Europa, le nuove licenze della musica industriale

IFPI e società di raccolta dei diritti si lanciano su un nuovo modello per la distribuzione delle royalty e le autorizzazioni a trasmettere in streaming o in differita

Londra – L’industria discografica lo presenta come un grande balzo in avanti: è l’intesa per l’apertura di due nuovi modelli di licenza sulla distribuzione musicale in Europa, che potrebbe moltiplicare iniziative digitali e profitti per il settore.

Ne ha parlato l’organizzazione internazionale dei fonografici IFPI nei giorni scorsi: anziché dover ottenere autorizzazioni e accordi con le singole società di raccolta dei diritti d’autore, come la SIAE italiana, i fornitori di servizi potranno stringere intese con una sola di queste , coprendo al contempo i territori di tutte le altre società aderenti all’intesa. Questo può agevolare la creazione di nuovi servizi, auspicati dall’industria a caccia di nuovi profitti su Internet, e bypassare l’attuale farraginosità del sistema. In altre parole ogni società di raccolta potrà dare in licenza materiali che sono gestiti da altre società che aderiscono alle nuove licenze.

I due nuovi modelli di licenza riguardano in particolare servizi via Internet e via mobile , sia per quanto riguarda i nuovi repertori che per quanto già trasmesso o pubblicato. “Emittenti e servizi musicali online – specifica IFPI – potranno comunque continuare ad avvicinare le società discografiche direttamente per ottenere licenze”.

Non si tratta di lana caprina ma di dobloni: fino ad oggi i diritti su ogni territorio, in questo caso i paesi dell’area economica europea, andavano contrattati uno ad uno. Far cadere questo obbligo crea anche una inedita concorrenza tra le società di raccolta : potendosi rivolgere ad una qualsiasi delle aderenti, i fornitori di servizi ad hoc sceglieranno quella più capace di fornire servizi rapidi, completi ed efficienti. Questo, secondo IFPI, non spaventerà le società omologhe della SIAE, tanto che i fonografici si aspettano che nei mercati musicali più rilevanti non meno di 40 di quelle società firmeranno i nuovi modelli di licenza.

