Ex-CIA accusa Huawei di spionaggio

L'azienda cinese fornirebbe gli strumenti utili alla Cina per introdursi nelle comunicazioni dell'Occidente. Secca smentita dell'azienda, che resta osservata speciale nel Regno Unito
L'azienda cinese fornirebbe gli strumenti utili alla Cina per introdursi nelle comunicazioni dell'Occidente. Secca smentita dell'azienda, che resta osservata speciale nel Regno Unito

Grossi problemi per i vertici di Huawei Technologies, nel mirino del governo britannico con una indagine sulla presunta fornitura di attrezzature per le attività di sorveglianza e monitoraggio delle reti alle autorità cinesi . Al secondo posto sul mercato globale degli apparecchi di telecomunicazione, l’azienda di Shenzhen è stata ora anche accusata dall’ex-capo della CIA Michael Hayden di comportamenti analoghi negli USA.

logo huawei su una delle sedi In un’ intervista concessa all’ Australian Financial Review , l’ex-CIA e NSA ha parlato di prove schiaccianti nelle mani di varie agenzie d’intelligence. Il colosso asiatico avrebbe stipulato in gran segreto una serie di accordi per la distribuzione di tecnologie per le attività di spionaggio delle autorità cinesi ai danni dei principali governi occidentali, dall’Australia al Regno Unito.

Immediata la smentita di William Plummer, attuale vicepresidente agli affari esteri di Huawei: “Qualcuno dice di avere delle prove di una qualche forma di minaccia? Va bene, allora che vengano tirate fuori. Oppure sarebbe meglio tacere”. Nelle dichiarazioni dello stesso Plummer, le accuse lanciate da Hayden rappresenterebbero un atto diffamatorio ispirato dall’aggressiva politica di stampo occidentale , basato su una visione razzista delle grandi società estere.

Non è certo la prima volta che l’azienda di Shenzhen finisce nel mirino dei governi esteri per una presunta collusione con Pechino. Una commissione di indagine voluta dal governo di Washington aveva informato che l’espansione di Huawei e ZTE Corp – di fatto, i due più grandi produttori cinesi di soluzioni tecnologiche per le telecomunicazioni – avrebbe rappresentato una minaccia per la sicurezza nazionale dati i rischi, valutati come realistici, sulle possibili operazioni di spionaggio nei confronti degli Stati Uniti. In seguito, la stessa Casa Bianca avrebbe ammesso la mancanza di prove a supportare i sospetti.

Con un ottimo business nel Regno Unito, Huawei finirà sotto la lente del Parlamento britannico per una indagine in un centro di sicurezza che permette alle autorità locali di ispezionare tutte le apparecchiature utilizzate nelle reti di telecomunicazione . Nessun timore per i vertici dell’azienda cinese, che assicura la più totale trasparenza nella fornitura di soluzioni di networking sui mercati di ogni continente.

Mauro Vecchio

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 07 2013
Link copiato negli appunti