Facebook, la furia degli attivisti senza voto

EPIC contro il social network californiano, accusato di aver calpestato i diritti dei suoi utenti con l'abbandono del meccanismo di votazione per la governance interna

Roma – Dalle domande delle autorità irlandesi alle proteste degli attivisti per la privacy di milioni di utenti connessi. Abbandonato il meccanismo del voto popolare per la sua governance digitale, i responsabili di Facebook sono finiti nel tritacarne delle polemiche più accese, in particolare scagliate dall’organizzazione statunitense Electronic Privacy Information Center (EPIC).

In sostanza , il gigantesco sito in blu dovrebbe ripristinare immediatamente il vecchio sistema basato sui feedback per eventuali modifiche alle policy sull’utilizzo dei dati personali oltre che allo Statement of Rights and Responsibilities (SRR). Il social network di Menlo Park avrebbe letteralmente tolto il diritto di voto ai suoi abitanti, limitandosi ad offrire una serie di conferenze esplicative sulla privacy.

Con più di 17mila commenti, lo stesso addio al meccanismo democratico verrebbe oggi sottoposto a votazione. Vincolato all’ultimo giudizio degli iscritti a patto che venga votata dal 30 per cento di quest’ultimi. Per gli attivisti di EPIC, Facebook avrebbe calpestato i suoi impegni con milioni di profili, mettendo in pericolo la riservatezza dei dati personali con eventuali modifiche sbagliate o addirittura illegali .

Tra le modifiche che verranno apportate alle privacy policy e all’intero sistema di governance del sito in blu, una nuova strategia pubblicitaria che non piacerà affatto ad organizzazioni come EPIC. Facebook ha infatti intenzione di sfruttare i vari mi piace all’interno di un network di siti terzi. I gusti social degli utenti diventeranno così merce preziosa per capitalizzare all’esterno a livello advertising .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • silvan scrive:
    Constatazione.
    Mondializzazione ed immigrazione sono e saranno sempre più la rovina della classe media e proletaria dell'occidente, mentre quella ricca ci guadagnerà sempre di più sfruttando i lavoratori dei paesi dove i salari sono infimi.
  • prova123 scrive:
    Il lavoro tutelato secondo le regole ...
    occidentali ha costi alti come quelli in occidente ed a questo punto non avrebbe senso produrre al di fuori. Non possono migliorare le loro condizioni lavorative. Il resto è semplicemente carta e chiacchere. Vi è piaciuta la bicicletta ? PEDALARE!
Chiudi i commenti