitivo e
      noiosogiocone fantastico diablo2il cubo poi ha accresciuto in maniera esponenziale le ore di gioco
  • massimo scrive:
    Avanti il prossimo
    Molto bene... un altro capolavoro rovinato dalle manie di XXXXXXX gli utenti... AVANTI IL PROSSIMO.
    • barra78 scrive:
      Re: Avanti il prossimo
      O dalle manie degli utenti di XXXXXXX chi lavora producendo contenuti....Tracker torrent e simili fanno numeri MOSTRUOSI.I giochi spesso costano cifre ASSURDE.La soluzione non è la pirateria ma NON COMPRARE, soprattutto in un mercato pieno di soluzioni gratuite.
      • krane scrive:
        Re: Avanti il prossimo
        - Scritto da: barra78
        O dalle manie degli utenti di XXXXXXX chi lavora
        producendo contenuti....
        Tracker torrent e simili fanno numeri MOSTRUOSI.
        I giochi spesso costano cifre ASSURDE.
        La soluzione non è la pirateria ma NON COMPRARE,
        soprattutto in un mercato pieno di soluzioni
        gratuite.La pirateria fa si che la logica del "non comprare" possa essere adottata anche da chi non ha le OO di privarsi del bene.
        • barra78 scrive:
          Re: Avanti il prossimo
          Già, lo diceva anche tanzi: non aveva le palle per abbassare il proprio stile di vita quindi ha iniziato a rubare e accantonare soldi non suoi!
      • Fininsvest scrive:
        Re: Avanti il prossimo
        sei rimasto 20 anni indietro, se sono cosi tanto danneggiati perchè ogni anno si producono giochi sempre più costosi e il valore di mercato del video game aumenta di anno in anno?Semplice perchè chi ama giocare acquista prodotti originali...Ma torniamo a noi... il problema delle critiche non è tanto nel DRM(che comunque sarà aggirato prestissimo) ma nella scelta di permettere di vendere beni di gioco con soldi reali, questo porta a un enorme squilibrio nel game, poichè non è più il più bravo a vincere ma il più ricco, e questo mi può star bene su un free to play ma non su un gioco che pago già parecchi euro, questa politica attirerà gente che nessuno vuole e i server saranno invasi da bot cinesi e russi che faranno soldi rivendendo oggetti virtuali e addio bravura.
        • barra78 scrive:
          Re: Avanti il prossimo
          Il fatto che i salvataggi sono sul server serve proprio per limitare bot e trucchi e non penso che sarà così facile bypassare i drm visto che i salvataggi sono online.... come si ricostruiscono?La grande fortuna poi delle software house è una barzelletta, muovono milioni di dollari perché OGGI fare videogiochi costa (centinaia di sviluppatori impegnati per mesi, hardware, kit di sviluppo, centinaia di persone per il testing ecc.) e la dimostrazione è la chiusura di tante software house.... Basta un titolo che non vende e si rischia il fallimento!
      • massimo scrive:
        Re: Avanti il prossimo
        - Scritto da: barra78
        O dalle manie degli utenti di XXXXXXX chi lavora
        producendo
        contenuti....Se io in locale voglio usare i cheats perchè sono imbranato, pigro o semplicemente perchè voglio giocare differentemente non vedo dove sia il problema... bastava usare personaggi online diversi da quelli locali, senza DRM o bestialità varie.
        Tracker torrent e simili fanno numeri MOSTRUOSI.
        I giochi spesso costano cifre ASSURDE.Tornimo al discorso che ormai gira da eoni... chi scarica prova il prodotto e se gli piace lo compra (se non altro per giocare online) ma se non lo scarica molto spesso vuol dire che non gli interessa e quindi non lo compra.
        La soluzione non è la pirateria ma NON COMPRARE,
        soprattutto in un mercato pieno di soluzioni
        gratuite.Beh... non mi risulta che tra il non comprare e il non scaricarlo ci sia differenza... i soldi non li percepiscono comunque(sempre che dopo averlo scaricato non lo compri come dicevo prima) ma in compenso se lo scarico hanno almeno pubblicità
        • barra78 scrive:
          Re: Avanti il prossimo
          - Scritto da: massimo
          - Scritto da: barra78

          O dalle manie degli utenti di XXXXXXX chi
          lavora

          producendo

          contenuti....

