Facebook ha una relazione complicata col cervello

L'estensione della propria rete sociale è collegata all'estensione di alcune parti del cervello. Ancora non si è in grado di dire, però, quale delle due influenzi l'altra

Roma – Sulla rivista Proceedings of the Royal Society B Biological Sciences è stato pubblicato uno studio, condotto da un team di ricercatori della UCL ( University College London ), che dimostra una correlazione tra la grandezza di alcune aree cerebrali e l’ampiezza della propria rete di amici su Facebook .

La ricerca è stata condotta su un gruppo di 150 volontari, di cui sono state analizzate le risonanze magnetiche della testa. Sono stati, poi, contati i loro amici, sia su Facebook sia nella vita reale. In realtà la correlazione tra la rete “reale” e il volume della matera grigia è stata rilevata per una sola area cerebrale, l’ amigdala : un precedente studio aveva già dimostrato un legame di proporzione diretta tra la materia grigia e l’ampiezza e la complessità delle reti sociali reali.

Per le restanti tre aree del cervello considerate, invece, la correlazione tra la loro dimensione e la dimensione delle reti sociali esiste solo quando si parla di amici virtuali, mentre è totalmente assente nel caso di amici reali . Le aree analizzate sono: il solco temporale superiore , area legata alla percezione sociale, la circonvoluzione temporale media , associata alla lettura degli stimoli sociali, e la corteccia entorinale , legata alla memorizzazione.

Il problema è che, nonostante sia stata evidenziata una correlazione tra i due fenomeni, non è stato ancora possibile stabilire la direzione di tale correlazione : le persone con queste tre aree del cervello particolarmente sviluppate sono maggiormente predisposte a stabilire amicizie su Facebook, o la dimensione della propria rete sociale può stimolare le aree del cervello in questione?

La risoluzione di questo punto è centrale non solo per il caso specifico della singola ricerca ma per l’interpretazione di un concetto più ampio: “La domanda interessante ora – spiega il dottor Ryota Kanai , tra i ricercatori autori dello studio – è se queste strutture cerebrali possano cambiare nel tempo. Questo può aiutarci a rispondere a un’altra domanda: Internet sta cambiando i nostri cervelli?”.

Persino il professor Dunbar , autore della celebre teoria del numero massimo di relazioni instaurabili, è intervenuto sul tema, concordando che “la questione rilevante rimasta insoluta è se queste parti del cervello siano determinate dai geni o se, inserendo delle persone in un adeguato contesto sociale, queste aree cerebrali crescano e, quindi, possa crescere a sua volta il numero di relazioni che si possono intrattenere nella vita adulta”.

Lo studio, infine, riportano gli autori, ha dimostrato anche che il numero di amici su Facebook riflette il numero di amici non virtuali. Se questo fosse vero si metterebbero a tacere le ricerche che collegano il massiccio uso di Internet all’aumento delle diagnosi di autismo. In realtà, però, è una questione ancora controversa e non mancano le voci fuori dal coro: la dottoressa Heidi Johansen-Berg del Centro per l’imaging a risonanza magnetica funzionale del cervello dell’Università di Oxford, ha dichiarato che in realtà lo studio dimostra solo una debole relazione tra il numero di relazioni Facebook e il numero di amici nel “mondo reale”.

“Può darsi – prosegue – che il numero di amici Facebook sia più strettamente correlato con il quantitativo di tempo passato su Internet, con l’età o con il tipo di telefonino che si possiede”. “Lo studio – conclude Johansen-Berg – non è in grado di dire se usare Internet sia una cosa buona o meno per i nostri cervelli”.

Elsa Pili

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alfonso Maruccia scrive:
    L'era post-PC
    Decisamente, questi sono i prodromi dell'era post-PC. Il PC è morto. Il PC è inutile, sorpassato dai telefonini e gli altri giocattolini mobile. Il PC è anacronistico. Il PC è sorpassato. Il PC non se lo compra più nessuno. Davvero. No davvero. Me l'ha detto zio Steve prima di andare in paradiso (anche se lui era buddista, eh si)Lo so, è trollosa, ma non ho resistito :-P
    • prova123 scrive:
      Re: L'era post-PC
      Quoto totalmente. Chi deve lavorare continuerà ad usare il PC e per lungo tempo al più posso immaginare che ci saranno interfacce veramente innovative pensate a lavori specifici, non dispositivi e interfacce in cerca di un qualche utilizzo ... per divertimento è buono tutto il resto, PC compreso. E' inutile illudersi le dimensioni contano: se mi devo portare dietro una padella di 10 o più pollici per lavoro, tanto vale avere un netbook/notebook quantomeno per un rapporto prestazioni prezzo. Io la padella la uso per i pop corn non per telefonare :D... anzi a dire il vero i popcorn li preparo nel microonde.
    • ruppolo scrive:
      Re: L'era post-PC
      No Maruccia, il PC non è morto, solo si trasformerà da Personal Computer a Professional Computer.Tutto qui, non servirà nemmeno cambiarne l'acronimo.Certo, non costerà più due lire, ma in compenso avrà una qualità da strumento professionale.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: L'era post-PC