Va detto che da lungo tempo SIAE e omologhe in Europa cercano nuove strade alle licenze infraeuropee, anche per rispondere alle ingiunzioni della Commissione Europea su questo fronte. Una situazione che la proposta IFPI sembra sbloccare a monte.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marta alberti scrive:
    CESSAZIONE CONTRATTO CON INFOSTRADA
    CHIEDO LA CESSAZIONE DEL CONTRATTO TRA NOI INTERCORSO, PERCHè VOGLIO USARE UN SOLO TELEFONE ANCHE PER I MESSAGGI, E PURTROPPO CON VOI, NON è POSSIBILE AVERE QUESTO SERVIZIO. GRAZIE, ATTENDO RISPOSTA IN MERITO
  • marta alberti scrive:
    cessazione contratto con operatore infos
    SONO A CHIEDERE( NELL'APPROSSIMARSI DELA CESSAZIONE DEL CONTRATTO TRA NOI INTERCORSO) LA CESSAZIONE DELLO STESSO. AL MOMENTO DELL'ATTIVAZIONE, MI ERA STATO DETTO, CHE I SERVIZI ERANO UGUALI A QUELLI FORNITI DA TELECOM. NIENTE DI PIù SBAGLIATO. IO USAVO UN SOLO TELEFONO ANCHE PER GLI sms, e MI SONO VISTA COSTRETTA AD ACQUISTARE UN TELEFONINO PER SPEDIRLI. IN BREVE, CHIEDO LA CESSAZIONE DEL NOSTRO RAPPORTO PERCHè VOGLIO AVERE UN SOLO TELEFONO, CIOè QUELLO DI CASA, CON IL QUALE SPEDIRE ANCHE I MESSAGGI.IL MIO NUMERO TELEFONICO è 0522891171INDIRIZZO:MARTA ALBERTI VIA DELLA LIBERTà 11/A42032 BUSANA ( REGGIO EMILIA) RINGRAZIO PER L'ATTENZIONE E SPERO IN UN VOSTRO SOLLECITO RISCONTRO A QUESTA MIA RICHIESTA.
  • Anonimo scrive:
    Idem per piccola variazione
    Sempre con un operatore a livello nazionale (ma non il più grosso), per cambiare la tipologia di contratto (da privato ad affari) con cambio unico del cf/ partita iva (tutto il resto identico), serve disattivare la linea e riattivarla, con la possibilità di restare senza fino a 40 gg. Solo per il cambio di un dato ? Solo per beghe amministrative ? E nei 40 gg senza ADSl che faccio non lavoro ? e chi mi paga ? Questi sono stupidi problemi dovuti alla rete in mano ad un monopolista!
  • Anonimo scrive:
    115 gg x variare un'ADSL da free a flat
    Ebbene sì, non faccio il nome del gestore (Telecom), i tempi sono questi.Ho atteso quasi 4 mesi e più di 100 telefonate al 187 per riuscire a fare questa variazione... :'(:'(:'(Siamo in Italia...
    • JosaFat scrive:
      Re: 115 gg x variare un'ADSL da free a f
      Splendido, non sono l'unico ad aspettare eoni per una variazione tanto banale! Io attendo da fine febbraio e il provider è Tele2.
  • Anonimo scrive:
    fai il traslogo
    scusa ma fai il traslogo della linea dall'appartamento attuale a quello dove vai.
  • Anonimo scrive:
    Soluzione semplice...
    Apri un nuovo contratto magari con un altro gestore intestato ad un altra persona.Ad attivazione avvenuta disdici quello vecchio.Leggi bene il contratto adsl che attualmente utilizzi per scegliere il periodo piu conveniente per tale operazione.
  • carobeppe scrive:
    La mia soluzione..
    io vivo in una situazione simile: durante la settimana vivo nella città dove studio, in un appartamento in affitto con altri ragazzi. Semplicemente, al momento della sottoscrizione dell'abbonamento ad internet, abbiamo chiesto al padrone di casa se potevamo intestare a lui la linea come tutte le altre utenze per evitare questi problemi, promettendo che avremmo sempre pagato e avremmo lasciato tutti gli apparecchi che abbiamo comprato a nostre spese (modem ed access point) al momento che ce ne saremmo andati. E comunque non mi pare che il nostro padrone di casa abbia firmato niente. In caso in cui succedesse che noi pestiferi combinassimo qualche cosa di illegale sulla Rete, come farebbero ad incolparlo visto che Tiscali il suo autografo non ce l'ha?
    • Anonimo scrive:
      Re: La mia soluzione..
      Atrraverso il suo numero di telefono a lui intestato.
      • Anonimo scrive:
        Re: La mia soluzione..
        - Scritto da:
        Atrraverso il suo numero di telefono a lui
        intestato.Se hanno regolare contratto ne risponde il locatario, meglio metterlo comunque sul contratto.
  • Anonimo scrive:
    La via d'uscita meno dolorosa
    Potremmo restare qui a disquisire sul giusto o sullo sbagliato per mesi... ma tu devi risolvere il problema...Quindi ti consiglio di attivare una nuova ADSL con linea solo DATI (se la chiedi te la danno)... quando è attiva disdici la vecchia...L'Italia è così purtroppo...Rolando
  • Anonimo scrive:
    Scrittura privata
    Non sono avvocato, ne notaio...però magari informarsi se una scrittura privata fra te e i tuoi ex coinquilini dove dici che dalla tal data non ti assumi piu responsabilità in merito alla linea a te intestata, firmata da entrambi...magari non serve a nulla in caso ci siano dei guai da affrontare in sede di giudizio, ma magari ti puo levare delle noie e dei pensieri. Boh vedi tu...
  • Anonimo scrive:
    Non so come funziona.. ma...
    Abbiamo cambiato l'ufficio e abbiamo chiesto a Telecom il passaggio del numero.Dopo 15 giorni il tecnico (non telecom) ha cambiato linea (mantenendo lo stesso numero) e "gentilmente" ha anche spostato l'ADSL wind (meno male).Nella vecchia abitazione abbiamo chiesto l'attivazione di un numero nuovo (con adsl compresa a wind) e ci vorranno dai 30 ai 60 giorni, onestamente faccio fatica a capire perchè di tutto questo tempo di attesa, la linea c'è... nuovo utente... avrebbero tutto l'interesse ad attivarmi subito...invece...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non so come funziona.. ma...