          Se io in locale voglio usare i cheats perchè sono
          imbranato, pigro o semplicemente perchè voglio
          giocare differentemente non vedo dove sia il
          problema... bastava usare personaggi online
          diversi da quelli locali, senza DRM o bestialità
          varie.Il pezzo che hai quotato si riferiva al lavoro delle software house che sviluppano!
          Tornimo al discorso che ormai gira da eoni... chi
          scarica prova il prodotto e se gli piace lo
          compra (se non altro per giocare online) ma se
          non lo scarica molto spesso vuol dire che non gli
          interessa e quindi non lo
          compra.Tanti giocano, godono e non pagano. Innegabile che una nicchia di utenti che ragiona così ma sono "bestie rare"!
          Beh... non mi risulta che tra il non comprare e
          il non scaricarlo ci sia differenza... i soldi
          non li percepiscono comunque(sempre che dopo
          averlo scaricato non lo compri come dicevo prima)
          ma in compenso se lo scarico hanno almeno
          pubblicitàVero ma sapere che 2 milioni di persone hanno scaricato il tuo prodotto via torrent di fa pensare che forse tanto schifo non faceva. Poi però tu chiudi la baracca perchè ne hai venduti 300.000 pezzi in tutto il mondo. Se chiudo DEVE essere perchè il mio gioco fa schifo, non perchè gira sui tracker dal day one!
          • massimo scrive:
            Re: Avanti il prossimo
            - Scritto da: barra78
            - Scritto da: massimo

            - Scritto da: barra78


            O dalle manie degli utenti di XXXXXXX
            chi

            lavora


            producendo


            contenuti....



            Se io in locale voglio usare i cheats perchè
            sono

            imbranato, pigro o semplicemente perchè
            voglio

            giocare differentemente non vedo dove sia il

            problema... bastava usare personaggi online

            diversi da quelli locali, senza DRM o
            bestialità

            varie.

            Il pezzo che hai quotato si riferiva al lavoro
            delle software house che
            sviluppano!Sul serio... non capisco cosa non va bene...

            Tornimo al discorso che ormai gira da
            eoni...
            chi

            scarica prova il prodotto e se gli piace lo

            compra (se non altro per giocare online) ma
            se

            non lo scarica molto spesso vuol dire che
            non
            gli

            interessa e quindi non lo

            compra.

            Tanti giocano, godono e non pagano. Innegabile
            che una nicchia di utenti che ragiona così ma
            sono "bestie
            rare"!Affatto! Non sono bestie rare ormai nessuno compra a scatola chiusa e dal momento che non c'è alcun modo di provare i prodotti bisogna ottenerli per vie alternative

            Beh... non mi risulta che tra il non
            comprare
            e

            il non scaricarlo ci sia differenza... i
            soldi

            non li percepiscono comunque(sempre che dopo

            averlo scaricato non lo compri come dicevo
            prima)

            ma in compenso se lo scarico hanno almeno

            pubblicità

            Vero ma sapere che 2 milioni di persone hanno
            scaricato il tuo prodotto via torrent di fa
            pensare che forse tanto schifo non faceva. Poi
            però tu chiudi la baracca perchè ne hai venduti
            300.000 pezzi in tutto il mondo. Se chiudo DEVE
            essere perchè il mio gioco fa schifo, non perchè
            gira sui tracker dal day
            one!Se tu vedi che hai fatto un buon lavoro ma nessuno te lo vuole comprare dovresti rivedere i prezzi e le licenze...forse il problema è lì
          • massimo scrive:
            Re: Avanti il prossimo
            - Scritto da: massimo
            - Scritto da: barra78



            Il pezzo che hai quotato si riferiva al
            lavoro

            delle software house che

            sviluppano!

            Sul serio... non capisco cosa non va bene...Ho capito cosa non andava bene... in realtà intendevo che non è che i cheats vengano usati per XXXXXXX le aziende ma

            - Scritto da: massimo


            - Scritto da: barra78



            O dalle manie degli utenti di
            XXXXXXX

            chi


            lavora



            producendo



            contenuti....





            Se io in locale voglio usare i cheats
            perchè

            sono


            imbranato, pigro o semplicemente perchè

            voglio


            giocare differentemente non vedo dove
            sia
            il


            problema... bastava usare personaggi
            online


            diversi da quelli locali, senza DRM o

            bestialità


            varie.
  • tDv scrive:
    Più che altro la ragione
    E' evitare la duplicazione di oggetti e valuta virtuale visto che sarà possibile vendere oggetti agli altri giocatori previo pagamento di soldi veri (su cui ovviamente la Blizzard tratterrà una percentuale).Se lo facessero anche su WOW credo che potrebbero tranquillamente metterlo free to play dato che gli introiti probabilmente rimarrebbero simili.
    • Francesco_Holy87 scrive:
      Re: Più che altro la ragione
      Avrebbero potuto separare gli sviluppi in singolo con quelli in multiplayer, cioè avere personaggi diversi. Ecco come potevano risolvere tutta la situazione...
Chiudi i commenti