        Certo, non costerà più due lire, ma in compenso
        avrà una qualità da strumento
        professionale.La qualità ce l'ha già adesso, se sai come usarlo.
      • collione scrive:
        Re: L'era post-PC
        - Scritto da: ruppolo
        Certo, non costerà più due lire, ma in compenso
        avrà una qualità da strumento
        professionale.quindi saranno automaticamente esclusi dal mercato il 99% dei pc windows, con buona pace degli amministratori di rete di mezzo mondo :D
      • Alfonso Maruccia scrive:
        Re: L'era post-PC
        E questo te l'ha detto zio steve in sogno, giusto? :-P
      • ZLoneW scrive:
        Re: L'era post-PC
        Finché esisteranno strumenti che richiedono di essere collegati ad un PC per essere gestiti, continuerà ad esserci almeno un <b
        Personal </b
        Computer in ogni famiglia.Con buona pace del profeta del giorno.
        • Fesion scrive:
          Re: L'era post-PC
          Dipende, ci sarà sicuraente uno "scatolotto" in casa, ma siccome i lettori CD/DVD/BLueRay saranno inutili (credo che ci saranno dei pronipoti delle attuali SD/ miniSD), gli HD e i componenti interni saranno piccoli, quindi ci saranno PC molto piccoli. E se sono molto piccoli si potranno portare in giro tranquillamente. Quindi adesso diciamo ci sono HPC (Home PC) poi di saranno MPC (Mobile PC). Poi per lavoro ci saranno workstation sicuramente, ma probabilmente saranno trasportabili anche quelle, tipo saranno i portatili di adesso... avete presente i PC di 30 anni fa e quelli di adesso?Mi pare che si vada verso la diminuzione delle dimensione di ogni PC, e quindi sarà sempre più facile che quasi tutti gli elaboratori saranno "mobili", anzi "trasportabili" (lameno quelli per uso domestico)
      • Fiber scrive:
        Re: L'era post-PC
        - Scritto da: ruppolo
        No Maruccia, il PC non è morto, solo si
        trasformerà da Personal Computer a Professional
        Computer.
        Tutto qui, non servirà nemmeno cambiarne
        l'acronimo.

        Certo, non costerà più due lire, ma in compenso
        avrà una qualità da strumento
        professionale.tu non rischibasta che ti diano in mano il giocattolo Apple e vivi lo stesso nel tuo piccolo mondo di giochinistai felice li dove sei e gioca con le APP..
    • bertuccia scrive:
      Re: L'era post-PC
      - Scritto da: Alfonso Maruccia

      Decisamente, questi sono i prodromi dell'era
      post-PC. Il PC è morto.post salvato, mi segno tutte le tue frustrazioni, come questa <b
      10 dic 2010 </b
      <i
      "Dal mio punto di vista, spero con tutto il cuore che Apple fallisca domani mattina e il modello "App Store" faccia la fine che merita, cioè la peggiore possibile." </i
      http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3053331&m=3054027#p3054027non solo il modello App Store si sta dimostrando l'unico vincente, ma anche il tuo amato Windows lo sta adottando (rotfl)solo il Maalox ti può salvare
      • Fiber scrive:
        Re: L'era post-PC
        - Scritto da: bertuccia
        - Scritto da: Alfonso Maruccia



        Decisamente, questi sono i prodromi dell'era

        post-PC. Il PC è morto.