      Invece la lettera che ti comunica il contratto e la linea ADSL ti arriva subito e tu paghi un mese di attesa!
      • Anonimo scrive:
        Re: Non so come funziona.. ma...
        Quando feci il primo abbonamento ADSL ho pagato solo quando ho attivato... sarà per questo che fanno i 3 mesi gratis? :)....
  • Anonimo scrive:
    subentro facile con wind/infostrada..
    salve,proprio in questi giorni devo trasferire il contratto wind in ULL telefono+adsl al nuovo inquilino, ma mi sembra che sia tutto previsto dalla modulistica che si scarica qui: http://155.libero.it/pls/portal30/w155.infoareadove peraltro non mi sembra che chiedano soldi per il servizio di subentro.sono io che non vedo i dettagli ed i problemi oppure wind ha, almeno qui, un approccio trasparente?BTW nella nuova casa dove vado a stare, c'e' il "filo di rame" ma il precedente inquilino ha trasferito la sua utenza TI. sapete se wind puo' attivare subito la linea senza che sia presente un abbonamento pre-esistente con TI, come ho letto farebbe tiscali?ciaoandreaPS e' ovvio ma lo scrivo per inciso: non ho interessi economici diretti ma io con wind mi sono sempre trovato bene (da 3 anni in ULL), questo devo dirlo per completezza.
  • Anonimo scrive:
    Responsabilità giuridica e cortesia
    E qual' è il TUO problema? Il responsabile di questo disservizio non sei tu, bensì la procedura (discutibile quanto vuoi) che il tuo ISP adotta nella gestione degli accounts dei suoi clienti. Il tuo unico dovere (civico, non legale) è quello di darne comunicazione (con copia della eventuale documentazione) ai tuoi coinquilini, aggiungendo, se possibile, la data prevista di cessazione del servizio.Tu stesso hai chiaramente esposto le ragioni che non ti consentono di restare l' intestatario dell' account.Inoltre, in mancanza di disdetta dello stesso, probabilmente ti troveresti, fra non molto, titolare di un ulteriore account (situazione peraltro legittima), cosa che potrebbe, però, invogliare qualcuno a chiederti il perché, creandoti altri problemi.Non capisco, quindi, per quale ragione dovresti ritrovarti a "litigare ferocemente" coi tuoi coinquilini. Comunque sia, In bocca al lupo!!Una matricola di giurisprudenza.
  • Anonimo scrive:
    Mancano le linee guida dallo Stato
    Anche se si fanno leggi su passaggio tra un gestore e l'altro oppure sulle volture obbligatorie , se nessuno da una procedura operativa comune per farle (forse si potrebbero metterde d'accordo tra loro) non si arriverà mai da nessuna parte.In Italia abbiamo una marea di leggi e decreti e non abbiamo delle procedure semplici e comprensibili per tutti, credo che sia questo il problema di fondo delle volture inesistenti o impossibili.Poi potevi scrivere chi è il gestore , almeno lo evito!
  • Anonimo scrive:
    un'idea
    fai fare un nuovo contratto al tuo inquilino aspetti che attivano la nuova linea e poi disdici la tua linea oppure la disdici quando ti trasferisci.non so se e' un idea buona,ma e' il modo migliore che loro non perdono un giorno di connessione.
  • Anonimo scrive:
    Responsabilita'...
    La responsabilita' penale e' personale quindi per quanto riguarda l'uso sfrenato apparte una aventuale perquisizione per verificare se sei stato tu non ci dovrebbero essere altri problemi (e' come prestare la mercedes al Bilancia, alla fine sarai solo persona informata dei fatti)....per la responsabilita' civile non ti so dire(se diventi obbligaTO in solido ),ma che danni puoi fare con una adsl?Io la condividevo con altri due appartamenti quando ero studente.Fatti firmare qualcosa.miky
    • Anonimo scrive:
      Re: Responsabilita'...
      Questo non giustifica un comportamento assurdo di un provider senza regole di tempistica per una pratica che in un paese civile dove l'utenza è trattata meglio, si possono stabilire nel contratto e fare in 10 minuti anche con un vecchio computer M24 con video fosfori verdi!La Rossa
  • aghost scrive:
    E il cambio gestore adsl?
    la voltura è un caso tuttosommato raro e direi poco interessante.Mi sembrerebbe molto piu interessante invece conoscere come (e se) funziona agevolmente il cambio di gestore ADSL . Quanti hanno difficoltà a cambiare gestore adsl? Non ci sono dati ufficiali in proposito? E se non ci sono, non è un po' strano che nessuno indaghi su un problema che mi pare vitale per mantenere almeno un minimo di concorrenza, se di vera concorrenza possiamo parlare visto che ADSL è tutta in mano a telecom?Quanto tempo ci vuole mediamente per passare da un gestore all'altro? Fila sempre tutto liscio? Ci sono dei periodi in cui il servizio si interrompe? Se si, di quanto?Ho insomma la netta impressione che tutta la procedura sia complicata ad arte proprio per scoraggiare le migrazioni degli utenti. Un po' come quando i buoi sono nel recinto ... una volta che sono dentro non possono più scappare se non a rischio di rompersi le corna :) Mi sbaglio?http://www.aghost.wordpress.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: E il cambio gestore adsl?
      - Scritto da: aghost
      la voltura è un caso tutto sommato raro e direi
      poco
      interessante.

