Facebook Messenger: crittografia end-to-end per tutti

Facebook Messenger: crittografia end-to-end per tutti

Su Facebook Messenger è stata finalmente abilitata per tutti la crittografia end-to-end (E2E), sia relativamente alle chat alle chiamate.
Su Facebook Messenger è stata finalmente abilitata per tutti la crittografia end-to-end (E2E), sia relativamente alle chat alle chiamate.

Se ne discuteva ormai da tempo e dopo numerosi rinvii e reclami Meta ha finalmente provveduto a rendere più sicuro Facebook Messenger: a partire dalla giornata di ieri, 27 gennaio 2022, la crittografia end-to-end (E2E) risulta attiva per tutti, sia per quanto riguarda le chat che le chiamate. La novità è in corso di distribuzione, per cui a breve chiunque utilizzi Messenger potrà fruirne tramite l’app per Android e per iOS/iPadOS.

Facebook Messenger: E2E per tutti, per chat e chiamate

Per sfruttare questa funzionalità ci sono due modi: è possibile attivare l’opzione Messaggi temporanei (scorrendo vero l’alto su una chat già esistente) oppure si può abilitare l’apposito toggle durante la creazione di una nuova conversazione.

Da notare che con il nuovo aggiornamento di Messenger vengono introdotte pure altre feature aggiuntive per le chat criptate. In particolare, è prevista l’introduzione del supporto a GIF, sticker e reazioni ai messaggi anche per le chat protette dal sistema di crittografia end-to-end, al fine di abbinare una maggiore sicurezza a tutti gli strumenti di chat già previsti per il servizio di messaggistica di Facebook.

Ad annunciare la novità è stato lo stesso CEO dell’azienda, Mark Zuckerberg, tramite un post su Facebook che riportiamo di seguito in forma tradotta.

Il nuovo aggiornamento per la crittografia end-to-end nelle chat di Messenger ti farà arrivare una notifica se qualcuno cattura una schermata su un messaggio temporaneo. Le chat crittografate si arricchiscono, inoltre, di GIF, adesivi e reaction.

In futuro, inoltre, verrà introdotta una notifica anche quando un utente salva un file scambiato durante una conversazione segreta, analogamente a come avviene già per gli screenshot. L’obiettivo è quello di rendere sempre più completo, ma al tempo stesso affidabile, il celebre servizio di messaggistica.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 gen 2022
Link copiato negli appunti