        post salvato, mi segno tutte le tue frustrazioni,
        come
        questa

        <b
        10 dic 2010 </b

        <i
        "Dal mio punto di vista, spero con
        tutto il cuore che Apple fallisca domani mattina
        e il modello "App Store" faccia la fine che
        merita, cioè la peggiore possibile." </i


        http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3053331&m=305

        non solo il modello App Store si sta dimostrando
        l'unico vincente, ma anche il tuo amato Windows
        lo sta adottando
        (rotfl)

        solo il Maalox ti può salvarema come ? voi piccoli proselti della setta Apple non andate dicendo da mesi e mesi che il mondo Pc ( e quindi i Notebook) e' morto e l'home consumer userà solo il giocattolo di Apple per pistolare e capzeggiare con le App giochino sul web ?ma fatela finita..oramai sfiorate livelli di pateticismo da primato mai visti su nessun altro forum web aspetta che si saturi la moda del momento nel capzeggiare col tablet di Apple in casa e relativi giochini che poi torno a riderti in faccia-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 ottobre 2011 17.18-----------------------------------------------------------
        • bertuccia scrive:
          Re: L'era post-PC
          - Scritto da: Fiber

          ma fatela finita..oramai sfiorate livelli di
          pateticismo da primato mai visti su nessun altro
          forum webin realtà qui si era visto di peggio,ad esempio quando sei andato a cancellare un tuo vecchio post dove avevi fatto la solita figuraccia... eccolo quihttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=3221390&m=3222079#p3222079
          aspetta che si saturi la moda del momento nel
          capzeggiare col tablet di Apple in casa e
          relativi giochini che poi torno a riderti in
          facciapost salvato, non è che poi vieni a cancellare anche questo? :D
          • Fiber scrive:
            Re: L'era post-PC
            - Scritto da: bertuccia
            - Scritto da: Fiber



            ma fatela finita..oramai sfiorate livelli di

            pateticismo da primato mai visti su nessun
            altro

            forum web

            in realtà qui si era visto di peggio,
            ad esempio quando sei andato a cancellare un tuo
            vecchio post dove avevi fatto la solita
            figuraccia...


            eccolo qui
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3221390&m=322


            aspetta che si saturi la moda del momento nel

            capzeggiare col tablet di Apple in casa e

            relativi giochini che poi torno a riderti in

            faccia

            post salvato, non è che poi vieni a cancellare
            anche questo?
            :Dchiamami quando venderai le azioni Apple a 600$babbo (rotfl)
    • collione scrive:
      Re: L'era post-PC
      mettetevi un pò d'accordo http://www.ictbusiness.it/cont/news/pc-snobbati-la-gente-ha-voglia-matta-di-tablet/27575/1.htmlinsomma, si vendono o non si vendono questi pc? e i tablet venduti sono in percentuale di più o di meno dei pc?
      • Fiber scrive:
        Re: L'era post-PC
        - Scritto da: collione
        mettetevi un pò d'accordo
        http://www.ictbusiness.it/cont/news/pc-snobbati-la

        insomma, si vendono o non si vendono questi pc? e
        i tablet venduti sono in percentuale di più o di
        meno dei
        pc?i proXXXXXri che montano i Notebook di chi sono ? non sono di Intel?se non si vendono piu' pc e quindi Notebook perchè il giocattolo di Apple starebbe rivoluzionando il mercato come dicono da mesi e mesi i soliti membri della setta Apple sul web ,Intel a chi avrebbe venduto tutti quei proXXXXXri Mobile per fare quei fatturati e relativi utili ?dai su, collione ,svegliati anche tu
        • Fiber scrive:
          Re: L'era post-PC
          - Scritto da: bertuccia

          da noi la realtà è questa

          <i
          "I tassi di crescita più disastrosi
          saranno quelli inerenti i cosiddetti mercati
          maturi, mentre nei mercati emergenti la crescita
          dal 2010 in poi è segnalata costante. La media
          segnala una sostanziale stagnazione delle vendite
          nel 2011" </i


          http://www.ictbusiness.it/cont/news/pc-snobbati-laper te la realta e' solo una:se speri che il giocattolo di apple ammazzi il mercato pc notebook come sparavi assieme agli altri tuoi 3 soliti colleghi di setta Apple scordatelo...segnati gia' la tomba
    • lroby scrive:
      Re: L'era post-PC
      - Scritto da: Alfonso Maruccia
      Decisamente, questi sono i prodromi dell'era
      post-PC. Il PC è morto. Il PC è inutile,
      sorpassato dai telefonini e gli altri
      giocattolini mobile. Il PC è anacronistico. Il PC
      è sorpassato. Il PC non se lo compra più nessuno.
      Davvero. No davvero. Me l'ha detto zio Steve
      prima di andare in paradiso (anche se lui era
      buddista, eh
      si)Se non avessi letto che eri tu, avrei giurato che era stato Ruppolo a scrivere queste parole.. pari pari :D
Chiudi i commenti