      Mi sembrerebbe molto piu interessante invece
      conoscere come (e se) funziona agevolmente il
      cambio di gestore ADSL .La voltura invece è un esempio lampante in quanto non presenta alcuna complicazione tecnica o autorizzativa da parte di terzi: semplicemente evidenza l'impreparazione delle aziende (e forse degli operatori call center) nel gestire un atto meramente amministrativo-contabile. Delle fatiche e degli ostacoli al passaggio di gestore se ne parla da almeno un paio d'anni. Sono certo che puoi trovare molti interventi e inchieste con una ricerca (qui e nel web in genere: per esempio le associazioni consumatori ne hanno parlato).
      • aghost scrive:
        Re: E il cambio gestore adsl?

        Delle fatiche e degli ostacoli al passaggio di
        gestore se ne parla da almeno un paio d'anni.
        Sono certo che puoi trovare molti interventi e
        inchieste con una ricerca (qui e nel web in
        genere: per esempio le associazioni consumatori
        ne hanno
        parlato).a me pare che non se ne parli abbastanza. Le associazioni consumatori d'accordo, ma le authority che fanno, dormono?
  • sirbone72 scrive:
    E' successo anche a me...
    Se può consolarti, poco tempo fa, ho dovuto mutare il mio contratto ADSL, facendolo passare da Business a Home, senza cambiare nient'altro. Ebbene, benché fisicamente non sia cambiato nulla, hanno dovuto procedere a chiudere il vecchio contratto e ad aprirne uno nuovo, seguendo tutta la trafila. Il risultato è stato un downtime di esattamente 30 giorni.La cosa assurda è che Tiscali ha veramente coinvolto Telecom nell'intervento: mi hanno anche spostato la portante dalla vecchia linea dedicata (rima avevo una ISDN) alla linea telefonica classica.
    • gerry scrive:
      Re: E' successo anche a me...
      Idem con patate: io nella voltura ho perso l'indirizzo mail legato alla vecchia adsl.Meno male che non l'avevo mai usato, se l'avessi dato in giro avrei dovuto penare... non pensiamo poi se l'avessi usato per lavoro.http://www.gerry.it/blog/?p=54http://www.gerry.it/blog/?p=56
      • Anonimo scrive:
        Re: E' successo anche a me...
        una semplice voltura della linea telefonica da deceduto ad erede = disattivazione dell'ADSL per almeno 10 giorni...
        • Anonimo scrive:
          Re: E' successo anche a me...
          - Scritto da:
          una semplice voltura della linea telefonica da
          deceduto ad erede = disattivazione dell'ADSL per
          almeno 10
          giorni...In questi casi forse meglio lasciare tutto come sta, no?Linea telefonica intestata a deceduto
          • Anonimo scrive:
            Re: E' successo anche a me...
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            una semplice voltura della linea telefonica da

            deceduto ad erede = disattivazione dell'ADSL per

            almeno 10

            giorni...

            In questi casi forse meglio lasciare tutto come
            sta,
            no?
            Linea telefonica intestata a decedutoMa infatti, al gestore è importante che arrivi l'avvenuto accredito della bolletta...Mio padre è morto da 23 anni e solo per pigrizia non ho mai fatto voltura...
          • gerry scrive:
            Re: E' successo anche a me...
            - Scritto da:
            In questi casi forse meglio lasciare tutto come
            sta,
            no?
            Linea telefonica intestata a decedutoHo voluto fare l'onesto.Ma non si rischia nulla in caso di controlli?Comunque gli unici che hanno dato problemi sono la telecom e il canone RAI
  • Anonimo scrive:
    Non vale per qualsiasi gestore
    Non credo che valga per tutti gli operatori come dice l'autore: "il discorso vale per qualsiasi gestore".Io avevo una linea ADSL a mio nome, essendomi però appena trasferito all'estero, ho preferito farla intestare a mio fratello, è bastata una raccomandata. Nessun downtime, nessuna disattivazione e riattivazione, solo un cambio dell'intestazione nella fattura.Forse tutto ciò accade quando ci si rivolge a quegli operatori che sembrano spendere più nella pubblicità sui media, che nel servizio che dovrebbero fornire.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non vale per qualsiasi gestore
      confermo e quoto: non vale per qualsiasi gestore. io ne ho appena fatta una risolta in meno di 24 ore. con ngi .
  • Anonimo scrive:
    Che problema ti fai?
    Disdici il contratto ADSL che non t'interessa e amen. E dormi tranquillo. Condivido le tue osservazioni, in generale.
  • the_speck scrive:
    Come dici? 40-50 giorni?
    Ma allora sei un ottimista inguaribile! I miei amici di Wind-Infostrada, per una voltura da mio padre a me (stesso indirizzo stesso numero di telefono, stesso tutto, tranne un Luigi che diventava Luca) mi hanno fatto la grazia di 4 (quattro) mesi di disconnessione, e gli telefonavo ogni due o tre giorni per sollecitare.-- Ciao,Speck
  • Anonimo scrive:
    Wind in ULL con ADSL intestata alla ex
    Salve,la mia personale esperienza.La mia ex moglie è intestataria della connessione wind e della relativa ADSL.Per cambiare intestazione devo disattivare e riattivare.Piccolo dettaglio non posso riattivare con lo stesso contratto (canonezero+adsl wind infostrada) perche' non e' piu' sottoscrivibile.Altra cazzata devo aspettare che termini il contratto altrimenti pago comunque i mesi restanti fino alla fine.Prababilmente disdico wind dopo che ho attivato una ADSL su altra connessione solo in cavo senza fonia.Perderanno un cliente a come al solito non gliene frega na mazza.Pierluigi
    • Anonimo scrive:
      Re: Wind in ULL con ADSL intestata alla
      i mesi restanti non li paghi, è entrata in vigore la bersani, paghi al massimo un contributo di disattivazione di 40 eurociao
  • TBJ61898 scrive:
    soluzione
    chiedi l'attivazione di una seconda adsl e appena la mettono disdici la prima? non so come reagisce un gestore alla richiesta di 'nuova linea adsl' se già ne hai una in casa..sul portale di tiscali (è quello che uso e quindi sono un po' più informato ma credo che lo facciano anche gli altri) si può richiedere l'adsl anche se non hai una linea telecom e siccome i tuoi co-inquilini non hanno una linea telecom... ;)in bocca al lupo
    • webwizard scrive:
      Re: soluzione
      - Scritto da: TBJ61898
      chiedi l'attivazione di una seconda adsl e appena
      la mettono disdici la prima? non so come reagisce
      un gestore alla richiesta di 'nuova linea adsl'
      se già ne hai una in
      casa..
      No, il fatto è che non è ammissibile il dover disdire e riattivare una linea (con tutti i costi associati) per una manovra che si fa tutta a terminale e non comporta un'accidenti dal punto di vista tecnico impiantistico. Questi stanno solo ciurlando nel manico. Se ne ha la possibilità, proverei a sentire una Associazione Consumatori ed a pretendere la voltura gratuita o con costi minimi senza interruzione del servizio. Se vogliono, lo possono fare.
      • tillo scrive:
        Re: soluzione
        - Scritto da: webwizard[...]
        No, il fatto è che non è ammissibile il dover
        disdire e riattivare una linea (con tutti i costi
        associati) per una manovra che si fa tutta a
        terminale e non comporta un'accidenti dal punto
        di vista tecnico impiantistico. Questi stanno
        solo ciurlando nel manico.[...]
        Se vogliono, lo possono
        fare.Lavoro come tecnico per un ISP svizzero.Devo ammettere che questo ISP fa parte della stessa ditta che gestisce le linee fisse (un po' come Telecom Italia), e quindi la gestione dell'autentificazione è decisamente più veloce... ma per cambiare il titolare di una linea basta un trasferimento all'amministrazione e 1 minuto di burocrazia; senza costi, persino il numero è gratuito.
    • Anonimo scrive:
      Re: soluzione
      - Scritto da: TBJ61898
      chiedi l'attivazione di una seconda adsl e appena
      la mettono disdici la prima? non so come reagisce
      un gestore alla richiesta di 'nuova linea adsl'
      se già ne hai una in
      casa..

      sul portale di tiscali (è quello che uso e quindi
      sono un po' più informato ma credo che lo
      facciano anche gli altri) si può richiedere
      l'adsl anche se non hai una linea telecom e
      siccome i tuoi co-inquilini non hanno una linea
      telecom...
      ;)

      in bocca al lupoSi mi sembra una soluzione interessante, non avrai downtime, non devi pagare voltura, ma costa a quelli che rimangono 100 euro circa. Ma se hai una ADSL Telecom su linea analogica TELECOM, credo che la voltura sia possibile come un cambio di intestatario telefonico normale.Per quanto riguarda ADSL diversa che si appoggia su linea TELECOM non saprei. Con Fastweb lo abbiamo fatto 3 volte, costo medio 60 euro.
    • scorpioprise scrive:
      Re: soluzione
      Posso dirti che non funziona...Se su un numero di telefono sussiste già una linea digitale (ADSL) non si può mettere una seconda adsl che non sia su una linea posata ex-novo... ergo dovresti mettere una nuova linea (senza telefono, ove possibile) con costo di attivazione & co., ammesso che tu sia raggiunto da un gestore che lo possa fare (mi risulta Tiscali, Infostrada, Fastweb e Tele2 lo possano fare, ma potrei sbagliare).
  • Anonimo scrive:
    Prima la tutela legale, poi gli inquilin
    Dai retta a me :PRIMA (appena lasci la casa) fai disdetta immediata.POI preoccupati se gli inquilini protestano.Chiaro che gli inquilini si troveranno a disagio, ma ti chiedo : senza andare a cercare i pedofili di AlQuaeda che ascoltano MP3 pirata, sei sicuro di volerti accollare la responsabilita' per chi, magari in un momento di noia, frega l'account all'amico su hotmail ? L'amico in oggetto si incavola, passa dalla postale, e per scherzo del destino la postale lo prende sul serio, avvia le procedure del caso, e TU (non i tuoi inquilini) TI trovi indagato per violazione della privacy e tanti altri reatucci minori.C'e' la galera per queste cose... e poi la colpa e' tua e RESTA tua, che avresto dovuto far disdetta della linea (parlo a livello legale).Insomma...i tuoi inquilini, se sono tuoi amici, capiranno sicuramente e non ti metteranno in una posizione di difficolta'.Se invece non sono tuoi amici, che si arrangino, vero si loro non hai nessun obbligo oltre quelli della normale e civile cortesia ;)
    • webwizard scrive:
      Re: Prima la tutela legale, poi gli inqu
      ... non fa una grinza... 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Prima la tutela legale, poi gli inqu
      - Scritto da:
      Dai retta a me :

      PRIMA (appena lasci la casa) fai disdetta
      immediata.

      POI preoccupati se gli inquilini protestano.Ok, ma senza estremizzare. E' vero che i contratti normalmente accollano delle responsabilità sull'uso della linea, ma resta il fatto che se non vi è evidenza di un concorso nel reato, non è che automaticamente passi dei guai.Direi che è sufficiente dimostrare il cambio di domicilio e la volontà (p.e. con e-mail o meglio ancora raccomandate A.R. mandate al gestore) di voler regolarizzare il contratto.Non fosse così, soprattutto per le linee ADSL always on (tipo la flat di Fastweb), dove non è nemmeno richiesta una password di accesso al servizio, basterebbe che un amico a cui lasci le chiavi di casa per bagnare i fiori, dal suo PC inserisca il cavo nella presa e saresti potenzialmente nei guai. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Prima la tutela legale, poi gli inqu

        Ok, ma senza estremizzare. E' vero che i
        contratti normalmente accollano delle
        responsabilità sull'uso della linea, ma resta il
        fatto che se non vi è evidenza di un concorso nel
        reato, non è che automaticamente passi dei
        guai.

        Direi che è sufficiente dimostrare il cambio di
        domicilio e la volontà (p.e. con e-mail o meglio
        ancora raccomandate A.R. mandate al gestore) di
        voler regolarizzare il
        contratto.

        Non fosse così, soprattutto per le linee ADSL
        always on (tipo la flat di Fastweb), dove non è
        nemmeno richiesta una password di accesso al
        servizio, basterebbe che un amico a cui lasci le
        chiavi di casa per bagnare i fiori, dal suo PC
        inserisca il cavo nella presa e saresti
        potenzialmente nei guai.
        :)Se c'e' una cosa che ho imparato, a caro prezzo, nella vita, e' che quando vai per aule di tribunali aver ragione o torto conta come avere un due di fiori quando la briscola e' di quadri.Intanto ti trovi indagato e DEVI sostenere le spese legali (cioe', devi raccomandarti a dio per trovare un legale decente).Poi devi presentarti in qualche questura per i chiarimenti (e ti fanno aspettare ore, ti rompono le palle con mille domande alle quali sei costretto a rispondere, etc...)Infine, chi ha commesso reato sulla tua linea va portato in tribunale (mica vorrai che ti risarcisca lo Stato per i disagi e i soldi spesi, vero ? devi chiedere a chi si e' reso responsabile...).Quindi altra causa, dall'esito semi-scontato (semi-scontato perche' se hai un avvocato inetto o se l'altro ha un avvocato bravo, ti inchiodano con cavilli da 2 soldi per mesi o anni...).E via cosi', fino in cassazione.Soldi buttati al vento, tempo sprecato, ansia, problemi di erezione e perdita di capelli dovuti all'ansia, etc...Tutto questo per la pigrizia di non aver mandato disdetta tramite raccomandata A/R (MAI disdettare per telefono o per fax, non ha valore legale).;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Prima la tutela legale, poi gli inqu
      Lascia loro il tempo di attivarsi una loro linea (30 gg?) separata da quella attuale e fai la disdetta una volta attivata così non hanno downtime. Se poi non vogliono sostenere i costi fatti loro :)
  • Anonimo scrive:
    fatto in una settimana
    con alice telecom....basta inviare circa 12 pagine via fax opportunamente sottoscritte.ti chiama una signorina che ti comunica l'avvenuto cambio: nessun downtime, nessuna altra anomalia
    • Anonimo scrive:
      Re: fatto in una settimana
      anch'io, fatto con ngi. 72 euro, una email e null'altro...bye
      • Dirk Pitt scrive:
        Re: fatto in una settimana
        - Scritto da:
        anch'io, fatto con ngi. 72 euro, una email e
        null'altro...

        bye72 euro per cambiare un nome?Non male come business, devo pensarci...
    • Anonimo scrive:
      Re: fatto in una settimana
      Non è così per Tiscali, un mio conoscente ha dovuto farlo ed è andato avanti con l'ISDN per un mese e mezzo. Però almeno gli hanno prolungato la durata del contratto del tempo perso senza costi aggiuntivi... che schifo!l'internet è ancora tutta in mano a Telecom e gli altri operatori arrancano nell'espandere la loro copertura, e continua a non esserci regolamentazione in questo settore.Possibile che abito in pieno centro di un capoluogo di provincia della Lombardia e oltre a Telecom c'è solo Fastweb con ULL? Tiscali e Wind dove siete, giusto per fare due nomi?
      • Anonimo scrive:
        Re: fatto in una settimana
        magari a coprire i poveri disgraziati come me che non hanno scelta e viaggiano col 56k??basta con questo egoismo!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: fatto in una settimana
        - Scritto da:
        Non è così per Tiscali, un mio conoscente ha
        dovuto farlo ed è andato avanti con l'ISDN per un
        mese e mezzo. Però almeno gli hanno prolungato la
        durata del contratto del tempo perso senza costi
        aggiuntivi... che
        schifo!....E' giusto che si sappia, se avete Tiscali Tandem (ADSL + Voip) e richiedete una voltura per cambiare sede, quasi certamente perderete il numero telefonico iniziale (quello Telecom per intenderci), questo per chi svolge un'attività è l'inizio di un calvario... Preparatevi a rifare insegne, biglietti, carte intestate, pubblicità e adesivi sull'automezzo aziendale, etc etc. Meno male che prima di farlo aveva assicurato che non ci sarebbero stati problemi.
    • Anonimo scrive:
      Re: fatto in una settimana
      Ma la settimana dopo le 12 pagine le trovi rilegate in edicola????12 pagine.... dico io... alla faccia dellinformatizzazione e della riduzione dell'uso della carta.
    • Anonimo scrive:
      Re: fatto in una settimana
      Io lo feci addirittura 2 anni fa con NGI in pochi giorni. Costo 75 euro.
    • Anonimo scrive:
      Re: fatto in una settimana
      - Scritto da:
      con alice telecom....
      basta inviare circa 12 pagine via fax
      opportunamente
      sottoscritte.

      ti chiama una signorina che ti comunica
      l'avvenuto cambio: nessun downtime, nessuna altra
      anomaliaLa Telecom sarebbe la migliore in fatto di ADSL, purtroppo la gran parte degli operatori del 187 è preparata malissimo (riescono a farti certi casini che se raccontati non sono credibili!) io ho chiesto e richiesto se era possibile e la risposta è sempre stata: NOSSIGNORE minimo 10giorni senza internet + perdita di indirizzo e-mailSapresti essere più preciso sulla procedura esatta che hai seguito con la telecom?Servirebbe anche a me
Chiudi i commenti